Camille Desmoulins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Bisogna fare del diritto pubblico dell'Europa come ha fatto Lutero del diritto canonico: buttare tutti i libri nel fuoco. »
(Camille Desmoulins.[1])
Ritratto di Camille Desmoulins fatto da Jean-Sébastien Rouillard.

Camille Desmoulins (nome completo Lucie-Simplice-Camille-Benoist Desmoulins) (Guise, 2 marzo 1760Parigi, 5 aprile 1794) è stato un avvocato, giornalista e rivoluzionario francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Camille Desmoulins era figlio di Jean-Benoist-Nicolas Desmoulins, un luogotenente generale al baliato di Guise, e di Marie-Magdeleine Godart. Venuto al mondo il 2 marzo 1760 in una piccola casa della Grande-Rue, fu battezzato il giorno successivo nella chiesa dei santi Pietro e Paolo.[2]

Entrò come borsista al liceo Louis-le-Grand di Parigi, dove ottenne risultati brillanti e fu compagno di studi di Maximilien de Robespierre, più grande di due anni. Determinato a rimanere nella grande città, vinse l'opposizione paterna promettendo di intraprendere la carriera forense, nonostante una balbuzie piuttosto pronunciata. Con l'aiuto di un piccolo sostegno economico che gli arrivava da casa, diventò avvocato nel 1785.[3]

Lo scoppio della Rivoluzione[modifica | modifica wikitesto]

I clienti scarseggiavano, e così Desmoulins ebbe modo di frequentare abitualmente i caffè parigini, creandosi una fitta rete di conoscenze nel quartiere dei Cordiglieri, dove sarebbero nati il movimento e poi il club che lo avrebbero annoverato, assieme a Danton e Marat, tra i suoi nomi più illustri.

Si lanciò nella politica dopo essere stato eletto deputato del terzo stato agli Stati Generali del 1789. Fece quindi parte per un breve periodo della cerchia di Mirabeau. Nelle fasi concitate che precedettero lo scoppio della rivoluzione, Desmoulins divenne intimo amico di Danton e Fabre d'Églantine, prendendo assiduamente parte alle riunioni che si svolgevano nel vecchio convento dei Cordiglieri e continuando a patrocinare la causa liberale al Café Procope.

Jean-Pierre Houël, La Presa della Bastiglia

In particolare, scrisse tra maggio e giugno La France libre, un pamphlet che chiedeva a gran voce l'avvento della repubblica e si proponeva di stilare una breve e satirica storia della monarchia, garante apparente di un ordine che celava in realtà un perpetuo disordine.[4] Sostenuto dallo stile elegante e piacevole del suo autore, il testo ebbe un certo successo alla sua pubblicazione, avvenuta dopo la Presa della Bastiglia.[5]

Malgrado la balbuzie, Desmoulins sapeva fare presa sulle masse anche quando saliva alla tribuna come oratore. Il suo primo grande discorso ebbe luogo davanti alla folla riunita nei giardini del Palazzo Reale, il 12 luglio 1789, dopo la cacciata di Necker, nelle concitate fasi che precedettero il 14. Uscito dal Café de Foy, Desmoulins chiamò - secondo il suo resoconto - i cittadini alle armi, sostenendo che i tedeschi del Campo di Marte avrebbero attaccato la popolazione parigina quella notte stessa e sgozzato gli abitanti.[6] Questo incitamento si pone tra le cause immediate dell'assalto alla prigione.[7]

Preso dall'euforia, rincarò la dose con il Discours de la lanterne aux Parisiens. Nel nuovo pamphlet, calandosi nel "personaggio" della lanterna, invitava a estirpare tutti coloro che erano ancora legati all'ordine antico: « Quanti di questi criminali mi sono lasciata sfuggire? » asseriva. Una lettera scritta al padre in ottobre rivela come Desmoulins si considerasse « uno dei principali autori della Rivoluzione ».[8]

Il suo esordio come giornalista risale al novembre del 1789, quando pubblicò Les Révolutions de France et de Brabant, giornale che conterà ottantasei numeri. Vi denunciava costantemente l'idea di complotto aristocratico. Si oppose ugualmente al suffragio censitario, dichiarando che un tale modo di eleggere avrebbe escluso Gesù o Jean-Jacques Rousseau. Il suo giornale venne sospeso dopo il massacro del Champ-de-Mars del 17 luglio 1791, sebbene egli non avesse partecipato ai fatti.

Lucile Duplessis

Intanto, il 29 dicembre 1790 Desmoulins aveva sposato Anne Lucile Laridon-Duplessis nella chiesa di Saint-Sulpice (quella del distretto dei Cordiglieri), dopo aver vinto le reticenze del padre della fanciulla. Robespierre fu presente alla celebrazione in qualità di testimone di nozze.[9] Con la moglie, più giovane di undici anni, ebbe un figlio, chiamato Horace in onore del poeta latino.

Prima della dichiarazione di guerra nel 1792, fu piuttosto un partigiano della pace, come il suo amico Robespierre. Ma, in seguito, cambiò idea schierandosi con Georges Jacques Danton e Jean-Paul Marat. Dopo il 10 agosto 1792 e la caduta della monarchia, diventò segretario del ministero della Giustizia, diretto da Danton, e si impegnò sempre più nella lotta per la repressione dei contro-rivoluzionari.

Alla Convenzione[modifica | modifica wikitesto]

Eletto alla Convenzione Nazionale, sedette tra i Montagnardi. Molti dei suoi contemporanei vedevano in lui un brillante oratore, ma incapace di giocare un ruolo politico.[10] Si oppose poi fortemente a Jacques Pierre Brissot, pubblicando contro di lui Brissot dévoilé e Histoire des brissotins, dove ricorda la versatilità del suo avversario, vicino a La Fayette. Andò allontanandosi a poco a poco dai Montagnardi, specialmente dopo la condanna dei Girondini, il 30 ottobre 1793. Fondò allora un nuovo giornale, Le Vieux Cordelier, dove attaccò gli "Enragés" (arrabbiati) e gli Hébertisti, lanciando appelli alla clemenza.

Il giornale era particolarmente amato dai sostenitori della monarchia e destò presto la preoccupazione del Comitato di salute pubblica. Robespierre ne approvò i primi numeri, ma quando Desmoulins si espresse apertis verbis contro la politica del Terrore applicata dai Comitati di salute pubblica e di sicurezza generale, anche il suo vecchio compagno di liceo, che lo aveva recentemente difeso in più occasioni, capì che l'amico rappresentava un pericolo per la patria.[11]

Dopo il colpo di stato termidoriano, tra i tanti attacchi mossi a Robespierre, che era divenuto un capro espiatorio e l'emblema di una nuova tirannia, si levò quello di Honoré Riouffe, un avvocato vicino ai Girondini. Secondo Riouffe, Robespierre non fu mai tanto affettuoso con Desmoulins come il 30 marzo, vigilia della sua incarcerazione.[12] L'accusa di ipocrisia sottintesa a questa affermazione, tuttavia, fu smentita dalla testimonianza di Joseph Planche, cui l'autore del Vieux Cordelier aveva confidato quel giorno la propria angoscia perché Robespierre aveva rifiutato di riceverlo. Questo episodio convinse Desmoulins di un arresto imminente.

La fine[modifica | modifica wikitesto]

Considerato un dantonista, fu arrestato insieme a Danton, Philippeaux e Lacroix all'alba del 31 marzo 1794, nello stesso giorno in cui una lettera del padre lo informava del decesso della madre.[13] Condotto con loro nelle prigioni del Lussemburgo, nella Rive gauche, vi trovò vecchi amici e compagni di battaglia, tra cui Fabre d'Églantine e Hérault de Séchelles. Nei due giorni che precedettero l'inizio del processo, Desmoulins scrisse molte lettere e cominciò un ultimo numero del Vieux Cordelier, pubblicato solo nel 1836 e recante un incipit emblematico: « Pauvre peuple! [...] on t'abuse, mon ami » (Povero popolo! [...] Abusano di te, amico mio).[14]

Comparve davanti al tribunale per tre giorni consecutivi, dal 2 al 4 aprile. Il processo fu presieduto da Martial Herman. Gli accusatori pubblici erano due: a Fouquier de Tinville, infatti, il Comitato di salute pubblica aveva affiancato Fleuriot. Agli imputati fu impedito di valersi di testimoni, e, nonostante una prima fase in cui Danton era riuscito a mettere l'accusa in difficoltà e a creare delle divisioni tra i sette giurati chiamati ad emettere la sentenza, il processo si chiuse con la condanna a morte di Desmoulins e di quattordici degli altri quindici imputati. Fu ghigliottinato il 5 aprile 1794.[15]

Una settimana più tardi, il 13, anche la moglie Lucile subì la medesima sorte. Questa giovane coppia, di cui rimane una fitta corrispondenza, è considerata come un simbolo degli «amori sotto la Rivoluzione». Il marito, sul patibolo, lasciò al boia una ciocca dei suoi capelli e, prima di morire, pronunciò il suo nome.

Desmoulins e la moglie furono entrambi inumati nel Cimitero degli Errancis.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il figlio di Camille e Lucille, Horace-Camille Desmoulins, nato il 6 giugno 1792[16], del quale Robespierre sarà il padrino in uno dei primi battesimi repubblicani.[17] Viene allevato, con il figlio di Danton, da una nutrice dell'Isle-Adam[18], poi, dopo l'esecuzione dei suoi genitori, da sua nonna materna Anne-Françoise-Marie Boisdeveix (Madame Duplessis).[19] Nel 1800, Napoleone Bonaparte gli accorda una borsa di studio per il liceo militare di Saint-Cyr (Prytanée francese).[20]

Nel 1817, Horace Desmoulins si trasferisce ad Haiti, per intraprendere un'impresa commerciale, e lì sposa Zoé Villefranche, con la quale ha quattro figli.[21] Vi muore di febbre nel giugno 1825.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Ode
  • Discours de la lanterne aux Parisiens
  • La France libre
  • L'Histoire des Brissotins
  • Les Révolutions de France et de Brabant
  • Le Vieux Cordelier
  • La Tribune des patriotes con la partecipazione di Louis-Marie Stanislas Fréron.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • «Ecco la mia pistola, saprò morire glorioso» (il 12 luglio 1789, al Palais Royal)
  • «Bruciare non è rispondere» (al club dei Giacobini, rivolto a Robespierre)
  • «Non contenti di assassinarmi, essi vogliono anche assassinare mia moglie!» (al processo dei dantoniani, il 4 aprile 1794)
  • «Popolo ti si inganna, si uccidono i tuoi amici! Il mio solo e unico crimine è stato quello di versare lacrime!» (sul carretto che lo conduce al patibolo, il 5 aprile 1794)
  • «Dai i capelli di mia moglie a sua madre» (parola che disse ad un ufficiale prima di morire sul patibolo)
  • «Lucile!» (il nome di sua moglie, che egli gridò prima che gli tagliassero la testa)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Gaxotte, La rivoluzione francese, Milano, 1989, p. 211
  2. ^ J. Claretie, Camille Desmoulins, Lucile Desmoulins: étude sur les dantonistes, Paris 1875, pp. 13-17
  3. ^ G. Walter, Table analytique - Personnages, in J. Michelet, Historie de la Révolution française II, Paris 1952, vol. II, p. 1361
  4. ^ J. Michelet, Histoire de la Révolution française I, Paris 1952, vol. I, p. 238; cfr. in particolare il capitolo VI de La France libre, in C. Desmoulins, Oeuvres (a cura di J. Claretie), Paris, Charpentier, 1874, 2 voll.
  5. ^ D. Lawday, Danton, Paris 2012, p. 65
  6. ^ J. Michelet, cit., I, pp. 135-136, e il resoconto dello stesso Desmoulins in Oeuvres, cit., I, p. 12
  7. ^ J. Godechot, La rivoluzione francese. Cronologia commentata 1787-1799, Milano 2001, p. 290
  8. ^ J. Claretie, cit., p. 79
  9. ^ D. Lawday, cit., p. 116
  10. ^ *Barère: « Egli aveva molto spirito e troppa immaginazione per avere del buon senso ».
  11. ^ E. Hamel, Histoire de Robespierre, Paris, A. Lacroix, Verboeckhoven & Cie, 1865-1867, vol. III, pp. 472 e ss.
  12. ^ H. Riouffe, Mémoires d'un détenu pour servir à l'histoire de la tyrannie de Robespierre, Paris, Anjubault, p. 88
  13. ^ J. Claretie, cit., p. 311
  14. ^ J. Michelet, Histoire de la Révolution française II, Paris 1952, vol. I, pp. 788-789
  15. ^ Per tutto il paragrafo cfr. J. Michelet, Histoire de la Révolution française II, cit., vol. I, pp. 792 e ss.
  16. ^ Bulletin de la Société de l'Histoire de Paris et de l'Ile de France - 9e année, 1882. OCLC 1772474
  17. ^ Battesimo repubblicano di Horace Desmoulins e Parrainage par Robespierre
  18. ^ Danton di Frédéric Bluche.
  19. ^ J. Tulard, J.-F. Fayard, A. Fierro, Histoire et dictionnaire de la Révolution française 1789-1799, Paris 1987
  20. ^ Decreto del 30 settembre 1800
    Articolo l. - Il giovane Horace-Camille Desmoulins, in cui padre, membro della Convenzione nazionale, è morto sul patibolo, vittima del tribunale rivoluzionario di Parigi, è nominato allievo al Prytanée francese.
    Articolo 2. - Il ministro dell'interno è incaricato dell'esecuzione del presente arresto.
  21. ^ Site Généalogie et Histoire de la Caraïbe

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jules Claretie, Camille Desmoulins, Lucile Desmoulins: étude sur les dantonistes, Paris, Plon, 1875
  • Jules Michelet, Histoire de la Révolution française I, 2 voll. e Histoire de la Révolution française II, 2 voll., Paris, Gallimard, 1952 (cfr. anche, nell'ultimo volume, la voce dedicata a Desmoulins da Gérard Walter nella sezione Personnages della Table Analytique)
  • Jean Tulard, Jean-François Fayard, Alfred Fierro, Histoire et dictionnaire de la Révolution française 1789-1799, Paris, Éditions Robert Laffont, collection Bouquins, Paris, 1987 ISBN 270282076X
  • Pierre Gaxotte, La rivoluzione francese, Milano, 1989, Oscar Mondadori
  • Jacques Godechot, La rivoluzione francese. Cronologia commentata 1787-1799, Milano, Bompiani, 2001 ISBN 88-452-4940-9
  • David Lawday, Danton, Paris, Albin Michel, 2012 ISBN 9782226243980

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19768884 LCCN: n85242196