Elezione papale del 1099

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conclave del 1099
Sede vacante.svg
Papa Pasquale II
Papa Pasquale II
Durata Dal 10 al 14 agosto 1099
Luogo Basilica di San Clemente, Roma
Partecipanti 6
Eletto Pasquale II (Raniero di Bieda)
 

Cardinali elettori[modifica | modifica wikitesto]

L'elezione papale del 1099 è probabilmente l'ultima svolta con le regole della bolla pontificia In nomine Domini[1]

  • Walter, cardinale vescovo di Albano
  • Odon de Châtillon, cardinale vescovo di Ostia e nipote di Urbano II
  • Milon Angers, cardinale vescovo di Palestrina
  • Bovo, cardinale vescovo di Tuscolo
  • Maurice, cardinale vescovo di Porto
  • Offo, cardinale vescovo di Nepi e Sutri
  • Raniero di Bieda, cardinale presbitero di San Clemente, abate di San Lorenzo Fuori le Mura Basilica
  • Benedict, cardinale presbitero di Santa Pudenziana

Elezione[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 agosto 1099, i cardinali in presenza del basso clero e dei rappresentanti delle autorità cittadine, elessero all'unanimità Raniero Bieda, cardinale prete di S. Clemente, abate della Basilica di San Lorenzo Fuori le Mura come successore di Urbano II. Il nuovo papa inizialmente non fu d'accordo ad accettare l'incarico, affermando che egli fosse un umile frate distante dai problemi politici del Papa, ma dopo le pressioni di alcuni cardinali cambia idea e accetta l'elezione, prendendo il nome di Pasquale II. Il giorno dopo, fu consacrato vescovo di Roma dal cardinale-vescovo di Ostia, Odon de Chatillon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Salvador Miranda, Election of August 10 to 14, 1099, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University.
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo