Henning Mankell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« scrivo per cercare, in un modo o nell'altro, di rendere il mondo più comprensibile. »
(Henning Mankell)
Henning Mankell alla Fiera del libro di Göteborg nel 2005

Henning Mankell (Stoccolma, 3 febbraio 1948) è uno scrittore svedese, noto principalmente per i suoi romanzi polizieschi che hanno come protagonista il personaggio di Kurt Wallander, commissario della polizia di Ystad. Con il primo libro del commissario Wallander (Assassino senza volto) ha vinto il premio Glasnyckeln dedicato ai migliori romanzi gialli dei paesi scandinavi. Lo scrittore vive fra la Svezia ed il Mozambico e dal 1998 è sposato con la regista teatrale e televisiva Eva Bergman, figlia di Ingmar Bergman.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mankell è nato a Stoccolma ed è cresciuto nelle città svedesi di Sveg (Härjedalen) e di Borås (Västergötland). Il padre di Mankell, Ivar, era un giudice e il nonno, da cui prese il nome Henning, un compositore. All'età di 20 anni, aveva già iniziato la sua carriera di scrittore e assistente presso il Riksteater di Stoccolma. Negli anni seguenti continuò a collaborare con diversi teatri in Svezia. Negli anni settanta, Mankell andò a vivere in Norvegia con una norvegese membro di un partito maoista comunista del Lavoro. Mankell collaborò alle attività di quel partito, pur senza mai farne parte.

Nel 1985 ha fondato il teatro Avenida, a Maputo in Mozambico, dove trascorre buona parte del suo tempo e dove trova ispirazione per il suo lavoro.

Nel 1998 si è sposato con Eva Bergman, figlia di Ingmar Bergman.

Nel 2001 ha costituito una propria casa editrice (Leopard Förlag) col fine di aiutare i giovani talenti africani e svedesi.

Il 2 giugno 2008 gli è stata conferita la Laurea honoris causa dalla Saint Andrews University in Scozia.

Mankell era a bordo della Freedom Flotilla quando il 31 maggio 2010 fu abbordata dalla Marina militare israeliana. Negli scontri seguenti, che provocarono nove decessi, rimase illeso.[1] Dopo il suo ritorno in Svezia ha chiesto sanzioni per Israele.[2]

Il 29 gennaio 2014 ha comunicato, sul suo sito ufficiale, che gli è stato diagnosticato un tumore alla nuca ed al polmone sinistro. Ora aspetta di conoscere dai medici del Sahlgrenska University Hospital di Göteborg quale sarà il trattamento da seguire. Ha deciso di scrivere dell'andamento della sua malattia sul quotidiano svedese Göteborgs-Posten "dal punto di vista della vita e non della morte".[3] [4]

Inquietudine svedese[modifica | modifica sorgente]

La parte principale dell'opera di Mankell è costituita dalla saga del commissario Wallander. Sui motivi di fondo dell'autore qualcosa si trova nelle opere più recenti:

« ho capito che il sottotitolo della serie doveva essere I romanzi dell'inquietudine svedese. »
« Questi romanzi, in fondo, pur nella loro varietà, hanno sempre girato intorno a un unico tema: che cosa è successo negli anni novanta allo Stato di diritto? Come può sopravvivere la democrazia se il fondamento dello Stato di diritto non è più intatto? La democrazia ha un prezzo che un giorno sarà considerato troppo alto e che non vale più la pena pagare? »

(dall'introduzione a Piramide).

L'uomo inquieto è anche il titolo dell'ultimo romanzo della serie. Chiaramente l'uomo inquieto è Wallander, il quale è anche testardamente assetato di giustizia:

« Il concetto di giustizia non significa solo che le persone che commettono reati vengano condannate. Significa anche non arrendersi mai. »

(Assassino senza volto).

Opere[modifica | modifica sorgente]

(accanto al titolo originale svedese, si riporta l'eventuale titolo internazionale in inglese)

Lo scrittore alla Fiera del Libro di Göteborg, 2010

Serie del commissario Kurt Wallander[modifica | modifica sorgente]

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

(film tratti dai suoi romanzi)

  • 1994 - Mördare utan ansikte, miniserie tratta da Assassino senza volto
  • 1995 - Hundarna i Riga, da I cani di Riga
  • 1996 - Den vita lejoninnan, da La leonessa bianca
  • 1997 - Etterfølgeren
  • 1998 - Comédia Infantil
  • 1999 - Efterträdaren, miniserie
  • 2000 - Labyrinten, miniserie
  • 2001 - Villospår, film TV da La falsa pista
  • 2002 - Den 5:e kvinnan, miniserie da La quinta donna
  • 2003 - Talismanen, miniserie
  • 2003 - Mannen som log, film TV da L'uomo che sorrideva
  • 2004 - "Danslärarens återkomst, film TV
  • 2005 - Wallander - Innan frosten, da Prima del gelo
  • 2005 - Steget efter, da Delitto di mezza estate
  • 2005 - Wallander - Byfånen
  • 2005 - Wallander - Bröderna

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anche Mankell a bordo della flottiglia. Stoccolma: «Non è stato ferito», Corriere della Sera, 31 maggio 2010. URL consultato il 3 giugno 2010.
  2. ^ (EN) Gaza aid flotilla: Henning Mankell calls for sanctions on Israel, The Daily Telegraph, 2 giugno 2010. URL consultato il 3 giugno 2010.
  3. ^ HENNING MANKELL HA DICHIARATO DI AVERE UN CANCRO., Marsilio, 29 gennaio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Henning Mankell about his cancer, blog dell'autore, 29 gennaio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84944859 LCCN: n80053193