Campagna di Bermuda Hundred

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campagna di Bermuda Hundred
Bermuda Hundred earthworks.jpg
Fortificazioni a Bermuda Hundred
Data6-20 maggio 1864
LuogoVirginia
EsitoVittoria dei confederati
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
33.00018.000
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La Campagna di Bermuda Hundred fu costituita da una serie di battaglie combattute in Virginia nel maggio 1864 nel corso della Guerra di secessione americana. Il generale unionista Benjamin Butler tentò di attaccare la capitale confederata Richmond giungendo da est, alla guida dell'Armata del James, ma venne fermato delle truppe sudiste, al comando del Gen. P.G.T. Beauregard.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 1864, Ulysses S. Grant fu promosso Tenente Generale e ricevette il comando di tutte le forze armate dell'Unione. Grant escogitò una strategia coordinata che avrebbe colpito al cuore la Confederazione da direzioni molteplici: al Mag. Gen. Benjamin Butler venne assegnato un esercito di 33.000 uomini con l'incarico di minacciare Richmond e, soprattutto, di tagliare la linea ferroviaria che univa la capitale a Petersburg, impedendo ogni possibilità di rifornimento all'esercito del Generale Lee. La campagna prese il nome dal villaggio di pescatori posto a sud-est di Richmond e nord-est di Petersburg, dove la marina unionista sbarcò Butler e la sua Armata del James a Bermuda Hundred il 5 maggio. Le forze confederate, guidate dal generale PGT Beauregard , erano costituite da 18.000 uomini, molti tra i quali anziani o adolescenti, teoricamente non in grado di fronteggiare i soldati dell'Unione.

Battaglie[modifica | modifica wikitesto]

Battaglia Luogo Data Esito Comandanti e Effettivi Unione Comandanti e Effettivi CSA Perdite Unione Perdite CSA Note
Battaglia di Port Walthall Junction Contea di Chesterfield 6-7 maggio inconcludente Benjamin Butler Johnson Hagood 300 200
Battaglia di Swift Creek Contea di Chesterfield 9 maggio inconcludente Benjamin Butler
14.000
PGT Beauregard
4.200
complessivamente 990 perdite
Chester Station Contea di Chesterfield 10 maggio inconcludente Quincy Gillimore
Alfred Terry
3.400
Robert Ransom, Jr.
Seth Barton
2.000
280 249
Battaglia di Proctor's Creek Contea di Chesterfield 12-16 maggio vittoria confederata Benjamin Butler
30.000
PGT Beauregard
18.00 perdite nordiste almeno 6.600 sudiste 2.500
complessivamente almeno 9.100 perdite
Battaglia di Battaglia di Ware Bottom Church Contea di Chesterfield 20 maggio vittoria confederata Benjamin Butler PGT Beauregard complessivamente 10.000 soldati impiegati e 1.500 perdite

Battaglia di Port Walthall Junction 6 - 7 maggio[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 maggio la brigata del Brig. Gen. Johnson Hagood riuscì a fermare il tentativo unionista di interrompere la ferrovia nel nodo di Port Walthall Junction. Tuttavia, il 7 i nordisti riuscirono nel loro intento, costringendo le truppe confederate a ritirarsi dietro il Swift Run Creek e ad attendere rinforzi. Nel corso delle due giornate di battaglia i nordisti persero più di 300 uomini, meno di 200 i sudisti.

Battaglia di Swift Creek 9 maggio[modifica | modifica wikitesto]

Butler tentò una sortita verso Petersburg alla guida di circa 14.000 uomini; Beauregard e i suoi 4.200 soldati risposero con un attacco fermato a costo di gravi perdite. Le truppe nordiste si accontentarono di infliggere danni alla ferrovia e l'avanzata unionista, appoggiata dal bombardamento di Fort Clifton da parte di 5 cannoniere a vapore, fu presto interrotta. Entrambe le parti subirono circa 1.000 perdite.

Battaglia di Chester Station 10 maggio[modifica | modifica wikitesto]

Due brigate confederate guidate dal maggiore generale Robert Ransom attaccarono l'esercito di Butler che stava distruggendo la ferrovia a Chester Station. I sudisti attaccarono presso Winfree House, costringendo i Federali al ritiro nei loro trinceramenti di Bermuda Hundred e s'impossessarono di un cannone.

Battaglia di Proctor's Creek 12 - 16 maggio[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato costretto al ritiro a Chester Station, Butler si spostò a nord, fronteggiando la linea confederata a Drewry's Bluff. Il 13 maggio, una colonna dell'Unione colpì il fianco destro della linea confederata alla Wooldridge House, tuttavia l'estrema cautela di Butler diede tempo a Beauregard di concentrare 18.000 uomini con cui, all'alba del 16 maggio, attaccò i 30.000 soldati unionisti mal condotti e disorganizzati. Butler fu costretto al ritiro e, di fatto, rinunciò definitivamente all'offensiva contro Richmond. Le perdite complessive furono di almeno 9.100 uomini.

Battaglia di Ware Bottom Church 20 maggio[modifica | modifica wikitesto]

Ancora una volta, Beauregard, seppur in inferiorità numerica, condusse i suoi uomini alla vittoria contro l'esercito di Butler.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La spedizione di Butler fu un fallimento totale, con l'intera Armata del James bloccata a Bermuda Hundred, incapace di muoversi. Per contro, con l'impiego di un esiguo numero di uomini, Beauregard riuscì a rendere inutilizzabili le truppe di Butler per l'intera durata dell'Assedio di Petersburg, riuscendo anche a distaccare rinforzi per l'esercito di Lee in tempo utile per i combattimenti a Cold Harbor.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]