La rivoluzione francese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il periodo storico, vedi Rivoluzione francese.
« Noi abbiamo spezzato la tirannia del privilegio, abbiamo posto fine ad antiche ingiustizie, cancellato titoli e poteri ai quali nessun uomo aveva diritto. Abbiamo posto fine alle assegnazioni per censo e per nascita, delle più alte e prestigiose ambite cariche dello stato, della chiesa e dell'esercito, in ogni singolo distretto tributario di questo nostro grande corpo politico, lo stato di Francia. Ed abbiamo dichiarato che su questa terra il più umile tra gli uomini è uguale al più illustre. La libertà, che noi abbiamo conquistato, l'abbiamo data a chi era schiavo e la lasciamo al mondo in eredità affinché moltiplichi ed alimenti le speranze che abbiamo generato. Questo è più di una più grande vittoria in battaglia, più di tutte le spade, dei cannoni e di tutti i reggimenti di cavalleria d'Europa! È un'ispirazione per il sogno comune a tutti gli uomini di qualsiasi paese, una fame di libertà che non potrà più essere ignorata. Le nostre vite non sono andate sprecate al suo servizio. »
(Georges Jacques Danton (interpretato da Klaus Maria Brandauer).)
La rivoluzione degli onesti
Titolo originale La révolution française
Paese Francia, Italia, Germania, Canada, Gran Bretagna
Anno 1989
Formato miniserie TV
Genere storico, drammatico, bellico
Puntate 2
Durata 360 min
Lingua originale francese/inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio
Crediti
Regia Robert Enrico,
Richard T. Heffron
Sceneggiatura David Ambrose,
Daniel Boulanger,
Robert Enrico,
Richard T. Heffron,
Fred A. Wyler
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia François Catonné, Bernard Zitzermann
Montaggio Anne Baronnet, Martine Barraqué, Peter Hollywood, Patricia Nény
Musiche Georges Delerue
Costumi Catherine Leterrier
Casa di produzione Les Films Ariane
Prima visione
Prima TV Francia
Dal ottobre 1989
Al ottobre 1989
Rete televisiva
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 30 settembre 1990
Al 21 ottobre 1990
Rete televisiva RAI 1

La rivoluzione francese (La révolution française) è una miniserie televisiva kolossal del 1989 diretta da Robert Enrico e Richard T. Heffron, realizzata in occasione del bicentenario della Rivoluzione francese.

È divisa in due parti, Les Années Lumière diretta da Enrico, Les Années Terribles diretta da Heffron.

In Italia è stata trasmessa in quattro episodi, La Bastiglia, La Costituzione, I processi, Il Terrore.

Ampi spezzoni tratti dallo sceneggiato sono inclusi nello speciale di Superquark di Piero Angela "Luigi XVI: l'ultimo giorno"

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Les Années Lumière

La prima parte del film racconta i seguenti eventi:

  • La riunione degli Stati Generali
  • Il giuramento della Pallacorda e l'istituzione della Assemblea Costituente
  • La presa della Bastiglia
  • La notte del 4 agosto
  • La Carta dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino
  • I giorni del 5 e 6 ottobre 1789
  • La Festa della Federazione
  • La fuga di Luigi XVI e il suo arresto
  • Le riprese di Champ de Mars
  • L'istituzione della Assemblea nazionale legislativa
  • Il dibattito sulla guerra tra Brissot e Robespierre e la dichiarazione di guerra contro l'imperatore d'Austria (20 aprile 1792)
  • Eventi del 20 giugno 1792
  • L'introduzione del Comune insurrezionale di Parigi
  • Eventi del 10 agosto 1792

Les Années Terribles

La seconda parte del film racconta i seguenti eventi:

  • Confinamento di Luigi XVI e la sua famiglia a Tempio
  • I massacri di settembre e l'istituzione del Terrore
  • La battaglia di Valmy
  • L'introduzione della prima Repubblica e la Convenzione nazionale
  • Il processo a Luigi XVI e la sua esecuzione
  • L'introduzione del tribunale rivoluzionario
  • Scontri tra i Montagnardi e i Girondini che portano al 31 maggio e 2 giugno 1793
  • L'assassinio di Marat
  • Il processo di Maria Antonietta e la sua esecuzione
  • Il Grande Terrore
  • Il processo di Hebert
  • Il processo di Danton
  • La caduta di Robespierre

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]