Tiziana Ferrario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tiziana Ferrario

Tiziana Ferrario (Milano, 3 settembre 1957) è una giornalista e conduttrice televisiva italiana.

In forze al TG1 fin dai primi anni ottanta, è una delle principali anchorwomen del telegiornale avendone condotto per lungo tempo le principali edizioni, quella delle 13.30 e quella delle 20. Riveste spesso il ruolo di inviata di politica estera documentando le situazioni di crisi politiche e internazionali, dall'Afghanistan, al Medio Oriente, all'Iraq, al Sud Est Asiatico, all'Africa tra il nord Uganda e il Darfur, agli Stati Uniti.

Nel corso della sua carriera ha collaborato con alcuni programmi d'attualità di Rai 1 come Italia sera e Unomattina. Ha inoltre ideato il GT Ragazzi, telegiornale dedicato ai giovanissimi.

È stata nominata Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana nel 2003 dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, per il suo impegno civile come giornalista inviata in aree di guerra.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è accostata al giornalismo giovanissima lavorando per l'emittente privata Telemilano (la futura Canale 5).[2] Nel 1979 è stata assunta in RAI come praticante, lavorando come inviata per radio e televisione, conducendo l'edizione regionale lombarda del TG.[2] Nel 1980 è diventata giornalista professionista. Si è trasferita a Roma dal 1982 per condurre la nuova edizione serale del TG1 delle 22.30, prima donna ad andare in onda in orario serale in un telegiornale.[3]

Nel 1987 ha ideato uno spazio per Rai 1 all'interno del nuovo contenitore Italia sera, che tratta di problematiche inerenti al lavoro, in particolare i giovani e le nuove professioni,[2] in collaborazione con l'Università Bocconi e i Ministeri del Lavoro e dell'Istruzione. Nel 1988 ha partecipato all'ideazione della nuova fascia di informazione del mattino, Unomattina,[2] conducendo il telegiornale presenta al suo interno e proseguendo la sua attività con la rubrica sui giovani e le nuove professioni. Nel 1993 è passata alla conduzione del TG1 delle 13:30,[2] svolgendo sino al 1996 il ruolo di vicecaporedattore in cronaca, durante Tangentopoli.

È sua l'ideazione, nel 1997, del TG ragazzi (poi GT Ragazzi), primo ed unico programma di informazione per adolescenti in Italia. Se ne occupa sino al 2000.[2] Per questa iniziativa ha ottenuto, per due anni di seguito (1998-1999), il Telegatto, insieme ad altri prestigiosi riconoscimenti[4] per il costante impegno nella difesa dei diritti dei minori. Dal 2000 ha ripreso il lavoro da inviata, alternando la conduzione in studio del tg delle 13.30 al ruolo di inviata speciale in particolar modo in Pakistan e in Iraq, all'indomani degli attentati dell'11 settembre.[2]

Il 7 novembre 2003 il presidente Carlo Azeglio Ciampi le consegnò le insegne di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana per l'impegno civile come giornalista inviata in aree di guerra.[1] Nel giugno 2006 ha pubblicato il suo libro Il Vento di Kabul. Nel 2007 è passa alla conduzione la principale edizione del TG1 delle 20 continuando a ricoprire il ruolo di inviata. Nel giugno 2009 è stata in Iran durante le sanguinose proteste a Teheran scatenatesi dopo la rielezione del presidente Ahmadinejad.

A marzo 2010 è stata rimossa dall'incarico di conduttrice del TG1 per essersi opposta alla linea editoriale del direttore Augusto Minzolini, artefice di un tg troppo schierato con l'allora governo Berlusconi e con troppe omissioni sulle inchieste che riguardavano il premier. I comitati di redazione di TG2, TG3 e Rai News condannano la rimozione "senza adeguate motivazioni professionali e senza offrire una collocazione adeguata all'importanza e alla centralità del ruolo che svolgeva"[5]. La sua rimozione scatenò polemiche: i consiglieri di minoranza del CdA Rai parlarono di «epurazione», ma il direttore Augusto Minzolini afferma che la decisione era stata presa molto tempo prima, con l'obiettivo di «mettere volti nuovi».[6][7][8]

La Ferrario è ricorsa alla magistratura che la reintegrò con due ordinanze, la prima il 29 dicembre 2010[9] e la seconda il 7 marzo 2011.[10] Il 15 dicembre 2015 il giudice penale ha condannato l'ex direttore del Tg1 e attuale senatore di Forza Italia Augusto Minzolini a 4 mesi di reclusione per abuso d'ufficio. Secondo l'accusa la rimozione della Ferrario è stata la conseguenza di una vendetta. [11]

Attualmente lavora come corrispondente da New York.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 3 novembre 2003[12], nominata dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi
  • 1998 - Telegatto per Tg dei ragazzi
  • 1999 - Telegatto per Tg dei ragazzi
  • 1999 - Premio Tutores - Carta di Treviso difesa diritti minori
  • 2000 - Premio Zapping
  • 2000 - Premio Giulietta
  • 2001 - Premio televisivo Chiara d'Assisi
  • 2001 - Premio internazionale Tarquinia (giornalismo)
  • 2002 - Premio Hemingway (giornalismo)
  • 2002 - Premio Federico Motta
  • 2002 - Premio Rosa Camuna - Regione Lombardia (come riconoscimento del ruolo e dell'operosità delle donne nei settori dell'educazione, del lavoro, della cultura, dell'impegno civile e sociale, della creatività).[13]
  • 2002 - Premio Nazionale di giornalismo Carlo Casalegno - Patrocinio Presidente della Repubblica
  • 2003 - Premio Ischia Internazionale di Giornalismo - Patrocinio Presidente della Repubblica - (speciale riconoscimento per aver onorato in maniera straordinaria la professione assicurando un servizio tempestivo sulle azioni di guerra in Iraq e mettendo in luce doti di competenza, coraggio e dedizione).[14]
  • 2003 - Premio Eleonora Pimentel-Comune Napoli
  • 2004 - Premio A prescindere
  • 2004 - Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi con La guerra del nord Uganda (Speciale TG1 - Rai Uno)[15]
  • 2005 - Premio Antonio Russo (Reportage di guerra)
  • 2005 - Premio Giornalistico Nazionale Maria Grazia Cutuli
  • 2006 - Premio Comune di Parma (premio giornalistico femminile Con gli occhi di una donna)
  • 2006 - Premio Santa Marinella
  • 2007 - Premio Ornella Geraldini
  • 2007 - Premio Nino Culicchia

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Vento di Kabul - 2006 - Ed. Baldini Castoldi Dalai (quattro edizioni in tre mesi). Vincitore premio Santa Marinella.
  • Una vita da sogno - Racconto inserito in Cuori di pietra - 2007 - Collana: Piccola Biblioteca Oscar Mondadori - Racconti di donne sul disamore
  • Una lotteria con la vita - Racconto inserito in Dispacci dal fronte Reporters sans frontières - novembre 2007 - EGA editore
  • Un adorabile papà - Racconto inserito in Facce di bronzo - 2008 - Collana: Piccola Biblioteca Oscar Mondadori - Catalogo dei senza vergogna
  • Bello da morire - Racconto inserito in "Corpi" - 2010 - Collana: Piccola Biblioteca Oscar Mondadori

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pagina sul Sito del Quirinale, quirinale.it.
  2. ^ a b c d e f g Grasso, pp. 275-276
  3. ^ Dal Sito RAI 1, Personaggi, rai.it.
  4. ^ Dal Sito RAI 1, Personaggi, rai.it.
  5. ^ Rai, Minzolini punisce la Busi. Lettera di richiamo dopo le critiche, repubblica.it.
  6. ^ Tg1, cambio dei conduttori: polemiche. Minzolini: «Servono volti nuovi», Corriere della Sera, 31-03-2010. URL consultato il 02-04-2010.
  7. ^ Tiziana Ferrario reintegrata alla conduzione del Tg1, Corriere della Sera, 29-12-2010. URL consultato il 29-12-2010.
  8. ^ Redazione online, Reintegro in Rai, vince la Ferrario, in Corriere della Sera.
  9. ^ Tiziana Ferrario reintegrata alla conduzione del Tg1, Corriere della Sera, 29-12-2010. URL consultato il 29-12-2010.
  10. ^ Redazione online, Reintegro in Rai, vince la Ferrario, in Corriere della Sera.
  11. ^ Redazione online, Rai, rimosse dalla conduzione Ferrario: Minzolini condannato a 4 mesi, in La Repubblica.
  12. ^ Pagina sul Sito del Quirinale
  13. ^ Albo d'oro del Premio Rosa Camuna (PDF), arifl.regione.lombardia.it.
  14. ^ Albo d'oro del Premio Ischia, premioischia.it.
  15. ^ Albo d'oro del Premio Giornalistico Ilaria Alpi, ilariaalpi.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90374347 · SBN: IT\ICCU\TO0V\565884 · ISNI: (EN0000 0004 1971 3844