Klaus Maria Brandauer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Klaus Maria Brandauer

Klaus Maria Brandauer (Bad Aussee, 22 giugno 1944) è un attore austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò recitazione alla Hochschule für Musik und Darstellende Kunst di Stoccarda, debuttando nel 1962 come attore teatrale.

Dopo alcune apparizioni in sceneggiati televisivi, tra cui L'ispettore Derrick, approdò al cinema nel 1972, in un ruolo secondario in Scacchiera di spie. Il successo gli arrise nel 1981, con l'interpretazione di Heindrick Höfgen, personaggio ispirato a Gustaf Gründgens, genero di Klaus Mann[1], nel film Mephisto, diretto da István Szabó.

Torna a lavorare con Szabo nel 1985: è protagonista di "Il colonnello Redl". La pellicola ottiene il Premio della Giuria al 38º Festival di Cannes e viene nominato all'Oscar quale miglior film straniero.

Sempre nel 1985 interpretò il ruolo del barone Blixen-Finecke ne La mia Africa, conquistando un Golden Globe e una candidatura al Premio Oscar.

Oltre al tedesco, parla italiano, inglese, francese e ungherese.

È stato sposato con la regista e sceneggiatrice austriaca Karin Brandauer dal 1964 fino alla sua morte avvenuta nel 1992, avendo da lei anche un figlio. Nel 2007 si è risposato con Natalie Krenn, studiosa di scienze e tecniche del teatro.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Klaus Maria Brandauer ospite del Giffoni Film Festival nel 1988

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandra Pietrini, Il mondo del teatro nel cinema, Bulzoni, Roma, 2007, pagg. 79-102

Controllo di autorità VIAF: 84032606 LCCN: n87934421