Cecchignola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Z. XXII Cecchignola
Acqua della Cecchignola.JPG
Acqua della Cecchignola
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma VIII e Municipio Roma IX
Data istituzione 13 settembre 1961[1]
Codice 422
Superficie 6,6949 km²
Abitanti 2 450 ab.[2] (2016)
Densità 365,95 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°48′57.98″N 12°31′09.35″E / 41.816105°N 12.519264°E41.816105; 12.519264

Cecchignola
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma IX
Data istituzione 29-30 luglio 1977[3]
Codice 12E
Superficie 11,60 km²
Abitanti 14 647 ab.[4] (2016)
Densità 1 262,67 ab./km²

Cecchignola è la ventiduesima zona di Roma nell'Agro Romano, indicata con Z. XXII.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 12E del Municipio Roma IX (ex Municipio Roma XII) di Roma Capitale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area sud della città, a ridosso ed internamente al Grande Raccordo Anulare, tra la via della Cecchignola e ovest e la via Ardeatina a est.

La zona confina:

La zona urbanistica confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Unito nel medioevo alla confinante tenuta di Tor Pagnotta, sin dal secolo XIII vi risulta edificato il castello e il vasto possedimento subì numerosi frazionamenti e passaggi di proprietà tra alcuni enti religiosi come i monasteri di Sant'Alessio, San Saba e l'Ordine di Malta, e famiglie come i Margani, i Cenci e i Borghese[9] . Nel secolo XV parte di esso già appartenente ai Capizucchi venne ceduta al Cardinale Bessarione che la conferì in beneficio alla cappella dell'Immacolatella presso la basilica dei Santi XII Apostoli di Roma[10]. Nel secolo XIX parte della tenuta passò alla famiglia Torlonia.
La zona è percorsa dall'omonimo corso d'acqua che confluisce nel fosso di Vallerano poco prima che questi riversi le sue acque nel Tevere, di cui è affluente di sinistra. Più precisamente, il termine "Cicomola" è stato riportato su alcuni documenti riguardanti i possedimenti della zona ed è presumibile che questo nome sia un errore di trascrizione per Ciconiola, termine che potrebbe sì derivare da cicogna, ma non dall'animale, bensì dall'omonima macchina idraulica per attingere acqua dai canali[11].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Torre della Acqua della Cecchignola, su via Appia Antica, nel quartiere Appio-Pignatelli.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

La città militare[modifica | modifica wikitesto]

Il primo nucleo abitativo dell'attuale città militare fu costruito per alloggiare gli operai impegnati nell'allestimento dell'Esposizione Universale di Roma (attuale EUR). Successivamente allo sbarco di Anzio, ci si insediarono gli eserciti alleati.

Negli anni successivi si sono insediati svariati comandi, enti e unità militari fino a formare una piccola città autonoma, servita da una ben distribuita rete viaria, chiusa al traffico civile.

Nel 1955, su viale dell'Esercito, fu aperto il Museo storico della motorizzazione militare.

Nel 1961, con la riorganizzazione toponomastica del territorio dell'Agro Romano, la città militare entrò a far parte del quartiere Giuliano-Dalmata. Nel 1977 venne compresa nella omonima zona urbanistica.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area di Casale Smeraldi ha sede la Fondazione EBRI, istituto di ricerca internazionale per lo studio del cervello, fondata nel 2001 da Rita Levi-Montalcini.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Cecchignola si estende la sezione orientale dell'omonima zona urbanistica 12E e una piccola sezione della zona urbanistica 11X Appia Antica Nord.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Delibera consiliare n. 2983 del 29-30 luglio 1977.
  4. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.
  5. ^ Separato via di Tor Carbone, dall'incrocio con via Ardeatina fino a via del Casale Marini.
  6. ^ Separato da via del Casale Marini fino a via della Tenuta di san Cesareo, da questa in linea d'aria fino a via di Torricola Vecchia, quindi via di Tor Carbone fino a via Ardeatina e da questa fino al GRA.
  7. ^ Separata dal GRA, nel tratto da via Ardeatina a via della Cecchignola.
  8. ^ Separato da via della Cecchignola, nel tratto dal GRA a via Ardeatina e da via Ardeatina, nel tratto da via della Cecchignola a via di Tor Carbone.
  9. ^ Thomas Ashby, Mappa della Campagna Romana del 1547 di Eufrosino della Volpaia, p.38
  10. ^ Mariano Armellini, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX, v. Santi Apostoli
  11. ^ il movimento del meccanismo riproduceva quello della cicogna quando questa si abbassa per bere; in questo senso abbiamo un importante riferimento in Leonardo da Vinci: «farai prima una cicognola che si parta dal basso del monte»Enciclopedia Italiana, s.v. Cicognola. Con molta probabilità questa macchina era adibita sin dal basso medioevo ad alimentare un mulino o una gualchiera
  12. ^ Marina De Franceschini, cap. 84. Villa della Cecchignola, pp. 241-244.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marina De Franceschini, Ville dell'Agro romano, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2005, ISBN 978-88-8265-311-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma