Foce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Foce (disambigua).
La foce del fiume Marecchia presso Rimini

Per foce si intende la parte finale di un fiume o altro corso d'acqua il cui corso affluisce in un altro corso d'acqua oppure in un lago o in un mare. Esistono foci di tipo a delta fluviale e a estuario.

Formazione di una foce[modifica | modifica wikitesto]

Una foce è il risultato dell'ammassamento dei detriti di un fiume o di un corso d'acqua provenienti dalle montagne sul fondo del mare o di un lago.

Tipi di foce[modifica | modifica wikitesto]

Le foci si diversificano per via del moto ondoso del mare: sono deltizie quando il mare è poco ondoso, quindi i sedimenti si posano sul fondo del mare e il fiume si ramifica; sono invece a estuario quando sfociano soprattutto in un oceano perché un oceano ha il mare sempre ondoso, quindi i detriti si sedimentano ai lati della foce. Infatti queste ultime sono influenzate dalla marea.

Foci a estuario[modifica | modifica wikitesto]

Foci a delta[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Foce, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.