Messaggero Veneto - Giornale del Friuli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Messaggero Veneto - Giornale del Friuli
Logo di Messaggero Veneto - Giornale del Friuli
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere stampa locale
Fondazione 24 maggio 1946
Inserti e allegati MessaggeroVeneto Sport, Udineconomia
Sede Viale Palmanova, 290 - 33100, Udine
Editore Gruppo Editoriale L'Espresso
Tiratura 61.353 (2008)
Diffusione cartacea 51.393 (2008)
Resa 9.791 (2008)
Direttore Tommaso Cerno
Vicedirettore Giuseppe Ragogna
Redattore capo Paolo Polverino
Sito web www.messaggeroveneto.it
 

Il Messaggero Veneto - Giornale del Friuli è il quotidiano regionale più venduto in Friuli-Venezia Giulia ed è diffuso sostanzialmente in Friuli. Dal 1998 fa parte dei quotidiani locali del Gruppo Editoriale L'Espresso.

Il giornale, fondato il 24 maggio 1946, deve il suo nome sia al fatto che all'epoca il Friuli era considerato parte del Veneto e sia al fatto che occorreva rinforzare i legami con la Venezia Giulia i cui territori erano rivendicati dalla Jugoslavia. Nel 1966 viene rilevato da Lino Zanussi che, per evitare che il quotidiano possa essere considerato una gazzetta aziendale e al fine di mantenere un giusto equilibrio nell'informazione ai suoi lettori, coinvolge nell'acquisizione, destinando ad ognuno il 30% circa delle azioni, l'ingegnere Carlo Melzi e l'Associazione degli Industriali di Udine distribuendo le quote tra i suoi associati. Durante la gestione di Lino Zanussi il Messaggero Veneto sarà il primo quotidiano italiano ad installare la rotativa a colori. Riteneva infatti che la rapidità e la qualità di stampa e quindi una maggiore rapidità di diffusione fossero un impegno necessario da parte di un editore al passo coi tempi. Dopo la morte di Lino Zanussi nel 1968 sarà Carlo Melzi a subentrare nella gestione del quotidiano friulano fino alla cessione al Gruppo l'Espresso nel 1998.

Dal 1994 il giornale è diviso in due inserti, uno relativo alla cronaca nazionale ed uno relativo alla cronaca locale delle province in cui viene distribuito. Le tre redazioni di Udine, Pordenone e Gorizia curano le rispettive edizioni locali del quotidiano, Messaggero di Udine e Messaggero di Pordenone, il Messaggero di Gorizia è stato invece rimosso dal 2011, è attiva anche una redazione a Trieste.

L'edizione del lunedì si chiama Messaggero del lunedì e contiene l'inserto sportivo Messaggero Veneto Sport.

Periodicamente vengono allegati un inserto con notizie riguardanti l'economia locale, denominato Udineconomia con cadenza mensile, e l'inserto La casa con cadenza settimanale, con notizie riguardanti il mercato immobiliare locale.

Inoltre nel giornale è presente, con cadenza settimanale, una sezione chiamata La scuola, i cui redattori sono gli studenti delle scuole superiori e medie delle province di Udine e Pordenone, che inviano i loro articoli al giornale, che sceglierà quali pubblicare.

Negli anni sessanta è stato uno dei primi quotidiani ad utilizzare le foto a colori per gli articoli della prima pagina.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Direttore
1946 - 1948 Enrico Mascilli Migliorini
1948 - 1965 Carlo Tigoli
1965 - 1966 Isi Benini
1966 - 1992 Vittorino Meloni
1992 - 2000 Sergio Gervasutti
2000 - 2005 Sergio Baraldi
2005 - 2012 Andrea Filippi
2012 - 2014 Omar Monestier
2014 - in carica Tommaso Cerno

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

  • 1946 - Sve (Eugenio Linussa)
  • 1966 - Zanussi
  • 1968 - Melzi
  • 1998 - Gruppo L'Espresso

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Anno Tiratura media Diffusione media Copie vendute
2009 58.493 50.089 46.931
2008 61.353 51.393 48.006
2007 61.154 51.678 48.098
2006 61.100 52.114 48.383
2005 62.165 52.690 48.767
2004 61.946 52.770 48.708
2003 61.312 52.598 48.705
2002 61.377 52.612 48.592
2001 63.249 54.081 50.079
2000 63.049 53.921 52.772
1999 62.701 53.399 52.190
1998 62.613 53.239 51.785
1997 61.272 51.967 50.552
1996 62.291 51.952 50.577

Dati Ads - Accertamenti Diffusione Stampa[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati e cifre - Stampa | Prima Comunicazione

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]