Charles-Henri Sanson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illustrazione di Charles-Henri Sanson

Charles-Henri Sanson (Parigi, 15 febbraio 1739Parigi, 5 luglio 1806) è stato un ufficiale e boia francese.

È il più celebre di una nota dinastia familiare di esecutori di giustizia parigini che ricoprirono con continuità questo incarico tra il 1687 e il 1847. Eseguì, tra le altre, la decapitazione di Luigi XVI di Francia durante la rivoluzione francese.

Charles-Henri: tra romanzo e realtà storica[modifica | modifica wikitesto]

Non ci rimane alcun ritratto di Charles-Henri Sanson, ma esistono, invece, alcune biografie molto romanzate del XIX secolo basate sui diari - in realtà degli apocrifi successivi - tenuti dall'ufficiale francese. I presunti diari furono pubblicati, per la prima volta, nel 1829 con il titolo di Mémoires pour servir a l'histoire de la Revolution Française par Sanson (2 volumi, 1829) e l'introduzione di Honoré de Balzac. Un'altra opera biografica (Sept générations d'exécuteurs. Mémoires des Sanson, 1862-1863, in 6 volumi) fu redatta dal nipote, Henri-Clément Sanson.

Tra i pochi manoscritti sicuramente autentici di Charles-Henri Sanson vi è una lettera del 23 febbraio 1793[1] destinata alla pubblicazione sui giornali in risposta alle accuse di codardia avanzate contro di lui dal giornale repubblicano Thermomètre du Jour in occasione della decapitazione di Luigi XVI. La replica di Sanson descrive gli ultimi momenti di vita del sovrano francese, riporta le esatte frasi scambiate tra i due sul patibolo, e le impressioni di Charles-Henri.

Il boia di Parigi[modifica | modifica wikitesto]

Il boia (in francese bourreau) era, in quel periodo storico, il pubblico ufficiale incaricato di eseguire le sentenze giudiziarie quando riguardassero pene corporali di qualunque tipo compresa la tortura e la condanna a morte.

La famiglia Sanson aveva acquisito il titolo, poi ereditario, di "Executeur des hautes oeuvres de Paris" (Esecutore delle alte opere di Parigi) nel 1688 con Charles Sanson de Longval (1658-1707), il bisnonno di Charles-Henri.

Figlio del boia Jean-Baptiste Sanson, Charles-Henri sposò, il 10 gennaio 1765, Marie Anne Jugier, figlia di un maresciallo dell'esercito, da cui avrebbe avuto due figli: Henri - che sarebbe poi succeduto al padre come ufficiale esecutore - e Gabriel, aiuto-boia dal 1790 al 1792, anno in cui morì in un incidente.

Charles-Henri intraprese la carriera nel 1754, quando dovette succedere al padre gravemente malato. Nel 1778, alla morte di quest'ultimo, ottenne le lettere di provvigione che lo nominavano ufficialmente "bourreau de la Ville, Prévôté et Vicomté de Paris". Nel medesimo anno divenne ufficiale esecutore del re (Prévôté de l'Hôtel du Roy) alla corte di Versailles, una carica che aveva già esercitato il fratello, Nicolas Charles Gabriel Sanson.

Durante la rivoluzione francese[modifica | modifica wikitesto]

Esecuzione del re Luigi XVI

Allo scoppio della rivoluzione francese, nel 1789, simpatizzò con gli insorti, ma senza partecipare ai moti rivoluzionari, ottenendo il titolo di cittadino. Continuò ad esercitare la sua professione durante il periodo rivoluzionario - dal 1789 al 1794 - officiando a tutte le esecuzioni capitali.

Il 21 gennaio 1793, per autorità della Convenzione Nazionale, Sanson eseguì la decapitazione, tramite ghigliottina, di Luigi XVI di Francia.

Sanson fu l'esecutore materiale di 2.918 decapitazioni negli anni della rivoluzione francese. Nel cesto della ghigliottina, da lui azionata, rotolarono - fra le altre - le teste di Maria Antonietta, moglie del sovrano francese, e di molti aristocratici, ma anche di diversi esponenti di fazioni rivoluzionarie quali: Jacques-René Hébert, Georges Danton e i suoi sostenitori, i Girondini, Robespierre e i Montagnardi.

Nel 1795 Sanson, sfinito, decise di ritirarsi, passando l'incarico al figlio Henri. Pur non occupandosi più delle esecuzioni, rimase ufficialmente in carica fino alla morte avvenuta nel 1806; Sanson, a tutt'oggi, riposa nel presso il Cimitero di Montmartre.

Leggende sull'esecuzione di Luigi XVI[modifica | modifica wikitesto]

Una leggenda contemporanea vide Sanson raffigurato come lo "strumento" della maledizione che Jacques de Molay, ultimo gran maestro dei templari, avrebbe lanciato contro Filippo il Bello. Mentre veniva arso sul rogo, il 18 marzo 1314, Molay avrebbe maledetto la discendenza del sovrano capetingio suo accusatore fino alla tredicesima generazione.

Alcuni giornalisti e storici sensazionalisti del XIX secolo, riprendendo la nota diceria della maledizione di Molay, riportarono la voce che Sanson, prima di decapitare il sovrano francese e porre in questo modo virtualmente fine alla dinastia capetingia, gli avrebbe mormorato: "Io sono un templare, e sono qui per portare a compimento la vendetta di Jacques de Molay."[2]

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il noto attore britannico Christopher Lee ha interpretato il ruolo di Charles-Henri Sanson nella miniserie televisiva La rivoluzione francese (1989).

Il primo numero della collana "le Storie", edita dalla Sergio Bonelli Editore, è dedicato al boia parigino durante la Rivoluzione Francese. In questo albo Sanson viene rappresentato come un uomo disincantato e scettico, che rifiuta l'appellativo di macellaio e preferisce quello di carnefice cioè colui che dà la morte cercando di arrecare meno dolore possibile, tanto da aver richiesto lui stesso, con una lettera al Ministro della Giustizia, la costruzione di una ghigliottina. Sanson prende molto seriamente il mestiere di boia e vede come un dovere morale assistere i condannati a morte, visitando personalmente ognuno di essi alla prigione della Conciergerie per pregare e parlare con loro preparandoli al momento della dipartita. Il boia disprezza in egual misura il Popolo (da lui definito "barbaro e incivile") e i cosiddetti "Rivoluzionari" come Robespierre e Saint-Just, pur essendo molto amico di Danton, che considera degli arrivisti demagoghi; a un certo punto Sanson si trova, senza volerlo, esaltato come un eroe dal popolo che prima lo disprezzava e che ora, adesso che taglia la testa ai nobili, lo esalta come il "boia del popolo" anche per idea di Robespierre che cerca di usarlo come strumento per garantire il proprio potere a Parigi. Sanson si rifiuta di essere la marionetta del dittatore attirandosi l'odio di Robespierre e del suo sgherro Saint-Just ed è schifato dal Terrore instaurato dal Comitato di Salute pubblica che ha trasformato le esecuzioni in uno spettacolo da circo denaturandole della loro sacralità. Gli tocca assistere impotente a quella che lui definisce la macellazione di Luigi XVI, che gli era stato impedito di incontrare per il rito della preparazione, a causa di un errore degli uomini di Robespierre nel montare la ghigliottina e dopo ciò, in un colloquio con l'Incorruttibile, gli confesserà il suo disprezzo per la sua demagogia:"Come vi riempite la bocca di questa parola... "popolo". Voi non capite il popolo più di quanto il popolo capisca voi" - "Diversamente da voi, vero, Sanson?" - ribatte Robespierre sarcastico - "Voi ricambiate la loro devozione con tutto il cuore!" - "No. Io li disprezzo profondamente... Sono barbari, incivili... Ma la differenza è che io non mento loro." Alla fine, spinto dal suo amico Danton (che aveva dovuto decapitare) e da una nobildonna (cui era molto affezionato perciò Robespierre, sperando in questo modo di fiaccarne la resistenza, lo incaricò della sua esecuzione) ordisce un piano per liberare Parigi della tirannia giacobina che porterà alla caduta di Robespierre il quale verrà infine, con estrema soddisfazione di Sanson, ghigliottinato dal boia stesso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Una trascrizione dell'inizio del XIX secolo è ancora conservata (Mss Fr. 10, 268) alla Biblioteca nazionale di Francia, mentre l'originale è stato venduto ad un'asta di Christie's a Londra, il 7 giugno 2006, per 120.000 euro.
  2. ^ Massoneria, Firenze, Giunti, 2002, pag.51, ISBN 88-440-2502-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michel e Danielle Demorest, Dictionnaire historique et anecdotique des bourreaux, 424 p., Gens de Justice, 1996
  • Henri-Clément Sanson, Sept générations d'exécuteurs. Mémoires des Sanson, Vol. 3, Vol. 4 e Vol. 5.
  • Jacques Delarue, Le Métier de bourreau, Fayard, 1989 ISBN 2-213-02336-0
  • Charles Henri Sanson, voce su Enciclopedia Britannica, 11ª Edizione.
  • Henri E Marquand, "Confessioni di un boia" (intervista a Henri Sanson), Endemunde Edizioni, 2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 50798025 · LCCN: n88601899 · GND: 118865021 · BNF: cb12107620k (data)