Battaglia di Vicksburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Vicksburg
Battle of Vicksburg, Kurz and Allison.png
I soldati confederati si arrendono
Data4 luglio 1863
LuogoContea di Warren
EsitoConquista della città di Vicksburg
Modifiche territorialiLa Confederazione fu tagliata in due isolando metà della Louisiana, il Texas e l'Arkansas
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
77 000~33 000
Perdite
4 8353 202
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Vicksburg fu la battaglia decisiva della Campagna di Vicksburg durante la guerra di secessione americana e combattuta il 4 luglio 1863.

Prima della battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º maggio 1862, con un audace colpo di mano, l'ammiraglio David G. Farragut si impadronì di New Orleans sita sul golfo del Messico alla foce del Mississippi: era così aperta la porta di accesso per invadere gli Stati confederati attraverso il sistema fluviale.
Dopo aver attraversato il fiume Mississippi, presso Bruinsburg, a sud di Vicksburg, e diretto a nord est, il generale Ulysses S. Grant aveva vinto due importanti scontri, uno a Port Gibson e l'altra a Raymond, catturando così, grazie alla Battaglia di Jackson la capitale dello stato del Mississippi, il 14 maggio 1863 e costringendo il generale confederato John Clifford Pemberton a ritirarsi verso ovest. I tentativi di fermare l'avanzata dell'Unione nella Battaglia di Champion Hill e nella Battaglia di Big Black River Bridge si rivelarono un fallimento. Pemberton sapeva che le armate al comando del generale Sherman si stavano preparando ad aggirarlo da nord; per cui non gli rimaneva scelta se non ritirarsi. Così Pemberton bruciò e distrusse tutti i ponti lungo il Big Black River portando con se più approvvigionamenti possibile, ritirandosi nella ben fortificata città di Vicksburg. La Confederazione fu colta dal panico, così presso la cittadina di Vicksburg i Confederati costruirono velocemente, sulla riva sinistra del Mississippi, un campo trincerato dotato di potenti cannoni navali, in grado di bloccare l'accesso alla flotta avversaria, addirittura circondato da paludi. Le cannoniere cercarono di forzare il passaggio, ma furono sempre irrimediabilmente respinte dal tiro concentrato dell'artiglieria nemica, che con i grossi calibri, sparava dalla riva sulle navi quasi a bruciapelo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ulysses Simpson Grant pose in atto un piano di attacco, con le forze dell'armata del Tennessee lungo la riva destra del Mississippi. Inizialmente l'armata era di 43.000 uomini, in quanto l'esercito di Sherman era impegnato in una schermaglia centinaia di chilometri a nord di Vicksburg, sino ad un punto sito a valle della fortezza e si fece traghettare sulla riva sinistra dalle unità della Marina che lo attendevano nascoste dietro l'ansa del fiume.

Così assalì di sorpresa le truppe confederate che proteggevano il campo trincerato; il nemico non poté fare affluire velocemente rinforzi per la difficoltà di manovrare tra le paludi. La questione si risolse in un vantaggio per Grant, che entrò vittorioso a Vicksburg il 4 luglio 1863, anniversario dell'Indipendenza.

Investitura del generale Grant[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente Abramo Lincoln si rese conto di aver finalmente trovato lo stratega brillante da opporre a Lee. In meno di due anni Grant condusse le truppe unioniste alla vittoria.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]