Villa Bertelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Villa Bertelli è una villa della fine dell'Ottocento nella frazione Vittoria Apuana del comune di Forte dei Marmi, in via Mazzini 200.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio fu costruito nel 1896 come sede direzionale della Società italiana prodotti esplodenti (SIPE). Era presente un pontile sul mare collegato alla villa, utilizzato per spedire le mine prodotte dalla società all'estero.

Alla fine della prima guerra mondiale la società affrontò una crisi a causa del crollo della richiesta di mine, e si vide costretta a chiudere i battenti. La sede di Forte dei Marmi fu acquistata nel 1926 da Ilio Bertelli che ne fece un albergo con il nome di Villa Bertelli. Il pontile fu demolito negli anni trenta.

L'attività chiuse nel 1971, e rimase in stato di abbandono per moltissimi anni. Fu completamente riportata in vita nel 2002 quando il comune di Forte dei Marmi, guidato dall'allora Sindaco Roberto Bertola, acquistò la Villa adibendola a spazio espositivo.

Attualmente Villa Bertelli può essere considerata per diversi aspetti il vero salotto dei fortemarmini. Il luogo dove ascoltare buona musica, grazie ai numerosi concerti; ampliare la propria cultura, con mostre ed approfondimenti letterari; sensibilizzarsi nel sociale, attraverso le molte iniziative. Grazie all'appassionata gestione della Fondazione Villa Bertelli presieduta da Ermindo Tucci, ed al continuo supporto dell'amministrazione comunale, turisti e fortemarmini trovano in Villa Bertelli uno spazio elegante ed accogliente, dove coltivare lo spirito ed il divertimento, e vivere in amicizia amabili momenti di aggregazione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giusti, M. A., 1990, Ville segrete a Forte dei Marmi

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

[1]