Bastard!!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bastard!! - L'oscuro distruttore
バスタード!! 暗黒の破壊神
(BASTARD!! - Ankoku no hakai shin)
BastardCover1.jpg
Copertina del primo volume della seconda edizione italiana
Generedark fantasy[1], postapocalittico[2], sword and sorcery[3][4][5]
Manga
AutoreKazushi Hagiwara
EditoreShūeisha - Jump Comics
RivistaWeekly Shōnen Jump (1988-1989, 1997-2000), Weekly Shōnen Jump Specials (1990-1996), Ultra Jump (2000-2010)
Targetshōnen, seinen
1ª edizione14 marzo 1988 – 19 maggio 2010 (in pausa)
Periodicitàirregolare
Tankōbon27 (in corso)
Editore it.Granata Press, Panini Comics - Planet Manga
Collana 1ª ed. it.Z Comix, Manga Saga
1ª edizione it.novembre 1993 – 22 settembre 2012 (in pausa)
Periodicità it.irregolare
Volumi it.27 (in corso)
OAV
RegiaKatsuhito Akiyama
Composizione serieHiroshi Yamaguchi
Char. designAtsushi Okuda, Hiroyuki Kitazume
Dir. artisticaShigemi Ikeda
MusicheKouhei Tanaka
StudioAIC
1ª edizione25 agosto 1992 – 25 giugno 1993
Episodi6 (completa)
Rapporto4:3
Durata ep.30 min
Editore it.Yamato Video (DVD)
1ª edizione it.1998
Episodi it.6 (completa)
Durata ep. it.30 min
Dialoghi it.Amanda Ronzoni, Fiamma Molinari
Studio dopp. it.Digital Editing Audio
Dir. dopp. it.Raffaele Farina
ONA
Bastard!! - L'oscuro dio distruttore
RegiaTakaharu Ozaki
Composizione serieYōsuke Kuroda
Char. designSayaka Ono
MusicheYasuharu Takanashi
StudioLiden Films
1ª pubbl.30 giugno – 15 settembre 2022
1º streamingNetflix
Episodi24 (completa)
Rapporto16:9
Durata ep.24 min
1ª pubbl. it.30 giugno – 15 settembre 2022
1º streaming it.Netflix
Episodi it.24 (completa)
Durata ep. it.24 min
Dir. dopp. it.Simone Marzola[6]

Bastard!! L'oscuro distruttore (バスタード!! 暗黒の破壊神 Basutādo!! Ankoku no hakai shin?, lett. "Bastard!! Il dio distruttore delle tenebre"), è un manga di Kazushi Hagiwara, da cui sono state tratte anche una serie OAV[7] e un'ONA.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dark Schneider nell'OAV

Dopo quattrocento anni dalla caduta della civiltà, in un mondo ritornato al Medioevo, ovunque è guerra. Per salvare il regno di Meta-Likana, Tiara Nort Yoko, adolescente figlia del gran sacerdote Geo Nort Sort, fa tornare in vita il leggendario stregone Dark Schneider, che anni prima aveva tentato di conquistare il mondo alla testa di un esercito demoniaco e, prima di essere sconfitto, aveva pronunciato una formula magica che gli avrebbe permesso di ritornare in vita, ma il gran sacerdote riuscì a imprigionarlo nel corpo di Rusie Renren, un adolescente orfano allevato insieme a Yoko, gentile e servizievole. Dark Schneider ubbidisce a Yoko e aiuta il regno di Meta-Likana a difendersi dalle truppe di Kall-Su, che anni prima era alleato di Dark Schneider stesso. Lo scopo finale di Kall-Su è di riportare in vita Anslasax, il leggendario dio distruttore, che 400 anni prima aveva devastato il mondo. Risorto il dio distruttore scoppia la guerra tra angeli, demoni e uomini e compaiono figure come Lucifero, Satana, il Messia e quattro arcangeli.

Anslasax non è altro che un angelo appartenente alla classe delle dominazioni (la storia della grande distruzione raccontata finora si rivela falsa), dopo essere stato sconfitto da Dark Schneider risorge rivelando la sua identità, e permette così agli angeli di arrivare sulla terra, iniziando l'Apocalisse. Il mondo fantasy generato quattrocento anni prima non è altro che un nuovo mondo voluto da Dio dopo che il nostro era stato distrutto dall'armageddon nel 1999, nel quale la maggior parte degli uomini e degli animali era morta e al quale hanno partecipato anche i demoni, guidati da Satana. Satana riuscí a sconfiggere Gabriel, Uriel, Rafael (gli angeli più forti, all'epoca arcangeli poi promossi serafini), ma venne infine sconfitto da Micheal e rinchiuso all'inferno per mille anni, ma riuscirà a uscirne dopo il nuovo arrivo degli angeli sulla Terra. Resta un mistero perché lo sterminio totale non si completò, comunque in quel frangente nacque Dark Schneider, che si rivelerà essere l'Anticristo, incarnazione di Satana sulla terra. Satana e Lucifero sono due personaggi differenti, il primo è identico a Dark Schneider nelle fattezze, il secondo a Rusie Renren; Lucifero era il capo degli angeli ma era scettico su alcuni piani di Dio dopo la creazione dell'uomo, che aveva dichiarato che quello era l'unico suo figlio riconosciuto; da qui un terzo degli angeli si ribella e ne nasce una guerra alla quale si uniscono anche i demoni, creature di un'altra dimensione; Lucifero e i suoi perdono e sono costretti a rifugiarsi all'inferno.

Dark Schneider è morto quando Anslasax è risorto come angelo, e si ritrova all'inferno dove incontra Satana che gli racconta la sua lotta contro Dio e che il creatore dell'universo è un altro, che viene chiamato il Dio dei demoni, e che la sua memoria è stata sigillata quattrocento anni prima. Incontra i sette angeli decaduti più forti, guidati da Baalzebub e si scontra con Porno Diano. Successivamente è sulla Terra dove è in corso una guerra tra angeli e demoni insieme ad angeli decaduti; l'umanità ormai è ridotta a poche migliaia di persone. Qui incontra Uriel, Gabriel, Micheal e Rafael, affermando di conoscerli (infatti ha recuperato la memoria) e iniziano uno scontro con un angelo decaduto, Konron, il cui obiettivo è il decadimento di Uriel, costringendolo a uccidere sua sorella. Riuscito nel suo intento, Konron vede Uriel diventare una creatura infernale, prima di essere ucciso da Dark Schneider, rivelatosi come anticristo, il quale poi, dopo un lunghissimo scontro, riesce finalmente a sconfiggere anche l'ex angelo.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Dark Schneider (ダーク・シュナイダー Dāku Shunaidā?)/Rusie Renren (ルーシェ・レンレン Rūshe Renren?)
Doppiato da: Kazuki Yao (Dark Schneider, OAV), Yuriko Fuchizaki (Rusie, OAV), Kishō Taniyama[8] (Dark Schneider, ONA), Kanae Itō[9] (Rusie, ONA) (ed. giapponese), Luca Semeraro (Dark Schneider, OAV), Davide Garbolino (Rusie, OAV), Omar Vitelli[6] (Dark Schneider, ONA), Marcello Gobbi[6] (Rusie, ONA) (ed. italiana)
Dark Schneider (che prende il nome da Udo Dirkschneider[10]) è il mago più potente della serie. 15 anni prima dell'inizio della storia, aveva un esercito di migliaia di maghi e guerrieri, guidati dai suoi aiutanti "I Cavalieri del Caos" (gruppo composto da Arshes Nei, Abigail, Gara e Kall-Su). Fu sconfitto da Lars Ul Metallicana, il principe del regno di Metallicana. Tuttavia è sfuggito alla morte usando le sue arti oscure per reincarnarsi nella forma di un bambino, Rusie Renren. Geo Nort Sort, il sacerdote capo dei Metallicana, ha quindi sigillato lo spirito di Dark Schneider in modo che non riemergesse nel ragazzo. Dopo lo scoppio di una guerra per spezzare i sigilli di Anthrax, il sommo sacerdote ordinò che Dark Schneider fosse scatenato ancora una volta per conquistare il mondo. L'obiettivo principale di Dark Schneider è conquistare il mondo e "avere tutte le donne del mondo". La prima parte della storia si basa principalmente sul fatto che riesca a rincontrare i suoi uomini, noti come "Cavalieri del Caos" o "Quattro Re Celesti", oltre a ottenere il potere che aveva una volta in modo da poter raggiungere nuovamente il suo obiettivo di conquista del mondo.
Dopo aver perso la sua battaglia contro Antrax (chiamato anche Anthrasax), che si rivela essere un angelo, Dark Schneider viene gettato nelle profondità dei livelli superiori dell'Inferno e incontra Satana. Satana gli dice che lui è una parte importante della profezia della fine dei tempi e guiderà i demoni e l'umanità a combattere contro Dio e il suo esercito. Rivela anche di essere il "padre" di Dark Schneider, e quindi considera quest'ultimo l '"Anticristo" menzionato nella Bibbia. Dark Schneider, tuttavia, rifiuta di allinearsi con l'Inferno e viene poi spinto in battaglia con l'Alto Comandante dell'Inferno, Porno Diano. Quattro anni dopo, torna sulla Terra e combatte al fianco dei Serafini contro il diavolo Konron. Il suo corpo viene distrutto dall'attacco del Pugno Rotante di Konron, ma la sua testa sopravvive.
Tiara Nort Yoko (ティア・ノート・ヨーコ Tia Nōto Yōko?)
Doppiata da: Yuka Koyama (OAV), Tomori Kusunoki[8] (ONA) (ed. giapponese), Emanuela Pacotto (OAV), Giulia Bersani[6] (ONA) (ed. italiana)
Yoko è una ragazza dai capelli rossi e dal carattere volitivo e un po' capriccioso nonché figlia del Gran Sacerdote, una vergine casta, autoproclamata guardiana e amica di Rusie. È il principale interesse amoroso di Dark Schneider ed è la prima a usare il "bacio della vergine" per risvegliarlo. Dopo aver affrontato un addestramento da sacerdotessa, non mostra alcun talento magico fino alle fasi più avanzate del manga, dove diventerà la chierica del gruppo, mentre nella serie OAV non fa mai appello alle sue capacità. Nonostante ciò, è l'unica persona che Dark Schneider teme e soprattutto rispetta.
Durante la pausa di quattro anni nella serie risulta scomparsa, apparentemente uccisa durante la caduta del Re Cremisi. Allo stesso tempo, una donna con lo stesso aspetto e nota con il nome di "Lilith" appare accanto al Re dell'Inferno. Quest'ultima donna è stata trovata vicino ai confini del Lete e sembra avere dei ricordi di Dark Schneider.
Gara (ガラ Gara?)
Doppiato da: Tesshō Genda (OAV), Hiroki Yasumoto[8] (ONA) (ed. giapponese), Marco Balzarotti (OAV), Alessandro Germano[6] (ONA) (ed. italiana)
Gara è un maestro del ninjutsu e almeno il terzo generale che Dark Schneider ha assunto. Ha tentato di uccidere quest'ultimo, ma a seguito di un combattimento ne è uscito sconfitto facilmente. Dark Schneider rimase commosso dagli attacchi impetuosi e volitivi del ragazzo, e così si offrì di assumerlo come servitore e combattente; Gara accettò questa opportunità e da allora è un suo fedele servitore. Utilizza una spada che può trarre la sua forza vitale direttamente dallo spadaccino, consentendo attacchi magici quasi imbattibili. Tuttavia, l'attacco più forte di solito si rivela fatale da utilizzare.
Quando ha scoperto che Dark Schneider era stato risvegliato, ha rapito Yoko; in seguito a Dark Schneider è stato chiesto di rintracciare il maestro ninja e una volta di fronte l'uno all'altro si sono affrontati. Al termine dello scontro, Dark Schneider e Gara persero entrambi un braccio, spingendo il secondo ad alzare la posta in gioco sostenendo di aver avuto rapporti con Yoko; sperando che ciò avrebbe fatto perdere a Dark il suo spirito combattivo, ma questa sua affermazione finì solo per far arrabbiare orribilmente il mago. A questo punto Dark Schneider distrusse la base di Gara, ma risparmiò tutti i presenti e ricreò il braccio del suo avversario. Gara, resosi conto delle proprie azioni, decise di unirsi a Dark Schneider, rivelandosi il primo generale ad aggiungersi nuovamente alle sue schiere.
Arshes Nei (アーシェス・ネイ Āshesu Nei?)
Doppiata da: Rei Sakuma (OAV), Mami Koyama (drama-CD, ep. 1-3), Yōko Hikasa[8] (ONA) (ed. giapponese), Anna Maria Tulli (OAV), Anna Charlotte Barbera [6] (ONA) (ed. italiana)
Una metà umana e metà elfa oscura tenuta come schiava dagli Elfi Silvani. Dopo essere stata abbandonata dalla sua tribù, è stata trovata da Dark Schneider che ha provato pietà nei suoi confronti. Diventò così sia sua figlia che la sua amante, essendo apparentemente altrettanto immortale (o almeno longeva). È la sua principale confidente, e come tale è a conoscenza della maggior parte degli incantesimi che utilizza. Per dimostrare la sua lealtà ai Quattro Re Celesti, si è lasciata maledire dall'incantesimo di accusa di Abigail; nell'anime degli anni '90, questo l'ha costretta a combattere contro Dark Schneider mentre il suo esercito marciava su Metallicana. Nel mezzo di una resa dei conti magica con Helloween, lo spirito di Rusie ha reso Dark Schneider consapevole di ciò che stava spingendo sua figlia ad attaccarlo. Dark Schneider rimase indignato e si strappò il cuore per scacciare il potere dell'incantesimo di accusa, ma in seguito resuscitò. A questo punto Arshes si unisce a lui e insieme distrussero gli eserciti nemici. È stata la prima persona ad entrare nei "Cavalieri del Caos" e la seconda a rifarne parte. Il suo nome è un riferimento ai Whitesnake[10].
Kall-Su (カル=ス Karu Su?)
Doppiato da: Toshihiko Seki (OAV), Ryō Horikawa (drama-CD, ep. 1-3), Shin'ichirō Miki (drama-CD, ep. 4), Kenshō Ono[9] (ONA) (ed. giapponese), Simone D'Andrea (OAV), Matteo Garofalo[6] (ONA) (ed. italiana)
Kall-Su era il secondo generale di Dark Schneider; per combattere usa l'Ice-Falchion, una grande spada, ed è magicamente potente. Il suo nome è un riferimento a Kal Swan dei gruppi musicali Lion e Bad Moon Rising. Kall-Su è nato in un villaggio lontano e suo padre era un drago di ghiaccio in forma umana. Per questo motivo era temuto dagli altri abitanti e fu vittima di bullismo e di pestaggi. Si sbarazzò dei bulli attraverso l'uso istintivo della magia e fu condannato a morire in una grotta. Ad un certo punto, con vergogna e paura, sua madre tentò di ucciderlo con l'Ice-Falchion. Anche se il colpo ha quasi tagliato a metà la testa di Kall-Su, questi riuscì ad uccidere la madre e, dopo aver lasciato il villaggio, è stato fermato da una folla munita di fiaccole. Distrusse la folla con uno sguardo, così come l'intero villaggio, e rimase a vagare tra le rovine. Dark Schneider lo trovò e lo fece entrare nel suo gruppo, dichiarandolo suo figlio, ma soprattutto schiavo e servitore. Vanta un potere estremo ed è in grado di trasformarsi in un drago di ghiaccio a piacimento. Distrugge l'intera città di Whiteos-Neiki con il suo incantesimo, Vizkaya, che congela tutti gli abitanti del regno in ghiaccio solido. Quando la serie finisce inaspettatamente, è l'ultimo generale rimasto e desidera l'apocalisse. Viene poi rivelato che Anthrax gli disse di disprezzare Dark Schneider ed esplose così un violento scontro tra i due.
Kall, Nei e Gara scoprono poi il motivo per cui "esseri luminosi di luce" hanno iniziato una guerra contro di loro tramite antichi elaboratori in una base sotterranea. Apprendono che l'Apocalisse si sta avvicinando rapidamente e gli esseri di luce sono in realtà angeli inviati da Dio per uccidere un terzo dell'umanità (quelli ritenuti peccatori per aver adorato falsi dei). Uno dei dodici elfi di Europa (a cavallo di un abominio simile a un behemoth con piedi umani e dozzine di occhi) vede i tre e si arrabbia per aver scoperto il motivo dietro gli eventi attuali della Terra attraverso il suo sistema informatico. Dopo aver evocato numerosi mostri, si preparano a combattere. Tuttavia, prima dell'inizio dello scontro, scoprono che le loro spade stanno esplodendo di energia e sembrano aver perso il loro potere.
Quattro anni dopo la battaglia sulla Terra, Kall-Su è cieco (apparentemente dalle cicatrici riportate sugli occhi e sul viso). Sostiene che il suo potere sia aumentato esponenzialmente negli ultimi quattro anni, anche se non sa il motivo. Alla fine questo dettaglio gli viene chiarito attraverso il "Ragazzo Misterioso" che è colmo dello stesso potere di Elijah e ritenuto degno di essere il suo successore. Si dice anche che sia il "vero" re dei Metallicana e che alla fine dovrà combattere con Dark Schneider insieme al "Ragazzo Misterioso". Molte persone però non credono che sia il successore di Elijah, e fra queste vi è il re nano Jeloy, armato di una potente ascia per respingere questo evento. Lui e i suoi uomini furono però fermati da Lars, credendo che fosse veramente il successore di Elijah (poiché è un noto eroe nel regno dei nani). Corregge la loro affermazione, dicendo che in effetti Kall è il successore di Elijah e gli è stato detto di fare l'opera di Dio.
Dopo aver lasciato il regno dei nani, Kall-Su decide di andare nel mondo degli spiriti in cerca di aiuto e risveglia un potente gigante dal suo sonno. Il gigante lo maledice per aver violato la terra "santa" e dice che dovrà morire per i suoi "peccati". Kall afferma che "la morte non sarà sufficiente per espiare i miei crimini in questo mondo" e lancia una sfera d'acqua super condensata contro il gigante, poi lancia l'Ice-Falchion contro la sfera per rilasciare un'ondata d'acqua sul gigante, facendolo tornare prigioniero di una colonna di ghiaccio. Nei gli si avvicina e gli dice che non è da lui essere così avventato. Il terreno inizia a rimbombare e un gigantesco portale appare davanti ai due, Kall afferma che si recherà nel regno degli spiriti per cercare di chiedere aiuto contro l'imminente guerra sulla Terra.
Abigail (アビゲイル Abigeiru?)
Doppiato da: Ryūzaburō Ōtomo (OAV), Tomokazu Sugita[9] (ONA) (ed. giapponese), Stefano Albertini (OAV), Massimiliano Lotti[6] (ONA) (ed. italiana)
Abigail è un personaggio misterioso: è il quarto Cavaliere del Caos, ed è piuttosto potente. Afferma di essere il sacerdote e il primo cavaliere di Anslasax e spiega che esiste dai giorni del Vecchio Mondo e il suo compito è quello di facilitare la resurrezione di Anthrax. Maledice Arshes con l'incantesimo di accusa, che la costringe a obbedirgli e se non dovesse farlo, il suo corpo verrà distrutto e tornerà ad avere le sembianze di un rospo immortale. È il membro solitario del gruppo ed è in grado di ottenere le "tre chiavi" che suggellano il Dio della Distruzione nel sonno e inizia l'incantesimo per resuscitarlo. Alla fine Abigail viene distrutto da Dark Schneider, anche se il primo riesce quasi a uccidere il secondo, Yoko, Arshes e Gara. Nel "Requiem dell'Inferno" (la seconda parte della serie), viene visto comunicare con Dark Schneider e i suoi amici, i samurai. Dopo l'attacco dell'angelo sulla Terra, Abigail converte il suo spirito nel sistema a griglia mainframe della flotta volante King Crimson Glory (riferimento alle band King Crimson[10] e Crimson Glory[10]). Vi sono alcuni indizi che Abigail possa essere il "falso profeta", il servitore dell'Anticristo menzionato nella Bibbia. Il suo nome deriva dall'album di King Diamond, Abigail.
Lars Ulu (ラーズ Rāzu?)
Doppiato da: Masami Kikuchi (OAV), Yoshitsugu Matsuoka[11] (ONA) (ed. giapponese), Andrea Beltramo[6] (ONA) (ed. italiana)
Lars Ulu, il cui nome è un riferimento a Lars Ulrich dei Metallica, è il principe del regno di Metallicana. Si dice che sia il più grande guerriero dei Metallicana, grazie alla sua capacità di uccidere eserciti di migliaia di persone da solo. Una parte del suo potere deriva dal "sangue dei draghi" che scorre nelle sue vene, conferendogli maggiore vigore, potenza e velocità, oltre alla capacità di usare il "ki", ovvero il potere spirituale del drago per i suoi attacchi. Brandisce la spada del drago "Heavy Metal", una lama traslucida con un potere d'attacco mostruoso, resa ancora più letale in quanto assorbe il "ki" dei draghi per aumentare la sua forza distruttiva.
Quindici anni prima dell'inizio della storia, ha combattuto Dark Schneider in una battaglia dalla durata di diversi giorni. In questo lasso temporale, Dark Schneider era già riuscito a conquistare la maggior parte della Terra e aveva solo bisogno di ottenere solo alcuni regni per governare il mondo. Lars si ritrovò a perdere la battaglia e non ebbe possibilità di vittoria. Non avendo altra scelta, evoca il "Dragon Knight", un robot meccanico alto più di 500 metri e originariamente creato dai Dieci Saggi d'Europa. Il drago stesso, assorbendo e moltiplicando l'energia spirituale di chiunque lo usasse, si rivelò utile e aiutò Lars a uccidere Dark Schneider. Lo stesso Dragon Knight, tuttavia, fu maledetto, poiché doveva essere usato contro Anthra-Sax, non Dark Schneider, e lo trasformò in un cucciolo di drago. Dopo la morte di Dark Schneider, si dice che Lars sia scomparso o addirittura morto, poiché nessuno sapeva cosa fosse veramente successo quel giorno.
Sotto forma di un cucciolo di drago, Lars trascorre il suo tempo alla ricerca di un successore del Dragon Knight. Alla fine è stato trovato da Gara, il maestro ninja e uno dei "Quattro Cavalieri del Caos" e diventa il suo animale domestico. Segue persino Dark Schneider mentre va in giro per osservarlo, sapendo benissimo che una volta erano nemici mortali. Poco prima dell'attacco dell'angelo sulla Terra, il Dragon Knight fu distrutto da Anthrax, liberando così Lars dal suo incantesimo. Dice a Geo e agli altri membri del gruppo che il Dragon Knight non è divino come si credeva una volta ed era la ragione dietro la sua forma maledetta.
Durante l'attacco dell'angelo, Lars combatte contro gli angeli usando il potere del drago. È l'ultimo a resistere (poiché gli shogun stregoni e i samurai furono uccisi), anche se alla fine viene annientato dagli angeli di grado più alto.
Bon Jovina (ボン・ジョヴィーナ Bon Jobina?)
Doppiato da: Takkō Ishimori (OAV) (ed. giapponese), Mario Scarabelli (OAV), Giorgio Bonino[6] (ONA) (ed. italiana)
Prende il nome dall'artista Jon Bon Jovi, Bon Jovina è lo sfortunato capitano della guardia dei Metallicana. Viene costantemente sconfitto dai nemici, ma sembra essere abbastanza forte da resistere, perché sopravvive alla sconfitta di un'idra, preso a pugni da un minotauro con un gigantesco martello da guerra, schiacciato da due pareti e fatto scaraventato attraverso due muri dalla spada dell'uragano. Non gli piace molto Dark Schneider, ma è molto fedele alla principessa. In seguito Bon Jovina si reca nelle Sale del Ritrovo con le altre razze di semi-umani in tutto il mondo per decidere cosa fare per la battaglia imminente.
Principessa Sheila (シーラ 姫 Shīra hime?)
Doppiata da: Konami Yoshida (OAV), Nao Tōyama[9] (ONA) (ed. giapponese), Stefania Patruno (OAV), Valentina Framarin[6] (ONA) (ed. italiana)
Principessa dei Metallicana e sorella di Lars, è forte e determinata, oltre che magicamente potente. Ha deciso di seguire Dark Schneider dopo essere rimasta affascinata da quest'ultimo e arriva persino al punto di ammettere di "amarlo".
Geo Nort Sort (ジオ・ノート・ソート Jio Nōto Sōto?)
Doppiato da: Nobuo Tanaka (ed. giapponese), Marco Balbi[6] (ONA) (ed. italiana)
Il potente chierico padre di Yoko, ha trasformato e imprigionato Dark Schneider nella forma di Rusie alla fine della Grande Guerra avvenuta 15 anni prima dell'inizio della storia. Il suo nome sembra essere un riferimento a Jeff Scott Soto, ex cantante di Yngwie Malmsteen.
Sean Ari (シーン・ハリ Shīn Hari?)
Doppiata da: Wakana Yamazaki (OAV), Ari Ozawa[11] (ONA) (ed. giapponese), Monica Bonetto (OAV), Laura Valastro[6] (ONA) (ed. italiana)
Un'orfana di guerra, è stata probabilmente cresciuta da Arshes Nei, la quale gli ha anche insegnato l'Alta Magia Antica impiegando dei talismani per aiutarla e facendola così diventare uno dei tre generali stregoni sotto il suo comando. Quando fu scoperta la prima resurrezione di Dark Schneider, a Sean Ari fu ordinato di assassinarlo: travestendosi da figlia di un ricco signore, usando le sue astuzie femminili e il suo corpo da vergine, riuscì quasi nel suo intento; Dark Schneider però si rese conto in quanti guai si trovava solo quando notò i segni fatti dall'armatura sulla parte superiore del corpo di Sean Ari. Il mago lascivo procedette a sedurre Sean Ari e la sua lealtà si spostò da Arshes a lui. Sean ha avuto un ruolo minore nell'OAV. Il suo nome è un riferimento al cantante dei Diamond Head, Sean Harris.
Kai Harn (カイ・ハーン Kai Hān?)
Doppiata da: Yūko Kobayashi (OAV), Shizuka Itō[11] (ONA) (ed. giapponese), Patrizia Scianca (OAV), Elisa Giorgio[6] (ONA) (ed. italiana)
Una maga-guerriera, nonché secondo generale stregone. È una maestra dell'antico stile di spadaccino Hariken e della magia dimenticata, e la sua abilità magica è maggiore di quella di Sean. Dark Schneider l'ha incontrata in una città in cui i cittadini erano stati trasformati in pietra, inizialmente scambiandola per un ragazzo con una cotta per Ari Sean, e ha proceduto a schernire Kai con disinformazione sulla verginità di Sean. Usando un incantesimo che ha trasformato gli umani in statue, l'infuriata Kai ha preso il sopravvento nella loro lotta e avrebbe ucciso Dark Schneider, se Ari Sean non avesse interferito e l'avesse fermata abbastanza a lungo da consentire a Dark Schneider di scoprire la divinità che fungeva da fonte della magia di Kai (Yng Wie, riferimento al musicista Yngwie Malmsteen) e sopraffarlo con il potere del suo dio protettore, Black More. Sull'orlo della sconfitta, Kai evocò una coccatrice per pietrificare sia Dark Schneider che Ari Sean, ma alla fine fu sconfitta a seguito di una ferita riportata a causa della stessa creatura convocata. Dark Schneider la aiutò a "curare" la sua ferita contro le sue proteste, seducendola e vincendola. Il suo nome è un riferimento a Kai Hansen, ex cantante degli Helloween e leader dei Gamma Ray.
Di Amon (ダイ=アモン Dai Amon?)
Doppiato da: Shigeru Chiba (OAV), Takehito Koyasu[11] (ONA) (ed. giapponese), Pietro Ubaldi (OAV), Matteo De Mojana[6] (ONA) (ed. italiana)
Il terzo generale stregone, si tratta di un mago che si trasformò in un vampiro prima di arruolarsi nell'esercito oscuro. Di Amon è modellato sulla leggenda del metal King Diamond, mostrando persino l'amore per la musica, il canto e la pittura per il viso nell'OAV. Anche la voce è simile. Cercò il potere di rovesciare Arshes Nei e Kall-Su bevendo il sangue di molte vergini. Nell'OAV, Yoko, che è stata mandata a trovare il mago assente, viene catturata da un lupo mannaro che lavorava per Di Amon. Il lupo mannaro viene poi ucciso da Dark Schneider nei panni di Rusie, spingendo Di Amon a intervenire e imprigionare Yoko, Lars e Rusie. Anche Ari Sean e Kai Harn vengono catturati, ma tutto ciò non si rivelò altri che uno stratagemma che portò a una battaglia magica con Di Amon. Tuttavia, Di Amon si dimostrò quasi invincibile, il che portò Kai a essere morsa, e Sean avrebbe condiviso la stessa sorte, se Yoko non l'avesse difesa. Dopo una lotta contro il sigillo e la volontà di Rusie, Dark Schneider si liberò da solo quando Yoko fu ferita da Di Amon e procedette a sconfiggere il vampiro con astuzia ed egoismo superiori. Di Amon fu così trasformato in polvere dalla luce dell'alba, poi si alzò come un pipistrello gigante, ma Dark Schneider lanciò prontamente l'incantesimo di accusa. In seguito, Di Amon riappare, lavorando duramente per combattere per Dark Schneider, che ora chiama il suo "amato maestro". Ha un'unghia di colore blu brillante.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Il manga è scritto e illustrato da Kazushi Hagiwara. La serie iniziò ad essere pubblicata per la prima volta sul settimanale antologico Weekly Shōnen Jump di Shūeisha il 14 marzo 1988 e continuò la uscita regolare sulla testata fino al 21 agosto 1989[12]. La serie è stata quindi trasferita alla rivista trimestrale Weekly Shōnen Jump Specials, dove è stata pubblicata in maniera irregolare[13]. Successivamente è stata nuovamente pubblicata su Weekly Shōnen Jump in maniera irregolare dal 1997 al 2000[12]. Bastard!! è stato nuovamente trasferito alla rivista seinen Ultra Jump, a partire dal 19 dicembre 2000[14][15] dove ha continuato ad uscire a cadenza irregolare[16]. Il suo ultimo capitolo è stato pubblicato il 19 maggio 2010[17][18]. Ventisette volumi tankōbon sono stati pubblicati tra il 10 agosto 1998[19] e il 19 marzo 2012[20]. Shūeisha ha ripubblicato la serie in una nuova edizione simile a un kanzenban, intitolata Bastard!! Complete Edition, che aggiorna lo stile grafico di Hagiwara, migliorando i suoi sfondi, la tonalità del nero e alcuni personaggi sono stati ridisegnati[12]. I volumi di questa edizione sono stati pubblicati dal dicembre 2000[21] al dicembre 2009[22]. Nel 2014, Shūeisha ha pubblicato un'edizione bunkoban in nove volumi distribuita da maggio[23] a settembre[24].

È stato pubblicato per la prima volta in Italia da Granata Press in 21 numeri sulla collana Z Comix dal novembre 1993 al luglio 1995 e poi interrotta a causa del fallimento della casa editrice[25]. Dal 1998 è stato ripubblicato da Planet Manga sulla testata Manga Saga con periodicità irregolare, prima ristampando le storie già pubblicate dalla Granata Press, quindi proseguendo con le storie inedite. L'edizione italiana conta ad oggi 27 tankobōn. Nel 2002, Planet Manga, ha dato origine ad una nuova edizione del fumetto, Bastard!! Deluxe, che presenta elementi grafici rinnovati e traduzioni rivedute. Verso la fine del 2010, Planet Manga annuncia l'intenzione di pubblicare una nuova edizione di lusso chiamata complete edition per il 2012[26].

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
110 agosto 1988[19]ISBN 4-08-871063-0 marzo 1998[27]
Capitoli
  • 01. Wizard!! Il conquistatore delle fiamme (WIZARD!!〜爆炎の征服者〜 WIZARD!! - Bakuen no seifuku-sha?)
  • 02. L'armata ribelle delle tenebre - 1 Apparizione (闇の反逆軍団編①「登場」 Yami no hangyaku gundan-hen 1 "Tōjō"?)
  • 03. L'armata ribelle delle tenebre - 2 Impeto (闇の反逆軍団編②「暴走」 Yami no hangyaku gundan-hen 2 "Bōsō"?)
  • 04. L'armata ribelle delle tenebre - 3 Scontro (闇の反逆軍団編③「対決」 Yami no hangyaku gundan-hen 3 "Taiketsu"?)
  • 05. L'armata ribelle delle tenebre - 4 Ricognizione (闇の反逆軍団編④「偵察」 Yami no hangyaku gundan-hen 4 "Teisatsu"?)
  • 06. L'armata ribelle delle tenebre - 5 Rapimento (闇の反逆軍団編⑤「誘拐」 Yami no hangyaku gundan-hen 5 "Yūkai"?)
  • 07. L'armata ribelle delle tenebre - 6 Resurrezione (闇の反逆軍団編⑥「復活」 Yami no hangyaku gundan-hen 6 "Fukkatsu"?)
  • 08. L'armata ribelle delle tenebre - 7 Invasione (闇の反逆軍団編⑦「新入」 Yami no hangyaku gundan-hen 7 "Shin'nyū"?)
210 novembre 1988[28]ISBN 4-08-871064-9 aprile 1998[29]
Capitoli
  • 09. L'armata ribelle delle tenebre - 8 Irrompere (闇の反逆軍団編⑧「突入」 Yami no hangyaku gundan-hen 8 "Totsunyū"?)
  • 10. L'armata ribelle delle tenebre - 9 Impazienza (闇の反逆軍団編⑨「焦燥」 Yami no hangyaku gundan-hen 9 "Shōsō"?)
  • 11. L'armata ribelle delle tenebre - 10 Responsabilità (闇の反逆軍団編⑩「責任」 Yami no hangyaku gundan-hen 10 "Sekinin"?)
  • 12. L'armata ribelle delle tenebre - 11 Combattimento (闇の反逆軍団編⑪「戦闘」 Yami no hangyaku gundan-hen 11 "Sentō"?)
  • 13. L'armata ribelle delle tenebre - 12 Rincontro (闇の反逆軍団編⑫「再会」 Yami no hangyaku gundan-hen 12 "Saikai"?)
  • 14. L'armata ribelle delle tenebre - 13 Provocazione (闇の反逆軍団編⑬「挑発」 Yami no hangyaku gundan-hen 13 "Chōhatsu"?)
  • 15. L'armata ribelle delle tenebre - 14 Conclusione (闇の反逆軍団編⑭「決着」 Yami no hangyaku gundan-hen 14 "Ketchaku"?)
  • 16. L'armata ribelle delle tenebre - 15 Fatalità (闇の反逆軍団編⑮「因縁」 Yami no hangyaku gundan-hen 15 "In'nen"?)
  • 17. L'armata ribelle delle tenebre - 16 Trappola (闇の反逆軍団編⑯「陥穽」 Yami no hangyaku gundan-hen 16 "Kansei"?)
  • 18. L'armata ribelle delle tenebre - 17 Contrattacco (闇の反逆軍団編⑰「反撃」 Yami no hangyaku gundan-hen 17 "Hangeki"?)
310 gennaio 1989[30]ISBN 4-08-871065-7 maggio 1998[31]
Capitoli
  • 19. L'armata ribelle delle tenebre - 18 Ragazza (闇の反逆軍団編⑱「少年」 Yami no hangyaku gundan-hen 18 "Shōnen"?)
  • 20. L'armata ribelle delle tenebre - 19 Pietrificazione (闇の反逆軍団編⑲「石化」 Yami no hangyaku gundan-hen 19 "Sekika"?)
  • 21. L'armata ribelle delle tenebre - 20 Mostro (闇の反逆軍団編⑳「魔獣」 Yami no hangyaku gundan-hen 20 "Majū"?)
  • 22. L'armata ribelle delle tenebre - 21 Aiuto (闇の反逆軍団編㉑「助勢」 Yami no hangyaku gundan-hen 21 "Josei"?)
  • 23. L'armata ribelle delle tenebre - 22 Vampiro (闇の反逆軍団編㉒「吸血」 Yami no hangyaku gundan-hen 22 "Kyūketsu"?)
  • 24. L'armata ribelle delle tenebre - 23 Zanne (闇の反逆軍団編㉓「牙狼」 Yami no hangyaku gundan-hen 23 "Garō"?)
  • 25. L'armata ribelle delle tenebre - 24 Avo (闇の反逆軍団編㉔「真祖」 Yami no hangyaku gundan-hen 24 "Shinso"?)
  • 26. L'armata ribelle delle tenebre - 25 Furia (闇の反逆軍団編㉕「激怒」 Yami no hangyaku gundan-hen 25 "Gekido"?)
  • 27. L'armata ribelle delle tenebre - 26 Conte (闇の反逆軍団編㉖「伯爵」 Yami no hangyaku gundan-hen 26 "Hakushaku"?)
  • 28. L'armata ribelle delle tenebre - 27 Unghiablù (闇の反逆軍団編㉗「青爪」 Yami no hangyaku gundan-hen 27 "Seisō"?)
410 marzo 1989[32]ISBN 4-08-871066-5 giugno 1998[33]
Capitoli
  • 29. L'armata ribelle delle tenebre - 28 Decisione (闇の反逆軍団編㉘「決意」 Yami no hangyaku gundan-hen 28 "Ketsui"?)
  • 30. L'armata ribelle delle tenebre - 29 Dio del Fulmine (闇の反逆軍団編㉙「雷神」 Yami no hangyaku gundan-hen 29 "Raijin"?)
  • 31. L'armata ribelle delle tenebre - 30 Arrivo (闇の反逆軍団編㉚「到着」 Yami no hangyaku gundan-hen 30 "Tōchaku"?)
  • 32. L'armata ribelle delle tenebre - 31 Destino (闇の反逆軍団編㉛「宿命」 Yami no hangyaku gundan-hen 31 "Shukumei"?)
  • 33. L'armata ribelle delle tenebre - 32 Profezia (闇の反逆軍団編㉜「予言」 Yami no hangyaku gundan-hen 32 "Yogen"?)
  • 34. L'armata ribelle delle tenebre - 33 Supplica (闇の反逆軍団編㉝「哀訴」 Yami no hangyaku gundan-hen 33 "Aiso"?)
  • 35. L'armata ribelle delle tenebre - 34 Volo (闇の反逆軍団編㉞「飛翔」 Yami no hangyaku gundan-hen 34 "Hishō"?)
  • 36. L'armata ribelle delle tenebre - 35 Sudditanza (闇の反逆軍団編㉟「主従」 Yami no hangyaku gundan-hen 35 "Shujū"?)
  • 37. L'armata ribelle delle tenebre - 36 Vita e Morte (闇の反逆軍団編㊱「死生」 Yami no hangyaku gundan-hen 36 "Shisei"?)
  • 38. L'armata ribelle delle tenebre - 37 Passato (闇の反逆軍団編㊲「過去」 Yami no hangyaku gundan-hen 37 "Kako"?)
510 maggio 1989[34]ISBN 4-08-871067-3 luglio 1998[35]
Capitoli
  • 39. L'armata ribelle delle tenebre - 38 Turbamento (闇の反逆軍団編(38)「動揺」 Yami no hangyaku gundan-hen 38 "Dōyō"?)
  • 40. L'armata ribelle delle tenebre - 39 Viraggio (闇の反逆軍団編(39)「変色」 Yami no hangyaku gundan-hen 39 "Henshoku"?)
  • 41. L'armata ribelle delle tenebre - 40 Finale (闇の反逆軍団編(40)「終幕」 Yami no hangyaku gundan-hen 40 "Shūmaku"?)
  • 42. L'armata ribelle delle tenebre - 41 Imminenza (闇の反逆軍団編(41)「急迫」 Yami no hangyaku gundan-hen 41 "Kyūhaku"?)
  • 43. L'armata ribelle delle tenebre - 42 Presagio (闇の反逆軍団編(42)「胎動」 Yami no hangyaku gundan-hen 42 "Taidō"?)
  • 44. L'armata ribelle delle tenebre - 43 Risveglio (闇の反逆軍団編(43)「覚醒」 Yami no hangyaku gundan-hen 43 "Kakusei"?)
  • 45. L'armata ribelle delle tenebre - 44 Commozione (闇の反逆軍団編(44)「感泣」 Yami no hangyaku gundan-hen 44 "Kankyū"?)
  • 46. L'armata ribelle delle tenebre - 45 Trionfo (闇の反逆軍団編(45)「凱旋」 Yami no hangyaku gundan-hen 45 "Gaisen"?)
  • 47. L'armata ribelle delle tenebre - 46 Mazza (闇の反逆軍団編(46)「鎚鉾」 Yami no hangyaku gundan-hen 46 "Tsuchihoko"?)
  • 48. L'armata ribelle delle tenebre - 47 Collaborazione (闇の反逆軍団編(47)「協力」 Yami no hangyaku gundan-hen 47 "Kyōryoku"?)
68 settembre 1989[36]ISBN 4-08-871068-1 agosto 1998[37]
Capitoli
  • 49. L'armata ribelle delle tenebre - 48 L'incantesimo proibito (闇の反逆軍団編(48)「禁呪」 Yami no hangyaku gundan-hen 48 "Gonju"?)
  • 50. L'armata ribelle delle tenebre - 49 Oscurità (闇の反逆軍団編(49)「暗黒」 Yami no hangyaku gundan-hen 49 "Ankoku"?)
  • 51. L'armata ribelle delle tenebre - 50 Sortita (闇の反逆軍団編(50)「出撃」 Yami no hangyaku gundan-hen 50 "Shutsugeki"?)
  • 52. L'armata ribelle delle tenebre - 51 Anello (闇の反逆軍団編(51)「指輪」 Yami no hangyaku gundan-hen 51 "Yubiwa"?)
  • 53. L'armata ribelle delle tenebre - 52 Assorbimento (闇の反逆軍団編(52)「吸収」 Yami no hangyaku gundan-hen 52 "Kyūshū"?)
  • 54. L'armata ribelle delle tenebre - 53 Battaglia cruenta (闇の反逆軍団編(53)「奮戦」 Yami no hangyaku gundan-hen 53 "Funsen"?)
  • 55. L'armata ribelle delle tenebre - 54 Spada malefica (闇の反逆軍団編(54)「妖刀」 Yami no hangyaku gundan-hen 54 "Yōtō"?)
  • 56. L'armata ribelle delle tenebre - 55 Tecnica segreta (闇の反逆軍団編(55)「秘剣」 Yami no hangyaku gundan-hen 55 "Hi ken"?)
  • 57. L'armata ribelle delle tenebre - 56 Partenza (闇の反逆軍団編(56)「始動」 Yami no hangyaku gundan-hen 56 "Shidō"?)
710 novembre 1989[38]ISBN 4-08-871069-X settembre 1998[39]
Capitoli
  • 58. L'armata ribelle delle tenebre - 57 Imperatrice del fulmine (闇の反逆軍団編(57)「雷帝」 Yami no hangyaku gundan-hen 57 "Rai tei"?)
  • 59. L'armata ribelle delle tenebre - 58 Tornado (闇の反逆軍団編(58)「竜巻」 Yami no hangyaku gundan-hen 58 "Tatsumaki"?)
  • 60. L'armata ribelle delle tenebre - 59 Trasformazione (闇の反逆軍団編(59)「変化」 Yami no hangyaku gundan-hen 59 "Henka"?)
  • 61. L'armata ribelle delle tenebre - 60 Atrocità (闇の反逆軍団編(60)「暴虐」 Yami no hangyaku gundan-hen 60 "Bōgyaku"?)
  • 62. L'armata ribelle delle tenebre - 61 Disumanità (闇の反逆軍団編(61)「外道」 Yami no hangyaku gundan-hen 61 "Gedō"?)
  • 63. L'armata ribelle delle tenebre - 62 Sconfitta (闇の反逆軍団編(62)「敗北」 Yami no hangyaku gundan-hen 62 "Haiboku"?)
  • 64. L'armata ribelle delle tenebre - 63 Battaglia violenta (闇の反逆軍団編(63)「激闘」 Yami no hangyaku gundan-hen 63 "Gekitō"?)
  • 65. L'armata ribelle delle tenebre - 64 Seguito (闇の反逆軍団編(64)「承前」 Yami no hangyaku gundan-hen 64 "Shōzen"?)
  • 66. L'armata ribelle delle tenebre - 65 Effetto (闇の反逆軍団編(65)「効果」 Yami no hangyaku gundan-hen 65 "Kōka"?)
88 giugno 1990[40]ISBN 4-08-871070-3 ottobre 1998[41]
Capitoli
  • 67. L'armata ribelle delle tenebre - 66 Apertura (闇の反逆軍団編(66)「間隙」 Yami no hangyaku gundan-hen 66 "Kangeki"?)
  • 68. L'armata ribelle delle tenebre - 67 Risultato (闇の反逆軍団編(67)「結章」 Yami no hangyaku gundan-hen 67 "Kessyo"?)
  • 69. L'armata ribelle delle tenebre - 68 Estinzione (闇の反逆軍団編(68)「消滅」 Yami no hangyaku gundan-hen 68 "Shōmetsu"?)
  • 70. L'armata ribelle delle tenebre - 69 Finale (闇の反逆軍団編(69)「終焉」 Yami no hangyaku gundan-hen 69 "Shūen"?)
  • 71. Intermission Leggenda (INTERMISSION「伝説」 INTERMISSION "Densetsu"?)
  • 72. Requiem dell'inferno - 01 Rivolta (地獄の鎮魂歌編①「叛旗」 Jigoku no chinkonka-hen 1 "Hanki"?)
  • 73. Requiem dell'inferno - 02 Trasformazione (地獄の鎮魂歌編②「変貌」 Jigoku no chinkonka-hen 2 "Henbō"?)
  • 74. Requiem dell'inferno - 03 Destino (地獄の鎮魂歌編③「運命」 Jigoku no chinkonka-hen 3 "Unmei"?)
99 novembre 1990[42]ISBN 4-08-871831-3 novembre 1998[43]
Capitoli
  • 75. Requiem dell'inferno - 04 Tempesta di Primavera (地獄の鎮魂歌編④「青嵐」 Jigoku no chinkonka-hen 4 "Seiran"?)
  • 76. Requiem dell'inferno - 05 Alba (地獄の鎮魂歌編⑤「黎明」 Jigoku no chinkonka-hen 5 "Reimei"?)
1010 luglio 1991[44]ISBN 4-08-871832-1 dicembre 1998[45]
Capitoli
  • 77. Requiem dell'inferno - 06 Ghiaccio e neve (地獄の鎮魂歌編⑥「氷雪」 Jigoku no chinkonka-hen 6 "Hyōsetsu"?)
  • 78. Requiem dell'inferno - 07 Terra proibita (地獄の鎮魂歌編⑦「魔境」 Jigoku no chinkonka-hen 7 "Makyō"?)
1110 febbraio 1992[46]ISBN 4-08-871833-X gennaio 1999[47]
Capitoli
  • 79. Le tavole speciali Tuono lontano (特別描き下ろし「遠雷」 Tokubetsu kaki oroshi "Enrai"?)
  • 80. Requiem dell'inferno - 08 Guerra sacra I (地獄の鎮魂歌編⑧「聖戦Ⅰ」 Jigoku no chinkonka-hen 8 "Seisen Ⅰ"?)
  • 81. Requiem dell'inferno - 09 Guerra sacra II (地獄の鎮魂歌編⑨「聖戦Ⅱ」 Jigoku no chinkonka-hen 9 "Seisen Ⅱ"?)
123 luglio 1992[48]ISBN 4-08-871834-8 10 febbraio 1999[49]
Capitoli
  • 82. Requiem dell'inferno - 10 Guerra sacra III (地獄の鎮魂歌編⑩「聖戦Ⅲ」 Jigoku no chinkonka-hen 10 "Seisen Ⅲ"?)
  • 83. Requiem dell'inferno - 11 Guerra sacra IV (地獄の鎮魂歌編⑪「聖戦Ⅳ」 Jigoku no chinkonka-hen 11 "Seisen Ⅳ"?)
  • 84. Requiem dell'inferno - 12 Adunata (地獄の鎮魂歌編⑫「集結」 Jigoku no chinkonka-hen 12 "Shūketsu"?)
134 marzo 1993[50]ISBN 4-08-871835-6 marzo 1999[51]
Capitoli
  • 85. Il peccato e la punizione - Corteo funebre I (罪と罰編「葬列Ⅰ」 Tsumitobachi-hen "Sōretsu I"?)
  • 86. Il peccato e la punizione - Corteo funebre II (罪と罰編「葬列Ⅱ」 Tsumitobachi-hen "Sōretsu II"?)
144 ottobre 1993[52]ISBN 4-08-871836-4 8 aprile 1999[53]
Capitoli
  • 87. Il peccato e la punizione - Nascita - in the beginning (罪と罰編「誕生」IN THE BEGINNING Tsumi to bachi-hen "Tanjō" IN THE BEGINNING?)
  • 88. Il peccato e la punizione - Battaglia finale (罪と罰編「決戦」 Tsumitobachi-hen "Kessen"?)
  • 89. Il peccato e la punizione - Avvento I (罪と罰編「降臨Ⅰ」Tsumi to bachi-hen "Kōrin I"?)
  • 90. Il peccato e la punizione - Avvento II (罪と罰編「降臨Ⅱ」 Tsumi to bachi-hen "Kōrin II"?)
153 giugno 1994[54]ISBN 4-08-871837-2 13 maggio 1999[55]
Capitoli
  • 91. Il peccato e la punizione - Avvento III (罪と罰編「降臨Ⅲ」 Tsumi to bachi-hen "Kōrin III"?)
  • 92. Il peccato e la punizione - Angelo decaduto I (罪と罰編「堕天使Ⅰ」 Tsumi to bachi-hen "Daten-shi I"?)
  • 93. Il peccato e la punizione - Angelo decaduto II (罪と罰編「堕天使Ⅱ」 Tsumi to bachi-hen "Daten-shi II"?)
163 marzo 1995[56]ISBN 4-08-871838-0 10 giugno 1999[57]
Capitoli
  • 94. Il peccato e la punizione - Limite I (罪と罰編「極限Ⅰ」 Tsumi to bachi-hen "Kyokugen I"?)
  • 95. Il peccato e la punizione - Limite II (罪と罰編「極限Ⅱ」 Tsumi to bachi-hen "Kyokugen II"?)
1710 maggio 1996[58]ISBN 4-08-872241-8 8 luglio 1999[59]
Capitoli
  • 96. Il peccato e la punizione - Ruggito (罪と罰編「號叫」 Tsumi to bachi-hen - "Kosakebi"?)
  • 97. Il peccato e la punizione - Condanna (罪と罰編「断罪」 Tsumi to bachi-hen "Danzai"?)
  • 98. Il peccato e la punizione - Canto sacro (罪と罰編「聖歌」 Tsumi to bachi-hen "Seika"?)
  • 99. Il peccato e la punizione - Abisso (罪と罰編「奈落」 Tsumi to bachi-hen "Naraku"?)
181º novembre 1996[60]ISBN 4-08-872242-6 5 agosto 1999[61]
Capitoli
  • 100. Il peccato e la punizione - Abisso II (罪と罰編「奈落Ⅱ」 Tsumi to bachi-hen "Naraku II"?)
  • 101. Il peccato e la punizione - Inferno (罪と罰編「地獄」 Tsumi to bachi-hen "Jigoku"?)
  • 102. Il peccato e la punizione - Brano frammentario (罪と罰編「断章」 Tsumi to bachi-hen "Danshō"?)
194 marzo 1998[62]ISBN 4-08-872243-4 9 settembre 1999[63]
Capitoli
  • 103. Norma corrotta I (背徳の掟編ⅠDEFENDER OF THE FAITH Haitoku no okite-hen I DEFENDER OF THE FAITH?)
  • 104. Norma corrotta II (背徳の掟編Ⅱ Haitoku no okite-hen II?)
  • 105. Norma corrotta III (背徳の掟編Ⅲ Haitoku no okite-hen III?)
  • 106. Norma corrotta IV (背徳の掟編Ⅳ Haitoku no okite-hen IV?)
  • 107. Norma corrotta V (背徳の掟編Ⅴ Haitoku no okite-hen V?)
  • 108. Vittima Capitolo 0 (贄編第0話VICTIM OF CHANGES Niehen dai 0 wa VICTIM OF CHANGES ?)
203 dicembre 1998[64]ISBN 4-08-872651-0 14 ottobre 1999[65]
Capitoli
  • 109. Norma corrotta VI (背徳の掟編Ⅵ Haitoku no okite-hen VI?)
  • 110. Norma corrotta VII (背徳の掟編Ⅶ Haitoku no okite-hen VII?)
  • 111. Norma corrotta VIII (背徳の掟編Ⅷ Haitoku no okite-hen VIII?)
  • 112. Norma corrotta IX (背徳の掟編Ⅸ Haitoku no okite-hen IX?)
  • 113. Norma corrotta X (背徳の掟編Ⅹ Haitoku no okite-hen X?)
  • 114. Norma corrotta XI (背徳の掟編? Haitoku no okite-hen??)
  • 115. Norma corrotta XII (背徳の掟編? Haitoku no okite-hen??)
213 settembre 1999[66]ISBN 4-08-872759-2 13 gennaio 2000[67]
Capitoli
  • 116. Norma corrotta XIII (背徳の掟編XIII Haitoku no okite-hen XIII?)
  • 117. Norma corrotta XIV (背徳の掟編XIV Haitoku no okite-hen XIV?)
  • 118. Norma corrotta XV (背徳の掟編XV Haitoku no okite-hen XV?)
  • 119. Norma corrotta XVI (背徳の掟編XVI Haitoku no okite-hen XVI?)
  • 120. Norma corrotta XVII (背徳の掟編XVII Haitoku no okite-hen XVII?)
  • 121. Norma corrotta XVIII (背徳の掟編XVIII Haitoku no okite-hen XVIII?)
224 giugno 2001[68]ISBN 4-08-873131-X 2 novembre 2001[69]
Capitoli
  • 122. Norma corrotta XIX (背徳の掟編XIX Haitoku no okite-hen XIX?)
  • 123. Norma corrotta XX (背徳の掟編XX Haitoku no okite-hen XX?)
  • 124. Norma corrotta XXI (背徳の掟編XXI Haitoku no okite-hen XXI?)
  • 125. Norma corrotta XXII (背徳の掟編XXII Haitoku no okite-hen XXII?)
  • 126. Norma corrotta XXIII (背徳の掟編XXIII Haitoku no okite-hen XXIII?)
  • 127. Norma corrotta XXIV (背徳の掟編XXIV Haitoku no okite-hen XXIV?)
  • Racconto fuori serie: Leggera febbre per un rossetto (読切作品 微熱口紅 Yomikiri sakuhin binetsu kuchibeni?)
2330 aprile 2004[70]ISBN 4-08-873563-3 10 febbraio 2005[71]
Capitoli
  • 128. Norma corrotta XXV (背徳の掟編XXV Haitoku no okite-hen XXV?)
  • 129. Norma corrotta XXVI (背徳の掟編XXVI Haitoku no okite-hen XXVI?)
244 luglio 2006[72]ISBN 4-08-873877-2 15 marzo 2007[73]
Capitoli
  • 130. Norma corrotta: Capitolo finale I (背徳の掟編 最終節Ⅰ Haitoku no okite-hen saishū-bushi I?)
  • 131. Norma corrotta: Capitolo finale II (背徳の掟編 最終節Ⅱ Haitoku no okite-hen saishū-bushi II?)
  • 132. Norma corrotta: Capitolo finale III (背徳の掟編 最終節Ⅲ Haitoku no okite-hen saishū-bushi III?)
  • 133. Norma corrotta: Capitolo finale IV (背徳の掟編 最終節Ⅳ Haitoku no okite-hen saishū-bushi IV?)
254 aprile 2008[74]ISBN 978-4-08-874492-6 31 gennaio 2009[75]
Capitoli
  • 134. Norma corrotta: Capitolo finale V (背徳の掟編 最終節Ⅴ Haitoku no okite-hen saishū-bushi V?)
  • 135. Norma corrotta: Capitolo finale VI (背徳の掟編 最終節Ⅵ Haitoku no okite-hen saishū-bushi VI?)
264 giugno 2009[76]ISBN 978-4-08-874672-2 17 gennaio 2010[77]
Capitoli
  • 136. Norma corrotta: Capitolo finale VII (背徳の掟編 最終節Ⅶ Haitoku no okite-hen saishū-bushi VII?)
  • 137. Norma corrotta: Capitolo finale VIII (背徳の掟編 最終節Ⅷ Haitoku no okite-hen saishū-bushi VIII?)
  • Racconto fuori serie: Virgin Tyrant (特別読切 VIRGIN TYRANT Tokubetsu yomikiri VIRGIN TYRANT?)
2719 marzo 2012[20]ISBN 978-4-08-870171-4 22 settembre 2012[78]
Capitoli
  • 138. Il Sigillo della magia I (魔力の刻印篇Ⅰ Maryoku no kokuin-hen I?)
  • 139. Il Sigillo della magia II (魔力の刻印篇Ⅱ Maryoku no kokuin-hen II?)
  • 140. Il Sigillo della magia III (魔力の刻印篇Ⅲ Maryoku no kokuin-hen III?)
  • 141. Il Sigillo della magia IV (魔力の刻印篇Ⅳ Maryoku no kokuin-hen IV?)
  • 142. Il Sigillo della magia V (魔力の刻印篇Ⅴ Maryoku no kokuin-hen V?)

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Serie 1992[modifica | modifica wikitesto]

La Shūeisha ha prodotto una serie di sei OAV basati sul manga, della durata di 30 minuti ognuno e distribuiti dal 25 agosto 1992 al 25 giugno 1993[79]. La miniserie copre la storia della battaglia dei Quattro Cavalieri del Caos contro Abigail, corrispondente ai volumi 6 e 7 del manga[80].

In Italia è stata pubblicata da Yamato Video su videocassetta nel 1998[81][82]. Il doppiaggio italiano è stato svolto presso lo studio DEA Digital Editing Audio con la traduzione di Amanda Ronzoni, l'adattamento testi di Fiamma Molinari e la direzione del doppiaggio di Raffaele Farina.

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Prima edizione
Giapponese[79]Italiano[81]
1Lo stregone delle fiamme
「爆炎の魔術師」 - Bakuen no majutsu-shi
25 agosto 1992
1998
2Efreet, il genio elementale
「火炎魔神イーフリート」 - Kaen majin Ifurīto
25 ottobre 1992
1998
3Maestro ninja Gara
「ニンジャマスター・ガラ」 - Ninja Masutā Gara
10 dicembre 1992
1998
4Di-Amon, il re della notte
「不死王 ダイ・アモン」 - Fushi-ō Dai-Amon
25 febbraio 1993
1998
5Arshes Nei, la signora del tuono
「雷帝アーシェス・ネイ」 - Rai tei Āshesu Nei
25 aprile 1993
1998
6Il ritorno di Dark Schneider
「復活のダーク・シュナイダー」 - Fukkatsu no Dāku Shunaidā
25 giugno 1993
1998

Serie 2022[modifica | modifica wikitesto]

Logo dell'ONA

Un adattamento ONA prodotto da Liden Films è stato annunciato il 3 febbraio 2022. La serie ONA, composta da 24 episodi, è diretta da Takaharu Ozaki, con la sceneggiatura scritta da Yōsuke Kuroda, il character design di Sayaka Ono e la musica composta da Yasuharu Takanashi. I primi 13 episodi sono stati pubblicati in tutto il mondo su Netflix[8] il 30 giugno 2022, mentre i restanti 11 sono usciti il 15 settembre dello stesso anno[11][9][83]. Il gruppo Coldrain canta la sigla d'apertura, Bloody Power Fame, mentre Tielle quella di chiusura, Blessless[9][84]. La serie è stata distribuita anche in Italia in versione doppiata sempre su Netflix[6].

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese[85]Italiano
Prima parte (13 episodi)
1L'arrivo
「登場」 - Tōjō
30 giugno 2022
30 giugno 2022
2Fuori controllo
「暴走」 - Bōsō
30 giugno 2022
30 giugno 2022
3Rapimento
「誘拐」 - Yūkai
30 giugno 2022
30 giugno 2022
4Invasione
「突入」 - Totsunyū
30 giugno 2022
30 giugno 2022
5La resa dei conti
「決着」 - Ketchaku
30 giugno 2022
30 giugno 2022
6Destino
「因縁」 - In'nen
30 giugno 2022
30 giugno 2022
7La bestia demoniaca
「魔獣」 - Majū
30 giugno 2022
30 giugno 2022
8L'antenato
「真祖」 - Shinsō
30 giugno 2022
30 giugno 2022
9L'incantesimo
「青爪」 - Ao tsume
30 giugno 2022
30 giugno 2022
10Imperatrice del Fulmine
「雷神」 - Raijin
30 giugno 2022
30 giugno 2022
11Profezia
「予言」 - Yogen
30 giugno 2022
30 giugno 2022
12Vita o morte
「死生」 - Shisei
30 giugno 2022
30 giugno 2022
13Esitazione
「同様」 - Dōyō
30 giugno 2022
30 giugno 2022
Seconda parte (11 episodi)
14Fino alle lacrime
「感泣」 - Kankyū
15 settembre 2022
15 settembre 2022
15Ritorno trionfale
「凱旋」 - Gaisen
15 settembre 2022
15 settembre 2022
16Il sortilegio
「禁呪」 - Kinju
15 settembre 2022
15 settembre 2022
17L'anello
「指輪」 - Yubiwa
15 settembre 2022
15 settembre 2022
18I segreti della spada
「秘剣」 - Hiken
15 settembre 2022
15 settembre 2022
19L'Imperatrice del fulmine
「雷帝」 - Rai tei
15 settembre 2022
15 settembre 2022
20Tirannia
「暴虐」 - Bōgyaku
15 settembre 2022
15 settembre 2022
21Una battaglia feroce
「激闘」 - Gekitō
15 settembre 2022
15 settembre 2022
22Conclusione
「結章」 - Yuishō
15 settembre 2022
15 settembre 2022
23Annientamento
「消滅」 - Shōmetsu
15 settembre 2022
15 settembre 2022
24Fine
「終焉」 - Shūen
15 settembre 2022
15 settembre 2022

Light novel[modifica | modifica wikitesto]

Dalla serie sono state tratte anche quattro serie di light novel edite da Shūeisha e pubblicate sotto l'etichetta Jump j Books; le illustrazioni sono curate personalmente da Kazushi Hagiwara, già autore del manga originale. Il primo romanzo è Bastard!!: Requiem per lo spirito dei mostri (BASTARD!! 魍魎たちの鎮魂歌 Bastard!! Mōryō-tachi no chinkonka?), scritto da Nobuaki Kishima, è stato pubblicato originariamente in Giappone il 26 marzo 1993[86]. Sono presenti tre diversi racconti, tutti quanti ambientati 50 anni prima della storia principale. Viene raccontato che prima dell'ultima Grande Guerra il mondo era diviso in cinque parti, quattro regni e venticinque distretti, governati da Dark Schneider. Il romanzo si concentra sulle vicende di quest'ultimo e dei precedenti Quattro Re Celesti prima che scoppiasse il conflitto. In Italia il romanzo è stato pubblicato da Kappa Edizioni nell'aprile 2000[87][88].

Il secondo romanzo è intitolato Bastard!! II: Legami di sangue (BASTARD!! 2 悪魔の褥に横たわりて Bastard!! 2 Akuma no shitone ni yokotawarite?), il quale è ad opera dei medesimi autori del precedente, è uscito in Giappone il 4 agosto 1993. Qui si narra di come Dark Schneider ha sconfitto l'esercito di Ludvig e ha conquistato il territorio del giovane re. Successivamente lo stesso Dark Schneider e i precedenti Quattro Re Celesti dovranno affrontare Arshes Nei la regina del fulmine, Abigail il profeta, Gara il signore dei ninja e Kall-Su il sommo re dei ghiacci. In Italia il romanzo è stato pubblicato sempre da Kappa Edizioni nell'ottobre 2000[89][88].

Il terzo romanzo è Bastard!! Black Rainbow (BASTARD!! 黒い虹 Bastard!! Kuroi niji?), scritto da Benny Matsuyama, è composto da due volumi usciti in Giappone rispettivamente il 21 settembre 2001[90] e il 25 agosto 2004[91]. Collocato cronologicamente 100 prima dell'inizio della storia principale, Dark Schneider e i precedenti Quattro Re Celesti intraprendono la conquista del misterioso continente di Man-Sihead dove però scopriranno a loro spese che non si può utilizzare la magia e questo gli renderà le cose difficili. A differenza dei precedenti casi, si tratta di un episodio ufficiale dato che la bozza originale è stata scritta da Hagiwara[92]. In Italia è stato pubblicato il primo volume da Panini Comics sotto l'etichetta Planet Manga nella collana Planet Novels nel luglio 2003[88] mentre il secondo è rimasto inedito[93].

Il quarto romanzo è Bastard!! Ninja Master Gara gaiden (BASTARD!! NINJA MASTER ガラ外伝 Bastard!! Ninja Master Gara gaiden?), scritto da Hideyuki Furuhashi, è anche esso composto da due volumi usciti in Giappone rispettivamente il 19 marzo 2012[94] e il 17 ottobre 2014[94]. In questa serie viene narrato il viaggio di ritorno del maestro ninja Gara, il quale è finito in capo al mondo.

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
1Bastard!!: Requiem per lo spirito dei mostri
「BASTARD!! 魍魎たちの鎮魂歌」 - Bastard!! Mōryō-tachi no chinkonka
26 marzo 1993[86]
ISBN 4-08-703001-6
aprile 2000[87][88]
ISBN 88-87497-17-6
Capitoli
  • Capitolo 1
    • Ombre dall'oscuro - La tempesta
    • Ombre dall'oscuro - La bestia
    • Ombre dall'oscuro - Il mistero
    • Ombre dall'oscuro - La maledizione
    • Ombre dall'oscuro - La guerra
    • Ombre dall'oscuro - Il rancore
    • Ombre dall'oscuro - Il labirinto dell'inferno
    • Ombre dall'oscuro - L'attacco
    • Ombre dall'oscuro - L'oscuro
    • Ombre dall'oscuro - Il giuramento
  • Capitolo 2
    • Requiem per lo spirito dei mostri - L'irresistibile fascino
    • Requiem per lo spirito dei mostri - Il travestimento
    • Requiem per lo spirito dei mostri - Il sangue
    • Requiem per lo spirito dei mostri - Il cadavere
    • Requiem per lo spirito dei mostri - Il massacro
    • Requiem per lo spirito dei mostri - I semi
    • Requiem per lo spirito dei mostri - L'origine
    • Requiem per lo spirito dei mostri - La fontana
  • Capitolo 3.

Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Il dubbio

    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Il marchio
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Il presagio
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Le larve
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - La falena
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Il pianto
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Nada : Il vuoto
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - Contro il destino
    • Il grido e il bisbiglio dei fantasmi - L'urlo
2Bastard!! II: Legami di sangue
「BASTARD!! 2 悪魔の褥に横たわりて」 - Bastard!! 2 Akuma no shitone ni yokotawarite
4 agosto 1993
ISBN 4-08-703012-1
ottobre 2000[89][88]
ISBN 88-87497-26-5
Capitoli
  • Capitolo 1
    • Foschia
    • Tana
    • Vendetta
    • Spiriti
    • Legami di sangue
    • Marionette
  • Capitolo 2
    • Il caos
    • Cascata
    • Caccia
    • Oscillazione
    • Cadavere
    • Rimpianto
  • Capitolo 3
    • Rumore di passi
    • Fuga
    • Pericolo
    • Tormento
    • Il nido del ragno
    • Resuscitare
    • Lupi
    • Silenzio
3Bastard!! Black Rainbow
「BASTARD!! 黒い虹」 - Bastard!! Kuroi niji
21 settembre 2001[90]
ISBN 4-08-630048-6
luglio 2003[88]
ISBN 88-8343-164-2
Capitoli
  • Prologo
  • Capitolo 1 - L'ascesa del mago
4「BASTARD!! 黒い虹」 - Bastard!! Kuroi niji – "Bastard!! Black Rainbow"25 agosto 2004[91]
ISBN 4-08-630154-7

5「BASTARD!! NINJA MASTER ガラ外伝」 - Bastard!! Ninja Master Gara gaiden – "Bastard!! Ninja Master Gara, storia parallela"19 marzo 2012[95]
ISBN 978-4-08-703238-3

6「BASTARD!! NINJA MASTER ガラ外伝」 - Bastard!! Ninja Master Gara gaiden – "Bastard!! Ninja Master Gara, storia parallela"17 ottobre 2014[94]
ISBN 978-4-08-619540-9

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati tratti due videogiochi ispirati al manga: un picchiaduro per il Super Famicom e un videogioco di ruolo con elementi di combattimento, per PlayStation. Un MMORPG intitolato BASTARD!! ONLINE è stato in corso di sviluppo da parte dell'editore giapponese Tecmo e la casa di sviluppo software Shaft. È stato annunciato il rilascio di una versione beta nel 2006[96]. Il 18 dicembre 2009 la Tecmo ha annunciato la cancellazione di BASTARD!! ONLINE[97][98].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Bastard!! è una delle serie manga più vendute di tutti i tempi di Shūeisha, con oltre 30 milioni di copie vendute entro il 2008[99].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 「BASTARD!!」2年半ぶり新刊とガラ外伝小説が同時発売, in Natalie, 19 febbraio 2012. URL consultato il 9 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Bastard!!, su Animerica. URL consultato il 9 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2004).
  3. ^ (EN) Serdar Yegulalp, Best Sword & Sorcery Fantasy Anime, su About.com, 28 maggio 2014, p. 1. URL consultato il 13 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  4. ^ (EN) John Oppliger, Ask John: What Are the Best Sword & Sorcery Anime?, su AnimeNation, 18 luglio 2008. URL consultato il 13 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2008).
  5. ^ (EN) Charles McCarter, "BASTARD!!, su EX. URL consultato il 13 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2011).
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Alessandro Semeraro, L’anime di BASTARD!! è disponibile su Netflix, ecco i doppiatori italiani, in Akiba Gamers, 30 giugno 2022. URL consultato il 30 giugno 2022.
  7. ^ BASTARD!, su Satyrnet.it, 21 dicembre 2007. URL consultato l'8 aprile 2020.
  8. ^ a b c d e (EN) Alex Mateo, Bastard!! Manga Gets New Netflix Anime, in Anime News Network, 3 febbraio 2022. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  9. ^ a b c d e f (EN) Egan Loo, New BASTARD!! -Heavy Metal, Dark Fantasy- Anime's Teaser Unveils More Cast, 24-Episode Length, Song Artists, in Anime News Network, 10 febbraio 2022. URL consultato il 26 marzo 2022.
  10. ^ a b c d (EN) Jonathan Clements e Helen McCarthy, The Anime Encyclopedia, 3rd Revised Edition: A Century of Japanese Animation, Berkeley, Stone Bridge Press, 2015, p. 272, ISBN 978-1-61172-018-1. URL consultato il 23 marzo 2022.
    «Many of the names in the Bastard series come from Western rock, including the kingdoms of Metallicana, Judas, Aran Maiden, and Whitesnake, the high priest Dio, the battleship King Crimson Glory, and the names of spells include Megadeth, Slayer, Guns'n'Ro, Venom, Tesla, Kiss, Raven, and Exodus. "Bastard" was the original name planned for Motorhead, and Dark Schneider himself is named after Udo Dirkschneider, the lead singer of Accept.»
  11. ^ a b c d e (EN) Egan Loo, New BASTARD!! -Heavy Metal, Dark Fantasy- Anime Unveils 13-Episode June 30 Debut, More Cast, in Anime News Network, 23 marzo 2022. URL consultato il 26 marzo 2022.
  12. ^ a b c (JA) 週刊少年ジャンプ BASTARD!! 暗黒の破壊神(萩原一至), su Media Arts. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2019).
  13. ^ (EN) Jason Thompson, Jason Thompson's House of 1000 Manga - Bastard!!, su Anime News Network, 7 ottobre 2010. URL consultato il 26 marzo 2022.
  14. ^ (JA) ウルトラジャンプ1月号(49号)・ホ-ムページ, su Ultra Jump. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2004).
  15. ^ (JA) 「BASTARD!!-暗黒の破壊神-」新連載開始!!, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2001).
  16. ^ (EN) Egan Loo, 1st Bastard!! Manga Volume in 2.5 Years Ships Next Month, in Anime News Network, 18 febbraio 2012. URL consultato il 26 marzo 2022.
  17. ^ (JA) 『ウルトラジャンプ』バックナンバーのご案内, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2010).
  18. ^ (JA) 最新情報, Shūeisha, 18 dicembre 2010. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2011).
  19. ^ a b (JA) BASTARD!! 1, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  20. ^ a b (JA) BASTARD!! 27, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  21. ^ (JA) BASTARD!! 完全版 1, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022.
  22. ^ (JA) BASTARD!! 完全版 9, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022.
  23. ^ (JA) BASTARD!! 暗黒の破壊神 1, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022.
  24. ^ (JA) BASTARD!! 暗黒の破壊神 9, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 26 marzo 2022.
  25. ^ Bastard!!, su PaTaTo's Manga DB. URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2005).
  26. ^ Lucca Comics 2010: Planet Manga conferenza e assedio agli editori e Ronin manga di domenica 31, in Nanoda, 3 novembre 2010. URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2011).
  27. ^ Bastard!! 1, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  28. ^ (JA) BASTARD!! 2, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  29. ^ Bastard!! 2, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  30. ^ (JA) BASTARD!! 3, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  31. ^ Bastard!! 3, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  32. ^ (JA) BASTARD!! 4, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  33. ^ Bastard!! 4, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  34. ^ (JA) BASTARD!! 5, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  35. ^ Bastard!! 5, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  36. ^ (JA) BASTARD!! 6, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  37. ^ Bastard!! 6, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  38. ^ (JA) BASTARD!! 7, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  39. ^ Bastard!! 7, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  40. ^ (JA) BASTARD!! 8, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  41. ^ Bastard!! 8, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  42. ^ (JA) BASTARD!! 9, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  43. ^ Bastard!! 9, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  44. ^ (JA) BASTARD!! 10, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  45. ^ Bastard!! 10, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  46. ^ (JA) BASTARD!! 11, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  47. ^ Bastard!! 11, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  48. ^ (JA) BASTARD!! 12, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  49. ^ Bastard!! 12, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  50. ^ (JA) BASTARD!! 13, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  51. ^ Bastard!! 13, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  52. ^ (JA) BASTARD!! 14, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  53. ^ Bastard!! 14, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  54. ^ (JA) BASTARD!! 15, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  55. ^ Bastard!! 15, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  56. ^ (JA) BASTARD!! 16, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  57. ^ Bastard!! 16, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  58. ^ (JA) BASTARD!! 17, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  59. ^ Bastard!! 17, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  60. ^ (JA) BASTARD!! 18, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  61. ^ Bastard!! 18, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  62. ^ (JA) BASTARD!! 19, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  63. ^ Bastard!! 19, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  64. ^ (JA) BASTARD!! 20, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  65. ^ Bastard!! 20, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  66. ^ (JA) BASTARD!! 21, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  67. ^ Bastard!! 21, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  68. ^ (JA) BASTARD!! 22, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  69. ^ Bastard!! 22, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  70. ^ (JA) BASTARD!! 23, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  71. ^ Bastard!! 23, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  72. ^ (JA) BASTARD!! 24, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  73. ^ Bastard!! 24, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  74. ^ (JA) BASTARD!! 25, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  75. ^ Bastard!! 25, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  76. ^ (JA) BASTARD!! 26, su books.shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato l'8 aprile 2020.
  77. ^ Bastard!! 26, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  78. ^ Bastard!! 27, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 9 aprile 2020.
  79. ^ a b (JA) 作品紹介 »1990~1994年迄, su Anime International Company. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2013).
  80. ^ (EN) Animerica: Animerica Feature: Bastard!!, su Animerica. URL consultato il 26 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2004).
  81. ^ a b Bastard!!, su la Repubblica. URL consultato il 26 marzo 2022.
  82. ^ BASTARD!! – di Katsuhito Akiyama, su Il Bazar di Mari. URL consultato il 26 marzo 2022.
  83. ^ (EN) Joseph Luster, Second Batch of BASTARD!! Episodes Set to Debut This September, in Crunchyroll, 8 luglio 2022. URL consultato l'8 luglio 2022.
  84. ^ (EN) Rafael Antonio Pineda, New BASTARD!! -Heavy Metal, Dark Fantasy- Anime Reveals Ending Song, New Visual, in Anime News Network, 1º giugno 2022. URL consultato il 4 giugno 2022.
  85. ^ (EN) Onair, su bastard-anime.com. URL consultato il 30 giugno 2022.
  86. ^ a b (JA) BASTARD!! 魍魎たちの鎮魂歌, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 4 giugno 2022.
  87. ^ a b Bastard!! 1, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 4 giugno 2022.
  88. ^ a b c d e f Guida al Manga in italiano di Bastard!!, su Baroncelli. URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2008).
  89. ^ a b Bastard!! 2, su animeclick.it, AnimeClick.it. URL consultato il 4 giugno 2022.
  90. ^ a b (JA) BASTARD!! 黒い虹(1) (スーパーダッシュ文庫), su ddnavi.com. URL consultato il 5 giugno 2022.
  91. ^ a b (JA) BASTARD!! 黒い虹(2) (スーパーダッシュ文庫), su ddnavi.com. URL consultato il 5 giugno 2022.
  92. ^ (JA) Kazushi Hagiwara, BASTARD HAQ本, STUDIO LOUD IN SCHOOL, 2005, p. 196.
  93. ^ Bastard!! Black Rainbow: Opinione, su AnimeClick.it. URL consultato il 4 giugno 2022.
  94. ^ a b c (JA) BASTARD!! 暗黒の破壊神 EX, su shueisha.co.jp, Shūeisha. URL consultato il 4 giugno 2022.
  95. ^ (JA) BASTARD!! 暗黒の破壊神 NINJAMASTER ガラ外伝 (JUMP j BOOKS), su ddnavi.com. URL consultato il 5 giugno 2022.
  96. ^ (JA) BASTARD!! ONLINE, su tecmo.co.jp, Tecmo. URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2008).
  97. ^ (EN) Egan Loo, Tecmo Cancels Bastard!! MMORPG's Development (Updated), in Anime News Network, 18 dicembre 2009. URL consultato l'8 aprile 2020.
  98. ^ (JA) BASTARD!! ONLINE, su bastard-online.jp. URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2009).
  99. ^ (EN) Top Manga Properties in 2008 - Rankings and Circulation Data, su Comipress, 31 dicembre 2008. URL consultato il 26 marzo 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Manga
Serie animata (1992)
Serie animata (2022)