Mezzocammino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Z. XXXI Mezzocammino
Ponte Monumentale di Mezzocammino ROMA.jpg
Ponte monumentale di Mezzocammino sul G.R.A.
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IX
Data istituzione13 settembre 1961[1]
Codice431
Superficie5,1201 km²
Abitanti13 107 ab.[2] (2016)
Densità2 559,91 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°47′42.66″N 12°25′10.3″E / 41.795184°N 12.419529°E41.795184; 12.419529

Mezzocammino
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IX
Data istituzione29-30 luglio 1977[3]
Codice12F
Superficie5,30 km²
Abitanti13 198 ab.[4] (2016)
Densità2 490,19 ab./km²
Il ponte monumentale di Mezzocammino

Mezzocammino è la trentunesima zona di Roma nell'Agro Romano, indicata con Z. XXXI.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 12F del Municipio Roma IX (ex Municipio Roma XII) di Roma Capitale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud-ovest del comune, a ridosso ed esternamente al Grande Raccordo Anulare, fra il fiume Tevere a ovest e via Cristoforo Colombo a est.

La zona confina:

La zona urbanistica confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona fu così chiamata per il fatto che si trovava a metà strada fra Roma e la foce del Tevere. Lì si trovava una stazione di sosta, per i barconi carichi di merci, che provenivano dal porto di Ostia, diretti verso Roma, al porto fluviale di Ripa Grande, o a quello di Ripetta. Le barche, mediante funi, erano trainate da bufali che percorrevano le sponde del fiume. Il percorso richiedeva due giorni e la sosta, dopo il primo giorno di cammino, avveniva in questo luogo, che per tale motivo prese il nome di Mezzocammino.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Costruito nel 1938, è lungo 362 metri ed è stato aperto nel 1951 come ponte unico, quindi come corsia interna del Grande Raccordo Anulare. Classificato monumento nazionale nel 2003.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Edificio modernista dell'architetto Ildo Avetta.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Mezzocammino si estende l'omonima zona urbanistica 12F.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte del territorio della zona la frazione Vitinia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Delibera consiliare n. 2983 del 29-30 luglio 1977.
  4. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.
  5. ^ Separata dal Grande Raccordo Anulare, nel breve tratto dal fiume Tevere a via del Mare.
  6. ^ Separata dal Grande Raccordo Anulare, nel tratto da via del Mare a via Cristoforo Colombo.
  7. ^ Separata da via Cristoforo Colombo, nel tratto dal GRA al fosso di Malafede.
  8. ^ Separata dal fosso di Malafede, nel tratto da via Cristoforo Colombo a via del Mare.
  9. ^ Separata dal fosso di Malafede, nel tratto da via del Mare al fiume Tevere.
  10. ^ Separata dal fiume Tevere, nel tratto dal fosso di Malafede al GRA.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma