Shrek (franchise)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo del franchise

Shrek è un media franchise prodotto dalla DreamWorks Animation, basato sul libro Shrek! di William Steig.

Libro[modifica | modifica wikitesto]

Serie di film[modifica | modifica wikitesto]

Serie principale[modifica | modifica wikitesto]

Shrek[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrek (film).

Uscito nel 2001. La quiete di un orco di nome Shrek (Mike Myers) viene sconvolta dall'invasione della sua palude di numerosi personaggi delle fiabe sfrattati dal perfido Lord Farquaad (John Lithgow). In cambio della sua palude, Shrek promette a Lord Farquaad di salvare la sua promessa sposa, la principessa Fiona (Cameron Diaz), prigioniera in un castello. A dargli manforte nella missione è Ciuchino (Eddie Murphy), un asino parlante, ma quando i nostri eroi riescono finalmente a salvare la ragazza una serie di imprevisti sconvolge il loro ritorno a casa.

Shrek 2[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrek 2.

Uscito nel 2004. I genitori di Fiona vogliono conoscere Shrek, ormai marito della loro figlia. Ma arrivati a Molto Molto Lontano, regno del padre di Fiona, le cose si complicano.

Shrek terzo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrek terzo.

Uscito nel 2007. Shrek (Mike Myers) e Fiona (Cameron Diaz) governano a malincuore il regno di Molto Molto Lontano. Quando Re Harold (John Cleese) muore, piuttosto che succedergli sul trono, Shrek decide di trovare un erede, Artie (Justin Timberlake). La gravidanza segreta di Fiona complica ulteriormente le cose.

Shrek e vissero felici e contenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrek e vissero felici e contenti.

Uscito nel 2010. Shrek è diventato un uomo di famiglia, ma, nostalgico dei giorni in cui si sentiva un "vero orco", si lascia ingannare dal nano Tremotino. Shrek si ritroverà, improvvisamente, in una versione alternativa di Molto Molto Lontano, dove gli orchi vengono cacciati e Tremotino è re e dovrà riportare tutto alla normalità, per salvare la sua famiglia e i suoi amici.[1]

Shrek 5[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo di Shrek 2 nel maggio 2004, Jeffrey Katzenberg ha rivelato che la storia di Shrek era fin da subito prevista essere composta da cinque film. In un'intervista disse che "È un ciclo narrativo che ha una fine già stabilita. L'ha sempre avuta sin dall'inizio e ritengo che gli abbia dato forza e integrità proprio il fatto che non pensiamo di far durare la serie finché è possibile. Alla fine capiremo come Shrek è arrivato nella sua pozza di fango: avremo il quadro completo della sua storia". Dopo l'uscita di Shrek Terzo nel 2007, Katzenberg ha annunciato che il quinto film sarebbe uscito nel 2013. Tuttavia nel maggio 2009, la DreamWorks ha annunciato che il quarto film sarebbe stato l'ultimo della serie, e Bill Damaschke, capo creativo produzione della società, disse che "Tutto ciò che è stato amato su Shrek nel primo film è stato portato al film finale." Il 25 febbraio 2014 Katzenberg ha annunciato un ritorno alla produzione del quinto film, dicendo: "Abbiamo dovuto stare a riposo un po' di tempo ma ora sono fiducioso che siamo pronti per avere un nuovo capitolo della saga di Shrek. Non siamo finiti e, cosa più importante, neanche Shrek lo è".[2][3]Nel 2016 è stato confermato che Steve Burke, il capo della NBCUniversal sta per rilanciare il franchise cosi come altri film Dreamwoks. Il 20 Luglio 2016 la Dreamworks Animation Studios annuncia il quinto capitolo per il 5 ottobre 2019.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Il gatto con gli stivali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Il gatto con gli stivali (film 2011).

Il protagonista di questo spin-off è il leggendario Gatto con gli stivali (Antonio Banderas) che è considerato un fuorilegge e scopre che Jack e Jill hanno dei fagioli magici, quindi Gatto si unisce con Kitty e Humpty Dumpty e insieme iniziano a cercarli.

Sequel dello spin-off[modifica | modifica wikitesto]

La DreamWorks ha confermato che erano stati fatti alcuni sketch su un possibile sequel. Nel 2014 Antonio Banderas ha confermato che la DreamWorks aveva iniziato a lavorare su questo sequel,rivelando anche che Il gatto verrà catapultato in un paradiso tropicale.Sempre nel 2014 è stato anche confermato che Salma Hayek tornerà nei panni di Kitty Zampe di Velluto. Nel 2015 è stata confermata data di uscita e nome, Il Gatto con gli stivali 2:nove vite e 40 ladroni (Puss in Boots 2: Nine Lives & 40 Thieves ) e uscirà nelle sale statunitensi il 21 dicembre del 2018. Tuttavia, per un breve periodo la DreamWorks aveva smesso di lavorare a questo film, Ricominciando il lavoro nel Febbraio del 2015. Nel Luglio 2015 Antonio Banderas ha dichiarato che secondo alcune scritture è previsto il ritorno di Shrek e Ciuchino, tuttavia la DreamWorks ancora non ha confermato o smentito questa dichiarazione.

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Festa danzante con karaoke nella palude di Shrek[modifica | modifica wikitesto]

Festa danzante con karaoke nella palude di Shrek (Shrek in the Swamp Karaoke Dance Party) è un cortometraggio incluso nella videocassetta e nell'edizione speciale da 2 DVD di Shrek. Si situa dopo la fine del primo film con i personaggi che si esibiscono in un ballo cantato.

Shrek 4-D[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrek 4-D.

Cortometraggio che cronologicamente si situa tra il primo e il secondo film.

L'idolo di Molto Molto Lontano[modifica | modifica wikitesto]

L'idolo di Molto Molto Lontano (Far Far Away Idol) è un cortometraggio incluso nel DVD di Shrek 2, parodia di American Idol. I vari personaggi si fronteggiano in una gara canora e lo spettatore può designare il vincitore, anche se Simon Cowell rifiuta qualsiasi proposta che non sia il personaggio di Shrek e Fiona (che cantano insieme), Ciuchino, o il Gatto proclamando, altrimenti, sé stesso come vincitore e cantando My Way.

Shrekkati per le feste[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Shrekkati per le feste.

Cortometraggio che cronologicamente si situa tra il terzo e il quarto film.

Shrekkato da morire[modifica | modifica wikitesto]

Shrekkato da morire (Scared Shrekless) è uno spin-off della lunga saga di Shrek (situato dopo gli eventi del quarto ed ultimo film), mandato in onda il 30 ottobre 2010 su Italia 1, in prima visione assoluta.

Lo spin-off vede tutti prepararsi per Halloween. Dopo un tentativo fallito di terrorizzare Shrek e la sua famiglia, Ciuchino, il Gatto con gli stivali, Zenzy, Pinocchio, il lupo e i tre porcellini, a parte i topolini ciechi, sfidano Shrek a una gara di storie paurose. Shrek accetta ma la gara dovrà svolgersi nel castello Duloc di Lord Farquaad ormai abbandonato e diroccato. Tutte e 3 le storie raccontate sono parodie di film dell'horror famosi: la moglie di Zenzy (La moglie di Frankenstein), Boots Hotel (Psyco) e Lo Shreksorcista (L'esorcista). Il corto ha molte citazioni del primo film di Shrek tra le quali il teatrino automatico ormai impazzito.

La spettacolare festa di Natale di Ciuchino[modifica | modifica wikitesto]

La spettacolare festa di Natale di Ciuchino (Donkey's Caroling Christmas-tacular) è stato venduto in DVD insieme a Shrek e vissero felici e contenti.

Il cortometraggio narra di Ciuchino che invita molti personaggi delle fiabe (e inoltre ci saranno anche gli orchi di "Shrek e vissero felici e contenti") nella palude per una festa, dove ognuno canterà una canzone. Negli effetti speciali ci sono anche molti giochi e una versione Karaoke del corto (disponibile solo in lingua originale).

Thriller Night[modifica | modifica wikitesto]

Shrek, Fiona, Ciuchino e il Gatto con gli stivali vanno al cinema la notte di halloween. Ad un certo punto Shrek esce fuori urlando e Ciuchino e il gatto cominciano a cantare Thriller di Michael Jackson. In seguito, al cimitero, Azzurro, Tremotino, Fifi, la Fata Madrina, Lord Faarquad, Uncino, il cavaliere senza testa, Thelonius, il Re Harold (ranocchio), il pifferaio e Mongo si risvegliano dalle loro tombe e cominciano ad attaccarli. Fiona, Gatto e Ciuchino si trasformano in zombie mentre il pifferaio musica la canzone, Ciuchino la canta e tutti ballano. Infine Shrek rompe il flauto del pifferaio e tutti si dirigono verso di lui. Mentre sembra che Ciuchino-zombie gli stia mangiando il cervello (in realtà stava mangiando dei popcorn), Shrek scopre che tutto quello che era accaduto prima era tutto un incubo.

I tre porcellini e il lupo... mannaro[modifica | modifica wikitesto]

Sausage è costretto a stare sulla sedia a rotelle, Ham e Bacon lo accompagnano a casa, li vede la loro vicina fissarlo in un modo molto strano, sausage si insospettisce. Il giorno dopo trova il lupo con una valigia piena di coltelli, poi i porcellini vanno a controllare a casa della signora, poi dopo tanto tempo vede il lupo (che in realtà era la signora trasformata) preparare un buon banchetto per lui.

Il gatto con gli stivali - I tre Diablos[modifica | modifica wikitesto]

Questo cortometraggio riprende dopo pochi giorni dalle avventure del film Il Gatto con gli stivali ed è stato distribuito nel 2012 insieme al DVD del già citato film. Il gatto con gli stivali ancora in latitanza,viene portato al cospetto della Principessa Alessandra Bellagamba. Quest'ultima lo ingaggia per ritrovare "il rubino cuor di fuoco" che gli fu rubato dal noto ladro francese "Le Chuchurator" ("Il mormoratore",In lingua originale "The Whisperer"). Ella,inoltre,spiega al Gatto che durante il furto sono stati catturati tre scagnozzi del Mormoratore,e loro sono gli unici che conosco il nascondiglio del mormoratore,ma che non parleranno! Arrivato alla cella dove vi sono gli scagnozzi,Il Gatto si ritroverà a faccia a faccia con Tre gattini (Una femminuccia e Due maschietti) che da tutti vengono chiamati "I Diablos". I Diablos,Per quanto Teneri e Dolci in apparenza,Sono molto "cattivi",e (per quanto in modo giocoso) torturano il Gatto e lo seppellirono vivo in terra. Riuscito a Sopravvivere, Il Gatto riesce a rintracciare e a catturare i tre Diablos,e quella sera,intorno ad un falò,il gatto scopre che i tre gattini sono orfani. Il Gatto,colpito nel profondo,spiega ai Diablos,che Il Mormoratore li ha portati su una cattiva strada (Proprio come ha fatto Humpty con Gatto.) Il Gatto decide di rimettere "nella strada giusta" i gattini, insegnando ai tre le sue mosse firma e Giocando con loro(gli racconterà,come fiaba,la sua avventura con l'oca d'oro per farli addormentare),inoltre darà un nome a ciascun gattino (dicendone anche il motivo del nome scelto):La femminuccia verrà chiamata:Perlah:Perche è unica. Il Maschietto più rossiccio e slanciato:Gonzalo:Per carattere battagliero. E per Ultimo ( ma non meno importante)il più paffuto di tutti:Don Timoteo Montengro il terzo (o Timmy in breve) (In originale:Sir Timothy Montengro the Third.):Perché un titolo può essere tutto ciò che serve. Il mattino seguente,I Diablos accompagnano il Gatto,ormai considerato dai tre come un padre,nella grotta del Mormoratore e (dopo una funesta lotta) lo sconfiggono,ritrovando il rubino. Alla fine i Diablos diventano le guardie del corpo della Principessa Alessandra,e il Gatto gli deve dire addio perché non può portali con se' ma gli dirà anche li verrà a trovare di tanto in tanto. Il film finisce col gatto che sta per pronunciare il suo nome ma le guardie chiudono le porte prima che possa finire.

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Le avventure del Gatto con gli stivali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Le avventure del Gatto con gli stivali.

Ha per protagonista il Gatto con gli stivali, ritiratosi nella cittadina sperduta di San Lorenzo, diventando il protettore e il paladino dei suoi concittadini.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Film Uscita USA Incassi Classifica Budget Fonte
USA e Canada Internazionale Mondiale USA e Canada[4] A livello mondiale[5]
Shrek 16 maggio 2001 $267,665,011 $216,744,207 $484,409,218 78 160 $60.000.000 [6]
Shrek 2 19 maggio 2004 $441,226,247 $478,612,511 $919,838,758 11 36 $150.000.000 [7]
Shrek terzo 18 maggio 2007 $322,719,944 $476,238,218 $798,958,162 42 52 $160.000.000 [8]
Shrek e vissero felici e contenti 21 maggio 2010 $238,736,787 $513,864,080 $752,600,867 107 65 $165.000.000 [9]
$1,270,347,989 $1,685,459,016 $2,955,807,005 $535.000.000 [10]
Il gatto con gli stivali 28 ottobre 2011 $149,260,504 $405,726,973 $554,987,477 299 124 $130.000.000 [11]
Totale $1,419,608,493 $2,091,185,989 $3,510,794,482 $665.000.000 [10]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Rotten Tomatoes Metacritic CinemaScore
Shrek
88% (200 recensioni)[12]
84 (34 recensioni)[13]
A[14]
Shrek 2
88% (233 recensioni)[15]
75 (40 recensioni)[16]
A[14]
Shrek terzo
40% (205 recensioni)[17]
58 (35 recensioni)[18]
B+[14]
Shrek e vissero felici e contenti
58% (189 recensioni)[19]
58 (35 recensioni)[20]
A[14]
Shrek 5 TBA
TBA
TBA

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Shrek.
Personaggio Film
Shrek (film) Shrek 2 Shrek terzo Shrek e vissero felici e contenti
Shrek Mike Myers
Ciuchino Eddie Murphy
Principessa Fiona Cameron Diaz
Gatto con gli stivali   Antonio Banderas
Artie   Justin Timberlake  
Brogan   Jon Hamm
Regina Lillian   Julie Andrews
Re Harold   John Cleese
Lord Farquaad   John Lithgow  
Fata madrina     Jennifer Saunders  
Principe Azzurro   Rupert Everett  
Tremotino   Conrad Vernon Walt Dohrn
Pinocchio Cody Cameron
Zenzy Conrad Vernon
Lupo Aron Warner
Bella Addormentata     Cheri Oteri  
Biancaneve   Amy Poehler     Amy Poehler  
Raperonzolo     Maya Rudolph  
Cenerentola   Amy Sedaris     Amy Sedaris  
Merlino     Eric Idle  
Lancillotto   John Krasinski  
Figli di Shrek   Cody Cameron
Capitan Uncino   Tom Waits Ian McShane  
Doris   Larry King
Mabel   Regis Phiblin
Specchio magico Chris Miller   Chris Miller
Tre porcellini Cody Cameron
Tre topini ciechi Christopher Knights
Robin Hood Vincent Cassel  
Mongo   Conrad Vernon  

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi videogiochi sono stati tratti dal film e dai suoi seguiti per diverse console:

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Esiste anche una serie a fumetti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Is This How 'Shrek Goes Fourth'?, comingsoon.net. URL consultato il 24 febbraio 2007.
  2. ^ StoryLink: We Asked ... Josh Klausner and Darren Lemke, "Shrek Forever After"
  3. ^ DreamWorks Animation CEO Hints at Another ‘Shrek' Movie | Variety
  4. ^ (EN) All Time Domestic Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  5. ^ (EN) All Time Worldwide Box Office Grosses, su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  6. ^ (EN) Shrek (2001), su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  7. ^ (EN) Shrek 2 (2004), su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Shrek the Third (2007), su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  9. ^ (EN) Shrek Forever After (2010), su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  10. ^ a b (EN) Shrek Movies at the Box Office, su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  11. ^ (EN) Puss in Boots (2011), su Box Office Mojo. URL consultato il 27 marzo 2016.
  12. ^ (EN) Shrek, su Rotten Tomatoes (Flixster). URL consultato il 27 marzo 2016.
  13. ^ (EN) Shrek, su Metacritic (CBS). URL consultato il 27 marzo 2016.
  14. ^ a b c d (EN) CinemaScore, su cinemascore.com. URL consultato il 27 marzo 2016.
  15. ^ (EN) Shrek 2, su Rotten Tomatoes (Flixster). URL consultato il 27 marzo 2016.
  16. ^ (EN) Shrek 2, su Metacritic (CBS). URL consultato il 27 marzo 2016.
  17. ^ (EN) Shrek the Third, su Rotten Tomatoes (Flixster). URL consultato il 27 marzo 2016.
  18. ^ (EN) Shrek the Third, su Metacritic (CBS). URL consultato il 27 marzo 2016.
  19. ^ (EN) Shrek Forever After, su Rotten Tomatoes (Flixster). URL consultato il 27 marzo 2016.
  20. ^ (EN) Shrek Forever After, su Metacritic (CBS). URL consultato il 27 marzo 2016.
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema