Castel di Decima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Z. XXVI Castel di Decima
CasalePerna3.jpg
Casale Perna
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IX
Data istituzione13 settembre 1961[1]
Codice426
Superficie46,5486 km²
Abitanti12 145 ab.[2] (2016)
Densità260,91 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°44′34.38″N 12°28′12.61″E / 41.742883°N 12.470169°E41.742883; 12.470169

Castel di Decima è la ventiseiesima zona di Roma nell'Agro Romano, indicata con Z. XXVI.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud della città, esternamente al Grande Raccordo Anulare e confinante con il comune di Pomezia.

La zona confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona presenta tracce di frequentazione a partire dal Paleolitico e gli scavi hanno riportato alla luce un importante centro abitato dell'età del bronzo, probabilmente identificabile con la città di Politorium, distrutto nel VII secolo a.C.

In epoca romana il territorio era oggetto di sfruttamento agricolo, con la presenza di diverse ville. Fu abbandonato dopo il IV secolo d.C.

Nel Medioevo vi sorsero il castello di Decima con le altre fortificazioni collegate e le torri di Decima e di San Ferdinando, in seguito centro di casali agricoli.

Nel 1865 l'avvocato Giovanni Minetti raccolse i documenti descriventi la storia della Baronia di Castel Porziano, appartenente al duca Pio Grazioli e che, già dal X secolo, comprendeva il Castellum Decimi e il Castrum Pontis Decimi, ricostruendone la storia.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Il castello originale, Castrum Pontis Decimi, risale al X secolo. Nel XVIII secolo venne trasformato in castello.[8]
  • Tenuta di Perna, su via Valle di Perna.
Nella antica tenuta è presente la Torre di Perna 41°45′58.73″N 12°27′23.58″E / 41.766313°N 12.456551°E41.766313; 12.456551, già Castrum Decimi nel X secolo, usata a guardia del castrum[8], e il Casale di Perna del XVI secolo. 41°45′58.69″N 12°27′24.8″E / 41.766304°N 12.45689°E41.766304; 12.45689
Il castello originale, Castrum Montis Olibani, risale al XIV secolo. Nei secoli XVII-XVIII venne trasformato in casale.[9] A circa 440 metri a nord-ovest, c'è la torre medioevale detta "VII Torre" 41°42′44.4″N 12°28′32.01″E / 41.712333°N 12.475559°E41.712333; 12.475559, risalente al medioevo e usata a guardia del castrum.[9]
Il piccolo borgo, costruito su un castrum dell'età repubblicana, prende il nome dalla Torre Guidaccia del XV secolo. È presente una cappella del XIX secolo.
Il castello originale risale, probabilmente, al 996.[10]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchia eretta il 1º novembre 1979 con il decreto del cardinale vicario Ugo Poletti "Il Santo Padre".
Nell'area del cimitero è presente la Cappella del Gesù Risorto, costruita fra il 2010 e il 2012 su progetto dall'architetto Giovanni Testa.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

La zona è interamente compresa nella Riserva naturale di Decima-Malafede. 41°44′07.23″N 12°27′35.15″E / 41.735341°N 12.459763°E41.735341; 12.459763

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Castel di Decima si estende la zona urbanistica 12I Decima.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Del territorio di Castel di Decima fanno parte le frazioni di Colle dei Pini, Monte Migliore, Schizzanello e Trigoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Separata da via Filiberto Scarpelli, a partire da via Pontina e, in linea d'aria, fino a via Alvaro del Portillo altezza via Italo Torsiello, quindi da questa fino a via di Trigoria.
  4. ^ Separata da via di Trigoria, nel tratto da via Italo Torsiello a via Laurentina, nel tratto da via di Trigoria al confine con il comune di Pomezia (via dei Castelli Romani).
  5. ^ Separato da via dei Castelli Romani, nel tratto da via Laurentina a via della Petronella, e da un tratto di campagna (da un fosso?), da via della Petronella a via Pontina altezza via Vaccareccia.
  6. ^ Separata da via Pontina, nel tratto dal confine con il comune di Pomezia (via Vaccareccia) a via Filiberto Scarpelli.
  7. ^ Giovanni Minetti, Capito secondo e capitolo terzo.
  8. ^ a b Alessandra Reggi, 1, Castello di Decima e Torre di Perna.
  9. ^ a b Alessandra Reggi, 2, Castello di Monte di Leva e VII Torre.
  10. ^ Alessandra Reggi, 3, Castel Romano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Minetti, Cenni storici sulla baronia di Castel Porziano proprietà di sua eccellenza il sig. D. Pio Duca Grazioli corredati di autentici documenti dell'avvocato Giovanni Minetti, Roma, Tipografia Salviucci, 1865.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma