Il Quotidiano del Sud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il Quotidiano della Calabria)
Nota disambigua.png
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è il Quotidiano del Sud.
Il Quotidiano del Sud
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere quotidiano locale
Formato standard
Fondazione 1995
Sede Via Annarumma 39/A
83100 Avellino
Editore Edizioni Proposta Sud srl
Direttore Rocco Valenti
Redattore capo Cristina Vercillo
Sito web http://www.ilquotidianoweb.it
 

Il Quotidiano del Sud, già il Quotidiano della Calabria, è un quotidiano italiano a diffusione regionale in Basilicata, Calabria e Campania.

La sede legale dell'editore è ad Avellino, e il giornale ha due condirettori, uno per la Campania e uno per la Basilicata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 13 giugno 1995 per iniziativa di quattro giovani imprenditori (Franco Giannone, Raffaele Giordanelli, Donatella Guido e Franco Schirinzi) che fondarono la Chelone SpA grazie alla legge sulla imprenditoria giovanile, "Il Quotidiano" fu fondato e diretto fino al dicembre 1996 da Pantaleone Sergi, all'epoca inviato speciale del quotidiano La Repubblica. Per problemi di ricapitalizzazione, nel 1997 il giornale è stato acquisito dalla Finedit, fondata dai fratelli Dodaro. Dal 1º gennaio 1997 alla direzione è subentrato l'avellinese Ennio Simeone, che nel 2006 ha lasciato il giornale nelle mani del giornalista napoletano Matteo Cosenza; nel 2014 gli subentra il giornalista pubblicista crotonese Rocco Valenti[1].

Il primo numero del Quotidiano fu pubblicato il 13 giugno 1995 con la testata Il Quotidiano di Cosenza e provincia. Dal 4 giugno 1996 con l'edizione di Reggio Calabria e provincia e quindi, dal 12 giugno 1996, dell'edizione di Catanzaro e Provincia, cambiò la testata in Il Quotidiano della Calabria. Il 16 aprile 1997 aprì la redazione di Crotone e il 1º luglio 1997 quella di Vibo Valentia. Il 12 marzo 2002 la società editrice decise di pubblicare anche una edizione della Basilicata con una redazione autonoma ma in sinergia con quella calabrese affidando la condirettore a Pino Anzalone, figura storica del giornalismo lucano per aver fondato e diretto per trent'anni l'edizione per la Basilicata della "Gazzetta del Mezzogiorno".

La redazione centrale è a Castrolibero, comune dell'area urbana di Cosenza dove ha sede anche un moderno centro stampa dove viene stampata anche l'edizione della Basilicata.

Vendite e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Quando i nuovi editori rilevano la testata che era stata avviata con appena 270 milioni di lire di capitale, i numeri non sono dalla loro parte: il giornale, per mancanza di investimenti e di stimoli nella redazione ridotta all'osso e dove i contratti di lavoro vengono sistematicamente disapplicati, è poco diffuso, e deve iniziare a conquistare lettore dopo lettore in concorrenza con la testata storica della Calabria, la Gazzetta del Sud. Le vendite fra il quotidiano cartaceo e quello digitale ammontano a 7863 copie giornaliere medie nell'ultimo mese in cui il quotidiano è stato monitorato [2]. Circa 1/5 della concorrente Gazzetta del Sud.

Le novità editoriali[modifica | modifica wikitesto]

Con il cambio di guardia tra Simeone e Cosenza il giornale sta presentando ai suoi lettori novità continue. La veste grafica delle 64 pagine, completamente rinnovata, si è arricchita di nuovi inserti settimanali, come "il domenicale", di approfondimento culturale, "generazione HP" (Harry Potter), dedicato ai più giovani, "Week-end", che ha avuto un ottimo riscontro estivo con le edizioni quotidiane, di rassegna degli spettacoli e degli eventi su tutto il territorio regionale.

Tra le rubriche più apprezzate dai lettori, a parte i "primi piani" dedicati agli approfondimenti del giorno, sono da segnalare "chi sale e chi scende", che ogni sabato premia e boccia 6 personaggi calabresi, gli "spifferi", che hanno segnato un nuovo modo di approcciare le notizie "in punta di penna", oltre alle pagine quotidiane dedicate alle "lettere", curata dal sacerdote Pietro De Luca, e alle "opinioni e commenti", diventata il teatro del dibattito sociale, politico e culturale della regione (ripetutamente i corsivi della rubrica sono stati ripresi da testate nazionali).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pantaleone Sergi, Quotidiani desiderati. Giornalismo, editoria e stampa in Calabria. Cosenza, Edizioni Memoria, 2000. ISBN 88-87373-17-5.
  • Concetta Guido, Calabria: la solitudine dei giornalisti, Problemi dell'informazione, 2003, 3, 353-62.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cambio al Quotidiano: Matteo Cosenza lascia. Il nuovo direttore è il crotonese Rocco Valenti - Il Quotidiano della Calabria
  2. ^ ADS - totale vendite Giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]