Michael Hegstrand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Road Warrior Hawk)
Road Warrior Hawk
Ring name Crusher Von Haig
Hawk
Road Warrior Hawk
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Chicago
12 settembre 1957
Morte Indian Rocks Beach
19 ottobre 2003
Altezza dichiarata 191 cm
Peso dichiarato 120 kg
Allenatore Eddie Sharkey
Debutto 1983
Progetto Wrestling

Michael James Hegstrand (Chicago, 12 settembre 1957Indian Rocks Beach, 19 ottobre 2003) è stato un wrestler statunitense, noto per aver fatto parte, con il nome Road Warrior Hawk (o semplicemente Hawk), del tag team Road Warriors (o Legion of Doom) assieme a Road Warrior Animal. Nel corso della sua carriera ha combattuto nel circuito NWA, nella World Championship Wrestling e nella World Wrestling Federation, sempre accanto ad Animal. Ha anche combattuto nella New Japan Pro Wrestling nei primi anni novanta, stavolta assieme a "Power Warrior" Kensuke Sasaki, dando vita agli Hell Raisers.

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Mentre viveva a Minneapolis, Hegstrand frequentò la Patrick Henry High School dove si laureò nel 1976. Dopo il liceo, ha avuto diversi lavoretti per mantenersi, soprattutto come macellaio. Successivamente trovò lavoro come buttafuori, dove catturò l'attenzione di Eddie Sharkey, un noto allenatore di wrestling. Sharkey pensò che Hegstrand, insieme a Joe Laurinaitis (il futuro Road Warrior Animal), e Barry Darsow avessero del potenziale come wrestler e decise di allenarli.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Hegstrand aveva iniziato la sua carriera nella Traveling All-Stars con il ring name Crusher Von Haig e lottò a Vancouver. Paul Ellering stava cercando di mettere insieme un team Heel nella Georgia Championship Wrestling chiamato "The Legion of Doom", fu allora che gli venne l'idea di reclutare Hegstrand e il suo amico Laurinaitis cambiandogli i ring name rispettivamente in "Hawk" e "Animal". Hanno iniziato con la gimmick di biker; nel DVD dedicato ai Road Warriors, Animal disse che all'epoca si sentivano come i membri dei Village People, così sperimentarono dei modi per avere un aspetto più minaccioso. Iniziarono col rasarsi i capelli in stile "Mohawk", indossarono collari per cani pieni di spilli, le spalline con gli spuntoni e il celebre face paint. L'ispirazione per il look fu presa dal film Interceptor - Il guerriero della strada (Mad Max 2). Inoltre, durante le interviste si dimostravano minacciosi, ma venivano apprezzati per via del loro carisma.

Questo cambio di look, ebbe un successo immediato, rivoluzionando la scena tag-team con le loro mosse di potenza e l'innovativo face paint. Nella Georgia Championship Wrestling vinsero il NWA National Tag Team Championship quattro volte per poi passare a federazioni più importanti, come la American Wrestling Association e la All Japan Pro Wrestling, vincendo più volte i titoli di coppia.

Hawk era noto per i suoi promo, soprattutto quando urlava il loro slogan "Oooooooooh, WHAT A RUUUUUUUUUUUUSH!"

Jim Crockett Promotions (1986-1990)[modifica | modifica sorgente]

Il loro stile aggressivo e violento, piaceva molto ai fan e anche quando erano Heel il pubblico non li fischiava (trattamento riservato di solito ai cattivi), anzi, li applaudiva. Nel 1986 lottavano nella National Wrestling Alliance, fino alla cessazione definitiva dalla federazione. Vinsero il "Jim Crockett Sr. Memorial Cup Tag Team Tournament" ed ebbero un feud con i Four Horsemen e la "squadra russa". Durante il loro percorso nella NWA, hanno contribuito alla diffusione di alcuni tipo di match come il "WarGames match", lo "Scaffold match" e il "Chicago Street Fight".

Nel 1988, i Road Warriors impegnati in una violenta faida con i "Powers of Pain" (Warlord e The Barbarian), ovvero i loro cloni. Infatti i due aveno lo stesso taglio di capelli e un face paint molto simile ai Road Warrior. I Powers of Pain ferirono Animal ad un occhio (kayfabe) durante una gara di sollevamento pesi, rendendo la faida ancora più violenta, ma l'angle fu bruscamente interrotto quando i Powers of Pain lasciarono la NWA dopo aver scoperto che erano stati decisi una serie di Scaffold match e i due non volevano rischiare di farsi male cadendo da quell'altezza.

Verso la fine del 1988, i Road Warriors vinsero il NWA World Tag Team Championship dai Midnight Express. Nel loro ultimo anno con la NWA, i Warriors ebbero diversi feud, soprattutto con i Varsity Club, i Headshrinkers, e gli Skyscrapers ("Masked Sky Scraper" e "Mean" Mark Callous - il futuro The Undertaker), prima di lasciare la NWA nell'estate del 1990, a causa di conflitti con Jim Herd.

World Wrestling Federation (1990-1992)[modifica | modifica sorgente]

I Road Warriors firmarono con con la World Wrestling Federation (WWF) nel 1990 ed ebbero un feud con i Demolition (altri "cloni" dei RW). A causa di alcuni problemi di salute di Ax, quest'ultimo fu sostituito da Crush, ma questa sostituzione abbassò la qualità, ed il feud non fu all'altezza delle speranze dei tifosi. Durante la prima parte del feud i LOD lottarnono spesso al fianco del WWF Champion Ultimate Warrior in match tre contro tre.

Poco più di un anno dopo la firma con la federazione di Vince McMahon, la Legion of Doom vinse il WWF Tag Team Championship, titolo che riuscì a mantenere per circa otto mesi. Alla perdita dei titoli, nel gennaio del 1992, hanno brevemente lasciato la WWF, per poi tornare insieme al manager di lunga data Paul Ellering, con un pupazzo di legno chiamato "Rocco". Entrambi i membri della L.O.D. pensava che la gimmick era stupida e Hawk lasciò la WWF lasciando Animal per la prima volta a combattere come singolo dopo nove anni. Animal continuò a combattere fino alla scadenza del contratto, soprattutto come singolo e, occasionalmente collaborando con l'ex membro dei Demolition, Crush.

New Japan Pro Wrestling[modifica | modifica sorgente]

World Championship Wrestling[modifica | modifica sorgente]

Ritorno in WWF[modifica | modifica sorgente]

Circuito indipendente[modifica | modifica sorgente]


Breve ritorno in WWF (2003)[modifica | modifica sorgente]

Animal e Hawk tornarono a sorpresa a Raw il 12 maggio 2003, dove affrontarono Kane e Rob Van Dam per il World Tag Team Championship. I due non riuscirono a vincere il titolo, ma ormai Hawk si era definitivamente disintossicato e i Road Warriors avevano speranze di tornare in WWE.

Più tardi, nel 2003, Hawk lottò alcuni match nella All World Wrestling League. Due settimane prima di morire ha combattuto il suo ultimo match insieme a Ted DiBiase, contro Greg "The Hammer" Valentine e Marcus "Buff" Bagwell.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Hegstrand morì d'infarto il 19 ottobre 2003. Aveva 46 anni. Per sua stessa ammissione, nel corso della sua vita ebbe problemi legati ad una seria dipendenza dall'alcol e dalle droghe e fu un assuntore di steroidi[1]. Al momento della sua morte, Hawk ed Animal stavano lavorando su un libro sulle loro carriere.

WWE Hall of Fame[modifica | modifica sorgente]

Viene introdotto nella WWE Hall of Fame il 2 aprile 2011, la notte prima di WrestleMania XXVII da Dusty Rhodes come membro dei Road Warriors, assieme al compagno di sempre Road Warrior Animal e al manager Paul Hellering.

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

American Wrestling Association

National Wrestling Alliance

Jim Crockett Promotions/ World Championship Wrestling

New Japan Pro Wrestling

World Wrestling Federation

Pro Wrestling Illustrated

Nel wrestling[modifica | modifica sorgente]

Mosse finali[modifica | modifica sorgente]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Road Warriors: The Life and Death of Wrestling's Most Dominant Tag-Team - (DVD), WWE Home Video

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]