Baby Boss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baby Boss
Baby Boss.jpg
Baby Boss in una scena del film
Titolo originaleThe Boss Baby
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata98 min
Genereanimazione, commedia
RegiaTom McGrath
SoggettoMarla Frazee
SceneggiaturaMichael McCullers
Casa di produzioneDreamWorks Animation
Distribuzione (Italia)20th Century Fox
MusicheHans Zimmer
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Baby Boss (The Boss Baby) è un film del 2017 diretto da Tom McGrath.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Tim, un ragazzino di 7 anni, è perfetta più che mai, grazie alla sua fantasia e alla totale attenzione dei suoi genitori che giocano sempre insieme a lui.

Tutto cambia quando un giorno da un taxi arriva il nuovo fratellino di Tim. Il bambino ruba progressivamente tutte le attenzioni dei genitori, però Tim si accorge che il neonato è strano e quindi decide di spiarlo. Scopre che sa parlare ed è molto intelligente e che è un boss di un'agenzia che si occupa di smistare i bambini con una missione da compiere. Egli parla con Tim e gli spiega che i suoi genitori avranno sempre meno tempo per lui fino a dimenticarlo e a rimpiazzarlo col piccolo boss, essendo più piccolo e avendo bisogno di più attenzioni. Tim decide quindi di registrare il bambino per smascherarlo e riferirlo ai suoi, però non riesce nel suo intento e viene messo in punizione perché i genitori pensano che voglia fargli del male. Il boss raggiunge Tim in camera e gli dice che lui deve completare la sua missione così potrà andarsene da casa e Tim potrà riavere le attenzioni dei genitori, quindi propone al ragazzino di fare finta di andare d'accordo per liberarlo dal essere in punizione. I genitori assolvono la sua punizione e quindi il piccolo boss spiega da dove viene e la sua missione.

Il boss proviene da una macchina universale dell'azienda Baby Corp dove tutti i bambini vengono controllati e in base ad un test viene deciso se spedirli ad una famiglia o in "direzione". Il boss viene spedito proprio lì e viene educato ad essere un uomo e non un bambino.

Spiega che da tempo gli animali domestici, e soprattutto i cani stanno sostituendo i neonati e il suo compito è scoprire il nuovo prodotto dell'azienda "Puppy Co.", un'azienda che produce nuovi animali, dove lavorano anche i genitori di Tim.

Nel caso di riuscita il bambino potrà lasciare la famiglia di Tim e prendere un posto d'onore nella sua azienda, ottenendo una promozione, nel caso fallisse verrebbe licenziato e privato del tipo di latte, dato a tutti i bambini in direzione, che lo rende eternamente neonato pur avendo una mente adulta. I due arrivano con i genitori alla sede della Puppy Co. e si infiltrano nella zona segreta trovando il fascicolo del nuovo prodotto scoprendo poi che era un'imboscata. I due vengono catturati dal mentore del piccolo boss, Francis. Egli era un neonato della direzione, al vertice dell'agenzia, però diventò intollerante al lattosio (non potendo più bere la superformula) e quindi venne licenziato, reso normale e spedito ad una famiglia. Adesso vuole vendicarsi dell'azienda mettendo sul mercato il "semprecucciolo" cioè un cane che rimane cucciolo a vita e che sostituirà i neonati per sempre. Per mantenere il segreto il direttore dell'agenzia manda il suo scagnozzo a fargli da babysitter mentre i genitori di Tim vanno a Las Vegas con Francis per l'annuncio del nuovo prodotto. I due riescono a sbarazzarsi dell'uomo e raggiungono l'aeroporto, ma non riescono a raggiungere in tempo l'aereo, che decolla. Tim incolpa il boss di aver perso tempo per lui e si separano. Però più tardi il boss ritorna e decide di perdonare Tim per raggiungere Las Vegas e completare la missione. Il direttore annuncia il suo nuovo prodotto e la folla ne va subito pazza, ma vengono fermati da Tim e il boss che fanno fuori il "babysitter" e inseguono il direttore che si prepara a far lanciare il missile del suo prodotto con dentro tutti i cuccioli resi eterni dal latte che Francis ha rubato al boss, ma viene fermato e lanciato nella pozione ridiventando neonato. Il razzo però sta per partire con il boss dentro che è riuscito a far uscire i cuccioli. Il boss privato della sua formula (che deve assumere alcune volte durante il giorno per preservare la sua forma) sta per ritornare un bambino normale, però Tim riesce a salvarlo. I due, completata la missione, si separano di nuovo ognuno per la propria strada, Tim riavrà le attenzioni dei genitori e il boss avrà il posto d'onore, però il boss, che sente la mancanza del ragazzino, riceve una lettera da Tim dove dice che gli vuole bene e decide di autospedirsi nel tubo della famiglia licenziandosi e tornando così da Tim. I due crescono felici e Tim racconta la sua storia alla propria figlia che è in attesa della sua sorellina, notando nella sala dei bambini che anche la piccola è una boss dell'agenzia.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Theodore "Ted" Templeton/Baby Boss: il protagonista del film, è il boss della "Baby Corp.", arriva a casa di Tim con la missione di scoprire quale sia il nuovo cucciolo della "Puppy Co.". Non ha mai avuto una famiglia e decide di restare con Tim nonostante abbia ottenuto una corposa promozione.
  • Timothy "Tim" Templeton: il secondo protagonista del film, è un bambino con una fervida immaginazione che ha dei sospetti su Baby Boss. Alla fine impareranno a volersi bene e decideranno di restare insieme.
  • Ted Templeton e Janice Templeton: sono padre e madre di Tim e di Baby Boss. Lavorano entrambi alla "Puppy Co." e vengono rapiti dallo spietato Francis. E. Francis
  • Maghetto: pupazzetto-sveglia di Tim a forma di mago.
  • Jimbo: grasso bambino parte del team di Baby Boss.
  • Gemellini: tre gemelli parte del team di Baby Boss.
  • Staci: bambina parte del team di Baby Boss.
  • Francis E. Francis: il principale antagonista del film. È un uomo d'affari avido, corrotto, cinico, egoista, carismatico, spietato, crudele e senza scrupoli, è il capo della "Puppy Co." dove lavorano i genitori di Tim e di Baby Boss. Era un manager della "Baby Corp", ma la superformula iniziò a non avere più effetto su di lui e venne licenziato. Si vuole vendicare lanciando il "semprecucciolo", un tipo di cane capace di restare sempre cucciolo destinato a sostituire i bambini nel cuore della gente. Alla fine viene sconfitto da Baby Boss e Tim, che si fa gettare giù in una piscina della formula, ridiventando un neonato.
  • Eugene Francis: l'antagonista secondario del film. Il grosso fratello di Francis E. Francis che tenta di fermare i piani di Baby Boss e di Tim per conto del fratello.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel film sono presenti numerose citazioni alla trilogia cinematografica de "Il Signore degli Anelli". Il mago della sveglia, infatti, riprende due frasi di Gandalf: la prima quando esclama: «Non possono passare!» (detta dallo stregone quando abbatte il ponte di Khazad-dûm contro il Balrog di Morgoth, mentre la seconda quando, rinchiuso in cella assieme a Tim esclama: «Volate, sciocchi!», (in originale: «Fly, you fool!» resa in italiano ne "La Compagnia dell'Anello" con: «Fuggite, sciocchi!»), urlata dall'Istar al resto della Compagnia quando precipita assieme al Flagello di Durin. Infine, quando Francis cattura i due fratelli e si impossessa della formula della giovinezza della Baby Corp dice: «È mia! È mia! È tutta mia!», frase ripetuta da Gollum e Bilbo Baggins in riferimento all'Anello del Potere.

In una scena Baby Boss impugna un giocattolo raffigurante il robot Voltron (nella sua versione originale). Riferimento chiaro al famoso mecha anni '80 recentemente riadattato dalla stessa Dreamworks con il nome di "Voltron Legendary Defenders"

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 31 marzo 2017, mentre in Italia è uscito nelle sale il 20 aprile dello stesso anno.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2017, la Universal Pictures e la Dreamworks annunciano la realizzazione di un sequel, il quale verrà rilasciato il 26 marzo 2021; in più è stato confermato che Alec Baldwin riprenderà il suo ruolo.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuele Biotti, Baby Boss: la DreamWorks Animation mette in cantiere il sequel, in arrivo nel 2021, su BadTaste.it, 26 maggio 2017. URL consultato il 03 giugno 2017.
  2. ^ Baby Boss: il sequel arriverà nel 2021!, su MondoFox. URL consultato il 03 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]