Fumata nera e fumata bianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fumata nera nel Conclave del 2005
Fumata bianca per l'elezione di Benedetto XVI, Conclave del 2005

La fumata nera e la fumata bianca sono due segnali di fumo adoperati dai cardinali riuniti in Conclave per comunicare l'esito degli scrutini per l'elezione del nuovo papa, servendosi della combustione prodotta per mezzo di una stufa installata nella Cappella Sistina. Esiste anche un terzo evento, la fumata gialla, che è utile solamente per verificare il regolare funzionamento della stufa.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione risale al 1800, quando il popolo romano si adunava dinnanzi al Quirinale per assistere alla fumata, che veniva prodotta bruciando le schede elettorali dei cardinali[2]. Dunque, a differenza di oggi, la fumata indicava la mancata elezione del pontefice, mentre l'assenza di una fumata indicava la riuscita elezione.[2][3][4] Anche nel conclave del 1903 non vi era distinzione di colore della fumata (anche detta sfumata), che veniva prodotta bruciando le schede dei cardinali elettori miste a paglia in una stufa posta nella Sala Regia.[5] Il fumo per elezioni non riuscite era bianco o nerastro[6], mentre il mattino dell'elezione di Pio X non vi fu alcuna fumata.[7][8] Il primo uso di fumo bianco per segnare un'elezione riuscita e di fumo nero per un'elezione fallita risale al conclave del 1914.[8]

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

  • La fumata nera indica la mancata elezione del nuovo papa durante il Conclave; viene emessa alla fine di ogni sessione di scrutini in cui nessun cardinale ha ricevuto un numero di voti pari ad almeno i due terzi del numero di cardinali elettori. Il fumo viene prodotto bruciando le schede, gli appunti e i documenti della votazione in una stufa presente nella Cappella Sistina, assieme ad una sostanza che produce del fumo nero; questo, fuoriuscendo da un camino visibile da piazza San Pietro, comunica, fino a quel momento, la mancata elezione del pontefice.[9]
  • La fumata bianca indica invece l'avvenuta elezione di un nuovo papa. Al termine di uno scrutinio del Conclave, se un nominativo riceve i due terzi delle preferenze, le schede dell'elezione vengono bruciate in una apposita stufetta allestita in un locale attiguo alla Cappella Sistina, insieme a paglia umida o del lattosio (quest'ultima è la più utilizzata da molti conclavi, mentre la paglia si usava anticamente), producendo fumo bianco, che, fuoriuscito dal camino visibile da Piazza San Pietro, annuncia al mondo l'avvenuta elezione.[9]
  • La fumata gialla è semplicemente una fumata di prova che si fa prima dell'inizio del Conclave stesso, per verificare che la stufa sia correttamente funzionante. A partire dal Conclave del 2005 non ha più avuto luogo, poiché si è deciso di dotare la classica stufa di un sistema elettronico che ne garantisse il corretto funzionamento, rendendo di fatto inutile la fumata gialla.

Nonostante tutti gli accorgimenti, molto spesso le fumate hanno avuto colorazione non chiara o non sono state comprese. Ad esempio, nel caso dell'elezione di Giovanni Paolo I regnò per molto tempo l'incertezza sul colore del fumo fuoriuscito dal comignolo della Cappella Sistina. Nel Conclave del 1958, che elesse il pontefice Giovanni XXIII, addirittura, l'incertezza sul colore delle prime fumate diventò uno degli elementi a sostegno di una teoria complottista secondo cui, in realtà, ad essere eletto sarebbe stato il cardinale genovese Giuseppe Siri, che sarebbe poi stato costretto a rinunciare alla nomina; anche nel Conclave del 2005, che ha portato all'elezione di Benedetto XVI, ci sono stati non pochi equivoci sull'interpretazione dei segnali. Questo ha portato all'introduzione di una nuova consuetudine, quella accompagnare l'avvenuta elezione con il suono delle campane a distesa della Basilica di San Pietro in Vaticano. Oltre al suono delle campane a festa, dal 2005 alla tradizionale stufa se ne è aggiunta una seconda, destinata a contenere fumogeni artificiali che migliorino la visibilità dell'emissione di fumi.[1] Nel Conclave del 2013, ad oggi l'ultimo, grazie agli innovativi accorgimenti, le fumate si sono manifestate ben visibili e abbondanti.[10]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Per l'ottenimento di fumate nere, il fumogeno è costituito da perclorato di potassio, antracene e zolfo; per la fumata bianca, da clorato di potassio, lattosio e colofonia.[11][9]

La stufa attualmente utilizzata per bruciare i documenti e produrre le fumate è la stessa dal 1939 e su di essa sono impresse, tramite punzonatura, le date di alcuni conclavi in cui essa ha prodotto la fumata bianca che ha annunciato il nuovo papa. Durante il conclave dell'agosto 1978, che avrebbe condotto all'elezione di papa Giovanni Paolo I, sembra che la conduttura della stufa avesse alcune crepe: un cardinale racconterà, in seguito, che dopo l'introduzione dei documenti da bruciare la Cappella Sistina si riempì di fumo nero (non era infatti stato eletto ancora nessun cardinale in quello scrutinio).[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Conclave, montato il comignolo sulla Sistina: da martedì le prime fumate, su la Repubblica, 9 marzo 2013. URL consultato il 26 maggio 2016.
  2. ^ a b Oscar Pio, Storia popolare d'Italia dall'origine fino all'acquisto di Roma nell'anno 1870 compilata da Oscar Pio sulle tracce di Guicciardini, Botta, Balbo, Sismondi, Coletta, Cantù, La Farina, Varchi ecc, G. Bestetti, 1876, p. 232. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  3. ^ (EN) The Parterre of fiction, poetry, history [&c.]., 1835, p. 398. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  4. ^ (EN) The North British Review, W.P. Kennedy, 1850, p. 181. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  5. ^ Adriano Pierconti, Da Leone XIII a Pio X: diario dal giorno 3 Luglio al 9 Agosto 1903 con documenti inediti, Cooperativa Poligrafica Editrice, 1904, p. 466. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  6. ^ Adriano Pierconti, Da Leone XIII a Pio X: diario dal giorno 3 Luglio al 9 Agosto 1903 con documenti inediti, Cooperativa Poligrafica Editrice, 1904, p. 525, 527. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  7. ^ Adriano Pierconti, Da Leone XIII a Pio X: diario dal giorno 3 Luglio al 9 Agosto 1903 con documenti inediti, Cooperativa Poligrafica Editrice, 1904, p. 533. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  8. ^ a b (EN) F. Baumgartner, University Blacksburg Va Frederic J. Baumgartner Prof e McNamara, Behind Locked Doors: A History of the Papal Elections, Palgrave Macmillan, 19 dicembre 2003, ISBN 978-0-312-29463-2. URL consultato il 18 febbraio 2020.
  9. ^ a b c Redazione, Conclave: fumata nera e bianca svelato il funzionamento, su La Freccia Verde, 13 marzo 2013. URL consultato il 26 maggio 2016.
  10. ^ Marco Salaris, Edizione Straordinaria Tg1 - Fumata Bianca Papa Francesco - 13.03.2013, su YouTube, 14 marzo 2013. URL consultato il 26 maggio 2016.
  11. ^ Conclave, Padre Lombardi: «Ecco come si colorano le fumate»
  12. ^ Piero Fornara, Pronte due stufe nella Cappella Sistina per le fumate del Conclave, su Il Sole 24 Ore, 7 marzo 2013. URL consultato il 26 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo