Augusto Minzolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Augusto Minzolini
Augusto Minzolini - International Journalism Festival 2015 03.JPG

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Popolo della Libertà
Forza Italia
Circoscrizione Regione Liguria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Popolo della Libertà
Forza Italia
Professione Giornalista

Augusto Minzolini (Roma, 3 agosto 1958) è un giornalista e politico italiano, direttore del TG1 dal 9 giugno 2009 al 13 dicembre 2011 e senatore della Repubblica in carica[1] dal 15 marzo 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A destra, Augusto Minzolini in Ecce bombo (1978), nella scena del "dibbbattito" [2]

Ottenuta la maturità classica, durante gli anni settanta partecipa come comparsa a due film di Nanni Moretti, Io sono un autarchico del 1976, nella parte di uno spettatore, ed Ecce bombo del 1978.

Carriera giornalistica (1977-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 inizia a lavorare come giornalista. Svolge il praticantato all'agenzia di stampa Asca. Nel 1980 diventa giornalista professionista. Nel 1985 è collaboratore del settimanale Panorama, che lo assume due anni più tardi. Nel 1990 è assunto alla Stampa diretta da Paolo Mieli; due anni dopo il successore Ezio Mauro lo nomina inviato. Carlo Rossella lo promuove editorialista nel 1997[3].

Nel 1994, intervistato da Repubblica, si dichiarava contrario a ogni tipo di privacy per i politici: «Le smentite a ripetizione rivelano solo che abbiamo una classe politica nuova che non ha ancora assimilato il fatto che un politico è un uomo pubblico in ogni momento della sua giornata e che deve comportarsi e parlare come tale. [...] Quattro anni fa, e cioè in tempi non sospetti, scrissi che la nomina di Giampaolo Sodano alla Rai nasceva dai salotti di Gbr, la televisione di Ania Pieroni. Oggi penso che se noi avessimo raccontato di più la vita privata dei leader politici forse non saremmo arrivati a tangentopoli, forse li avremmo costretti a cambiare oppure ad andarsene. Non è stato un buon servizio per il paese il nostro fair play: abbiamo semplicemente peccato di ipocrisia. Di Ania Pieroni sapevamo tutto da sempre e non era solo un personaggio della vita intima di Craxi. La distinzione fra pubblico e privato è manichea: ripeto, un politico deve sapere che ogni aspetto della sua vita è pubblico. Se non accetta questa regola rinunci a fare il politico»[4].

Nel 1997 Minzolini rivelò su La Stampa, lasciando spiazzate le altre testate, l'accordo per eleggere Massimo D'Alema alla presidenza della Commissione bicamerale per le riforme costituzionali. Nello stesso anno fu l'unico a scoprire il luogo della cena nella quale Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini, Massimo D'Alema e Franco Marini siglarono il patto della crostata sulle riforme della Costituzione.

Nel 1998 intervistò Bettino Craxi ad Hammamet, in Tunisia. L'intervista fu realizzata per il programma «Passioni», andato in onda su Rai 2 il 15 luglio 1998[5], che suscitò alcune polemiche[6][7][8].

«Minzolinismo»[modifica | modifica wikitesto]

A metà degli anni '90 si inizia a parlare di «minzolinismo», neologismo inteso come «forma di giornalismo che si basa sulla raccolta di dichiarazioni anche informali di uomini politici» non del tutto verificabili[3][9]. Tra gli esempi di "minzolinismo":

  • Il 22 marzo 1994, in un suo articolo su la Stampa apparve una dichiarazione di Luciano Violante, all'epoca presidente della Commissione Antimafia, che rivelava il coinvolgimento di Alberto Dell'Utri, fratello di Marcello Dell'Utri, braccio destro di Silvio Berlusconi, in una inchiesta giudiziaria insieme al boss mafioso Nitto Santapaola[10]. Violante smentì e querelò Minzolini, ma fu costretto a dimettersi per il clamore suscitato dalle sue dichiarazioni. Nel 1996 Minzolini rivelò che l'intervista, nella parte relativa alle dichiarazioni di Violante su Dell'Utri, non era mai avvenuta ed era «frutto di impressioni soggettive determinate da un malinteso all'interno di una conversazione su altro soggetto»[11].
  • "C'è una frase che torna spesso nella mente di Silvio Berlusconi in questi giorni. Una frase che un testimone di cui il Cavaliere si fida ciecamente avrebbe sentito uscire dalla bocca del presidente del tribunale di Milano che dovrebbe emettere la sentenza nei suoi confronti sul «processo Mills», Nicoletta Gandus: «Io a Berlusconi gli faccio un culo così. Lo condanno a sei anni di carcere e poi voglio vedere come fa il presidente del Consiglio»." È interessante notare in questo articolo l'uso del virgolettato per riportare le presunte dichiarazioni del giudice Gandus, riportate da un fidato testimone a Silvio Berlusconi e da questi a Minzolini (La Stampa, 21 giugno 2008)[12].

Secondo Repubblica, tuttavia, «la definizione [di minzolinismo] è ingenerosa perché il nuovo direttore del TG1 è stato per un ventennio il principe del retroscena politico, il più astuto dei predatori del Transatlantico, il più veloce dei rapaci della notizia» anche in quanto allievo di Guido Quaranta[13].

Direttore del TG1 (2009-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2009 viene nominato a maggioranza dal CdA Rai direttore del TG1, senza i voti di tre esponenti del centrosinistra, che avevano abbandonato l'aula, giudicando la nomina "irricevibile", ottenendo il voto favorevole del presidente della Rai Paolo Garimberti.[14] Minzolini ottiene la fiducia della maggioranza dei redattori del TG1 che votò il suo piano editoriale con 101 voti a favore e 40 contro.

Secondo una rielaborazione dei dati Auditel, fatta ad aprile 2010 dal consigliere di minoranza del CdA Rai Nino Rizzo Nervo, in cinque anni, dal 2005 quando il direttore del TG1 era Clemente J. Mimun, passando per la direzione di Gianni Riotta dal 2006 al 2009, al marzo 2010, dopo meno di un anno di direzione di Minzolini, la quota di share sarebbe scesa, facendo perdere al TG1 un milione di telespettatori.[15].

Nell'ottobre 2010, il TG1 di Minzolini è stato diffidato dall'AgCom per «forte squilibrio» a favore della maggioranza e del governo. Minzolini ha contestato dati e criteri dell'Autorità[16]. Rilevazioni hanno sottolineato il calo di fiducia dei telespettatori verso il TG1 di Minzolini, sceso quasi a giudizio di insufficienza[17]

A fine marzo 2011, dall'AgCom, viene dato al TG1 (insieme a TG4 e Studio Aperto) un ordine di riequilibrio immediato tra tempo dedicato alla maggioranza e all'opposizione "evitando altresì la sproporzione della presenza del Governo, specie in relazione alla campagna elettorale d'imminente inizio". [18]

Il 23 maggio 2011 l'AgCom, in merito alle interviste di Silvio Berlusconi in prime time durante la campagna elettorale, "ha ritenuto che le interviste, tutte contenenti opinioni e valutazioni politiche sui temi della campagna elettorale, ed omologhe per modalità di esposizione mediatica, abbiano determinato una violazione dei regolamenti elettorali emanati dalla Commissione parlamentare di Vigilanza e dall'Agcom. La Commissione ha pertanto deliberato, a maggioranza, di comminare a TG1 e TG4 la sanzione nella misura massima prevista dalla legge (258.230 euro), in quanto recidivi, e sanzioni di 100 mila euro ciascuno a TG2, TG5 e Studio Aperto." [19]

Editoriali[modifica | modifica wikitesto]

Minzolini è intervenuto più volte in prima persona, con degli "editoriali del direttore" spesso posti ad apertura del telegiornale.

  • Insediamento

Il 9 giugno 2009 Minzolini si insedia al TG1. Durante il suo primo editoriale, afferma che il suo telegiornale "si occuperà della vita reale della gente".

Altre aspre polemiche si sono sollevate dopo l'editoriale straordinario nell'edizione serale del TG1 del 3 ottobre dove il direttore prendeva apertamente posizione contro la manifestazione per la libertà di stampa indetta dalla FNSI per lo stesso giorno definendola "incomprensibile". Contro questo editoriale si sono espressi oltre a molti esponenti politici dell'opposizione, anche il Codacons e lo stesso comitato di redazione del TG1 che in un comunicato si è dissociato dalle dichiarazioni di Minzolini. Nel comunicato si precisa che nella storia del TG1 altri direttori hanno fatto editoriali nell'edizione delle 20 seppur in diversi contesti.[20][21] A questo comunicato del comitato di redazione Minzolini ha risposto affermando che esso «è la dimostrazione che c'è chi manifesta per la libertà di stampa».[22]

L'11 dicembre 2009, a seguito delle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza, poi smentite da quelle di un mafioso non pentito, Filippo Graviano, Minzolini nell'editoriale delle 20 affermò che le «balle» di Spatuzza avevano danneggiato l'immagine dell'Italia, paragonandole alla leggenda del bacio di Giulio Andreotti a Riina, continuando che si sarebbero potute evitare se si fosse seguita alla lettera la legge sui pentiti.[23]

  • Denuncia del "clima d'odio"

Il 14 dicembre 2009, Berlusconi viene aggredito in piazza Duomo a Milano. Minzolini parla di "clima d'odio, parodia di una guerra civile".

  • In difesa di Guido Bertolaso

Nel febbraio del 2010 Minzolini interviene con un editoriale nell'edizione delle 20 sull'inchiesta riguardante (fra gli altri) anche Guido Bertolaso, difendendo l'operato del sottosegretario alla Protezione Civile, e parlando di "gogna mediatica pre-elettorale".[24].

  • Auto-difesa sull'allora presunta indagine per concussione

Il 13 marzo 2010, Minzolini appare in TV durante il TG1 della sera per difendere la sua posizione a proposito del cosiddetto Trani-gate, l'indagine della procura di Trani in cui vennero intercettate sue telefonate con Berlusconi. Secondo un articolo del Fatto Quotidiano, Minzolini avrebbe promesso a Berlusconi di mandare in onda degli editoriali favorevoli alla sua linea politica. Minzolini nell'editoriale dice "Non sarò mai un direttore muto e dimezzato" e si paragona a Giovanni Amendola perseguitato da Mussolini.[25]. Nei giorni successivi i nipoti di Giovanni Amendola hanno definito simili paragoni come inappropriati[26]

  • In sostegno al ricorso ad elezioni anticipate

Il 7 settembre 2010 Minzolini, nel suo editoriale, ha suggerito il ricorso ad elezioni anticipate come risoluzione della crisi di maggioranza[27]. Il Presidente RAI Paolo Garimberti è intervenuto per iscritto al riguardo[28].

Controversie e polemiche[modifica | modifica wikitesto]

La direzione di Minzolini al TG1 è segnata da numerose controversie e polemiche.

Nell'estate 2009 Minzolini è accusato di oscurare al TG1 le notizie dell'inchiesta della procura di Bari sugli scandali sessuali che vedrebbero coinvolto Berlusconi a Villa Certosa e Palazzo Grazioli. L'opposizione lo accusa di fare un telegiornale di regime che nasconde o manipola le notizie scomode al Governo. Minzolini si difende dichiarando che nel suo telegiornale non intende inserire notizie fondate solo sul gossip. Antonio Di Pietro ribatte ricordando come il neo-direttore del TG1 è «un gossipparo», anzi «l'Emilio Fede del servizio pubblico», che toglie spazio alla politica e alle notizie in tv e per questo «andrebbe licenziato per giusta causa».[29]

I comitati di redazione delle tre testate Rai emettono in seguito un comunicato congiunto: «Siamo tutti TG1, siamo tutti, noi giornalisti della Rai, contro le scelte editoriali di chi occulta le notizie e rende agli italiani un pessimo servizio pubblico radiotelevisivo». Secondo i rappresentanti sindacali dei giornalisti RAI, Minzolini deve comprendere «qual è il compito del direttore di una testata del servizio pubblico, tenuta a raccontare e rappresentare, con tutti i punti di vista, i fatti che hanno rilevanza nella vita del Paese. Un impegno che mai può venir meno e mai può permettersi di tacere notizie o impedire una loro corretta e completa lettura».[30]

Il 26 febbraio del 2010, nell'edizione del TG1 delle 13:30, il conduttore Paolo Di Giannantonio durante i titoli di testa e nell'introduzione del servizio dà la notizia dell'assoluzione dell'avvocato David Mills, invece che della prescrizione del reato commesso. Il servizio introdotto diede poi la notizia corretta. Ciò suscitò proteste sfociate anche in una raccolta di firme.[31][32] Minzolini infatti essendo direttore responsabile del TG1, è responsabile[33] di quanto viene pubblicato sullo stesso. Nel maggio dello stesso anno il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti ha comminato un "avvertimento" a Minzolini «per il titolo incompleto letto nella edizione delle 13.30 del Tg1 del 26 febbraio», il titolo completo avrebbe dovuto dar conto del proscioglimento per intervenuta prescrizione, non di una vera e propria assoluzione.

Il 25 marzo 2010 la commissione dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni infligge a Tg1 (direttore: Augusto Minzolini) e Tg5 (direttore: Clemente Mimun) una sanzione da 100.000 euro ciascuno per violazione della par condicio. Le multe sono motivate con lo "squilibrio tra Pdl e Pd" (a favore del Pdl) e la "marginale presenza delle nuove liste" che si sono presentate durante la campagna elettorale alle elezioni regionali 2010.[34]

  • Rimozione dei conduttori del TG1

Il 31 marzo 2010 Minzolini rimuove dal ruolo di conduttori del TG1 Tiziana Ferrario (edizione delle 20), Paolo Di Giannantonio (edizione delle 13,30) e Piero Damosso (edizione del mattino), sostituendoli rispettivamente con Francesco Giorgino, Laura Chimenti e Francesca Grimaldi,[35] con la tacita approvazione dal direttore generale Mauro Masi e dal consigliere di maggioranza Antonio Verro.[36] Secondo il comitato di redazione si tratta di un'epurazione rivolta contro i giornalisti che non avevano firmato una lettera a favore di Minzolini stesso, a proposito di quanto era accaduto in occasione della notizia sull'assoluzione dell'avvocato Mills, il cui reato di corruzione è stato invece dichiarato prescritto dalla Corte di Cassazione; l'opinione del CDR è condivisa dalla FNSI e dai consiglieri RAI Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten. Minzolini replica giustificando le proprie decisioni come semplice ricambio generazionale, affermando che si tratta di conduttori che lavorano da 28 anni. Il presidente della RAI Paolo Garimberti è intervenuto sul caso per iscritto con una lettera al direttore generale Mauro Masi[36][37]. La giornalista Maria Luisa Busi, che già precedentemente aveva criticato l'operato del TG1 e anche lei tra i non firmatari, in un'intervista parla di rappresaglia nei confronti dei giornalisti.[37] Minzolini replica inviando alla Busi una lettera di contestazione formale per non aver chiesto l'autorizzazione all'intervista.[38][39] Maria Luisa Busi, il 22 maggio, rassegna le proprie dimissioni dalla conduzione del telegiornale.[40] Contro la reintegrazione di Tiziana Ferrario, decisa dal tribunale del lavoro, Minzolini ha annunciato ricorso, definendo la sentenza come "frutto di un intreccio perverso fra politica, magistratura e baronati tv"[41]

Il 29 giugno 2010 il TG1 ha minimizzato la notizia della riduzione di pena in secondo grado di Marcello Dell'Utri da 9 a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, senza pronunciare la parola "condanna". Inoltre, secondo L'Espresso, nel servizio si dava risalto alla riduzione della pena e alla sconfitta delle richiesta dell'accusa.[42]

  • Richiamo del presidente RAI sui limiti del servizio pubblico

L'8 settembre 2010 il presidente della Rai Paolo Garimberti scrive al direttore generale Mauro Masi chiedendo un intervento diretto e immediato in seguito all'editoriale del direttore Minzolini della sera precedente a sostegno di elezioni anticipate. Secondo Garimberti, "sono stati espressi giudizi inopportuni in quanto invasivi delle competenze e responsabilità di soggetti politici e istituzionali" e "ci sono dei limiti che soprattutto l'informazione del servizio pubblico non può valicare. Ieri purtroppo sono stati valicati".[43][44].

Il 1º ottobre 2010, il TG1 tace la notizia della battuta offensiva e blasfema di Silvio Berlusconi, e il giorno successivo minimizza le critiche dell'Osservatore Romano[45][46].

  • Servizio sulle contestazioni degli studenti al ddl Gelmini

Il 25 novembre 2010 il TG1 manda in onda un servizio dedicato alle contestazioni studentesche svoltesi in varie città d'Italia contro la riforma Gelmini. Nel servizio vengono inserite immagini relative agli scontri tra forze dell'ordine e manifestanti aquilani avvenuti invece mesi prima.[47] Il giorno seguente il TG1 si scusa dell'accaduto, invocando un "errore tecnico"[48].

  • Slittamento TG1 per seguire in diretta la conferenza di fine anno di Berlusconi

Nel 2010 la conferenza stampa di fine anno del presidente del consiglio Berlusconi viene ripresa integralmente facendo slittare il Tg1 delle 13,30. In altre occasioni si era comunque sempre interrotta la diretta della conferenza per dare spazio al telegiornale[49]

  • Rubrica Media su "faziosità e cantonate dei colleghi"

In risposta alle varie critiche, Minzolini ha annunciato l'avvio, da metà gennaio 2011, di una rubrica intitolata Media che "monitorerà cantonate e faziosità dei colleghi". La mossa è stata denunciata come una "clava mediatica" da parte dell'associazione di telespettatori cattolici Aiart.[41]

Rimozione dal TG1 e nuovo incarico in Rai (2011-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 dicembre 2011 Augusto Minzolini, grazie all'art. 3 della legge 97/2001[50], è stato rimosso dalla direzione del TG1 e sostituito (prima ad interim e poi a tempo pieno) dall'allora direttore del TGR[51] Alberto Maccari: il 15 febbraio 2013 Minzolini chiede il reintegro[50] alla direzione del TG1 in virtù dell'art. 4 della legge 97/2001 ma nel settembre 2013 tale ricorso viene respinto dal tribunale del lavoro[4].

Nella riunione del CdA della Rai, insediatosi il 31 maggio 2012 Minzolini è stato nominato capoufficio di corrispondenza di New York, ma lui ha rifiutato l'incarico.[52]

Attività politica (dal 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013 Minzolini (su richiesta di Berlusconi) si è candidato per un seggio al Senato della Repubblica con la lista de Il Popolo della Libertà nella regione Liguria: Minzolini, visti i risultati elettorali definitivi che hanno prodotto l'attribuzione al centrosinistra di Bersani (PD) del premio di maggioranza su base regionale previsto dalle legge elettorale a quel tempo in vigore, è risultato il primo dei non eletti della sua lista (PDL Liguria), ma il 15 marzo 2013 Minzolini è stato proclamato senatore subentrante grazie alla decisione di Silvio Berlusconi, candidatosi in più regioni, di optare per il seggio della regione Molise.[53] Minzolini il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività de Il Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia[54]. Nel corso del 2014 Minzolini è diventato (insieme a Raffaele Fitto e Daniele Capezzone) una delle principali voci critiche nei confronti del cosiddetto Patto del Nazareno tra Matteo Renzi (segretario del PD) e Silvio Berlusconi (presidente di FI) in quanto, secondo Minzolini, questo patto tra PD e FI non è (o non sarebbe) nell'interesse del paese e del suo partito, cioè Forza Italia; inoltre Minzolini critica anche il cosiddetto "rapporto speciale" (così è stato definito da molti politologi di vario orientamento) tra il premier Renzi (PD) e Denis Verdini (Coordinatore nazionale di FI) in quanto, secondo Minzolini, l'opposizione "morbida" di Forza Italia (decisa da Verdini con l'appoggio di Berlusconi) è (o sarebbe) una scelta dannosa per l'interesse del paese e di FI, quindi Minzolini auspica una "dura" opposizione al Governo Renzi da parte di FI; notare che Minzolini infatti attribuisce a queste "morbidezze" di Verdini e Berlusconi nei confronti del PD di Renzi il mediocre risultato elettorale ottenuto da Forza Italia alle elezioni europee del 25 maggio 2014.

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Diffamazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 16 settembre 2010 è stato condannato a pagare 30mila euro di risarcimento all'ex senatore PD Pietro Fuda per averlo diffamato nel 2007 nel talk Omnibus su La7.[55]

Violazione del segreto istruttorio[modifica | modifica wikitesto]

Peculato (sentenza definitiva)[modifica | modifica wikitesto]

Abuso d'ufficio[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio 2011 Minzolini viene iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Roma insieme all'allora direttore del TG2 Mario De Scalzi per abuso d'ufficio.[69]

Il 14 novembre 2013 è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio poiché egli, quando era direttore del TG1, dopo aver tolto dalla conduzione del tg Tiziana Ferrario che ha mansioni di caporedattore, per circa un anno non l'ha ricollocata nell'attività redazionale.[70][71]

Il 15 dicembre 2015 è stato condannato in primo grado a 4 mesi di reclusione per l'accusa di abuso d'ufficio.[72][73]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ senato.it - Scheda di attività di Augusto MINZOLINI - XVII Legislatura
  2. ^ Augusto Minzolini: il direttore del Tg1, recitava per Nanni Moretti. Foto e video, in Oggi, 17 gennaio 2011. URL consultato il 30 settembre 2013.
  3. ^ a b Chi è Augusto Minzolini, in Corriere della Sera, 20 maggio 2009. URL consultato il 19 dicembre 2011.
  4. ^ a b "Il politico non ha un privato", parola di Augusto, in la Repubblica, 20 ottobre 1994. URL consultato il 19 dicembre 2011.
  5. ^ Craxi ricusa la corte d'appello di Milano, Corriere della Sera, 15 luglio 1998.
  6. ^ E l'intervista avvelena la Rai, la Repubblica, 16 luglio 1998.
  7. ^ Le passioni di Nonno Bettino, la Repubblica, 17 luglio 1998.
  8. ^ Craxi ricusa la corte d'appello di Milano, Corriere della Sera, 15 luglio 1998. (archiviato dall'url originale il ).
  9. ^ Rossella e Minzolini, la Repubblica, 2 agosto 1995. - Rossella parla di "Minzolinismo"
  10. ^ I segreti di Violante - "Quel che so di Dell'Utri", La Stampa, 22 marzo 1994.
  11. ^ Minzolini: "Con Violante non fu intervista", la Repubblica, 3 maggio 1996.
  12. ^ Giustizia l'offensiva di Silvio, La Stampa, 21 giugno 2008
  13. ^ Sebastiano Messina, Minzo, lo "squalo" del retroscena dal Transatlantico alla tv del Cavaliere, in la Repubblica, 21 maggio 2009. URL consultato il 19 dicembre 2011.
  14. ^ Nomine Rai, Minzolini direttore del TG1, Corriere della Sera, 20 maggio 2009.
  15. ^ Ascolti, sprofonda il Tg1 di Minzolini. Alle 20 perso un milione di spettatori, La Repubblica, 15-4-10.
  16. ^ Corriere della Sera, 10 ottobre 2010
  17. ^ La Repubblica, 29 dicembre 2010
  18. ^ Agcom
  19. ^ Agcom
  20. ^ Informazione, bufera su Minzolini - Politica - ANSA.it
  21. ^ Il cdr del Tg1 critica Minzolini La replica: «Siete voi gli intolleranti» - Corriere della Sera
  22. ^ IlSole24Ore URL consultato il 27 febbraio 2010
  23. ^ Minzolini: «Le balle di Spatuzza hanno danneggiato l'Italia», Corriere della Sera, 11 dicembre 2009.
  24. ^ Minzolini al TG1 difende Bertolaso: "Basta gogna mediatica prima del voto", La Repubblica, 24 giugno 2009.
  25. ^ Video sul Corriere.it
  26. ^ Confronto arbitrario, Il Corriere della Sera, 16 marzo 2010. URL consultato il 16 marzo 2010.
  27. ^ video dell'editoriale del TG1 del 7 settembre 2010
  28. ^ Garimberti: "Minzolini ha superato i limiti", La Repubblica, 8 settembre 2010
  29. ^ Minzolini al centro delle polemiche per censura di notizie scomode al Governo Berlusconi, Corriere della Sera, 23 giugno 2009.
  30. ^ I giornalisti Rai e Libertà e giustizia condannano le censure di Minzolini a favore di Berlusconi, La Repubblica, 24 giugno 2009.
  31. ^ Carmine Saviano, "Dal Tg1 notizie false sul caso Mills" - Appello a Rai e Ordine da migliaia di cittadini, La Repubblica, 28 febbraio 2010.
  32. ^ In 110 mila si appellano a Rai e Ordine "Il TG1 rettifichi sul caso Mills", La Repubblica, 2 marzo 2010. URL consultato il 3 marzo 2010.
  33. ^ Ai sensi e nei casi di cui agli art. 57 codice penale e l'art. 3 della legge 8 febbraio 1948 n°47
  34. ^ Par condicio: Agcom multa Tg1 e Tg5 Per squilibrio tra Pdl e Pd, richiamo a immediato riequilibrio, ANSA, 25 marzo 2010. URL consultato il 25 marzo 2010.
  35. ^ Tg1, cambio dei conduttori: polemiche. Minzolini: «Servono volti nuovi», Corriere.it, 31 marzo 2010.
  36. ^ a b Tg1, allontanati dal video tre conduttori. Minzolini: "Non si tratta di epurazione", La Repubblica, 31 marzo 2010.
  37. ^ a b Leandro Palestini, Busi: "Sì, è scattata una rappresaglia mai visto osare tanto, e perdiamo ascolti", La Repubblica, 1º aprile 2010. URL consultato il 1º aprile 2010.
  38. ^ Rai, Minzolini punisce la Busi lettera di richiamo dopo le critiche, Repubblica.it, 2 aprile 2010.
  39. ^ Lite al Tg1, la Busi resiste «C'è libertà di espressione», Corsera.it, 3 aprile 2010.
  40. ^ La Busi: «Rinuncio a condurre il Tg1», Corriere della Sera, 21 maggio 2010.
  41. ^ a b La Repubblica, 5 gennaio 2011
  42. ^ Il Tg1 assolve Dell'Utri, L'Espresso, 29 giugno 2010
  43. ^ Tg1, Garimberti scrive a Masi «Minzolini ha valicato i limiti», Corsera.it, 8 settembre 2010.
  44. ^ "Minzolini ha superato i limiti" La lettera di Garimberti a Masi, Repubblica.it, 8 settembre 2010.
  45. ^ Il Vaticano contro Berlusconi "Battute deplorevoli e offensive", La Repubblica, 3 ottobre 2010
  46. ^ Bracconi su Repubblica, 3 ottobre 2010
  47. ^ Proteste studentesche: ecco come il Tg1 'carica' il servizio - Video Repubblica - la Repubblica.it
  48. ^ Ancora una bufera su Minzolini dall’Abruzzo per immagini sbagliate su contestazioni studenti - Ancora una bufera su Minzolini dall’Abruzzo per immagini sbagliate su contestazioni studenti - PrimaDaNoi.it
  49. ^ E Minzolini fa saltare il Tg1 per la diretta
  50. ^ a b Augusto Minzolini chiede il reintegro al Tg1 | DavideMaggio.it
  51. ^ Via Minzolini dal Tg1, 4 voti a 4. Cda: interim per Alberto Maccari, La Repubblica, 13 dicembre 2011. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  52. ^ a b Minzolini assolto: Nessun reato nell'uso della carta di credito Rai, in La Repubblica, 15 febbraio 2013. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  53. ^ Senato della Repubblica Italiana - Legislatura XVII - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 1 del 15 marzo 2013 (PDF) (Roma), 15 marzo 2013. URL consultato il 18 marzo 2013.
  54. ^ L'addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia
  55. ^ Minzolini: la condanna del venduto, ilfattoquotidiano.it.
  56. ^ Inchiesta Trani: Minzolini indagato per rivelazione segreto, La Repubblica, 15 marzo 2010. URL consultato il 15 marzo 2010.
  57. ^ Istruttoria della Corte dei Conti sui rimborsi spese di Minzolini, La Repubblica, 12 febbraio 2011.
  58. ^ Minzolini indagine sulla nota spese Guardia di Finanza tre volte in Rai, Il Fatto Quotidiano, 18 marzo 2011.
  59. ^ Redazione online, Spese con la carta Rai, indagato Minzolini, in Corriere della Sera, 12 maggio 2011.
  60. ^ RAI Spese con la carta di credito aziendale Minzolini indagato per peculato, in La Repubblica, 12 maggio 2011.
  61. ^ Chiesto rinvio a giudizio per Minzolini Il direttore Tg1 accusato di peculato, in La Repubblica, 14 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  62. ^ Redazione Online, Chiesto il rinvio a giudizio per Minzolini, in Corriere della Sera, 14 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  63. ^ Minzolini a giudizio per peculato Rai parte civile per danno d'immagine, in La Repubblica, 06 dicembre 2011. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  64. ^ Augusto Minzolini | Condanna | Peculato | Tg1 | DavideMaggio.it
  65. ^ Repubblica.it, Sentenza ribaltata in appello, Minzolini condannato a 2 anni e sei mesi, repubblica.it.
  66. ^ Augusto Minzolini condannato | Carte di credito Rai | Peculato
  67. ^ Minzolini condannato in Cassazione: 2 anni e mezzo per peculato. Ora rischia la decadenza da senatore, in il Fatto Quotidiano, 12 novembre 2015. URL consultato il 12 novembre 2015 (archiviato il 12 novembre 2015).
  68. ^ La Cassazione conferma la condanna per peculato all’ex direttore del Tg1 Minzolini, in La Stampa, 12 novembre 2015. URL consultato il 12 novembre 2015 (archiviato il 12 novembre 2015).
  69. ^ Premier in tv: indagati il Cav, Minzolini e il Tg2.
  70. ^ Tolse Ferrario da conduzione Tg, Minzolini a giudizio, in ANSA, 14 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013 (archiviato il 14 novembre 2013).
  71. ^ Caso Ferrario, Minzolini rinviato a giudizio, in Corriere della Sera, 14 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013 (archiviato il 14 novembre 2013).
  72. ^ Augusto Minzolini, nuova condanna: 4 mesi per la rimozione di Tiziana Ferrario, in Il Fatto Quotidiano, 15 dicembre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.
  73. ^ Rai, rimosse dalla conduzione Ferrario: Minzolini condannato a 4 mesi, in La Repubblica, 15 dicembre 2015. URL consultato il 16 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del TG1 Successore
Andrea Giubilo 9 giugno 2009 - 13 dicembre 2011 Alberto Maccari
Controllo di autorità VIAF: (EN268274578 · BNF: (FRcb16540369g (data)