Madagascar 3 - Ricercati in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madagascar 3 - Ricercati in Europa
Madagascar 3.png
Alex, Marty, Melman e Gloria fanno irruzione al casinò di Monte Carlo
Titolo originale Madagascar 3: Europe's Most Wanted
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2012
Durata 93 min.
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.78:1
Genere animazione, commedia, avventura
Regia Eric Darnell, Conrad Vernon, Tom McGrath
Soggetto Eric Darnell, Conrad Vernon, Tom McGrath
Sceneggiatura Noah Baumbach Eric Darnell
Produttore Mireille Soria, Mark Swift
Casa di produzione DreamWorks Animation
Distribuzione (Italia) Paramount Pictures
United International Pictures
Montaggio Nick Fletcher
Musiche Hans Zimmer
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
(EN)

« They have one shot to get back home »

(IT)

« Hanno un solo colpo per tornare a casa »

(Tagline del film sulla locandina)

Madagascar 3 - Ricercati in Europa[1] (Madagascar 3: Europe's Most Wanted) è un film d'animazione del 2012 diretto da Conrad Vernon, Eric Darnell e Tom McGrath. Il film è il sequel di Madagascar 2 (2008), ed in totale il terzo lungometraggio della serie Madagascar, cominciata nel 2005 con l'omonimo film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre i pinguini e le scimmie, partiti dopo un anno, sono a Monte Carlo, si festeggia il compleanno di Alex (il leone), nella riserva in Kenya. Gli amici di Alex, Marty (la zebra), Gloria (l'Ippopotamo) e Melman (la giraffa) gli regalano così un plastico di sabbia di New York, facendo crescere la nostalgia per lo zoo in cui vivevano, quello di Central Park. Per tornare a casa nello zoo newyorkese, decidono quindi di raggiungere i pinguini a Monte Carlo via mare, anche in compagnia di Re Julien e di Maurice e Mortino, dopo aver salutato la famiglia di Alex. Arrivati quindi a destinazione, dopo aver nuotato a lungo nell'oceano con le canne da subacquei, si intrufolano nel casinò di Montecarlo dove vedono le scimmie Phil e Mason, travestiti assieme ai pinguini da umani, con costumi da re di Versailles, per non farsi riconoscere come animali. Nel tentativo di raggiungerli però, Gloria distrugge il soffitto di vetro del casinò piombando sulla folla e seminando il panico nel casinò.

Dopo una rocambolesca fuga per le vie della città, vengono salvati dagli scimpanzé sull'aereo dei pinguini e partono, ma a causa di tutto questo diventano ricercati in tutta Europa. A capo di tale ricerca è nominato il malefico capitano Chantal DuBois, terribile e infida donna francese e guida di una squadra di accalappiatori, anche se il suo scopo è contro la legge, cioè è quello di aggiungere ai suoi trofei di teste di animali il leone, ossia Alex, senza catturarlo solamente. A causa di un guasto all'aereo dei pinguini dopo un po' di tempo, precipitano vicino ad una stazione ferroviaria francese, raggiunti poco dopo dalla polizia. Non potendo riparare più l'aereo, dopo tutte le cadute che ha fatto, e tentando di fuggire dagli sbirri, Alex e i suoi compagni si buttano nel treno di un circo in partenza per Roma. Qui incontrano una tigre russa di nome Vitaly, una femmina di giaguaro chiamata Gia, e un leone marino addestrato, Stefano. Nel frattempo, i pinguini, travestiti da umani (re di Versailles) e convinto il direttore del circo e gli altri clown umani a partire, comprano loro il circo per costringere Vitaly ad accettare la loro presenza e Alex si innamora di Gia, mentre re Julien incontra una femmina cicciona e piagnona di orso bruno di nome Sonya. Durante il viaggio sul treno, parlando con gli altri animali scoprono che la tappa dopo Roma è Londra e che se il loro spettacolo avrà successo, verranno scelti per un tour in America, riuscendo quindi a tornare a New York. Purtroppo, l'esibizione al Colosseo di Roma, non va affatto bene e, inseguiti da una miriade di persone che rivogliono indietro i soldi per l'ingresso, riescono ugualmente a fuggire sul treno e mettersi in salvo, ma perdono la somma dello spettacolo che finisce nelle mani degli spettatori. Il capitano DuBois, invece, viene arrestato per aver preso delle motociclette alla Polizia, ma raggirando le guardie si mette in salvo e scopre che Alex è il leone smarrito dello zoo di Central Park, affiggendo in giro dei volantini per chiederne il ritrovamento.

Sul treno per Londra, Alex viene a sapere da Stefano la verità sul passato di Vitaly: lui era un grande circense ammirato da tutti grazie al numero del "tuffo nel cerchio", ma a causa dell'olio lubrificante andato a fuoco durante uno spettacolo con l'anello infuocato, ha perso la fiducia in se stesso, e come lui anche gli altri animali sono demoralizzati. Grazie però ad Alex e gli altri, riescono a rinnovare il loro spettacolo, tornando così degli artisti affermati e combattendo contro i loro sentimenti nostalgici e distaccati. Durante le prove dello spettacolo con il trapezio, Alex comincia a sentirsi sempre più attratto da Gia. A causa del ritorno di DuBois sono costretti ad interrompere le prove e a ripartire per Londra, dove finalmente presentano il loro spettacolo. L'esibizione va a gonfie vele, facendogli vincere il contratto per l'America (firmato dalle scimmie travestite da direttori umani), e i quattro amici rivelano avere ottime qualità acrobatiche: Alex nel trapezio con Gia; Marty nel numero dell'uomo cannone con Stefano; e Melman e Gloria nel funambolismo musicale; anche Vitaly supera le sue paure e riesce a passare attraverso un piccolo anello di fuoco.
DuBois fa ritorno e i pinguini riescono a sbarazzarsi nuovamente di lei, ma a causa del volantino della donna in cui è fotografato Alex allo zoo, Vitaly e Gia capiscono che loro non sono mai stati animali da circo e così i lemuri, Alex, Marty, Melman e Gloria vengono scacciati dal circo, anche se i pinguini rimangono, e re Julien scarica Sonya, la sua fidanzata contro natura, per poter tornare allo zoo, seppur piangente. Grazie ad una nave guidata questa volta dagli uomini, i quattro protagonisti arrivano finalmente a New York, ed anche il circo si ferma lì. Alex, Marty, Gloria e Melman rivedono il loro amato zoo. Lì capiscono che i loro sentimenti nostalgici non sono appagati in quanto tutto sembra più noioso di come lo ricordavano, anche perché Melman e Gloria si erano innamorati in natura. Decidono così di tornare sui loro passi e di riunirsi al circo, ma vengono rapiti da DuBois che però, essendo stata vista dai proprietari dello zoo poco dopo aver tentato di uccidere Alex, è costretta a consegnare gli animali ai legittimi proprietari, mentre Julien ritorna al circo sotto l'effetto dei sonniferi delle frecce del capitano. Nonostante ciò, la donna tenta ugualmente di uccidere il leone sotto gli occhi degli spettatori delle gabbie. Alex viene salvato insieme agli altri dagli animali del circo, che trovando re Julien in stato di ebbrezza avevano capito il pericolo e guidati da Skipper erano andati a soccorrere Alex con l'operazione "Circo Afro". Durante la battaglia, l'infida DuBois viene sconfitta grazie alle abilità di esibizioni di tutti gli animali e grazie al "trapezio americano" di Alex. Alla fine, dopo essere stati salvati, a DuBois le viene sparata una spina nel sedere facendola svenire. Alex e i suoi amici decidono di restare con gli animali del circo per vivere una vita piena di avventure perché capiscono che quella ormai è diventata la loro casa e con il circo che ha successo e gira per il mondo andranno a trovare i genitori di Alex. Alla fine l'arcigna e vile DuBois viene legata e mandata in Madagascar insieme ai suoi quattro agenti; la scena è orchestrata in modo simile all'episodio accaduto ai protagonisti nel primo film.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'amministratore delegato DreamWorks Animation Jeffrey Katzenberg ha confermato nel 2008 che ci sarebbe stato un ulteriore sequel ai film Madagascar e Madagascar 2. Katzenberg ha dichiarato: "C'è almeno un altro capitolo. Alla fine vogliamo vedere i personaggi che fanno ritorno a New York." Al Television Critics Association press tour nel gennaio del 2009, è stato chiesto a Katzenberg se ci sarebbe stato un terzo film della serie. Lui ha risposto: "Sì, stiamo facendo Madagascar 3 ora e uscirà nell'estate de 2012."

Una quantità significativa di effetti di animazione e visivi sono stati fatti alla DreamWorks Dedicated Unit, un gruppo con sede in India nella Technicolor.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film in lingua originale è stato pubblicato il 7 dicembre 2011,[2] mentre il teaser trailer italiano è stato diffuso il 20 dicembre 2011.[3] Il poster italiano è stato invece diffuso online il 21 marzo 2012.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è in lista nella sezione fuori concorso del Festival di Cannes 2012. Il film è stato distribuito nelle sale statunitensi l'8 giugno 2012, mentre l'uscita nelle sale italiane è avvenuta il 22 agosto 2012.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha esordito ai botteghini italiani con ben 1.43 milioni di euro incassati solo nella giornata d'uscita, sfiorando così i 1900 euro per copia e stabilendo il record d'incasso per un film d’animazione uscito nella giornata di mercoledì.[5] Il film in Italia ha incassato 21.893.078 €, in tutto il mondo 746.921.274 €.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 giugno 2012 è stato pubblicato il videogioco Madagascar 3 - Ricercati in Europa per Wii, Nintendo 3DS, Nintendo DS, Xbox 360 e PlayStation 3.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 è stato annunciato ufficialmente un quarto capitolo della serie Madagascar. Questo verrà distribuito nelle sale americane il 18 maggio 2018 e tutto il cast è stato confermato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Madagascar 3: Ricercati in Europa, Universal Pictures. URL consultato il 10 dicembre 2011.
  2. ^ Madagascar 3: Europe's Most Wanted: ecco il teaser trailer, CineBlog.it. URL consultato il 9 dicembre 2011.
  3. ^ Madagascar 3, il teaser trailer italiano | Il blog di ScreenWeek.it
  4. ^ Madagascar 3, ecco il nuovo poster italiano! | Il blog di ScreenWeek.it
  5. ^ Madagascar 3 – Fantastico esordio da oltre 1.4 milioni di euro in Italia!, ScreenWeek Blog.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]