Elezione papale del settembre 1276

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Conclave del settembre 1276
Sede vacante.svg
GiovanniXXI.jpg
Papa Giovanni XXI
DurataDal 3 (o 5) al 15 settembre 1276
LuogoPalazzo dei Papi, Viterbo
Partecipanti11
DecanoVicedomino Vicedomini
ProtodiaconoGiovanni Gaetano Orsini
ElettoGiovanni XXI (Pedro Juliao)
 

Il conclave del settembre 1276 venne convocato a seguito della morte di papa Adriano V e si concluse con l'elevazione alla Cattedra di Pietro di papa Giovanni XXI.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il conclave di settembre 1276 fu la terza elezione papale dell'anno. Infatti:

  • a gennaio era stato eletto Innocenzo V, che morì il 22 giugno;
  • a luglio era stato eletto Adriano V, il cui pontificato durò solamente 39 giorni, espressione della volontà dei cardinali elettori di scegliere un pontefice di transizione in modo da prendere tempo e uscire dalla situazione di stallo verificatasi in quella circostanza.

I cardinali elettori dovettero pertanto tornare a Viterbo per riunirsi nel palazzo apostolico.

Per sfuggire alla canicola estiva romana e all'aria malsana della città, Adriano V, già infermo e malandato dall'elezione, si era rifugiato con la sua corte a Viterbo. Qui, nel mezzo dei negoziati con Carlo d'Angiò, morì repentinamente il 18 agosto di quell'anno, venendo poi sepolto nella Chiesa cittadina di San Francesco.

Anche il terzo conclave viterbese, svoltosi tra la fine di agosto e i primi di settembre 1276, ebbe luogo tra problemi di vario genere: anzitutto i cardinali non volevano essere "rinchiusi", visto che Adriano V aveva sospeso la costituzione apostolica Ubi Periculum relativa all'elezione papale dopo le angherie subite in Laterano da parte di Carlo d'Angiò; in realtà la decisione di Adriano era giunta in un concistoro segreto tenuto nella camera da letto del papa appena eletto e non era mai stata formalizzata con un documento ufficiale, vista anche la precoce scomparsa del pontefice: il popolo viterbese dunque non ne voleva sapere e pretendeva che il conclave iniziasse quanto prima[1].

A questi malumori popolari non era probabilmente estraneo lo stesso Carlo d'Angiò, che, dal canto suo, si era portato con tutta la corte nella cittadina di Vetralla, a soli dieci chilometri da Viterbo, con l'evidente intento di tenere sotto pressione il Sacro Collegio. Vi erano infine le pressioni da parte del re di Francia Filippo III, il quale era intenzionato a riportare la Santa Sede dalla sua parte. I cardinali furono così "costretti" a riunirsi in conclave.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Il conclave, iniziato il 3 settembre 1276, durò dodici giorni. Tuttavia i cardinali erano riuniti fin dal 28-29 agosto, ma alcune violente sommosse popolari, legate alla controversia sulla sospensione della Ubi Periculum, fecero slittare l'inizio delle votazioni di parecchi giorni. Pertanto si giunse al 5 settembre quando ebbero finalmente inizio gli scrutini. Secondo alcuni storici, sarebbe stato eletto papa già il pomeriggio del 5 settembre il cardinale piacentino Vicedomino Vicedomini[2], un umile e modesto francescano. Egli però, ritenendosi indegno della nomina, avrebbe chiesto una pausa di riflessione preannunciando che, in caso di accettazione, si sarebbe chiamato Gregorio XI, ma sarebbe poi morto nella notte tra il 5 e il 6 settembre, prima ancora di accettare, senza che l'elezione potesse essere proclamata, tanto che non vi è alcuna notizia ufficiale di questo papa effimero. Si tratta pertanto di un'invenzione agiografica, dal momento che gli elenchi ufficiali dei pontefici non ne fanno la minima menzione, così come il neoleletto Giovanni XXI si riferirà ad Adriano V come il suo immediato predecessore[3].

Tralasciato questo aneddoto, i cardinali elettori ripresero il conclave senza indugio, arrivando ben presto (sembra con l'intervento dell'influente cardinale Giangaetano Orsini) ad eleggere il portoghese Pedro Julião, che scelse di chiamarsi Giovanni XXI. L'elezione sarebbe avvenuta (gli storici non sono concordi su questa data) tra l'8 ed il 15 settembre 1276, mentre è certa la data dell'incoronazione, che avvenne nella Cattedrale di San Lorenzo di Viterbo il 20 settembre 1276, proprio ad opera del cardinale protodiacono Giangaetano Orsini.

Lista dei partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Presenti in conclave[4][modifica | modifica wikitesto]

Nome Paese Titolo Ruolo Nascita Concistoro
Vicedomini, Vicedomino Vicedomino Vicedomini, O.F.M. Piacenza-Stemma.png Piacenza Cardinale vescovo di Palestrina e di San Marcello in commendam Decano del Sacro Collegio; Arcivescovo emerito di Aix; nipote di Gregorio X 1210 ca. 12730603 03/06/1273
Pedro Julião Rebolo, O. Cist. Flag Portugal (1830).svg Regno del Portogallo Cardinale vescovo di Frascati; eletto papa Archiatra pontificio; Arcivescovo emerito di Braga 1215 ca. 12730603 03/06/1273
Paltanieri, Simone Simone Paltanieri Flag of England.svg Padova Cardinale presbitero di San Silvestro e Martino ai Monti Legato pontificio in Toscana, Umbria, Lombardia 1200 ca. 12611217 17/12/1261
Bertrand de Saint-Martin, O.S.B. Royal Standard of the King of France.svg Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia Cardinale vescovo di Sabina-Poggio Mirteto Arcivescovo emerito di Arles; Legato pontificio in Lombardia 1220 ca. 12730603 03/06/1273
Riccardo Annibaldi Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono di Sant'Angelo in Pescheria Cardinale protodiacono; Arciprete della Basilica Vaticana 1205 ca. 123709 09/1237
Ottaviano degli Ubaldini Flag of Florence.svg Repubblica di Firenze Cardinale diacono di Santa Maria in Via Lata Amministratore apostolico emerito di Bologna 1214 12440528 28/05/1244
Giovanni Gaetano Orsini Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono di San Nicola in Carcere Inquisitore Generale; Legato pontificio emerito; eletto papa con il nome di Niccolò III nel 1277 1216 12440528 28/05/1244
Guillaume de Bray Royal Standard of the King of France.svg Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia Cardinale presbitero di San Marco Camerlengo di Santa Romana Chiesa; Arcidiacono del Capitolo della Cattedrale di Reims 1200 ca. 12620522 22/05/1262
Giacomo Savelli Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono di Santa Maria in Cosmedin Legato pontificio in Sicilia; eletto papa nel 1285 con il nome di Onorio IV 1210 12611217 17/12/1261
Anchier Pantaléon de Troyes Royal Standard of the King of France.svg Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia Cardinale presbitero di Santa Prassede Arcidiacono del capitolo cattedrale di Parigi; Nipote di Urbano IV 1210 ca. 12620522 22/05/1262
Goffredo da Alatri Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono di San Giorgio in Velabro Rettore della Chiesa di Santo Stefano di Alatri 1205 ca. 12611217 17/12/1261
Matteo Rubeo Orsini Flag of the Papal States (pre 1808).svg Flag of the Papal States (pre 1808).svg Stato Pontificio Cardinale diacono di Santa Maria in Portico Octaviae e presbitero in commendam di Santa Maria in Trastevere Governatore delle Province del Patrimonio di San Pietro e delle Marche 1230 ca. 12620522 22/05/1262

Assenti in conclave[5][modifica | modifica wikitesto]

Nome Paese Titolo Ruolo Nascita Concistoro
Simon de Brion Royal Standard of the King of France.svg Royal Standard of the King of France.svg Regno di Francia Cardinale presbitero di Santa Cecilia Legato pontificio in Francia; eletto papa con il nome di Martino IV nel 1281 1210 12611217 17/12/1261


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare Pinzi: Storia della Città di Viterbo, Tip. Camera dei Deputati, Roma, 1889, lib. VII, pagg.336 e segg.. Questo episodio storico svoltosi a Viterbo viene descritto dal Pinzi con dovizia di particolari e grande attenzione alle fonti bibliografiche.
  2. ^ Gaetano Moroni: Dizionario di Erudizione Storico-Ecclesiastica, Venezia, 1835, vol. XXXII, pagg.278 e segg.. Il Moroni, nella sua monumentale opera, fornisce un'attenta analisi della vicenda, indicando anche le posizioni degli storici fino ai suoi tempi.
  3. ^ ...Siquidem felicis recordationis Adriano Papae praedecessore nostro, post promotionem suam ad summi Apostolatus apicem, brevi dierum numero vitae suae tempora consumante, post exhibita eidem in solempnibus exequiis debita humanitatis obsequia, nos et fratres nostri in episcopali palatio Viterbiensi convenimus, electioni substituendi Pontificis... (Bullarium Romanum IV (Augustae Taurinorum 1859), p. 38)
  4. ^ Onuphrio Panvinio, Epitome Pontificum Romanorum a S. Petro usque ad Paulum IIII. Gestorum (videlicet) electionisque singulorum & Conclavium compendiaria narratio (Venice: Jacob Strada 1557)
  5. ^ alcune fonti (Tosti 1843, 32) citano tra i cardinali l'abate di Montecassino Bernard Ayglier, tuttavia non ci sono prove ragionevoli per considerarle fondate: nessuna fonte coeva cita il presule francese come cardinale
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo