Elezione papale del 1086

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezione papale del 1087
Sede vacante.svg
Pope Victor III.jpg
Papa Vittore III
Durata24 maggio 1086
LuogoChiesa di Santa Lucia, Roma
ElettoVittore III (Desiderio di Montecassino)
 

L'elezione papale del 1086 fu convocata per eleggere il successore di Gregorio VII morto il 25 maggio 1086[1]

Gregorio VII prima della sua morte raccomanda il cardinale Desiderio come suo successore. L'abate però comunica ai cardinali di non voler accettare la carica di Sommo Pontefice. L'elezione viene così rinviata. Il 24 maggio 1086, dopo un anno di sede vacante, i cardinali "perdendo la pazienza" costringeranno l'abate ad accettare l'elezione, trascinandolo nella Chiesa di Santa Lucia, ed eleggendolo Papa con il nome di Vittore III. I cardinali erano probabilmente in numero di cinque: Eudes de Lageri, vescovo di Ostia; Ubaldo, vescovo di Sabina; Giovanni, vescovo di Porto; Peter Aldobrandini, Vescovo di Albano; e Giovanni Minuto, vescovo di Frascati.

Quattro giorni dopo tornò a Montecassino facendo ritorno nell'Urbe solo il 9 maggio 1087.[2]

Cardinali vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1086, erano presenti cinque cardinali vescovi elettori:

Cardinali preti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il grande libro dei Papi, 2000.
  2. ^ Il Conclave: l'elezione del Papa, su www.conclave.it. URL consultato il 27 giugno 2015.
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo