Papirologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un frustulo del cosiddetto papiro di Artemidoro

La papirologia è la scienza che studia i testi letterari e documentari antichi così come si sono conservati nei manoscritti su supporti mobili e deperibili, come il papiro, la più comune forma di supporto scrittorio nel mondo egizio, greco e romano.

Essa consiste sia nella trascrizione, la traduzione e l'interpretazione di documenti antichi in varie lingue (greco, latino, copto, arabo), sia lo studio fisico dei papiri, il loro restauro e la conservazione.

Come disciplina sistematica la papirologia ha origine negli anni Novanta dell'Ottocento, quando grandi depositi di papiri ben conservati furono scoperti da egittologi in varie località in Egitto, come Arsinoe ed Ossirinco. Tra i principali centri si ricordano l'Università di Oxford, l'Università di Heidelberg, la Columbia university e la University of Michigan. I fondatori della Papirologia furono Johann Karabacek, W. Schubart, Th. Graf, G.F. Tsereteli, Fr. Taschner e altri studiosi.

La collezione di papiri pagani, cristiani ed arabi nota come Papiri Rainer rappresenta la prima grande scoperta di manoscritti su papiro trovati nel Fayum in Egitto. Intorno al 1880 un commerciante di tappeti al Cairo comprò per conto di Johann Karabacek più di 10000 papiri e alcuni testi scritti su lino. Di questi più di 3000 sono in lingua araba. I papiri provengono da Kôm Fâris (Krokodílon Pólis) e Ihnasiyyah al-Madinah (Heracleopolis Magna), i testi su lino da Kôm al-‘Azâma. I testi vennero trasferiti a Vienna nel 1882, e presentati l'anno successivo in un'esposizione pubblica che suscitò scalpore. In seguito i papiri vennero acquistati dal Gran Duca Rainer e donati alla Kaiserliche Akademie der Wissenschaften di Vienna.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • O. Montevecchi, La papirologia, Milano 1988
  • E.G. Turner, Greek Papyri, an Introduction, Oxford 1980
  • M. Scialuga, Introduzione allo studio della filologia classica, Alessandria, Edizioni dell'Orso 2003