Vincent Cassel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincent Cassel alla prima di Le Moine (2011)

Vincent Cassel, all'anagrafe Vincent Crochon (Parigi, 23 novembre 1966), è un attore, doppiatore e produttore cinematografico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte dell'attore e ballerino Jean-Pierre Cassel e della giornalista gastronomica Sabine Litique (sposata Sabine Cassel-Lanfranchi), di origini corse. Nasce e cresce nel quartiere di Montmartre. Nel 1980 sua madre si trasferisce con il migliore amico del marito a New York per portare avanti la loro relazione, divorziando da Jean-Pierre. Lì Sabine lavora per la rivista Glamour e nel 1985 entra a far parte del gruppo di fondazione di Elle USA, prima di diventare consulente per grandi ristoranti.[1] Vincent vive quindi viaggiando, soprattutto tra Francia e Stati Uniti, imparando l'inglese e lavorando come assistente alla fotografia per la rivista co-fondata dalla madre. In gioventù studia canto e danza, diciassettenne si iscrive alla scuola circense di Annie Fratellini e dai sedici anni studia recitazione sia a New York che a Parigi.

Dopo una piccola comparsa in Les clés du Paradis di Philippe de Broca nel 1991, conosce Mathieu Kassovitz, suo conterraneo, con il quale gira Métisse (1993), L'odio (1995) e I fiumi di porpora (2000). Le riprese di L'odio coincidono con quelle di un altro film decisivo per la vita e carriera dell'attore francese: L'appartamento, sul set del quale conosce Monica Bellucci, presto compagna e in seguito sua moglie, con la quale partecipa nei successivi otto anni ad altri sei film: Dobermann, Come mi vuoi, Unruly, Il patto dei lupi, Irréversible e Agents secrets. Approda poi ad Hollywood prendendo parte ad Ocean's Twelve (2005) ed Ocean's Thirteen (2007).

Dopo aver prestato la voce a Hugh Grant per un paio di film, negli anni duemila diventa la voce ufficiale di Diego, protagonista della serie L'era glaciale. Sua è la voce originale di Monsieur Hood in Shrek.

Cassel ricopre quasi sempre personaggi duri, spregiudicati e violenti. Tra le sue interpretazioni più significative in tal senso, si segnalano quella dell'aggressore in Derailed - Attrazione letale, quella di un bifolco e grottesco contadino nel film horror - da lui pure prodotto - Sheitan, ruolo per il quale Cassel sfoggia mimiche inusuali e un pesante trucco facciale, e infine quello dell'ambiguo killer russo nel sofisticato thriller di David Cronenberg La promessa dell'assassino. Grazie alla parte del gangster francese Jacques Mesrine, interpretato nel dittico del 2008 Nemico pubblico N. 1 - L'istinto di morte e Nemico pubblico N. 1 - L'ora della fuga, ha vinto il Premio César per il migliore attore.

Nel 2009 incide con Zap Mama una nuova versione di Parole parole, portata al successo in Francia anni prima da Dalida e Alain Delon; in tale occasione incide la propria parte in portoghese, mentre l'altra, cantata, rimane in francese, afferma di averlo fatto per non sembrare una brutta copia dell'attore. Nel 2010 recita nel film Il cigno nero di Darren Aronofsky. Sempre nel 2010 Yves Saint Laurent lo vuole come testimonial del profumo La nuit de l'homme. Nel 2011 è stato scelto come protagonista per uno spot della Lancia Ypsilon. Nel 2013 recita nel film In trance, remake del film TV Trance del 2001, del regista Danny Boyle. Nel 2014 recita nel remake della storia della Bella & La Bestia del regista Christophe Gans. Nel 2015 è, insieme a Salma Hayek, protagonista del film Il racconto dei racconti - Tale of Tales di Matteo Garrone, presentato in concorso al Festival di Cannes.[2]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha un fratello minore, Mathieu Cassel, produttore musicale e rapper conosciuto con il nome di Rockin'Squat, e una sorellastra minore da parte paterna, Cécile Cassel, attrice e cantante che nel 2009 è in Italia per far parte del cast corale di Ex, accanto ad Alessandro Gassmann e Fabio De Luigi.

Il 3 agosto 1999 sposa Monica Bellucci, conosciuta nel 1996 sul set del film L'appartamento. La coppia ha avuto due figlie: Deva, nata il 12 settembre 2004 e Léonie, nata il 20 maggio 2010. Nell'agosto 2013, dopo 14 anni di matrimonio, la coppia annuncia la separazione.[3] Secondo voci poi rivelatesi fondate, l'attore notoriamente "facile" e mai dedito alla famiglia, avrebbe forzosamente portato avanti il matrimonio per anni per motivi di immagine. Nel marzo 2017 Dagospia pubblica un articolo in cui vengono rivelati alcuni dettagli della doppia vita che l'attore ha condotto negli ultimi anni precedenti il divorzio richiesto dalla Bellucci nel 2013.[4]

Dal 2011 l'attore sostiene il capo Raoni nella lotta contro la diga di Belo Monte in Brasile in piena foresta amazzonica che, oltre a costringere numerose tribù ad uno spostamento forzato, potrebbe causare danni alla biodiversità locale.

Vincent Cassel al Festival di Cannes 2015

Attualmente è fidanzato con la modella Tina Kunakey Di Vita, di 31 anni più giovane.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Vincent Cassel è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sabine Cassel-Lanfranchi - Babelio, su www.babelio.com. URL consultato il 27 novembre 2016.
  2. ^ Il racconto dei racconti, gazzettadiparma.it. URL consultato il 17 maggio 2015.
  3. ^ Bellucci e Cassel, quell'addio che non ci aspettavamo, iodonna.it, 27 agosto 2013. URL consultato il 17 maggio 2015.
  4. ^ vi ricordate quando monica bellucci si trasferì a rio de janeiro con suo marito vincent cassel?. URL consultato il 05 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Premio César per il migliore attore Successore
Mathieu Amalric
per Lo scafandro e la farfalla
2009
per Nemico pubblico N. 1 - L'istinto di morte e Nemico pubblico N. 1 - L'ora della fuga
Tahar Rahim
per Il profeta
Controllo di autorità VIAF: (EN80493444 · LCCN: (ENnr97026773 · ISNI: (EN0000 0001 1449 5823 · GND: (DE136089976 · BNF: (FRcb14004264g (data)