Jacques Pierre Brissot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacques Pierre Brissot
Jacques Pierre Brissot.

Jacques Pierre Brissot.


Deputato all'Assemblea legislativa
Durata mandato 1791 –
1793

Dati generali
Partito politico Gironda
Tendenza politica repubblicano - democratico
Professione Giornalista

Jacques Pierre Brissot de Warville (Chartres, 15 gennaio 1754Parigi, 31 ottobre 1793) è stato un politico e giornalista francese leader dei girondini, morto ghigliottinato durante il Terrore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tredicesimo figlio di una famiglia abbiente, ruppe con la famiglia e visse di espedienti utilizzando le sue abilità letterarie.

Si fece conoscere con la Théorie des lois criminelles (1780, 2 vol.) e con Bibliothèque philosophique du législateur... (1782-1786, 10 vol.). Imbevuto delle teorie di Jean-Jacques Rousseau, scrisse pamphlet sur L'Inégalité sociale e collaborò nel 1778-1779 al Courier de l'Europe di Samuel Swinton che sostenne gli insorti americani. Divenne segretario di Luigi Filippo II duca d'Orléans, noto come Philippe Égalité.

Ai tempi degli Stati generali del 1789, lancia un giornale repubblicano, le Patriote français. Fu tra i fondatori de la Société des amis des Noirs per abolire la tratta dei neri, ma non la schiavitù. Fu il redattore della pétition pour la déchéance du roi et domandò la proclamazione della Repubblica. Eletto all'Assemblea legislativa si oppose a Maximilien de Robespierre sulla questione della guerra, voluta da Brissot e dai suoi amici, poi denominati Girondini. Rieletto alla Convenzione, fu arrestato e poi ghigliottinato.

Il suo corpo venne inumato in una fossa comune del vecchio Cimitero della Madeleine.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Voyage aux États-Unis (1791).
  • Mémoires
  • Testament politique (4 vol.).
  • De la vèritè

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Simon Burrows, The innocence of Jacques-Pierre Brissot, The Historical Journal, vol. 46, n°4, décembre 2003, pp. 843-871.
  • (EN) Robert Darnton, "The Grub Street Style of Revolution: J.-P. Brissot, Police Spy," The Journal of Modern History, vol. 40 (1968), pp. 301-327.
  • Idem, "The Brissot Dossier," French Historical Studies, vol. 17 (1991), pp. 191-205.
  • (EN) E. Ellery, Brissot de Warville, Boston et New York, 1915.
  • Suzanne Huart, Brissot, la Gironde au pouvoir, Paris, Robert Laffont, 1986.
  • (EN) Leonore Loft, Passion Politics and Philosophie: Rediscovering J.-P. Brissot, Greenwood press, 2002.
  • Fernanda Mazzanti Pepe, Il nuovo mondo di Brissot, Giappichelli, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 64002647 LCCN: n50041475 SBN: IT\ICCU\IEIV\022176