Il gatto con gli stivali: I Tre Diablos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il gatto con gli stivali: I Tre Diablos
Tre Diablos.png
Gatto con i Tre Diablos
Titolo originalePuss in Boots: The Three Diablos
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2012
Durata13 min
Rapporto1,78:1
Genereanimazione, avventura, commedia
RegiaRaman Hui
SceneggiaturaTom Wheeler
ProduttoreGina Shay
Casa di produzioneDreamWorks Animation
Distribuzione in italianoUniversal Pictures Italia
MontaggioBret Marnell
MusicheMatthew Margeson, Henry Jackman
StoryboardPaul Fisher, Ryan Crego, Bill Riling, Darren Webb
Art directorPaul Westacott
AnimatoriShajo John, Riyad C.M.
Doppiatori originali
  • Antonio Banderas: Gatto con gli stivali
  • Gilles Marini: Capitano, Paolo
  • Charlotte Newhouse: Principessa Alessandra Bellagamba
  • Chris Miller: Prigioniero affamato
  • Walt Dohrn: Prigioniero assetato
  • Bret Marnell: Prigioniero della carta igienica
  • Miles Christopher Bakshi: Gonzalo, Don Timoteo Montenegro III
  • Nina Zoe Bakshi: Perla
  • Guillaume Aretos: Mormoratore
Doppiatori italiani
  • Antonio Banderas: Gatto con gli stivali
  • Marco De Risi: Capitano
  • Marco Mete: Paolo
  • Emanuela Rossi: Principessa Alessandra Bellagamba
  • Enrico Chirico: Prigioniero affamato
  • Stefano Santerini: Prigioniero assetato
  • Raffaele Palmieri: Prigioniero della carta igienica
  • Riccardo Scarafoni: Mormoratore

Il gatto con gli stivali: I tre Diablos (Puss in Boots: The Three Diablos) è un cortometraggio animato del 2012 prodotto dalla DreamWorks Animation, e un sequel del lungometraggio Il gatto con gli stivali. È stato diretto da Raman Hui e presenta Antonio Banderas come voce del protagonista. Il corto è stato pubblicato il 24 febbraio 2012, allegato come bonus alla versione del DVD e Blu-ray (3D) de Il gatto con gli stivali.[1]

Il cortometraggio racconta una storia del Gatto con gli stivali in missione per recuperare il rubino rubato della principessa dal famigerato ladro francese il Mormoratore. A malincuore accompagnato da tre simpatici gattini chiamati i tre Diablos, il Gatto deve domarli prima che mettano in pericolo la missione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Qualche tempo dopo la sua avventura con l'oca d'oro, il Gatto con gli stivali sta cavalcando il suo cavallo attraverso il deserto, quando viene catturato da cavalieri italiani. Viene quindi portato al cospetto della principessa Alessandra Bellagamba, il cui rubino "Cuore di Fuoco", il gioiello della corona del suo regno, è scomparso. All'inizio, il Gatto crede di essere stato ingiustamente accusato del furto, ma in seguito si scopre che la principessa vuole assumerlo solo in base alla sua reputazione, rivelando che un ladro francese chiamato "il Mormoratore" è stato colui che ha commesso il crimine e che i cavalieri della principessa hanno catturato i suoi tre scagnozzi. Gli scagnozzi si rivelano essere tre gattini (indicati come i tre Diablos). Sebbene il Gatto non possa credere che creature così innocenti possano essere ladri, la principessa e le sue guardie sono terrorizzate da loro. I tre Diablos accettano di aiutare il Gatto con la premessa che saranno liberi se restituiscono il rubino.

Quando il Gatto porta i tre Diablos nel deserto, loro si girano velocemente verso di lui (rivelando la loro natura: pugnalare alle spalle) e lo seppelliscono vivi. Poco dopo, il Gatto fugge e recupera i tre Diablos usando i suoi grandi occhi contro i loro. Più tardi, parla di rimandarli in prigione per averlo ingannato, ma scopre che non hanno famiglia e sono orfani come lui. Poi, con comprensione, dice loro come sa anche che è difficile crescere senza sapere a chi fidarsi e essere traditi, facendo un esempio di come Humpty lo abbia condotto lungo la strada sbagliata, proprio come ha fatto loro il Mormoratore. Il Gatto poi decide di guidare i tre Diablos nella giusta direzione e li istruisce su come combattere e giocare con lui, diventando amici. Da anche loro un nome: la micetta viene battezzata Perla (perché è unica), al micetto col pelo rossiccio lo chiama Gonzalo (per il suo caratterizzo battagliero) e al micetto tonto col pelo grigio lo chiama Don Timoteo Montenegro III (perché certe volte un titolo è l'unica cosa che ci vuole).

Il giorno seguente, i tre Diablos, mostrano al Gatto al nascondiglio segreto del Mormoratore, e sono immediatamente confrontati dallo stesso Mormoratore, che, con il suo nome, ha un volume della voce basso e usa il suo cappello come un megafono per parlare chiaramente. Viene anche rivelato che lo stesso Mormoratore ha usato il rubino come decorazione per la propria cintura. Dopo aver appreso che i tre Diablos gli hanno portato il Gatto per recuperare il rubino, il Mormoratore sta per punirli per il loro tradimento, ma il Gatto lo combatte e lascia sfuggire i tre Diablos. Loro, comunque, tornano per aiutare il Gatto con quello che hanno imparato da lui e il Mormoratore cade nel dirupo senza fondo lì vicino, con Gatto che recupera il rubino prima che il Mormoratore precipiti. Il Gatto poi restituisce il rubino alla principessa e viene ricompensato con l'oro, e presenta alla principessa i tre Diablos come sue nuove guardie del corpo personali. Dopo essersi salutati, il Gatto afferma: "Non vi dimenticherò mai, e sono sicuro che voi non dimenticherete mai il Gatto con..."; sfortunatamente, le guardie sbattono le porte prima che possa finire il suo addio.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il cortometraggio è stato pubblicato all'interno del DVD de Il gatto con gli stivali il 24 febbraio 2012.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il montatore Bret Marnell è stato candidato all'Annie Award per il suo lavoro sul cortometraggio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ramin Zahed, Check Out Exclusive Clip from "Puss In Boots", in Animation Magazine, 17 febbraio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  2. ^ Annie Awards Nominees, International Animated Film Society, ASIFA-Hollywood. URL consultato il 29 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione