Cybo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cybo
Coat of arms of the House of Cybo.svg
Stato Massa
Titoli Principi del S.R.I.

I Cybo (anche Cibo) furono una famiglia aristocratica di origine genovese, le cui fortune originarono dall'elezione al soglio pontificio di Giovanni Battista, divenuto pontefice con il nome di Innocenzo VIII.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Cybo si stabilirono definitivamente a Genova nel X secolo, quando Francesco, avendo perso le sue proprietà in madrepatria, si rifugiò nel capoluogo ligure presso alcuni parenti. Un Cybo, Tomaso, si trasferì a Napoli, dando origine ai Tomacelli.[1]

I Cybo formarono uno degli alberghi genovesi, nei quali erano riunite le varie famiglie nobili cittadine. All'albergo Cybo vennero aggregate molte famiglie del patriziato genovese.

Nel 1484 papa Innocenzo VIII donò ai Cybo il feudo dell'Abbazia di San Pietro in Valle di Ferentillo.

I Cybo acquisirono il Marchesato (poi ducato) di Massa grazie al matrimonio tra Lorenzo Cybo e Ricciarda Malaspina. Dopo l'esecuzione del loro primogenito Giulio fu il loro secondogenito Alberico I il vero iniziatore della signoria di Massa ed assunse il doppio cognome di Cybo-Malaspina.

Albergo Cybo[modifica | modifica wikitesto]

Con la riforma voluta da Andrea Doria nel 1528, i Cybo andarono a formare il XVII albergo. Di seguito le famiglie che erano ascritte all'albergo Cybo:

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Arano (o Aronne/Aranino) (1377-1457)
= Teodorina de Mari (?-1470)
│
├── Maurizio (1427-1491)
│   = Peretta Cybo (?-1480)
│   │
│   ├── Giovanni Battista (1462-1488)
│   │
│   └── [illegitimato] Lorenzo Cybo de Mari (1454-1503)
│
├── Papa Innocenzo VIII (1432-1492)
│   = ?
│   │ 
│   ├── Franceschetto (1449-1519)
│   │   = Maddalena di Lorenzo de' Medici (1473-1519)
│   │   │
│   │   ├── Lucrezia (1489-1492)
│   │   │
│   │   ├── Clarice (1490-1492)
│   │   │
│   │   ├── Innocenzo (1491-1550)
│   │   │   │ 
│   │   │   ├── [illegittimo] Elena (?-1580)
│   │   │   │   = Federico Malaspina di Villafranca
│   │   │   │ 
│   │   │   ├── [illegittimo] Clemente (?-1605)
│   │   │   │ 
│   │   │   ├── [illegittimo] Ricciarda (1590-1661)
│   │   │   │   = Benedetto Spinola
│   │   │   │ 
│   │   │   └── [illegittimo] Alessandro (1549-1612)
│   │   │
│   │   ├── Lorenzo (1500-1549)
│   │   │   = Ricciarda Malaspina (1497-1553)
│   │   │   │
│   │   │   └── Cybo-Malaspina
│   │   │
│   │   ├── Caterina Cybo (1501-1557)
│   │   │   = Giovanni Maria da Varano
│   │   │
│   │   ├── Ippolita Cybo (1503-1503)
│   │   │
│   │   └── Giovanni Battista Cybo (1505-1550)
│   │
│   └── Teodorina (1455-1508)
│       = Gherardo Usodimare (?-1502)
│       │
│       ├── Battistina (1477-1523)
│       │   = Luigi d'Aragona (1474-1519)
│       │   = Niccolò Fregoso (?-1521)
│       │
│       ├── Peretta (1478-1550)
│       │   = Alfonso I del Carretto (1457-1523)
│       │   = Andrea Doria (1466-1560)
│       │
│       ├── Filippo (1480-1525)
│       │
│       ├── Aranino (1484-1568)
│       │   = Bianca Vigerio della Rovere (1495-1546)
│       │   │ 
│       │   ├── Gherardo (1512-1600)
│       │   │ 
│       │   ├── Marzia (1515-1572)
│       │   │   = Antonio Maurugi (Mauruzzi) (?-1564)
│       │   │
│       │   ├── Maddalena (1524-1583)
│       │   │   = Domenico Passionei
│       │   │ 
│       │   ├── Maria (1527-1593)
│       │   │ 
│       │   └── Scipione (1531-1597)
│       │
│       └── Cesare (1490-1551)
│
└── Bianca (143-1470)
    = Domenico Cybo
    │
    ├── Andrea Cybo (?-1511)
    │
    ├── Alaone
    │
    ├── Ginevra Cybo
    │   = Mario Mellini di Monterano
    │
    └── Francesco Cybo
        │
        └── [illegittimo] Alberico Cybo
            │
            ├── Innocenzo Cybo
            │
            └── Lucrezia Cybo
                = N. Lanciarini
                │
                └── Tomasso Lanciarini Cybo

Arma[modifica | modifica wikitesto]

L'arma della famiglia Cybo era di rosso alla banda scaccata di tre file d'argento e d'azzurro, gli alias erano di rosso alla banda scaccata di tre file d'argento e d'azzurro; al capo d'argento alla croce di rosso e d'oro alla banda scaccata di tre file d'argento e d'azzurro; al capo d'argento alla croce di rosso: il tutto al capo dell'Impero.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le famiglie nobili genovesi, pag.76-77
  2. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.22
  3. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.23
  4. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.30
  5. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.40
  6. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.47
  7. ^ a b Le famiglie nobili genovesi, pag.67
  8. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.69
  9. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.73
  10. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.76
  11. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.77
  12. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.82
  13. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.105
  14. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.106
  15. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.125
  16. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.133
  17. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.135
  18. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.136
  19. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.138
  20. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.141
  21. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.142
  22. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.144
  23. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.149
  24. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.153
  25. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.155
  26. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.164
  27. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.167
  28. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.170
  29. ^ a b Le famiglie nobili genovesi, pag.172
  30. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.174
  31. ^ a b Le famiglie nobili genovesi, pag.177
  32. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.180
  33. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.185
  34. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.186
  35. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.189
  36. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.195
  37. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.201
  38. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.202
  39. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.204
  40. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.215
  41. ^ Le famiglie nobili genovesi, pag.218

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo M.G. Scorza, Le famiglie nobili genovesi, Fratelli Frilli Editori, Trebaseleghe, 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]