Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro
Wallace & Gromit 013.JPG
Il coniglio mannaro in una scena del film
Titolo originale Wallace & Gromit: The Curse of the Were-Rabbit
Paese di produzione Regno Unito
Anno 2005
Durata 85 min
Genere animazione, commedia, fantastico, fantascienza
Regia Nick Park, Steve Box
Sceneggiatura Nick Park, Bob Baker, Steve Box
Fotografia Tristan Oliver, Dave Alex Riddett
Montaggio David McCormick, Gregory Perler
Musiche Julian Nott
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Wallace & Gromit - La maledizione del coniglio mannaro (Wallace & Gromit: The Curse of the Were-Rabbit) è un cartone animato e film d'animazione creato in stop-motion da Nick Park e dalla sua casa di produzione Aardman Animations, in collaborazione con la DreamWorks Pictures.

I protagonisti sono i due personaggi di Wallace e Gromit, già protagonisti di alcuni cortometraggi di successo.

Il film, vincitore del premio Oscar 2006 come "miglior film d'animazione".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wallace e il suo cane Gromit hanno una nuova professione: in occasione del Concorso di Verdura Gigante, evento molto sentito nella loro città, hanno fondato la società "Anti-Pesto" e liberano gli orti dei vicini dai conigli e da tutti gli animali che potrebbero rovinare le loro preziose verdure, catturandoli e imprigionandoli senza ucciderli, usando talvolta (quando i conigli sono molti) un valido macchinario che li aspira e li immagazzina in un serbatoio. Per svegliarsi e partire prontamente di notte, in caso di allarme da uno dei rilevatori dei clienti, un complicato sistema meccanico li sveglia, li veste, gli prepara un tè e li trasporta direttamente in auto. A un certo punto si impegnano anche a liberare da un grande numero di conigli l'enorme tenuta di Lady Campanula Tottington, dove si terrà il festival, e nel mentre si attirano l'inimicizia del borioso Lord Victor Quartermaine (il quale, appassionato di caccia, aveva tentato di eliminare un coniglio sparandogli, ma era stato aspirato dal macchinario rimanendo incastrato nel tubo) e del suo bulldog Philip, che diventeranno loro nemici. Non avendo proprio cuore di uccidere i conigli, li tengono in casa e li alimentano, ma arriva il giorno in cui nelle gabbie sotterranee non c'è più spazio per ospitarne di nuovi.

Allora Wallace decide di utilizzare una delle sue bizzarre invenzioni, il Manipola-mente Tomatico, un sistema (ancora non sperimentato) per rimuovere desideri e pensieri indesiderati dalla mente, per fare il lavaggio del cervello ai conigli, in modo che essi smettano di essere golosi di verdure e di assalire gli orti. Lo strambo inventore collega la sua testa al macchinario e l'altro capo al sistema che cattura e contiene i conigli, per poi generare ed immettere nel contenitore dei conigli delle onde mentali contenenti il pensiero che la verdura è cattiva e va odiata: così facendo ai conigli verrebbe trasmesso l'odio verso i vegetali che Wallace ha da sempre. Un incidente, però, inverte il senso di funzionamento del ciclo: Wallace dà involontariamente una pedata alla leva di comando spostandola dalla modalità di aspirazione alla modalità di espulsione, la macchina aspirante espelle un coniglio dentro al manipola-mente e sembra che effettivamente il trattamento sia riuscito: quando gli viene offerta una carota, la rifiuta inorridito. Il coniglio trasformato viene ribattezzato "Cuccio" e messo in un'apposita gabbietta, come primo successo dell'esperimento. I due, convinti di avere risolto la situazione, nonostante Gromit abbia ancora dei dubbi circa il Manipola-mente, vanno a dormire.

Quella notte, tuttavia, gli orti del vicinato iniziano a essere devastati da un'enorme bestia contro cui anche le misure di sicurezza approntate da Wallace non riescono a fare nulla, anche perché la bestia le distrugge con facilità. Una sera il duo tenta di attirare il "coniglio mannaro" (così la bestia è stata definita dal parroco del paese, che ne è rimasto vittima) con un'esca, un pupazzo raffigurante un coniglio femmina dall'aspetto seducente, senza successo. Stranamente Wallace scompare e Gromit è costretto a inseguire la bestia in auto da solo attraverso il tunnel che l'essere scava nel terreno. Il giorno dopo il cane sbuca proprio nel giardino di casa sua. Wallace e Gromit seguono le impronte del coniglio gigante fino in cantina, dove scoprono che Cuccio è diventato molto diverso rispetto alla sera prima. L'inventore si convince di avere finalmente catturato la bestia e corre a casa di Lady Tottington ad informarla della felice notizia.

Tuttavia Gromit scopre che le orme in realtà proseguono al piano di sopra, diventando sempre più umane, arrivando fino alla camera di Wallace. Aprendo la porta, trova uno sfacelo di verdure rosicchiate e smangiucchiate sul letto e capisce l'orrenda verità: è Wallace stesso, a causa delle onde del Manipola-mente Tomatico e del contatto prolungato con Cuccio, a essere diventato un coniglio mannaro che si trasforma quando appare la luna piena. Dato che anche Lord Quartermaine era in caccia del mostro, capita che le due squadre si incontrino. Proprio in quel momento sale la Luna e Wallace si trasforma, aggredendo Quartermaine, che intendeva malmenarlo per avergli rubato Lady Campanula: lui la corteggiava solo per interesse e impadronirsi della sua fortuna. A quel punto Quartermaine decide di eliminare del tutto il rivale, e si reca dal parroco per farsi dare l'unica arma in grado di uccidere un coniglio mannaro del genere: delle pallottole d'oro massiccio (oltre ai nervi ben saldi).

Il giorno dopo Gromit tenta di rivelare la verità a Wallace, che nel frattempo ha iniziato a manifestare alcuni dei comportamenti tipici dei conigli ed a mostrare delle evidenti orecchie da coniglio, ma questo si rifiuta di crederci e tira fuori scuse ridicole. Gromit allora porta il suo padrone in cantina, e così vedono che Cuccio è diventato un essere semi-umano con le sembianze di un grosso coniglio che somiglia, parla e si comporta come Wallace stesso. La loro unica speranza è ricostruire il Manipola-mente Tomatico, e a farlo sarà Cuccio, ma prima che lui possa finire arriva Lady Tottington, che rivela a Wallace, che nasconde le sue orecchie in un cappello, di aver dato a Quartermaine il permesso di occuparsi lui del coniglio dato che la notte prima il coniglio mannaro ha colpito ancora e quindi lei ne ha dedotto che Wallace le ha mentito. Proprio mentre Lady Tottington se ne va, la trasformazione di Wallace comincia, e quando Quartermaine si presenta, ma fortunatamente il coniglio mannaro scappa verso il festival.

Al festival, che non è stato annullato perché da lontano la gente ha sentito il suono dello sparo di Quartermaine, a causa di un gesto incauto di questìultimo e del vigile tutti scoprono del fallimento del cacciatore e si scatena il panico. Per calmare la folla Victor deve sparare in aria, usando la seconda pallottola d'oro, e si prepara a sparare al coniglio mannaro appena questo si presenterà. Proprio quando in lontananza si vede Wallace in arrivo verso le verdure del concorso, Gromit, aiutato da Cuccio, attira il coniglio mannaro utilizzando la zucchina gigante che lui stesso aveva amorevolmente curato per il concorso, impedendo il mannaricidio e vanificando l'uso della terza e ultima pallottola d'oro. Il Wallace però rapisce Lady Campanula e la porta in cima al maniero dei Tottington, dove Campanula scopre grazie al comportamento della bestia la verità. Mentre Gromit e Philip si danno battaglia su due aeroplani giocattolo, Quartermaine cerca di uccidere Wallace usando un fucile per elefanti e la carota d'oro come proiettile, ma per fortuna Gromit interviene fermando il colpo con il suo aereo; il cane rischia di precipitare, ma Wallace per salvare l'amico si butta giù dal tetto del maniero afferrando l'aeroplanino e schiantandosi su un tendone. Vedendo la scena, Quartermaine esulta per la sua apparente vittoria, ma è stordito da Lady Campanula, che lo colpisce con una carota gigante facendolo finire nello stesso tendone in cui sono caduti i suoi rivali. Rinsaviti, Gromit si vendica travestendo Quartermaine da coniglio usando il costume-esca, e si diverte a guardarlo sfuggire alla folla inferocita. Frattanto Wallace, morente per le ferite, si ritrasforma del tutto in umano, e Gromit lo fa rinsavire facendogli annusare del formaggio. Colpita dall'impegno di Wallace e Gromit, Lady Campanula dà il premio alla zucchina gigante di Gromit e trasforma la sua tenuta in una riserva protetta per tutti i conigli dei dintorni, incluso Cuccio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di altre opere precedenti della Aardman, in questo film ci sono in effetti delle sequenze in grafica computerizzata, soprattutto in momenti in cui sarebbe stato impossibile utilizzare dei pupazzi (ad es. la scena in cui i conigli fluttuano all'interno dell'aspiratore creato da Wallace). Per ovviare al problema e mantenere continuità tra queste sequenze e il resto del film, la Aardman ha sviluppato un software di modellazione 3D che riproduce fedelmente l'aspetto della plastilina modellata a mano, con tanto di segni come impronte e graffi.[senza fonte]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nelle sale italiane il 3 marzo 2006 distribuito dalla UIP.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è di 30 milioni di dollari mentre l'incasso totale è di 192.600.000 di dollari.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto una valutazione di approvazione del 95% su Rotten Tomatoes, sulla base di 176 recensioni, con una valutazione media di 8,1 / 10. Nel consenso critico del sito si legge: " La maledizione del coniglio mannaro è un'avventura sottilmente commovente e meravigliosamente eccentrico con Wallace e Gromit". Il film ha ricevuto un punteggio di 87 su 100 su Metacritic, sulla base di 38 recensioni, indicando "plauso universale."

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN186649984 · LCCN: (ENnr2006010806
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema