I sette contro Tebe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
I sette contro Tebe
Tragedia
Il giuramento dei sette capi (di Alfred J. Church)
Il giuramento dei sette capi (di Alfred J. Church)
Autore Eschilo
Titolo originale Ἑπτὰ ἐπὶ Θήβας
Lingua originale Greco antico
Ambientazione Acropoli di Tebe, Grecia
Prima assoluta 467 a.C.
Teatro di Dioniso, Atene
Premi Vittoria alle Grandi Dionisie del 467 a.C.
Personaggi
 
« Capo contro capo, fratello contro fratello, nemico contro nemico »
(Eteocle prima dello scontro con Polinice, vv. 674-675)

I sette contro Tebe, o I sette a Tebe (in greco antico Ἑπτὰ ἐπὶ Θήβας / Heptà epì Thếbas), è una tragedia di Eschilo, rappresentata per la prima volta ad Atene alle Grandi Dionisie del 467 a.C. L'opera si inserisce all'interno del cosiddetto Ciclo tebano, la storia mitologica della città di Tebe, ed è la terza ed ultima parte di una trilogia legata, ossia di una sequenza di tre tragedie che raccontavano un’unica lunga vicenda. La prima e seconda parte della trilogia, le tragedie Laio ed Edipo, sono andate perdute. Alla fine della trilogia venne inoltre messo in scena il dramma satiresco Sfinge, anch’esso perduto.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Antefatto della vicenda: Eteocle e Polinice, figli di Edipo, si erano accordati per spartirsi il potere sulla città di Tebe; avrebbero regnato un anno a testa, alternandosi sul trono. Eteocle tuttavia allo scadere del proprio anno non aveva voluto lasciare il proprio posto, sicché Polinice, con l’appoggio del re di Argo Adrasto, aveva dichiarato guerra al proprio fratello ed alla propria patria.

All’inizio del dramma, Eteocle appare impegnato a rincuorare la popolazione preoccupata per l’imminente arrivo dell’esercito nemico. Giunge un messaggero, che informa che gli uomini di Polinice sono nei pressi della città, ed hanno deciso di presidiare le sette porte della città di Tebe con sette dei loro più forti guerrieri. È quindi necessario che Eteocle scelga a sua volta sette guerrieri da contrapporre a quelli nemici, ognuno a difendere una porta.

Assegnazione delle porte
Porte Guerriero di Eteocle Guerriero di Polinice
Porta di Preto Melanippo Tideo
Porta Elettra Polifonte[2] Capaneo
Porta Nuova Megareo[3] Eteoclo
Porta Atena Onca Iperbio Ippomedonte
Porta Nord Attore[4] Partenopeo
Porta Omoloide Lastene Anfiarao
Settima Porta Eteocle Polinice

Ricevuta la notizia, il coro di giovani tebane reagisce con paura, ma Eteocle le rimprovera aspramente per questo. Torna il messaggero e riferisce che i sette guerrieri nemici, tirando a sorte, hanno deciso a quale porta essere assegnati. Eteocle viene informato sul nome e le caratteristiche principali di ognuno, e ad essi contrappone un proprio guerriero. Quando il messaggero nomina il settimo guerriero, che è il fratello Polinice, Eteocle capisce di essere predestinato allo scontro con lui, e che probabilmente nessuno dei due ne uscirà vivo. Tuttavia non si tira indietro, nonostante i tentativi del coro di dissuaderlo.

Le giovani donne del coro, in attesa di notizie sull’esito della battaglia, intonano un canto pieno di paura, al termine del quale arriva il messaggero. Questi informa che sei delle sette porte di Tebe hanno tenuto, dunque l’attacco è stato respinto. Alla settima porta però i due fratelli Eteocle e Polinice si sono dati la morte l'un l'altro, com'era timore di tutti. Di fronte a questa notizia, la felicità per la battaglia vinta passa in secondo piano: vengono portati in scena i cadaveri dei due fratelli, ed il coro piange la loro triste sorte.

Qui con ogni probabilità terminava l’opera scritta da Eschilo. In un’ultima scena (aggiunta probabilmente dopo la morte dell’autore) entrano in scena le sorelle di Eteocle e Polinice, Antigone e Ismene, ed un araldo. Quest’ultimo annuncia che il nuovo re di Tebe, Creonte, ha deciso di dare sepoltura al corpo di Eteocle, ma, per sfregio, non a quello di Polinice. Antigone, sentita la notizia, sfidando le parole dell’araldo dichiara che farà di tutto perché anche l’altro fratello abbia degna sepoltura.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Eteocle e Polinice, dipinto di Giambattista Tiepolo

I tratti di arcaismo[modifica | modifica sorgente]

Come tutte le tragedie più antiche (in particolare I Persiani e Le supplici dello stesso Eschilo), anche I sette contro Tebe sono caratterizzati da una trama relativamente semplice, da una parte assai estesa attribuita al coro e da un basso numero di personaggi. In effetti questi ultimi, se si escludono le interpolazioni aggiunte dopo la morte dell’autore, sono soltanto due: Eteocle ed il messaggero. Tuttavia tali personaggi dialogano anche col coro, o più precisamente col corifeo che ne rappresenta la voce. Tali dialoghi sono frequenti nelle tragedie più antiche, ed anzi rappresentano probabilmente il nucleo attorno al quale si svilupparono le prime opere teatrali.

Il personaggio principale[modifica | modifica sorgente]

Domina la tragedia la straripante personalità di Eteocle, un personaggio che si dimostra una guida molto sicura per la propria città, ma anche un sovrano molto solo. All’inizio dell’opera egli appare come un buon re, prodigato per rincuorare la cittadinanza preoccupata, e pronto a rimproverare senza indugi le donne del coro che appaiono eccessivamente spaventate. Il popolo appare profondamente legato al suo re, ed il sentimento è reciproco.

Il personaggio ha poi un forte mutamento di atteggiamento: quando vede che ad attaccare la settima porta della città ci sarà suo fratello Polinice, Eteocle comprende che i due sono predestinati a scontrarsi. Il loro duello, insomma, è volontà degli dei e sarebbe inutile cercare di evitarlo. Viene allora colto da una furia incontenibile e si avvia verso il proprio destino senza alcun indugio. A nulla valgono le argomentazioni del coro, che per dissuaderlo gli prospetta subito la possibilità che i due fratelli si uccidano a vicenda; Eteocle non ha bisogno di tali ammonimenti, poiché ha già capito che evidentemente questo è ciò che il fato ha deciso per la sua famiglia. Si propone insomma il tema di una stirpe maledetta, condannata a dare e a subire la morte generazione dopo generazione (e sicuramente le precedenti tragedie della trilogia aiutavano ad evidenziare questo aspetto).

La colpa di Eteocle[modifica | modifica sorgente]

C’è un aspetto del rapporto tra i due fratelli che non viene quasi messo in luce all’interno dell’opera: nonostante all’inizio della tragedia Eteocle appaia come un buon sovrano, la responsabilità dello scoppio della guerra è da imputare proprio a lui. È stato infatti proprio il rifiuto di Eteocle di lasciare temporaneamente il trono al fratello ad originare la guerra. A tale colpa viene fatto solo un fugace accenno nel canto corale che chiude la tragedia (v. 881), ma è comunque possibile che essa risaltasse maggiormente nella tragedia precedente, l’Edipo.

Questa responsabilità, benché non evidenziata, è gravida di conseguenze. Con una tale macchia, infatti, Eteocle non potrà uscire vittorioso dalla battaglia che lo attende, poiché chi porta su di sé una colpa nei miti greci raramente esce indenne dalle vicende che gli accadono.

La trilogia[modifica | modifica sorgente]

Come già accennato, la prima e la seconda parte della trilogia erano le tragedie Laio ed Edipo, andate perdute. Purtroppo nulla sappiamo di queste opere, e sarebbe azzardato ipotizzarne la trama solo a partire dal titolo, sia perché Eschilo potrebbe aver modificato il mito originale, sia perché il nostro giudizio sarebbe certamente influenzato dall’Edipo re di Sofocle, anch’esso non completamente scevro da rimaneggiamenti rispetto al mito (raccontato nell'Edipodia e, probabilmente, nella Tebaide, poemi epici oggi perduti).[5]

Possiamo però fare una riflessione: le tre tragedie raccontavano le vicende di tre generazioni successive della famiglia di Edipo (la cosiddetta Saga dei Labdacidi). Laio era infatti padre di Edipo, che a sua volta era padre di Eteocle e Polinice. In questo modo veniva evidentemente messa in luce la predestinazione negativa, la maledizione che colpiva, generazione dopo generazione, i Labdacidi. Non sappiamo però, in mancanza delle prime due tragedie, se Eschilo intendesse evidenziare l’orrenda sorte di una famiglia contaminata da una colpa originaria, o se piuttosto volesse porre l’attenzione sui comportamenti individuali, sempre riaffermati, di violenza e delitto.

Capaneo tenta di scalare le mura di Tebe (anfora a figure rosse, Campania, 340 a.C. circa)

Il finale[modifica | modifica sorgente]

La parte finale dell’opera (in particolare i vv. 861-874 e 1011-1084), in cui vengono introdotti i personaggi di Antigone, Ismene e dell’araldo, è ritenuta non originale, ossia non scritta da Eschilo. Probabilmente tali versi furono aggiunti dopo la morte dell’autore, in occasione di una replica della tragedia, con l’intento di ricollegarsi ad altre tragedie, ad esempio l’Antigone di Sofocle. Gli indizi, in proposito, sono i seguenti:

  • Nel finale dell’opera si fa riferimento al collegio dei Probuli, un’istituzione che entrò effettivamente in funzione ad Atene, ma solo nel 416 a.C. circa, mezzo secolo dopo la prima rappresentazione dell’opera.
  • L’arrivo dell’araldo avrebbe implicato l'introduzione di un terzo attore. Date le nostre conoscenze storiche, la cosa non è di per sé impossibile,[6] ma pare improbabile che Eschilo abbia introdotto una così grande innovazione al proprio teatro solo nella parte finale dell’opera. Il terzo attore è effettivamente presente in successive tragedie eschilee (la trilogia dell’Orestea ed il Prometeo incatenato), ma è utilizzato in maniera assai più sapiente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Personaggio quasi sicuramente non presente nell’originale eschileo ed introdotto successivamente con un’interpolazione al testo.
  2. ^ Da non confondersi con una donna anch'essa di nome Polifonte, figlia di Ipponoo e Trassa.
  3. ^ Eschilo chiama questo guerriero Megareo, ma il nome più comune con cui egli è noto nella mitologia è Meneceo. È il figlio di Creonte, da non confondersi con l’omonimo Meneceo padre di Creonte (anch’egli oltretutto chiamato Megareo). Esiste infine un terzo Megareo, figlio di Poseidone.
  4. ^ Da non confondersi con un altro Attore, re di Fere.
  5. ^ Un breve riassunto della storia pregressa è comunque presente nel terzo stasimo, quando il coro delle fanciulle tebane è spaventato dall'oramai evidente compiersi della maledizione lanciata da Edipo alla propria discendenza.
  6. ^ L’introduzione del terzo attore viene tradizionalmente attribuita a Sofocle, la cui prima rappresentazione avvenne nel 468 a.C. Da un punto di vista cronologico non è dunque impossibile che Eschilo l’abbia utilizzato nei Sette contro Tebe, che sono del 467 a.C.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altre tragedie del ciclo tebano:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]