Antonio Donnarumma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Donnarumma
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 96 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Padova
Carriera
Giovanili
1999-2005Juve Stabia
2005-2010Milan
Squadre di club1
2008-2010Milan[1][2]0 (0)
2010-2011Piacenza2 (-4)[3]
2011-2012Gubbio37 (-59)
2012-2014Genoa1 (0)
2014-2015Bari25 (-35)
2015-2016Genoa0 (0)
2016-2017Asteras Tripolīs21 (-32)
2017-2021Milan0 (0)
2021-Padova17 (-13)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 dicembre 2021

Antonio Donnarumma (Castellammare di Stabia, 7 luglio 1990) è un calciatore italiano, portiere del Padova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il fratello maggiore di Gianluigi, anche lui portiere.[4] Vive e cresce a Castellammare di Stabia fino all'età di 15 anni.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Milan e prestiti al Piacenza e al Gubbio[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nella scuola calcio SSC Napoli della natìa Castellammare di Stabia, inizia l'attività nelle giovanili della Juve Stabia prima di passare nel 2005 a quelle del Milan,[5] dove vince il campionato Allievi nel 2007, con Alberico Evani in panchina, e la Coppa Italia Primavera nel 2010.[5] A partire dal 2008 viene convocato in diverse occasioni con la prima squadra,[1][2] senza mai scendere in campo.

Nel luglio del 2010 va in prestito al Piacenza, dove viene utilizzato come riserva di Mario Cassano. Esordisce da professionista il 14 agosto 2010 nella partita di Coppa Italia vinta per 5-3 contro la Virtus Lanciano;[6] gioca complessivamente cinque partite (due partite in Serie B, una per i play-out e due di Coppa Italia),[7] debuttando in Serie B il 21 maggio 2011 nella sconfitta interna per 3-1 contro l'AlbinoLeffe.[8] La stagione si conclude con la retrocessione degli emiliani in Lega Pro Prima Divisione; rientrato al Milan, viene girato al Gubbio in prestito con diritto di riscatto,[9] nell'anno del ritorno dei rossoblù in Serie B dopo 63 anni; fa il suo debutto con gli umbri il 14 agosto nella partita valida per il secondo turno di Coppa Italia vinta per 3-0 contro il Benevento. Impiegato come titolare in campionato,[5] colleziona 37 presenze in campionato e non evita la retrocessione degli umbri in Lega Pro Prima Divisione. Durante la stagione viene anche convocato nella B Italia, allenata da Massimo Piscedda.[10]

Genoa e prestito al Bari[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2012, sul finire della sessione di mercato, passa a titolo definitivo al Genoa, nello scambio che ha portato Johad Ferretti in rossonero.[11] Per tutta la durata del campionato assume il ruolo di terzo portiere, avendo davanti Sébastien Frey e Alexandros Tzorvas. Il 19 maggio 2013 esordisce in Serie A e con la maglia del Genoa nella partita in trasferta contro il Bologna, finita 0-0 e valevole per l'ultima giornata di campionato salvando il risultato del Genoa con numerose parate.[12][13][14] La stagione successiva è nuovamente terzo portiere, dietro al titolare Mattia Perin e al dodicesimo Albano Bizzarri.[15]

Il 25 luglio 2014 passa in prestito dal Genoa al Bari in Serie B.[16] Debutta coi pugliesi il 17 agosto nella vittoria per 2-1 contro il Savona valida per il secondo turno di Coppa Italia. Disputa la prima parte di stagione da titolare, totalizzando 25 presenze, prima di essere relegato a secondo portiere nella seconda metà di stagione dietro Enrico Guarna.[17]

Terminato il prestito fa il suo rientro al Genoa. Durante la preparazione subisce un grave infortunio alla spalla che lo costringe a un lungo stop.[18]

Asteras Tripolis[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 luglio 2016 risolve il contratto con il Genoa e il giorno dopo firma con i greci dell'Asteras Tripolīs, club militante nella massima serie greca[19][20]. Fa il suo debutto con i greci il 27 ottobre nella vittoria casalinga per 1-0 contro il Veria, valida per la fase a gironi di Coppa di Grecia. Termina la stagione totalizzando 21 presenze in campionato e 2 in coppa di Grecia.

Ritorno al Milan[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 2017 viene acquistato dal Milan, squadra in cui era cresciuto come professionista e dove ritrova il fratello Gianluigi.[21]

Il 27 dicembre fa il suo esordio ufficiale con la maglia del Milan, durante il derby contro l'Inter valevole per i quarti di finale di Coppa Italia, a causa dell'infortunio del secondo portiere Marco Storari durante il riscaldamento e il concomitante infortunio del fratello: la sfida termina 1-0 a favore del Milan dopo 120' di gioco.[22] Il 22 febbraio 2018 debutta nelle coppe europee contro il Ludogorec, nella partita valevole per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, terminata 1-0 a favore dei rossoneri.[23]

Dopo due stagioni torna in campo, sempre in Coppa Italia, nella partita contro la SPAL a San Siro, terminata 3-0 per i padroni di casa.[24]

Complici le poche partite giocate e condizionato dai rapporti tesi tra la dirigenza e il fratello Gianluigi, il giocatore, in scadenza in 30 giugno 2021, non riesce a trovare con la società l'accordo per il rinnovo.[25][26][27]

Non avendo subìto alcuna rete con i Diavoli, diviene il primo portiere della storia del Milan a non subire gol in almeno 300 minuti giocati.[24]

Padova[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 agosto 2021 viene annunciato il suo passaggio al Padova, formazione militante in Serie C, con cui firma un contratto annuale[28]. Fa il suo debutto con i patavini il 15 settembre successivo, nella partita vinta per 1-0 contro il Legnago valida per il secondo turno di Coppa Italia Serie C.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 21 dicembre 2021

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Italia Milan A 0 0 CI 0 0 CU 0 0 - - - 0 0
2009-2010 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
2010-2011 Italia Piacenza B 2+1[29] -4 + 0[29] CI 2 -6 - - - - - - 5 -10
2011-2012 Italia Gubbio B 37 -59 CI 2 -5 - - - - - - 39 -64
2012-2013 Italia Genoa A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
2013-2014 A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
2014-2015 Italia Bari B 25 -35 CI 2 -3 - - - - - - 27 -38
2015-2016 Italia Genoa A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Genoa 1 0 0 0 - - - - 1 0
2016-2017 Grecia Asteras Tripolīs SL 21 -32 KE 2 -4 - - - - - - 23 -36
2017-2018 Italia Milan A 0 0 CI 1 0 UEL 1 0 - - - 2 0
2018-2019 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 SI 0 0 0 0
2019-2020 A 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
2020-2021 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 0 0
Totale Milan 0 0 2 0 1 0 - - 3 0
2021-2022 Italia Padova C 17 -13 CI+CI-C 0+2 -1 - - - - - - 19 -14
Totale carriera 104 -142 12 -19 1 0 0 0 117 -161

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Antonio Vitiello, Milan, i convocati per Lecce, in Milannews, 8 novembre 2008.
  2. ^ a b Matteo Calcagni, Real-Milan, i convocati di Leonardo: Abate c'è, Storari non recupera, in Milannews, 19 ottobre 2009.
  3. ^ 3 (-4) se si comprendono i play-out.
  4. ^ Donnarumma: "Di Castellamare mi manca...", su juvestabianews.altervista.org, 19 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. ^ a b c Gaetano Mocciaro, Milan, il futuro è Donnarumma, in Tuttomercatoweb, 10 novembre 2011.
  6. ^ Coppa Italia 2010-2011, su storiapiacenza1919.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  7. ^ Rosa 2010-2011, su storiapiacenza1919.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  8. ^ Giulio Di Feo, Grossi show, Piacenza nei guai, in La Gazzetta dello Sport, 22 maggio 2011, p. 32.
  9. ^ Pietro Mazzara, Ufficiale: Donnarumma al Gubbio in prestito con diritto di riscatto, in Milannews, 3 luglio 2011.
  10. ^ Matteo Fantozzi, Antonio Donnarumma: “Sogno di tornare al Milan sulle orme di Abbiati, ma ora salvo il Gubbio”, in SerieBnews, 17 novembre 2011.
  11. ^ Ufficiale – Donnarumma al Genoa, arriva Ferretti, in Spaziomilan, 31 agosto 2012.
  12. ^ Bologna - Genoa 0-0, in Il Secolo XIX, 19 maggio 2013.
  13. ^ Marco Guidi, Serie A, Bologna-Genoa 0-0, in La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2013.
  14. ^ Secondo tempo: grande Donnarumma, lo 0 a 0 è merito suo (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2013). Canalegenoa.it
  15. ^ Gianluca Di Marzio, Genoa, Donnarumma rinnova fino al 2018, in Gianlucadimarzio.com, 6 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2015).
  16. ^ Donnarumma all'AS Bari, su genoacfc.it, 25 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2016).
  17. ^ Lorenzo Filippini, Filippini e Donnarumma salutano il Bari. Rinaudo spera..., in Bari nel pallone, 4 giugno 2015.
  18. ^ Genoa cantiere aperto, intanto ecco la nuova maglia, in Genova24, 18 luglio 2015.
  19. ^ Calciomercato, Antonio Donnarumma vola in Grecia: ha firmato con l'Asteras, in Goal.com.
  20. ^ Asteras Tripolis, Ufficiale: preso Antonio Donnarumma, in Calciomercato.com, 23 luglio 2016.
  21. ^ Ufficiale: Antonio Donnarumma torna in rossonero [collegamento interrotto], su acmilan.com.
  22. ^ Valerio Clari, Milan-Inter 1-0, Cutrone nel supplementare decide il derby, in La Gazzetta dello Sport, 27 dicembre 2017.
  23. ^ Marco Gentile, Le pagelle di Milan-Ludogorets: 1-0, su Eurosport, 22 febbraio 2018. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  24. ^ a b Antonio, il Donnarumma che porta bene: tre gare, tre clean sheet ed è nella storia del Milan, in La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 17 gennaio 2020.
  25. ^ Antonio Donnarumma, anche il fratello di Gigio deve dire addio al Milan, su corriere.it, 26 maggio 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  26. ^ Che ne sarà dell'Antonio? Il posto nel calcio dell'altro Donnarumma, su ilfoglio.it, 15 luglio 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  27. ^ Antonio Donnarumma lascia il Milan: bersaglio preferito dei social, i meme più divertenti, su milanlive.it, 1º luglio 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  28. ^ Antonio Donnarumma è un giocatore del Calcio Padova, su padovacalcio.it, 20 agosto 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  29. ^ a b Play-out.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]