Donna Leon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima serie televisiva, vedi Donna Leon (serie televisiva).
Donna Leon nel 2010.

Donna Leon (Montclair, 29 settembre 1942) è una scrittrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata nel New Jersey (USA), Donna Leon si è trasferita a Venezia nel 1981. È autrice di best seller a livello mondiale. Scritti in inglese ed ambientati nella città lagunare, i suoi libri sono stati pubblicati in ventitré lingue straniere (ma non in italiano). In particolare ha pubblicato una serie di gialli il cui protagonista è il commissario Brunetti: si tratta di un personaggio in perenne conflitto con i lati ombra della società, soprattutto con una corruzione intrinseca alla vita sociale e politica dell'ambiente in cui vive e lavora come rappresentante dello Stato.

Dato che le storie della Leon sono tutte ambientate a Venezia, è singolare il fatto che l'italiano sia una delle pochissime lingue europee in cui i suoi libri non sono stati tradotti. Mentre in paesi vicini come la Germania i gialli della scrittrice americana trovano tanto riscontro da essere filmati[1] ed anche venduti in edicola, Donna Leon ha preferito espressamente che le sue opere non venissero tradotte in italiano, giustificando la scelta con il desiderio che i veneziani continuino a considerarla senza pregiudizi e come una scrittrice qualunque.

Effettivamente, la scrittrice è stata spesso criticata, ed è questa la ragione del suo bisogno di anonimato nell'ambito della città di Venezia: i detrattori fanno valere una tendenza della Leon a basarsi su stereotipi sull'Italia. Anche il tono melodrammatico è stato oggetto di valutazioni negative: la malinconia del commissario Brunetti nasce dal conflitto tra la famiglia (che sta per i valori del comportamento corretto e civilizzato) e lo Stato (profondamente corrotto, nonostante paradossalmente si fondi soprattutto sulla famiglia). Altre valutazioni negative date dal fatto che spesso i nome, i luoghi, i cibi italiani e veneziani sono riportati errati. Altri apprezzano la diretta chiarezza nello stile espositivo dell'autrice, ricordandone la capacità evocativa: la descrizione di vedute, sapori ed odori richiamerebbero infatti le atmosfere tipicamente veneziane. Pare che le sia stato anche conferito il premio letterario giapponese Suntory per il primo libro (Death at la Fenice).

Per quanto riguarda le sue altre attività, Donna Leon ha alternato la carriera accademica a quella di scrittrice, per poi abbandonare la prima. Ha collaborato con il giornale conservatore britannico The Sunday Times scrivendo saggi e recensioni.

Nutre un'intensa passione per l'opera lirica.

La serie del commissario Brunetti[modifica | modifica sorgente]

  • Death at La Fenice (1992)
  • Death in a Strange Country (1993)
  • The Anonymous Venetian (1994)
  • A Venetian Reckoning (1995)
  • Acqua Alta (1996)
  • The Death of Faith (1997)
  • A Noble Radiance (1997)
  • Fatal Remedies (1999)
  • Friends in High Places (2000)
  • A Sea of Troubles (2001)
  • Wilful Behaviour (2002)
  • Uniform Justice (2003)
  • Doctored Evidence (2004)
  • Blood from a Stone (2005)
  • Through a Glass Darkly (2006)
  • Suffer the Little Children (2007)
  • The Girl of His Dreams (2008)
  • About Face (2009)
  • A Question of Believe (2010)
  • Drawing Conclusions (2011)
  • Beastly Things (2012)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ RomanWelten - Mord am Canal Grande - Donna Leon und Venedig - Film di Gero von Boehm (2000)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27182947 LCCN: n92007412