Patto del Nazareno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione «patto del Nazareno», appartenente al gergo politico giornalistico italiano, indica un accordo politico siglato fra il segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, e il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il 18 gennaio 2014[1] con gli obiettivi di procedere a una serie di riforme fra cui quella del titolo V della Costituzione, la trasformazione del Senato in "Camera delle autonomie" e l'approvazione di una nuova legge elettorale.[2]

Il nome attribuito all'accordo deriva, per metonimia, da largo del Nazareno a Roma, nei cui pressi si trova la sede del Partito Democratico, luogo dove si è svolto il primo incontro dichiarato fra i due leader. Nel febbraio 2015 a seguito dell'elezione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella il patto si è sciolto.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vinto le elezioni primarie del 2013, il neosegretario del Partito Democratico Matteo Renzi indicò come punti cardine della sua agenda politica una serie di riforme istituzionali, fra cui quelle inerenti al Senato e alla legge elettorale. Il 2 gennaio 2014, pubblicò poi sul suo sito web personale una lettera aperta alle principali forze politiche italiane[4] in cui proponeva tre diversi modelli di riforma del sistema elettorale su cui trovare un accordo per la modifica del cosiddetto Porcellum, dichiarato incostituzionale dalla Consulta.[5] Lo stesso giorno Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, dichiarò di essere favorevole alla possibilità di incontri e consultazioni bilaterali con il PD,[6] mentre il Movimento 5 Stelle annunciò sul blog di Beppe Grillo che la legge elettorale non poteva essere approvata da un parlamento, a loro dire, «moralmente illegittimo», chiedendo invece lo scioglimento delle camere e nuove elezioni.[7]

Il 16 gennaio, durante un'intervista televisiva a Le invasioni barbariche Renzi annunciò che l'incontro con Berlusconi si sarebbe svolto due giorni dopo nella sede del Partito Democratico, per discutere un piano comune sulle riforme. Alla consultazione parteciparono, oltre ai due leader, anche il portavoce della segreteria democratica Lorenzo Guerini e Gianni Letta;[8] al termine Renzi dichiarò di essersi trovato in «profonda sintonia» con Berlusconi su tre temi: riforma del titolo V della Costituzione con l'eliminazione dei rimborsi ai gruppi consiliari regionali, fine del bicameralismo perfetto trasformando Palazzo Madama in una "Camera delle autonomie" senza elezione diretta dei rappresentanti, e modifica della legge elettorale.[9]

L'accordo sull'Italicum è stato discusso dall'assemblea nazionale del PD il 20 gennaio e approvato con 111 voti a favore, 0 contrari e 34 astenuti, pur tra alcune obiezioni mosse da Gianni Cuperlo e Giuseppe Civati.[10] All'interno di Forza Italia non è stata effettuata alcuna votazione per l'accettazione dei contenuti delle riforme, nonostante diversi membri si siano dichiarati contrari. Nella bozza di accordo del 17 gennaio non erano inclusi i dettagli delle tre riforme, ma solo le principali linee guida; i particolari sono stati discussi di volta in volta in una serie di incontri tra esponenti democratici e forzisti. Inoltre, hanno in seguito avuto luogo altri due incontri tra Renzi – nel frattempo divenuto dal 22 febbraio anche presidente del Consiglio – e Berlusconi, il 14 aprile[11] e il 6 agosto[12].

I punti dell'accordo[modifica | modifica wikitesto]

Riforma elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Il primo punto del patto riguarda la modifica del sistema elettorale italiano, regolato fino a quel momento dalla Legge Calderoli di cui la Corte costituzionale aveva dichiarato l'illegittimità il 15 gennaio 2014.[13] La nuova legge venne subito ribattezzata Italicum e presentata alla stampa da Renzi al termine dell'assemblea nazionale del PD del 20 gennaio seguente.[10]

L'accordo iniziale prevedeva un sistema proporzionale corretto, a coalizione, con premio di maggioranza del 15% nel caso una delle coalizioni superi il 35% dei consensi, con vincolo massimo al 55%. Nel caso in cui nessuno avesse raggiunto la soglia del 35%, si sarebbe dovuto effettuare un turno di ballottaggio fra le due coalizioni più votate, per assegnare un bonus che consenta alla coalizione vincente di superare il 50% dei seggi alla Camera. Erano inoltre previste due soglie di sbarramento per l'ingresso in parlamento: al 5% per i partiti in coalizione, e all'8% per le forze che si presentano da sole. I collegi elettorali in questa prima stesura risultavano plurinominali medio-piccoli, in cui ogni partito presenta liste di tre-sei candidati. Non era prevista la possibilità per gli elettori di scegliere direttamente quale politico votare (le cosiddette "liste bloccate").[14]

A seguito delle numerose contestazioni ricevute dagli altri partiti di maggioranza, la proposta di legge è stata modificata prima di essere presentata in parlamento. La seconda stesura, concordata telefonicamente dai due leader politici, prevedeva alcune correzioni sulle soglie ma non nella filosofia dell'impianto: la soglia di accesso al premio di maggioranza è passata dal 35% al 37%, mentre la soglia di sbarramento per i partiti in coalizione è scesa al 4,5%.[15] La legge così formulata è stata approvata a Palazzo Montecitorio il 12 marzo con 365 voti favorevoli, 156 contrari e 40 astenuti. La legge approvata dalla Camera non detta norme per il Senato, nella prospettiva di una sua abrogazione.[16]

La nuova versione dell'Italicum, tanto rivoluzionata rispetto alla prima da essere ribattezzata "Italicum 2.0", è stata approvata dal Senato il 27 gennaio 2015 con il sostegno determinante dei voti di Forza Italia dato che la minoranza del PD è uscita dall'aula.

A febbraio, in seguito all'elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica e la conseguente fine del Patto del Nazareno, Forza Italia ha cambiato radicalmente la sua opinione sull'Italicum, definendolo una legge autoritaria e incostituzionale, incolpando Renzi per le troppe richieste di modifica (17) e annunciando il suo voto contrario nella terza lettura della stessa.

Dopo aver superato tutti e tre i voti di fiducia alla Camera, la riforma elettorale è stata approvata in via definitiva il 4 maggio e al momento del voto finale i partiti di opposizione sono usciti dall'aula in segno di protesta. La legge è stata infine promulgata da Mattarella due giorni dopo.

Riforme costituzionali[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo punto del patto riguarda una serie di riforme costituzionali volte al superamento del bicameralismo perfetto e alla modifica del titolo V che regola il rapporto Stato-Regioni. Queste riforme sono state discusse in un secondo incontro fra Renzi e Berlusconi, svoltosi il 14 aprile a Palazzo Chigi.[17]

La proposta di legge prevede la riduzione del numero dei senatori, da 315 a 100. Questi non saranno più eletti direttamente, bensì nominati dai consigli regionali e comprenderanno 74 consiglieri regionali, 21 sindaci e 5 personalità illustri nominate dal presidente della Repubblica. Il nuovo Senato avrà meno poteri: non potrà più votare la fiducia ai governi in carica, e avrà il ruolo principale di «funzione di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica», che poi sarebbero regioni e comuni. Continuerà invece a votare le riforme e leggi costituzionali, leggi sui referendum popolari, leggi elettorali degli enti locali, diritto di famiglia, matrimonio e salute nonché ratifiche dei trattati internazionali; potrà inoltre avere un ruolo consultivo sulle leggi presentate alla Camera e sulla legge di bilancio, proponendo delle modifiche che dovranno poi essere votate da Palazzo Montecitorio.[18]

Viene inoltre modificato il titolo V, che distingue le competenze dello Stato da quelle delle regioni. Sarà lo Stato a delimitare la sua competenza esclusiva, decidendo cosa lasciare alle regioni.[18]

Ipotesi su eventuali ulteriori contenuti dell'accordo[modifica | modifica wikitesto]

Il patto ha alimentato numerose ipotesi su eventuali ulteriori contenuti dell'accordo, contenuti che sarebbero stati tenuti segreti. Queste ipotesi sono state avanzate sia da alcuni partiti d'opposizione, che hanno anche presentato interrogazioni parlamentari [19], sia da parte di vari organi di stampa. L'accusa rivolta è che esso sia stato in realtà una sorta di "salvacondotto" per Berlusconi e le sue aziende, in cambio dei voti di Forza Italia per attuare il programma di riforme del governo Renzi.[20] Altre rimostranze sono inoltre sorte per via del ruolo di Denis Verdini quale intermediario dell'accordo.[21]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Parisi Massimo, Il patto del Nazareno, Rubettino, 2016, p. 262, ISBN 9788849846355.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Patto del Nazareno, la clausola segreta di Renzi e Berlusconi: “Prodi mai al Colle” Il Fatto Quotidiano 2 agosto 2014
  2. ^ Legge elettorale: C'è profonda sintonia dopo il lungo incontro Renzi-Berlusconi La Repubblica 18 gennaio 2014
  3. ^ A che punto sono le grandi riforme, in Il Post, 2 febbraio 2015. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  4. ^ Testo della lettera da matteorenzi.it
  5. ^ Le tre proposte di Renzi sulla nuova legge elettorale Internazionale 2 gennaio 2014
  6. ^ Legge elettorale, Berlusconi chiede l’election day Il fatto quotidiano, 2 gennaio 2014
  7. ^ Legge elettorale e pagliacci, di Luigi Di Maio da beppegrillo.it 7 gennaio 2014
  8. ^ Legge elettorale, Renzi: “Al Nazareno l’incontro con Berlusconi e Gianni Letta” Il Fatto Quotidiano 17 gennaio 2014
  9. ^ Cosa hanno deciso Renzi e Berlusconi ilpost.it
  10. ^ a b Legge elettorale, Renzi lancia 'Italicum'n. Minoranza contro, ma proposta passa: neanche un no La Repubblica 20 gennaio 2014
  11. ^ Riforme, Berlusconi a Palazzo Chigi con Renzi. "Il patto tiene" Repubblica, 14 aprile 2014
  12. ^ Riforme, incontro Renzi-Berlusconi: "Ok soglie, cauti su preferenze". Premier: "Ci siamo" Repubblica, 6 agosto 2014
  13. ^ in particolare dell’art. 83, comma 1, n. 5, e comma 2, del d.P.R. 30 marzo 1957 n. 361 (Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme per la elezione della Camera dei deputati); dell’art. 17, commi 2 e 4, del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533 (Testo unico delle leggi recanti norme per l’elezione del Senato della Repubblica); degli artt. 4, comma 2, e 59 del d.P.R. n. 361 del 1957, nonché dell’art. 14, comma 1, del d.lgs. n. 533 del 1993, nella parte in cui non consentono all’elettore di esprimere una preferenza per i candidati.
  14. ^ Legge elettorale, arriva il doppio turno anti-larghe intese La Repubblica, 20 gennaio 2014
  15. ^ Italicum, l'ultima chance di Silvio per prendersi l'Italia today.it
  16. ^ Ecco l'Italicum approvato alla Camera: no preferenze, sì soglie e ballottaggio Il Messaggero 12 marzo 2014
  17. ^ Renzi e Berlusconi, vertice di due ore: tiene il patto sulle riforme Corriere della Sera 14 aprile 2014
  18. ^ a b Riforma del Senato: riprende l'esame a Montecitorio polisblog.it 3 agosto 2014]
  19. ^ Riforme, interrogazione M5S: “Cosa c’è nel patto del Nazareno? Renzi mettici la faccia” Il fatto quotidiano 5 agosto 2014
  20. ^ Riforme, Grillo: “Il patto del Nazareno è un salvacondotto per il culo di Berlusconi” Il fatto quotidiano 9 luglio 2014
  21. ^ Verdini, proteste Pd: “No riforme con l’impresentabile”. Ma il governo scappa Il Fatto quotidiano 5 novembre 2014