Segreti di famiglia (film 2009)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Quasi nulla è realmente accaduto ma tutto è assolutamente vero.[1] »
(Francis Ford Coppola)
Segreti di famiglia
Segreti di famiglia (2009).png
Tetro (Vincent Gallo) in una scena del film
Titolo originale Tetro
Lingua originale inglese, spagnolo, francese
Paese di produzione USA, Argentina, Spagna, Italia
Anno 2009
Durata 127 min
Colore B/N, colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1 (scene in B/N)
1,85:1 (scene a colori)
Genere drammatico
Regia Francis Ford Coppola
Soggetto Francis Ford Coppola
Sceneggiatura Francis Ford Coppola
Produttore Francis Ford Coppola
Casa di produzione American Zoetrope, Tornasol Films, BIM
Distribuzione (Italia) BiM Distribuzione
Fotografia Mihai Malaimare Jr.
Montaggio Walter Murch
Effetti speciali Viktor Muller
Musiche Osvaldo Golijov
Scenografia Sebastián Orgambide
Costumi Cecilia Monti
Trucco Norberto Poli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Segreti di famiglia (Tetro) è un film del 2009 scritto, prodotto e diretto da Francis Ford Coppola.

Dopo Non torno a casa stasera e La conversazione questo è il terzo film in cui Coppola, oltre dirigere, scrive anche il soggetto e la sceneggiatura.

Film d'apertura alla 41ª Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2009 e presentato alla 27ª edizione del Torino Film Festival nella sezione "Festa Mobile". In Italia è stato distribuito il 20 novembre 2009.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il quasi diciottenne Bennie (Alden Ehrenreich) si reca a Buenos Aires, in Argentina, per far visita al fratello maggiore Angelo (Vincent Gallo) che non vede da oltre 10 anni. Il fratello (i due sono figli di due madri diverse) è stato in manicomio e ha rotto i ponti con la famiglia, infatti si fa chiamare Tetro (abbreviazione del cognome Tetrocini), a causa di un difficile rapporto con il padre, Carlo Tetrocini (Klaus Maria Brandauer), un direttore d'orchestra di fama mondiale. Tetro vive con Miranda (Maribel Verdú) nel quartiere della Boca e lavora in un piccolo teatro facendo il tecnico delle luci, concede a Bennie di restare solo pochi giorni, il tempo necessario per le riparazioni della nave da crociera in panne sulla quale lavora come cameriere. Nonostante prima di fuggire via avesse lasciato una lettera al fratello minore dove prometteva che un giorno sarebbe tornato per portarlo via e prendersi cura di lui, Tetro non vuole più avere rapporti con la sua famiglia. Un giorno Bennie trova degli scritti di Tetro e, essendo cresciuto nel mito del fratello maggiore e delle sue doti letterarie, decide di trascriverli dato che egli non intende che vengano pubblicati. Quando Tetro lo scopre si infuria, ma Bennie reclama che quella è anche la sua storia e decide di realizzarne una rappresentazione teatrale. Tutto questo costringerà il protagonista a confrontarsi con le ragioni della sua fuga, fino a svelare a Bennie il pesante segreto che si porta dietro da anni.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente il regista nel ruolo di Tetro voleva Matt Dillon, impossibilitato da altri progetti. In seguito Coppola si rese conto il film sarebbe somigliato troppo a Rusty il selvaggio (con Dillon protagonista), così dopo una lunga ricerca scelse Vincent Gallo.[2] Il film è stato girato in alta definizione digitale.

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • La scena dove Tetro ha in mano un mazzo di fiori è un omaggio a Fronte del porto, dove Terry Malloy (il personaggio interpretato da Marlon Brando) fa la stessa cosa.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Molti aspetti della pellicola richiamano la vita del regista: due fratelli direttori d'orchestra (anche il padre e lo zio di Coppola erano musicisti); figli cresciuti all'ombra della figura del padre grande artista (probabile riferimento ai figli Roman e Sofia); la decisione di liberarsi un nome pesante (come fece Nicolas Cage, nipote di Coppola); un incidente in cui perde le vita una persona molto amata (nel film è la madre di Tetro, mentre nella realtà il figlio maggiore di Coppola, Giancarlo, morì durante le riprese di Giardini di pietra). In tal proposito Francis Ford Coppola ha dichiarato di aver raccontato le dinamiche viste in azione fra suo padre e suo zio, e poi fra suo padre ed egli stesso.

Slogan promozionali[modifica | modifica sorgente]

« Every Family Has a Secret. »
« Every Family Has a Past. »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fabio FazioChe tempo che fa, Rai 3, 21 11 2009 (collegamento), 0 h 13 min 10 s. URL consultato il 29-12-2009.
  2. ^ Tetro (2009) - Trivia - IMDb

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema