Fabio Artico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fabio Artico
Fabio Artico.jpg
Artico all'Alessandria nella stagione 2010-2011
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 14 giugno 2016
Carriera
Giovanili
1990-1993Juventus
Squadre di club1
1993-1997Pro Vercelli114 (31)[1]
1997Empoli2 (0)
1997-1998Giulianova25 (13)
1998Empoli1 (0)
1998-1999Reggina29 (15)
1999-2000Ternana33 (10)
2000Pescara3 (0)
2000-2001Piacenza24 (7)
2001-2002Pescara23 (4)
2002-2003SPAL27 (9)
2003Messina8 (0)
2003-2004SPAL12 (3)
2004-2005Ivrea31 (8)
2005-2007Pro Patria60 (13)
2007-2012Alessandria144 (58)
2015-2016Ivrea8 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Fabio Artico (Venaria Reale, 9 dicembre 1973) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano di ruolo attaccante, direttore sportivo dell'Alessandria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle file della Juventus (dove viene impostato come centrocampista[2]), arriva alle soglie della prima squadra[2], senza tuttavia esordire in Serie A. In seguito a un grave infortunio[2], nell'estate 1993 viene ceduto alla Pro Vercelli, dove viene impostato come prima punta dall'allenatore Codogno[2]: con le Bianche Casacche vince lo Scudetto Dilettanti nella stagione 1993-1994, traguardo a cui contribuisce realizzando 10 reti. Rimane alla formazione vercellese fino al 1997, toccando un massimo di 14 reti nel campionato di Serie C2 1996-1997; dopo questo exploit passa all'Empoli[3], con cui debutta in Serie A il 14 settembre 1997 sul campo del Napoli. Nella sessione autunnale del mercato, dopo 2 presenze nella massima serie, viene prestato al Giulianova, in Serie C1, dove realizza 13 reti.

Artico in azione alla Ternana nella stagione 1999-2000

Rientrato brevemente a Empoli, nella stagione 1998-1999 passa alla Reggina, dove contribuisce con 15 reti alla prima promozione dei calabresi in Serie A[4]. Nella stagione seguente viene acquistato dalla Ternana, contribuendo alla salvezza della squadra umbra in Serie B con 10 gol.

Prelevato dal Pescara, disputa 3 partite nel campionato di Serie B 2000-2001, prima di trasferirsi in prestito al Piacenza nel mercato autunnale[5]; in Emilia realizza 7 reti come spalla del capocannoniere Nicola Caccia, conquistando nuovamente la promozione in Serie A. A fine stagione rientra al Pescara[6], nel frattempo retrocesso in Serie C1, e successivamente veste la maglia della SPAL per due stagioni, intervallate da una parentesi in Serie B al Messina[7].

Nel 2004, per motivi familiari, si riavvicina a casa[2], disputando una stagione nell'Ivrea, in Serie C2, e due nella Pro Patria[2], in Serie C1. Nel 2007 viene ingaggiato dall'Alessandria, in Serie D, con cui ottiene una promozione in Lega Pro Seconda Divisione e con cui, nel 2008-2009, ha disputato i play-off, diventandone nel frattempo il capitano[2]. Nelle ultime stagioni viene impiegato con minore continuità[8], contribuendo comunque al raggiungimento dei play-off nel campionato di Lega Pro Prima Divisione 2010-2011[2]. Il 18 febbraio 2012, nel corso dell'anticipo serale di Lega Pro Seconda Divisione contro il Rimini nel quale si festeggiano i 100 anni dell'Alessandria, segna il primo gol nella vittoria dei Grigi, diventando quindi il primo marcatore del secondo secolo di vita di questa squadra[9]. A fine stagione annuncia il ritiro dal calcio giocato, disputando la sua ultima partita il 6 maggio 2012 sul campo del Lecco[10].

Nel novembre 2015, dopo tre anni di stop, torna a giocare con l'Ivrea 1905, in Terza Categoria piemontese[11]. Il 29 novembre realizza il suo primo gol della seconda esperienza eporediese nella vittoria per 3-1 contro l'Ivrea Montalto. Si ripeterà poi il 7 febbraio nel 4-1 contro lo Chambave, e a fine stagione la squadra ottiene la promozione in Seconda Categoria; nella stessa stagione conquista con gli arancioni la Coppa Piemonte battendo 4-2 il Bistagno[senza fonte].

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

A partire da maggio 2012 risulta eletto come consigliere comunale presso la città di Alessandria, dove ha sostenuto la candidatura politica del sindaco Maria Rita Rossa. Dal 26 luglio dello stesso anno, la stessa Alessandria lo richiama per affidargli il ruolo di osservatore del club piemontese, nell'intento di trovare nuovi talenti e giocatori che possono essere segnalati e risultare interessanti per la società, in chiave futura[12].

Dal 1º luglio 2013 è il responsabile dell'area tecnica del Cuneo[13], ruolo che ricopre per una sola stagione[14]. Dal 2017 diventa osservatore per la Juventus[15].

Il 3 giugno 2019 viene ingaggiato dall'Alessandria come nuovo direttore sportivo[16].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 maggio 2012.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Pro Vercelli CND 25+1 10+1 - - - 25 10
1994-1995 C2 28 2 - - - 28 2
1995-1996 C2 27 5 - - - 27 5
1996-1997 C2 34 14 - - - 34 14
Totale Pro Vercelli 114+1 31+1 - - - 115 32
1997-1998 Italia Empoli A 2 0 CI 1 0 3 0
ott. 1997-1998 Italia Giulianova C1 25 13 - - - 25 13
1998-1999 Italia Empoli A 1 0 - - - 1 0
ott. 1998-1999 Italia Reggina B 29 15 - - - 29 15
1999-2000 Italia Ternana B 33 10 - - - 33 10
2000-2001 Italia Pescara B 3 0 CI 2 1 5 1
ott. 2000-2001 Italia Piacenza B 24 7 CI 0 0 24 7
2001-2002 Italia Pescara C1 23 4 CI 2 0 PO 0 0 25 4
2002-2003 Italia SPAL C1 27 9 - - - 27 9
2003-2004 Italia Messina B 8 0 CI 0 0 8 0
gen. 2004 Italia SPAL C1 12 3 - - - 12 3
2004-2005 Italia Ivrea C2 31 8 - - - 31 8
2005-2006 Italia Pro Patria C1 27 8 CI
CIC
1
?
0
0
28 8
2006-2007 C1 33 5 CIC ? 0 33 5
Totale Pro Patria 60 13 - 1+ 0 61+ 13
2007-2008 Italia Alessandria D 29 21 CID 2 1 31 22
2008-2009 2D 28 13 CILP 4 1 PO 4 0 36 14
2009-2010 1D 29 13 CI+CILP 2+1 1+0 32 14
2010-2011 1D 29 7 CI 2 1 PO 1 0 32 8
2011-2012 2D 29 4 CI 2 0 31 4
2015-2016 Ivrea 1905 Terza Categoria 8 2
Totale Alessandria 144 58 13 4 5 0 162 62
Totale carriera 545 174 - 19 5 - 5 0 561 179

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pro Vercelli: 1993-1994
Alessandria: 2007-2008 (girone A)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Ivrea: 2015-2016
  • Coppa Piemonte: 1
Ivrea: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 115 (32) se si comprendono le presenze nella Poule Scudetto.
  2. ^ a b c d e f g h Artico: “Alessandria ormai è casa mia” Archiviato il 16 marzo 2014 in Internet Archive. alessandrianews.it
  3. ^ Mercato, prima chiusura le 18 partiranno così, la Repubblica, 12 luglio 1997, p. 42
  4. ^ Reggina impazzita prima volta in serie A, la Repubblica, 14 giugno 1999, p. 50
  5. ^ Rosa 2000-2001 Storiapiacenza1919.it
  6. ^ Acquisti e cessioni 2001-2002 Storiapiacenza1919.it
  7. ^ Stagione 2003-2004 Messinastory
  8. ^ Ad Alessandria Fabio Artico è diventato l'Altafini dei grigi il Resto del Carlino, 5 maggio 2011
  9. ^ Alessandria festeggia i 100 anni coi 3 punti Archiviato il 7 settembre 2012 in Internet Archive. tuttocalciopiemonte.com
  10. ^ Fabio Artico annuncia: "Lascio il calcio"[collegamento interrotto] ilcorrieresportivopiemonte.it
  11. ^ Ivrea 1905 in campo Questa sera esordisce Artico, La Sentinella del Canavese, 11 novembre 2015
  12. ^ Alessandria, Fabio Artico torna in grigio: svolgerà il ruolo di osservatore[collegamento interrotto] - tuttolegapro.com
  13. ^ Fabio Artico sarà il Responsabile dell'Area Tecnica Cuneocalcio.it
  14. ^ Cuneo, certo l'addio di Fabio Artico: "Non farò parte del prossimo progetto" Campioni.cn
  15. ^ Su J|Academy alla scoperta delle Scuole Calcio Juventus, su juventus.com. URL consultato il 4 giugno 2019.
  16. ^ Alessandria, Fabio Artico nuovo direttore sportivo, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 4 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]