Giganti (mitologia greca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gigantomachia: Dioniso mentre attacca un gigante, pelike attica a figure rosse, ca. 460 a.C., Louvre

I giganti (chiamati anche Ctoni) sono figure mitiche e leggendarie (dèi, demoni, mostri, uomini primitivi) della mitologia greca, accomunate dalla caratteristica altezza.

Nella mitologia greca, giganti sono diversi personaggi, di solito divisi in tre categorie:

  • I primi giganti furono creati da Eurinome, la Dea che tutto creò, e furono detti Giganti Centimani: Briareo, Gige e Cotto. Esseri enormi dalla cento mani, che stettero a guardia dei Titani esiliati da Zeus, dopo che aiutarono l'olimpo a vincere la guerra passata alla storia come Titanomachia.
  • Altri ventiquattro giganti (non centimani) combatterono la gigantomachia. Vennero sconfitti dagli Dei con l'aiuto di Eracle. La caratteristica di questi 24 Giganti è di avere un corpo per metà di uomo e per metà di bestia.
  • Infine si racconta anche di come Pallade, figlio di Pandione re di Atene avesse generato una stirpe di uomini dal corpo enorme, giganti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca