Elezione papale del 1088

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezione papale del 1088
Sede vacante.svg
BlUrban II.png
Papa Urbano II
Durata12 marzo 1088
LuogoCattedrale dei Santi Pietro e Cesareo, Terracina
Partecipanti9
ElettoUrbano II (Ottone di Lagery)
 

L'elezione papale del 1088 si svolse il 12 marzo a seguito della morte del papa Vittorio III e scelse come suo successore il cardinale Ottone di Lagery, che assunse il nome di Urbano II.

Papa Vittorio III morì il 16 settembre 1087 a Montecassino. Poco prima della sua morte raccomandò l'elezione del cardinale Ottone di Lagery come suo successore. Roma era, in quel momento, sotto il controllo dell'antipapa Clemente III, che era sostenuto dal imperatore Enrico IV, e difficilmente sarebbe stata recuperata in breve tempo. In questa situazione i cardinali fedeli a Vittorio III si riunirono il 9 marzo 1088 a Terracina, sotto la protezione dell'esercito normanno, per eleggere il nuovo pontefice.

Oltre ai cardinali vescovi, che erano i soli a poter eleggere il papa, all'assemblea elettorale, riuniti nella cattedrale dei Santi Pietro e Cesareo erano presenti anche i rappresentanti degli ordini inferiori dei cardinali, oltre a quaranta fra vescovi e abati, nonché Benedetto, il prefetto di Roma, e la contessa Matilde di Canossa.

Dopo gli usuali tre giorni di digiuno e preghiera si riunirono il 12 marzo tutti i cardinali ed il resto del clero e dei laici presenti. Il cardinale vescovo di Albano, Frascati e Porto propose l'elezione di Ottone di Lagery, secondo le intenzioni del defunto Vittorio III. Ottone accettò l'elezione e prese il nome di Urbano II. L'elezione venne annunciata pubblicamente dal cardinale di Albano, Pietro Igneo. Nello stesso giorno il nuovo papa venne consacrato e venne celebrata la messa di incoronazione. Urbano II poté rientrare a Roma non prima del novembre 1088.

Lista dei partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Presenti in conclave[1][modifica | modifica wikitesto]

Nome Paese Titolo Ruolo Nascita Concistoro
Eudes de Châtillon Royal Standard of the King of France.svg Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia Cardinale vescovo di Ostia; eletto papa Priore di Cluny; Arcidiacono di Reims 28/07/1040 1073 1073
Ubaldo Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale vescovo di Sabina 1062 1062
Giovanni Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale vescovo di Frascati 1066 1066
Igneo, Pietro Pietro Igneo, O.S.B. Vall. Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Marca di Tuscia Cardinale vescovo di Albano Cardinale protodiacono; Abate di San Salvatore in Fucecchio prima metà XI secolo 1072 1072
Minuto, Giovanni Giovanni Minuto Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale vescovo di Tuscolo 1080 1080
Bruno di Segni Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Ducato di Lombardia Cardinale vescovo di Segni Vescovo di Segni; Bibliotecario di Santa Romana Chiesa 1045 1086 1086
Raniero di Bleda, O.S.B. Clun. Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale presbitero di San Clemente Abate di San Lorenzo fuori le mura; eletto papa con il nome di Pasquale II nel conclave del 1099 1050 1073 1073
Oderisio di Montecassino, O.S.B. Cass. Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Banner of the Holy Roman Emperor with haloes (1400-1806).svg Ducato di Spoleto Cardinale presbitero di Sant'Agata in Suburra Abate di Montecassino 1030 ca. 10590306 06/03/1059
Giovanni di Subiaco Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono Santa Maria in Domnica Arcidiacono di Santa Romana Chiesa 1073 1073


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sono attestati circa 40 partecipanti; di seguito la lista degli elettori per i quali risulta certa la partecipazione al conclave