Dartmouth College

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Dartmouth College
Stemma Dartmouth College.png
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Città Hanover (New Hampshire)
Soprannome Big Green
Motto Vox clamantis in deserto
(La voce di uno che grida nel deserto)
Fondazione  1769
Tipo  privato
Rettore  Carol L. Folt (interim)
Studenti  6 141 ( 2012)
Dipendenti  607 ( 2012)
Colori  Dartmouth green  
Sito web www.dartmouth.edu
 

Il Dartmouth College (conosciuto anche come Dartmouth, pronuncia: ˈdɑ:tməθ[1]) è un'università statunitense, situata ad Hanover, nella contea di Grafton, New Hampshire.[2]

Registrato come "Trustees of Dartmouth College",[3][4] l'istituto venne fondato nel 1769 da Eleazar Wheelock, ministro del culto congregazionalista, con fondi in gran parte raccolti dal predicatore Samson Occom; lo scopo iniziale della scuola era infatti l'istruzione e la conversione al cristianesimo dei nativi americani. Dopo un lungo periodo di lotte politiche e finanziarie, il Dartmouth emerse da una relativa oscurità nel XX secolo.[5] Questo è il più piccolo istituto della Ivy League, titolo che accomuna le otto più prestigiose ed elitarie università private statunitensi.

La scuola, che è uno dei nove Colonial Colleges,[6] è di tipologia mista e comprende la Dartmouth Medical School, la Thayer School of Engineering, il Liberal Arts College e la Tuck School of Business, con cui mette a disposizione 19 corsi di laurea nel campo delle arti e delle scienze.[7][8] Mantiene il nome di "college" per motivi storici e nostalgici anche se per l'etichetta americana il nome esatto sarebbe Dartmouth University. Nonostante il "Dartmouth" sia situato in una zona rurale ed isolata, su un'area di 269 acri (1,1 km²) nella regione dell'Upper Valley, la partecipazione a gare di atletica e alle organizzazioni greek è intensa.[9][10] 34 squadre sportive del "Dartmouth" competono con le altre formazioni sportive della Ivy League nella Division I della NCAA. Gli studenti sono ben noti per il rispetto di varie tradizioni consolidate del campus.[11][12][13][14]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La Carta del Dartmouth College in mostra alla Baker Memorial Library. La Carta è stata firmata il 13 dicembre 1769, a nome del re Giorgio III del Regno Unito.

Il Dartmouth è stato fondato il 13 dicembre 1769 da Eleazar Wheelock (1711 – 1779), un ministro del culto puritano del Connecticut, che voleva istruire i nativi americani per farli diventare missionari.
Sembra che l'idea per questo progetto gli fosse venuta dopo aver conosciuto Samson Occom, membro della tribù Mohegan. Occom venne ordinato ministro del culto dopo aver studiato sotto la guida di Wheelock dal 1743 al 1747 e successivamente si trasferì a Long Island a predicare all'etnia Montauk.[15][16]

Wheelock istituì la Moor's Indian Charity School nel 1755.[17][18][19] La Charity School ottenne un discreto successo, ma per continuare l'attività della scuola erano necessari finanziamenti. A tal fine Wheelock chiese l'aiuto di amici. Occom, accompagnato dal reverendo Nathaniel Whitaker, si recò in Inghilterra nel 1766 per raccogliere fondi nelle chiese di quella nazione. Con tali aiuti fu costituita una fondazione per aiutare Wheelock.[15] A capo dell'istituzione venne posto William Legge, 2º conte di Dartmouth.[20]

Anche se il fondo costituito fornì ampio sostegno finanziario per la Charity School, Wheelock ebbe problemi a portare gli indiani verso l'istituzione, soprattutto perché la sua posizione geografica era molto lontana dai territori tribali. Nel cercare di ingrandire la sua scuola in un college, Wheelock trasferì la sua attività educativa ad Hanover, nella provincia del New Hampshire. Il trasferimento dal Connecticut comportò uno sforzo lungo e talvolta frustrante per trovare le risorse e ottenere la licenza. Samson Occom, l'indiano Mohegan e uno dei primi studenti di Wheelock, fu determinante nella raccolta di fondi consistenti per il College.[21] Il Royal Governor del New Hampshire, John Wentworth[22], fornì il terreno sul quale sarebbe stato costruito il Dartmouth e il 13 dicembre 1769, inviava l'atto costitutivo (charter) firmato dal re Giorgio III che istituiva il College. Come dichiarato nello statuto, si realizzava una scuola "per l'educazione e l'istruzione dei giovani delle tribù indiane di questa terra... e anche per i giovani di qualsiasi origine". Il Dartmouth College prendeva il nome da William Legge, 2º conte di Dartmouth - un importante sostenitore di Eleazar Wheelock - ed era il nono più antico della nazione e l'ultima l'istituzione di alta cultura creata durante la dominazione coloniale.[23] Il College rilasciò i primi diplomi nel 1771.[24]

Dato il limitato successo della Charity School, tuttavia, Wheelock destinò il suo nuovo College principalmente ai bianchi.[15][25] Occom, deluso per l'abbandono da parte di Wheelock dell'obiettivo originale, la cristianizzazione degli indiani, formò una propria comunità per nativi del New England, chiamati Brothertown Indians, nello stato di New York (dove i Brothertown Indians erano migrati).[15][25]

La prima immagine conosciuta del Dartmouth apparsa sul numero di febbraio 1793 del Massachusetts Magazine. L'incisione potrebbe documentare una delle prime partite di cricket giocate negli Stati Uniti.[26]

Nel 1819, il Dartmouth College è stato oggetto dello storico Caso Dartmouth college contro Woodward, nel quale il tentativo del 1816 dello Stato del New Hampshire di modificare la Royal Charter (il documento istitutivo) del College per rendere la scuola un'università pubblica fu origine di una causa giudiziaria. Un'istituzione denominata Dartmouth University occupò gli edifici del College e iniziò ad operare ad Hanover nel 1817, anche se le lezioni del Dartmouth College continuarono in ambienti presi in affitto nelle vicinanze.[15] Daniel Webster, uno studente della classe 1801, portò il caso del College alla Corte Suprema degli Stati Uniti che riconobbe il cambiamento dello statuto una modifica illegale di un contratto da parte dello Stato e costrinse il New Hampshire a ripristinare lo status del College. Webster concluse la sua perorazione con le famose parole, spesso citate: "È, Signore, come ho già detto, un piccolo College. Eppure ci sono quelli che lo amano".[15]

Il Dartmouth emerse sulla scena accademica nazionale a cavallo del ventesimo secolo. Prima di questo periodo, il College usava metodi tradizionali di insegnamento e disponeva di scarsi mezzi finanziari.[5] Sotto la presidenza di William Tucker Jewett (1893-1909), il Dartmouth ha avuto un grande rilancio di strutture, docenti e studenti, a seguito di donazioni di grandi dimensioni come i 10.000 $ dati dall'ex-alunno e professore di diritto del College John Ordronaux.[27] Venti nuove strutture sostituirono edifici antiquati, mentre studenti e docenti triplicarono. Si è spesso sostenuto che Tucker "rifondò il Dartmouth" e che lo portò a un prestigio nazionale.[28]

Litografia di Thornton Hall, Dartmouth Hall e Wentworth Hall (circa 1834).

I presidenti Ernest Fox Nichols (1909-1916) e Ernest Martin Hopkins (1916-1945) proseguirono nelle innovazioni di Tucker, migliorando ulteriormente le strutture del campus e rendendo selettive le iscrizioni negli anni 1920.[5] John Sloan Dickey, presidente dal 1945 fino al 1970, rafforzò gli insegnamenti delle liberal arts, in particolare discipline giuridiche (public policy) e relazioni internazionali.[5][29]

Nel 1970, dopo essere stato a lungo professore di matematica e informatica, John George Kemeny divenne presidente del Dartmouth.[30] Kemeny introdusse diversi importanti cambiamenti. Il Dartmouth, in precedenza istituzione maschile, cominciò ad ammettere studentesse a tempo pieno nel 1972 tra non poche polemiche.[31] Circa nello stesso tempo, il College adottò il suo "Dartmouth Plan" (vedi più avanti) di programmazione accademica, che consentiva di aumentare il numero di studenti pur restando invariate le strutture per ospitarli.[30]

Negli anni 1990, il College subì profonde revisioni sotto la presidenza di James O. Freedman e nel 1999 si tentò una controversa (e non riuscita) iniziativa di rendere miste le sedi delle associazioni greek[9], che tradizionalmente non lo erano.[5][32] Negli anni 2000 iniziò la campagna Dartmouth Experience per la raccolta di 1,3 miliardi di dollari, la più grande operazione di raccolta fondi della storia del College; nel gennaio 2008 superò il miliardo di dollari e venne programmato il raggiungimento dell'obbiettivo entro il 2010.[33][34] Tra la metà e la fine degli anni 2000 vennero effettuati ampliamenti del campus, con la costruzione di due complessi residenziali, ristrutturazione completa di due dormitori e fu prevista la realizzazione di un nuovo refettorio, del Life Sciences Center e del Visual Arts Center.[35] Nel 2004, Booz Allen Hamilton selezionò il Dartmouth College come modello di 'durata istituzionale' "il cui record di durata ha avuto conseguenze e benefici per tutte le organizzazioni americane, sia accademiche che commerciali", citando il Caso Dartmouth college contro Woodward e il successo del Dartmouth'' nella sua auto-reinvenzione alla fine dell'ottocento.[36]

Da quando il numero di rappresentanti degli studenti nel Board of Trustees (il Consiglio di amministrazione) nel 2004 è diminuito, è nata una controversia che è stata portata in tribunale.[37]

Il Presidente James Wright annunciò il suo ritiro nel febbraio 2008[38] e fu sostituito dal professore di Harvard e medico Jim Yong Kim, il 1º luglio 2009.[39]

Rettori[modifica | modifica sorgente]

Parkhurst Hall, l'edificio del rettore.

Lista dei rettori del college:

•  Eleazar Wheelock (1769–1779)
•  John Wheelock (1779–1815)
•  Francis Brown (1815–1820)
•  Daniel Dana (1820–1821)
•  Bennett Tyler (1822–1828)
•  Nathan Lord (1828–1863)
•  Asa Dodge Smith (1863–1877)
•  Samuel Colcord Bartlett (1877–1892)
•  William Jewett Tucker (1893–1909)
•  Ernest Fox Nichols (1909–1916)
•  Ernest Martin Hopkins (1916–1945)
•  John Sloan Dickey (1945–1970)
•  John George Kemeny (19701981)
•  David T. McLaughlin (19811987)
•  James Oliver Freedman (19871998)
•  James E. Wright (19982009)
•  Jim Yong Kim (2009-2012)
•  Carol L. Folt (2012-)

Corpo accademico e amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Classificazioni del College
ARWU 101-151[40]
ARWU North & Latin America 60-77[41]
Forbes 30[42]
Times Higher Education 85[43]
U.S. News & World Report 9[44]
The Washington Monthly 40[45]

Il Dartmouth, istituto liberal arts, offre il Bachelor of Arts di quattro anni.[6][46] Ci sono 39 dipartimenti universitari che dispongono di 56 major (programmi principali), anche se gli studenti sono liberi di sviluppare major speciali o impegnarsi in dual majors.[47][48][49] Nel 2008, gli insegnamenti major più frequentati erano economia, government, storia, psychological and brain sciences, english, biologia e scienze ingegneristiche.[50]

Per il conseguimento della laurea, lo studente deve completare 35 corsi in totale, di questi da otto a dieci sono tipicamente dei major.[51] Altri requisiti per la laurea sono il completamento di dieci corsi che devono comprendere varie discipline (vincolo chiamato "distributive requirements": distribuite in otto campi diversi[52][53]), la conoscenza di una lingua straniera e il completamento di un seminario di scrittura.[51] Molti dipartimenti offrono honors programs, programmi che richiedono studi e ricerche "personali" e si concludono con una tesi.[51] Oltre ai corsi offerti in Hanover, il Dartmouth offre 57 differenti programmi off-campus, tra cui programmi di studio all'estero (Foreign Study Programs e Study Abroad programs) e programmi di scambio con altre università (Exchange Programs).[54][55]

Sono disponibili anche dottorati e master in diciannove Arts & Sciences graduate programs. Anche se il primo dottorato in lettere classiche è stato istituito nel 1885, molti dei programmi di dottorato in corso risalgono al 1960.[6] Inoltre, il Dartmouth'' è sede di tre scuole professionali: la Dartmouth Medical School (fondata nel 1797), la Thayer School of Engineering (1867) - che serve anche come Dipartimento universitario di scienze ingegneristiche - e la Tuck School of Business (1900). Con queste scuole professionali e corsi di laurea, il Dartmouth si dovrebbe chiamare "Dartmouth University",[6] tuttavia, a causa di motivi storici e nostalgici (come il Dartmouth College v. Woodward), la scuola usa il nome "Dartmouth College" per indicare l'intera istituzione scolastica.[15]

Al Dartmouth insegnano in totale 597 docenti, con la più alta percentuale di donne tra i professori di ruolo delle università Ivy League.[6] I docenti sono stati all'avanguardia in importanti sviluppi accademici come le Dartmouth Conferences (convegni su temi specifici tenuti in tutto il mondo[56]), il Dartmouth Time Sharing System (tra i primi time-sharing per computer), il Dartmouth BASIC e il Dartmouth ALGOL 30. Dal 2005, i progetti finanziati assegnati ai docenti ricercatori del Dartmouth ammontano a 169 milioni di dollari.[57]

Il College ospita la University Press of New England, una casa editrice fondata nel 1970 condivisa da un consorzio che tra le altre comprende la Brandeis University, l'University of New Hampshire, la Northeastern University, la Tufts University e l'University of Vermont.[58]

Dartmouth BASIC[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dartmouth BASIC.

In informatica il BASIC (acronimo dell'inglese "Beginner's All purpose Symbolic Instruction Code", in italiano "codice di istruzioni simboliche di uso generale per principianti") è un linguaggio di programmazione sviluppato a partire dal 1964 nel Dartmouth College per il calcolatore GE-225. Ne furono coinventori i professori John George Kemeny e Thomas Eugene Kurtz.[59] Il primo programma in BASIC girava sul Dartmouth Time Sharing System (DTSS), si tratta di uno dei primi linguaggi di programmazione interattivi.

Dartmouth Plan[modifica | modifica sorgente]

La Memorial Library Baker, la biblioteca principale del College.

Al Dartmouth l'anno accademico è diviso in quattro periodi di lezioni della durata di dieci settimane; questo sistema è detto quarter system (sistema trimestrale). Il periodo in cui si svolgono le lezioni di un corso in inglese è chiamato term. Al Dartmouth vi sono quindi quattro terms: fall (in autunno, inizio dell'anno accademico), winter, spring e summer. Il Dartmouth Plan (o semplicemente "D-Plan") è un sistema di pianificazione degli studi che permette la personalizzazione di ogni anno accademico da parte dello studente.[60] Gli studenti del primo anno (freshman, matricole) e dell'ultimo anno (Senior Year) devono essere presenti nei periodi di lezioni di autunno, inverno e primavera; gli studenti del secondo anno (Sophomore Year) nel trimestre estivo.[61][60] Nei periodi in cui non è richiesta la presenza nel College gli studenti possono scegliere di continuare a studiare nel campus, fuori dal campus, fare uno stage o altri progetti o prendersi una vacanza.[61] Di solito si seguono tre corsi per ogni term, e gli studenti abitualmente sono impegnati per dodici terms in tutto, nell'arco della loro carriera universitaria.[62][63]

Il D-Plan è stato istituito nei primi anni settanta, quando il Dartmouth ha cominciato ad accettare anche studentesse. È stato inizialmente concepito come un modo per aumentare le iscrizioni senza accrescere la disponibilità di alloggi nel campus, ed è stato descritto come "un metodo per mettere 4.000 studenti in 3.000 posti letto".[5]
Anche se nuovi dormitori sono stati nel frattempo costruiti, il numero degli studenti è ulteriormente aumentato e il D-Plan rimane in vigore. È stato però modificato nel 1980 nel tentativo di ridurre i problemi di mancanza di continuità nei rapporti sociali e accademici.

Ammissione al College[modifica | modifica sorgente]

McNutt Hall, sede del Department of Admissions & Financial Aid.

Il Dartmouth si definisce un college "altamente selettivo"[64] ed è stato classificato dalla Princeton Review quindicesimo nella lista dei college "toughest to get into" ("di accesso più difficile") nel 2007[65] e "il più selettivo" dalla rivista US News & World Report. Per la classe 2014, un record di 18.778 studenti hanno fatto domanda di iscrizione per circa 1.100 posti e l'11,5% dei richiedenti (2165) è stato ammesso.[66] Il 95,3% degli studenti accettati si erano classificati tra i primi 10 nella scuola dove si erano diplomati. Il 39,9% degli studenti ammessi erano valedictorians e 11,9% erano salutatorian[67]. La media del punteggio del test SAT degli studenti ammessi era di 733 punti per critical reading, 741 per la matematics e 740 per writing (esami rispettivamente di lettura critica, matematica e scrittura).[68] Nel 2010, il Dartmouth si è classificato undicesimo per i suoi corsi di laurea tra le università nazionali secondo l'US News & World Report.[69] Tuttavia, poiché il Dartmouth è stato esaminato nella categoria delle università nazionali di ricerca, alcuni studenti e amministratori del Dartmouth hanno messo in dubbio la correttezza della classifica visto che non riguardava i college ma le università.[70][71][72] La forza del Dartmouth in materia di istruzione universitaria è evidenziata dall'US News & World Report, quando nel 2009 è risultato primo nell'insegnamento universitario tra le università nazionali, davanti a Princeton, Yale, Stanford, Brown e Duke.[73] Il Dartmouth è settimo nella graduatoria del Wall Street Journal delle migliori scuole. Nel 2006 la classifica della Carnegie Foundation definisce il Dartmouth "università con attività di ricerca molto elevata"[74].

Il College va incontro alle necessità finanziarie degli studenti e accetta attualmente studenti indipendentemente dalle loro condizioni economiche (questo metodo di ammissione in inglese è detto in need-blind basis). A partire dall'anno scolastico 2008-2009, il Dartmouth ha istituito una nuova politica degli aiuti finanziari che estende l'iscrizione in need-blind basis anche a studenti di altre nazionalità e ha sostituito tutti i prestiti con borse di studio e sovvenzioni. Gli studenti provenienti da famiglie con un reddito complessivo annuo inferiore a 75.000 dollari, non pagano le tasse scolastiche.[75][76] Tuttavia, nei primi mesi del 2010, il College ha annunciato che avrebbe reintrodotto i prestiti per i suoi pacchetti di aiuti finanziari per gli studenti che inizieranno l'anno scolastico nel 2011-2012 a causa della mutata situazione finanziaria.[77][78]

Board of Trustees[modifica | modifica sorgente]

Dartmouth Hall, edificio originale del 1784 (ricostruito nel 1906 dopo un incendio).

Il Dartmouth è governato da un Consiglio di amministrazione (Board of Trustees) a cui spettano le decisioni ultime sulla conduzione e amministrazione della scuola. È composto dal presidente del College (ex officio, cioè in virtù della sua carica), dal governatore dello Stato (ex officio), da tredici amministratori scelti dal Consiglio stesso (chiamati "charter trustees") e da otto nominati dagli studenti ("trustees alumni").[79] I candidati degli alunni sono selezionati mediante votazione dei membri dell'Association of Alumni of Dartmouth College, scegliendo tra i nomi proposti dal Consiglio studentesco o mediante petizione degli studenti.

Anche se i suoi membri erano proposti da due fonti (il Board stesso e gli alunni) in parti uguali dal 1891, nel 2007[80] il Consiglio ha deciso di aggiungere alcuni nuovi membri, tutti charter trustees.[81] Nella polemica che seguì alla decisione, l'Associazione degli studenti intentò una causa, anche se successivamente ritirò il ricorso.[82][83] Nel 2008, il Consiglio ha aggiunto cinque nuovi amministratori charter.[84]

Il campus[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« This is what a college is supposed to look like »
(IT)
« Così dovrebbe esser un college »
(Dwight D. Eisenhower[85])

Il Dartmouth College si trova ad Hanover, cittadina del New Hampshire, nell'alta valle del fiume Connecticut nel New England. I suoi 1,1 km² (269 acri) del campus sono centrati attorno a due ettari (cinque acri) di prato chiamato "Green",[86] che un tempo era un bosco di pini (tagliati nel 1771).[87] Dartmouth è il più grande proprietario terriero privato della città di Hanover[88]; terreno e strutture sono state valutate 434 milioni di dollari.[3] Oltre al suo campus di Hanover, il Dartmouth possiede 4.500 ettari (18.2 km²) del Mount Moosilauke nella White Mountains Region[89] e 109 km² (27.000 acri), tratto di terra nel nord del New Hampshire noto come Second College Grant, New Hampshire.[90][91]

Gli edifici del campus variano per età tra Wentworth Hall e Thornton Hall, i più antichi che risalgono al 1820, e i nuovi dormitori e le strutture per le scienze matematiche ultimate nel 2006.[92][93] La maggior parte degli edifici del Dartmouth sono in stile georgiano coloniale americano,[94][95][96] stile conservato nelle recenti aggiunte architettoniche.[97] Il College ha attivamente cercato di ridurre le emissioni di carbonio e il consumo di energia nel campus, guadagnandosi il grado "A-" nella College Sustainability Report Card del 2008, rilasciata dal Sustainable Endowments Institute.[98][99]

Strutture accademiche[modifica | modifica sorgente]

L'Hopkins Center.

L'Hopkins Center (Hopkins Center for the Creative and Performing Arts, "the Hop" per gli studenti) è la struttura del College destinata alla recitazione e alle arti creative. Inaugurato nel 1962, è a disposizione dei dipartimenti di arti teatrali, musica, cinematografia; in esso vi sono anche i laboratori per lavori in legno, ceramica e gioielleria.[100] L'edificio è stato progettato dall'architetto Wallace Harrison che in seguito, con stile simile, realizzerà la facciata del teatro Metropolitan Opera al Lincoln Center for the Performing Arts.[101] Dispone di due sale e un auditorium con 900 posti.[100] The Hop è anche la sede di tutte le cassette postali degli studenti ("Hinman boxes")[102] e del self-service Courtyard Café.[103] The Hop è adiacente all'Hood Museum of Art, probabilmente il più antico museo del Nord America stabilmente aperto[104] e al Loew Auditorium, sala cinematografica.[105]

Una vista del Sherman Fairchild Physical Sciences Center e del Wheeler Hall dalla torre della Baker Memorial Library.

Oltre ai suoi diciannove programmi di laurea nelle arti e nelle scienze, il Dartmouth è sede di tre scuole separate. La Dartmouth Medical School, che si trova in un complesso sul lato nord del campus[106] e comprende laboratori, aule, uffici e una biblioteca biomedica.[107] Il Dartmouth-Hitchcock Medical Center, che si trova nella cittadina di Lebanon (New Hampshire), diverse miglia a sud, e che dispone di una clinica universitaria con 396 posti letto.[108] La Thayer School of Engineering e la Tuck School of Business si trovano entrambe alla fine della strada Tuck Mall, nella zona ovest del campus, nei pressi del fiume Connecticut.[107] La Thayer School comprende attualmente due edifici mentre la Tuck School dispone di sette fabbricati per le strutture accademiche e amministrative.[109] Le due scuole di specializzazione condividono una biblioteca, la Feldberg Business & Engineering Library.[109]

Le nove biblioteche del Dartmouth fanno parte della Dartmouth College Library, che comprende 2,48 milioni di volumi e 6 milioni di altre risorse tra video, mappe, registrazioni audio, fotografie.[6][110] Le sue biblioteche specializzate comprendono: Biomedical Libraries, Evans Map Room, Feldberg Business & Engineering Library, Jones Media Center, Kresge Physical Sciences Library, Paddock Music Library, Rauner Special Collections Library e Sherman Art Library. La Baker-Berry Library è la biblioteca principale e comprende la Baker Memorial Library (aperta nel 1928) e la Berry Library (aperta nel 2000[111]). Situata sul lato settentrionale del Green, la torre della Baker, alta 61 metri (200 piedi) è il simbolo del College.[112][113][114]

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Il Memorial Field.

Il primo campo sportivo del Dartmouth era il Green, dove gli studenti giocavano a cricket e partecipavano a un campionato di calcio nell'ottocento.[87] Oggi il College dispone di più di una dozzina di impianti sportivi e campi[115] e dal 2000 ha speso più di 70 milioni di dollari nel miglioramento di tali strutture.[116]

La maggior parte degli impianti di atletica si trova nell'angolo sud-est del campus.[115] Il centro della vita sportiva è l'Alumni Gymnasium che comprende il Karl Michael Competition Pool, lo Spaulding Pool, un centro fitness, una palestra sollevamento pesi e una pista di atletica indoor di 123 metri (1/13° di miglio).[117] Adiacente all'Alumni Gymnasium è il Berry Sports Center che contiene i campi di pallacanestro e pallavolo (Edward Leede Arena) e il Kresge Fitness Center.[118] Dietro l'Alumni Gymnasium si trova il Memorial Field, uno stadio di 15.000 posti che sovrasta il campo di calcio e la pista di atletica.[119] La vicina Thompson Arena, progettata da Pier Luigi Nervi e costruita nel 1975, ospita la pista di pattinaggio del Dartmouth.[120] Visibile anche dal Memorial Field è la Nathaniel Leverone Fieldhouse, che ospita la pista indoor.

Altre strutture atletiche includono la Friends of Dartmouth Rowing Boathouse, deposito per imbarcazioni a vela, situato lungo il fiume Connecticut, l'Hanover Country Club, l'impianto di atletica più vecchio del Dartmouth (fondato nel 1899)[121] e la Corey Ford Rugby Clubhouse.[122]
Il College dispone inoltre della Dartmouth Skiway, 0,4 km² (100 acri) di impianti sciistici situati sulle due montagne vicino al campus di Hanover a Lyme (New Hampshire).[123]

Strutture per gli studenti[modifica | modifica sorgente]

Lord Hall, una delle tre residenze del Gold Coast Cluster.

Invece di dormitori o residenze per studenti separate dalle strutture accademiche, come ad esempio ha realizzato il Middlebury College, il Dartmouth ha nove comunità residenziali integrate nel campus.[124] I dormitori variano nello stile dal moderno al georgiano e le sistemazioni sono di vario tipo: stanze singole, quadruple e appartamenti.[124] Dal 2006, il College ha garantito alloggi per gli studenti durante il loro primo (freshman) e secondo (sophomore) anno.[125] Più di 3.000 studenti scelgono di vivere in alloggi forniti dal College.[124]

I pasti nel College sono serviti dal Dartmouth Dining Services che mette a disposizione undici mense.[126] Quattro di esse sono situate al centro del campus nel Thayer Dining Hall.[127]

Il Collis Center è il centro della vita studentesca, definibile come il "circolo universitario" o il "centro del campus".[128] In esso si trovano una caffetteria, spazi di studio, aree comuni, e una serie di servizi amministrativi, compreso l'Academic Skills Center.[129][130] Il Robinson Hall, accanto sia al Collis Center che al Thayer Dining Hall, contiene gli uffici di un certo numero di organizzazioni studentesche tra cui il Dartmouth Outing Club e The Dartmouth, il quotidiano del College.[131]

Vita studentesca[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006, la Princeton Review pose il Dartmouth al terzo posto nella sua classifica per "qualità della vita" e sesto in quella "Happiest Students" (studenti più sereni).[132] Le attività sportive e la partecipazione alle organizzazioni greek sono le attività più popolari nel campus;[10] complessivamente al Dartmouth vi sono più di 350 tra organizzazioni e gruppi sportivi.[133] La scuola mantiene una serie di antiche tradizioni e celebrazioni.

Gruppi studenteschi[modifica | modifica sorgente]

Robinson Hall, sede di molte delle organizzazioni studentesche del College, tra cui il Dartmouth Outing Club. L'edificio è una tappa dell'Appalachian Trail, itinerario di 3.505 chilometri attraverso i monti Appalachi.

Al Dartmouth più di 200 organizzazioni studentesche e club coprono una vasta gamma di interessi.[134] Dal 2007, il College ospita otto gruppi accademici, 17 gruppi culturali, due honor societies, 30 gruppi con interessi specifici, 25 gruppi di spettacolo, 12 gruppi pre-professionali, 20 redazioni di varie pubblicazioni e 11 gruppi ricreativi.[135] Tra i gruppi e le attività studentesche vanno menzionati il Dartmouth Outing Club, la più antica e più numerosa organizzazione di escursioni[136], il discusso quotidiano conservatore The Dartmouth Review[137] e The Dartmouth, tra i più antichi giornali universitari della nazione.[138] The Dartmouth si definisce come "il più antico quotidiano di college d'America, fondato nel 1799".[138] Tuttavia, secondo l'Aegis Yearbook 1928, l'attuale quotidiano non ha relazione con la pubblicazione letteraria istituita con un altro nome (Dartmouth Gazette) nel 1799. L'attuale The Dartmouth è stato fondato nel 1839 e a quell'anno si fa riferimento nel numerare le annate del periodico.

In parte a causa della posizione rurale, isolata, la partecipazione ad una associazione greek, dagli anni 1840, è uno degli sbocchi sociali più popolari tra gli studenti.[10][139] Il Dartmouth è sede di 27 associazioni greek: 15 fraternities, nove sororities e tre organizzazioni miste.[140] Nel 2007, oltre il 60% degli studenti che lo possono fare appartengono ad una organizzazione greek[141] (dal 1987, agli studenti è permesso iscriversi a queste associazioni solo al secondo anno).[142] Il Dartmouth College è stata tra le prime istituzioni di insegnamento superiore ad abolire la segregazione razziale nelle fraternity negli anni 1950 e fu coinvolto nel movimento per rendere miste le organizzazioni greek negli anni 1970.[143] Nei primi anni del 2000, nel campus si sviluppò un dibattito incentrato su una raccomandazione del Board of Trustees per rendere le associazioni greek miste;[144] questo tentativo alla fine non riuscì.[145] Nel College sono presenti altre associazioni; tra di esse due undergraduate societies (Panarchy e Amarna).[146]

Attività sportive[modifica | modifica sorgente]

Partita di hockey su ghiaccio tra il Dartmouth e il Princeton alla Thompson Arena.

Circa il 20% degli studenti fanno parte di una squadra del College e quasi l'80% partecipa in vari modi a club, squadre, competizioni cittadine e altre attività sportive.[147] A partire dal 2007, il Dartmouth college fa scendere in campo 34 squadre intercollegiali: 16 maschili, 16 femminili, oltre a team di vela ed equitazione misti. Le formazioni del Dartmouth competono nella National Collegiate Athletic Association (NCAA) Division I nella conference degli otto membri Ivy League; alcune squadre partecipano anche all'Eastern College Athletic Conference (ECAC).[148] Come è obbligatorio per i membri della Ivy League, il Dartmouth College non assegna borse di studio per l'atletica.[148][149] In aggiunta ai tradizionali sport di squadra americani (calcio, basket, baseball e hockey su ghiaccio), il Dartmouth compete in molti altri sport tra cui atletica, vela, tennis, canottaggio, calcio, sci e lacrosse.[6]

Nel College sono presenti anche 26 club che gareggiano con squadre di rugby, pallanuoto, pattinaggio di figura, pallavolo, ultimate e cricket; gli studenti vi partecipano in alta percentuale (approssimativamente il 75% del corpo studentesco).[6][150] La squadra di pattinaggio di figura si è comportata particolarmente bene negli ultimi anni, vincendo il campionato nazionale in tutte le ultime consecutive cinque stagioni.[151] In aggiunta ai requisiti accademici per la laurea, il Dartmouth richiede il superamento di un test di nuoto (50-yard, cioè 46 metri) e di tre terms (quadrimestri) di educazione fisica.[152]

In parte essendo la scuola più a nord della Ivy League, il Dartmouth College ha avuto più atleti partecipanti alle Olimpiadi invernali di ogni altro membro della conference.

Tecnologia[modifica | modifica sorgente]

Studenti davanti ad una fila di terminali Blitz nella Baker-Berry Library.

La tecnologia svolge un ruolo importante nella vita degli studenti e sotto questo aspetto il Dartmouth è stato classificato come uno dei college più avanzati del mondo (ad esempio nella classifica di Newsweek del 2004, delle scuole "Hottest for the Tech-Savvy"[153] e "Wired Colleges" di Yahoo! del 1998[154]). BlitzMail, la rete di posta elettronica del campus, svolge un ruolo importante nella vita sociale e gli studenti tendono a utilizzarlo per la comunicare in luogo dei telefoni cellulari o dei programmi di messaggistica istantanea.[155][156] L'affidamento degli studenti a BlitzMail (noto colloquialmente come "Blitz": parola usata come sostantivo, verbo e imperativo[156]) si riflette nella presenza di circa 100 terminali pubblici destinati specificamente all'uso di BlitzMail.[156] Dal 1991, agli studenti del Dartmouth è richiesto di possedere un personal computer.[157][158]

Nel 2001, il Dartmouth fu il primo istituto della Ivy League ad offrire un accesso wireless a Internet in tutto il campus.[153] Con oltre 1.400 punti di accesso, la rete è disponibile in tutti gli edifici del College, nonché nella maggior parte degli spazi pubblici all'aperto.[159] Altre tecnologie all'avanguardia includono Video on demand e Voice over IP in tutto il College.[159][160]

Nativi Americani al Dartmouth[modifica | modifica sorgente]

Si è spesso sottolineato che la Carta del Dartmouth College, concessa a Eleazar Wheelock nel 1769, proclamava che l'ente era stato creato "per l'educazione e l'istruzione dei giovani delle tribù indiane di questa terra alla lettura, scrittura e tutte le parti della cultura... così come in tutte le liberal Arts and Sciences; e anche per i giovani inglesi e tutti gli altri".[161] Tuttavia, mentre questa affermazione rese più facile fondere la Charity School nel College, il College stesso fu fondato per educare i giovani bianchi. I fondi per istruire i nativi americani della Charity Schooli che precedeva il Dartmouth College furono procurati in primo luogo dal nativo americano Samson Occom e almeno parte di questi fondi furono utilizzati per aiutare la fondazione del College.[162]

Il College laureò solo diciannove nativi americani durante i suoi primi duecento anni.[162] Nel 1970, vennero organizzati programmi accademici e sociali specifici come parte di una "nuovo impegno per aumentare l'iscrizione di nativi americani".[162] Da allora, il Dartmouth ha diplomato oltre 500 studenti americani nativi di oltre 120 diverse tribù, più delle altre sette università della Ivy League messe assieme.[162]

Tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Scultura di neve al Dartmouth 2004 Winter Carnival.

Il Dartmouth è ben noto per il suo spirito orgoglioso e per le molte tradizioni.[163] Il College ha adottato il quarter system (l'anno accademico è diviso in quattro segmenti, terms, di uguale durata) e un weekend ogni term viene dedicato ad un evento celebrativo tradizionale, noto nel campus come "big weekend"[164][165] o "party weekend".[166] Nel term autunnale di rientro nel College (ufficialmente chiamato Dartmouth Night) le matricole realizzano un falò sul Green.[167] Il periodo invernale (winter term) è celebrato con il Winter Carnival, tradizione iniziata dal 1911, dal Dartmouth Outing Club per promuovere gli sport invernali.[168] In primavera, il Green Key è un weekend dedicato principalmente ai party e alle feste nel campus.[169]

Il term estivo era caratterizzato dal Tubestock, una tradizione non ufficiale in cui gli studenti con zattere di legno e camere d'aria navigavano sul fiume Connecticut. Iniziato nel 1986, il Tubestock è stato abbandonato nel 2006, quando le ordinanze della città di Hanover e la mancanza di reazione da parte degli studenti hanno sconfitto la tradizione.[170] La classe del 2008, durante il loro term estivo nel 2006, sostituì il Tubestock con il Fieldstock. Questa nuova celebrazione include un barbecue, musica dal vivo e, revival degli anni settanta e ottanta, le tradizionali corse intorno al green con carretti fatti in casa. A differenza del Tubestock, il Fieldstock è finanziato e sostenuto dal College.[171]

Un'altra antica tradizione è la camminata di quattro giorni, organizzata dal Dartmouth Outing Club per le nuove matricole, iniziata nel 1935. L'escursione si conclude al Moosilauke Ravine Lodge.[172] Nel 2006, l'85% delle matricole vi prese parte.

Insegne[modifica | modifica sorgente]

Motto e inno[modifica | modifica sorgente]

Il motto del Dartmouth, scelto da Eleazar Wheelock, è "Vox clamantis in Deserto". Il motto latino è, tradotto letteralmente, "La voce di uno che grida nel deserto",[173][174] ma è più spesso reso come "Una voce che grida nel deserto",[175] che cerca di tradurre la sineddoche della frase. L'espressione compare cinque volte nella Bibbia ed è un riferimento alla posizione del College in quella che un tempo era la frontiera della colonizzazione europea.[174][176]
La canzone "Men of Dartmouth" di Richard Hovey è stata eletta come la migliore delle canzoni sul Dartmouth nel 1896[167] e divenne la canzone ufficiale della scuola nel 1926.[177] La canzone è diventata l'"Alma Mater" nel 1980 quando il suo testo fu modificato correggendo i riferimenti solo maschili.[178]

Sigillo[modifica | modifica sorgente]

Il documento istitutivo del Dartmouth (Royal Charter, 1769) richiedeva la creazione di un sigillo per l'utilizzo su documenti ufficiali e diplomi.[161] Il fondatore del College, Eleazar Wheelock, progettò un sigillo simile a quello della Society for the Propagation of the Gospel (Associazione per la diffusione del Vangelo),[179] un'organizzazione missionaria fondata a Londra nel 1701, per mantenere l'illusione che il suo College serviva più per la missione religiosa che per l'istruzione superiore.[174] Inciso da un argentiere di Boston, il sigillo era pronto all'inizio del 1773. Gli amministratori lo accettarono ufficialmente il 25 agosto 1773, descrivendolo come:

(EN)
« An Oval, circumscribed by a Line containing SIGILL: COL: DARTMUTH: NOV: HANT: IN AMERICA 1770. within projecting a Pine Grove on the Right, whence proceed Natives towards an Edifice two Storey on the left; which bears in a Label over the Grove these Words "vox clamantis in deserto" the whole supported by Religion on the Right and Justice on the Left, and bearing in a Triangle irradiate, with the Hebrew Words [El Shaddai], agreeable to the above Impression, be the common Seal under which to pass all Diplomas or Certificates of Degrees, and all other Affairs of Business of and concerning Dartmouth College »
(IT)
« Un ovale circoscritto da una linea contenente: SIGILL: COL: DARTMUTH: NOV: HANT: IN AMERICA 1770.

all'interno risalta un bosco di pini sulla destra, da dove avanzano sulla sinistra dei nativi verso un edificio a due piani; che porta in una fascia sopra il bosco queste parole “vox clamantis in deserto” il tutto sorretto dalla Religione sulla destra e dalla Giustizia sulla sinistra, e riportante un triangolo raggiato, con le parole ebraiche [אל שדי, El Shaddai, Dio Onnipotente], adatto ad una prima impressione per essere il sigillo di diplomi e certificati di laurea, e tutte le altre pratiche riguardanti il Dartmouth College»

([180])

Il 28 ottobre 1926, gli amministratori riservarono il sigillo ai documenti ufficiali della fondazione.[174] Il College Publications Committee commissionò al noto tipografo William Addison Dwiggins di creare una versione stilizzata del disegno nel 1940 che ebbe larga diffusione. Il disegno di Dwiggins fu modificato durante il 1957 per cambiare la data data da "1770" a "1769", in accordo con la data della College Charter. Gli amministratori commissionarono una nuova serie di stampi con una data "1769" per sostituire i vecchi, molto usurati dopo quasi duecento anni di utilizzo.[174] Il disegno del 1957 continua ad essere utilizzato con il marchio di fabbrica numero 2305032.[181]

Scudetto[modifica | modifica sorgente]

Il 28 ottobre 1926, la fondazione approvò un "Dartmouth College Shield" per usi generali. L'artista e incisore W. Johnson Parke disegnò questo emblema sulla base dello scudo che è raffigurato al centro del sigillo originale. Questo disegno non è più in uso. Il 9 giugno 1944 gli amministratori approvarono un altro stemma basato sullo scudo del sigillo dell'artista e designer canadese Thoreau MacDonald. Questo design è stato usato ampiamente e, come il sigillo di Dwiggins, la data venne cambiata da "1770" a "1769", intorno al 1958.[174] Questa versione continua ad essere utilizzata come marchio registrato con il numero 3112676.[181]

Il designer del College John Scotford realizzò una versione stilizzata dello scudetto nel corso degli anni 1960, ma non ebbe il successo di quello di MacDonald.[182] Lo scudetto sembra essere stato utilizzato come base dello scudo della Dartmouth Medical School, ed è stato riprodotto in dimensioni microscopiche con linee di pochi nanometri di diametro.[183] Il disegno è comparso su Rudolph Ruzicka's Bicentennial Medal (Zecca di Philadelphia, 1969) e altrove.

Soprannome, simbolo e mascotte[modifica | modifica sorgente]

Keggy in posa sul Green del Dartmouth College con la Baker Memorial Library sullo sfondo.

Il Dartmouth non ha mai avuto una mascotte ufficiale.[184] Il soprannome "The Big Green", originario del 1860, si basa sull'adozione da parte degli studenti di una tonalità di verde foresta (il "Dartmouth Green") come colore ufficiale della scuola nel 1866.[185][186] A partire dal 1920, le squadre di atletica del Dartmouth College erano note per la loro soprannome non ufficiale "the Indians", nomignolo probabilmente dato dai giornalisti sportivi.[184] Questo nome non ufficiale delle squadre è stato utilizzato fino primi anni 1970, quando il suo uso fu criticato. Nel 1974 gli amministratori dichiararono "l'uso del simbolo [indiano] in qualsiasi forma in contrasto con i presenti obiettivi istituzionali e accademici del College di promozione dell'educazione dei nativi americani".[187] Alcuni ex-alunni e studenti, nonché il giornale studentesco conservatore, The Dartmouth Review, hanno cercato di riportare il simbolo indiano alla ribalta,[188] ma nessuna squadra lo ha indossato sulla sua uniforme degli ultimi decenni.[189]

Varie iniziative studentesche sono state intraprese per adottare una nuova mascotte, ma nessuna è diventata "ufficiale". Una proposta ideata dalla rivista umoristica Dartmouth Jack-O-Lantern è stata Keggy the Keg, un barile (keg) di birra antropomorfo che fa talvolta apparizione in occasione di manifestazioni sportive del College. Nonostante l'entusiasmo degli studenti per Keggy,[190] la mascotte ha solo ricevuto l'approvazione da parte degli studenti.[191] Nel novembre 2006, gli studenti tentarono di far rivivere la "Dartmoose" (moose, alce) come un potenziale sostituto dell'Indian mascotte, dopo rinnovate polemiche.[192]

Alunni celebri[modifica | modifica sorgente]

Gli alunni del Dartmouth sono noti per il loro attaccamento al College.[193] Secondo US News & World Report nel 2007, il Dartmouth si è classificato secondo solo alla Princeton University negli Stati Uniti per l'entità di donazioni degli alunni.[69] In un articolo del 2008, apparso nel Wall Street Journal, si affermava che i laureati del Dartmouth, a dieci anni dalla laurea, avevano stipendi medi più alti dei laureati in qualsiasi altra università americana esaminata.[194]

Salmon P. Chase, classe 1826, è stato un politico statunitense: senatore dell'Ohio, governatore dell'Ohio, Segretario al Tesoro durante il governo di Abramo Lincoln, Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti.

Al 2008, il Dartmouth ha laureato 238 classi di studenti e ha oltre 60.000 alunni viventi impiegati in molteplici attività.[195]

Oltre 164 laureati del Dartmouth hanno prestato servizio nel Senato degli Stati Uniti e nella Camera dei Rappresentanti,[196] come lo statista del Massachusetts Daniel Webster.[197] Tra i membri del Gabinetto dei presidenti americani il procuratore generale Amos T. Akerman,[198] il Segretario alla Difesa James V. Forrestal,[199] il segretario del Lavoro Robert Bernard Reich,[200] l'ex Segretario del Tesoro Henry Paulson e l'attuale segretario del Tesoro Timothy Geithner. Inoltre anche Charles Everett Koop è stato il responsabile alla sanità degli Stati Uniti (Surgeon General) alle strette dipendenze di Ronald Reagan.[201] Due ex-alumni del Dartmouth hanno servito come giudici della Corte Suprema: Salmon P. Chase e Levi Woodbury.[202][203]

In campo giornalistico-letterario fra gli alunni dell'università si contano otto vincitori del premio Pulitzer: Thomas M. Burton,[204] Richard Eberhart,[205] Robert Frost,[206] Paul Gigot,[207] Jake Hooker,[208] Nigel Jaquiss,[209] Martin J. Sherwin,[210] e David K. Shipler.[211]
Altri autori e personaggi mediatici includono lo scrittore e sceneggiatore Budd Schulberg,[212] l'analista politico Dinesh D'Souza,[213] la commentatrice politica Laura Ingraham,[214] il commentatore Mort Kondracke[215] e il giornalista James Panero.[216] Theodor Geisel, autore di libri per bambini conosciuto con lo pseudonimo di Dr. Seuss, si è laureato nel College nel 1925.[217]

Nel campo della religione e della teologia, sono stati alunni del Dartmouth, sacerdoti e ministri del culto come Jonathan Clarkson Gibbs, Caleb Sprague Henry, Arthur Whipple Jenks, Solomon Spalding e Joseph Tracy; tra i rabbini Marshall Meyer, Resnicoff Arnold e David E. Stern.[218][219][220][221][222]

Tra gli alunni del Dartmouth del mondo accademico Stuart Kauffman e il matematico Jeffrey Weeks, entrambi destinatari delle borse di studio MacArthur (MacArthur Fellowships e comunemente chiamate "genius grants", premi per geni).[223][224] Il Dartmouth ha anche laureato tre premi Nobel: Owen Chamberlain (Fisica, 1959),[225] K. Barry Sharpless (Chimica, 2001),[226] e George Davis Snell (Medicina, 1980).[227] Gli educatori includono l'attuale cancelliere della University of California (San Diego) Marye Anne Fox (PhD. in Chimica, 1974),[228] il presidente fondatore del Vassar College Milo Parker Jewett,[229] il fondatore e primo presidente del Bates College B. Oren Cheney,[230] il fondatore e primo presidente del Kenyon College Philander Chase,[231] il primo professore del Wabash College Caleb Mills,[232] e l'ex presidente dell'Union College Charles Augustus Aiken.[233] Nove dei diciassette presidenti del Dartmouth erano ex-alunni del College.[234]

Timothy Geithner, classe 1961, è stato presidente della Federal Reserve Bank di New York ed è Segretario al Tesoro nell'attuale amministrazione.

Tra gli alumni del Dartmouth diventati amministratori delegati o presidenti di società Charles Alfred Pillsbury, fondatore della Pillsbury Company e patriarca della famiglia Pillsbury, Sandy Alderson (San Diego Padres),[235] John Donahoe (eBay), Louis V. Gerstner, Jr. (IBM),[236] E. Charles Haldeman (Putnam Investments),[237] Donald J. Hall, Sr. (Hallmark Cards),[238] Jeffrey R. Immelt (General Electric),[239] Henry Paulson (Goldman Sachs),[240] Grant Tinker (NBC),[241] Brian Goldner (Hasbro).[242]

Nell'intrattenimento e televisione il Dartmouth è rappresentato da Rachel Dratch, del cast di Saturday Night Live,[243] dal creatore di Grey's Anatomy Shonda Rhimes,[244] e dal realizzatore della serie televisiva Mister Rogers' Neighborhood Fred Rogers.[245] Altri attori importanti sono Sarah Wayne Callies (Prison Break),[243] Mindy Kaling (The Office),[246] i vincitori dell'Emmy Award Michael Moriarty,[243] Andrew Shue di Melrose Place,[247] Aisha Tyler di Friends e della serie televisiva 24,[243] e Connie Britton di Spin City, The West Wing e Friday Night Lights[243] e Pete Lattimer di Warehouse 13.[243]

Un certo numero di alunni del Dartmouth hanno avuto successo nello sport professionistico. Nel baseball, ex-alunni del Dartmouth comprendono l'All-Star, il tre volte vincitore del Gold Glove Brad Ausmus[248] e l'All-Star Mike Remlinger.[249] Tra i calciatori professionisti l'ex quarterback dei Miami Dolphins Jay Fiedler,[250] il linebacker Reggie Williams,[251][252] il tre volte Pro Bowler Nick Lowery,[253] il quarterback Jeff Kemp,[254] e il tight end dei Tennessee Titans Casey Cramer.[255] Il Dartmouth ha anche prodotto una serie di olimpionici. Adam Nelson ha vinto medaglie d'argento nel getto del peso alle Olimpiadi di Sydney del 2000 e Olimpiadi di Atene 2004 per conquistare poi la medaglia d'oro nel Campionato del mondo 2005 a Helsinki.[256] Kristin King e Sarah Parsons facevano parte della squadra di hockey su ghiaccio degli Stati Uniti, medaglia di bronzo ai XX Giochi olimpici invernali.[257][258] Cherie Piper, Gillian Apps, e Katie Weatherston erano tra le giocatrici di hockey su ghiaccio che portarono alla medaglia d'oro il Canada nel 2006.[259][260][261] Dick Durrance e Tim Caldwell gareggiarono per gli Stati Uniti nelle Olimpiadi invernali del 1936 e del 1976 rispettivamente.[262][263] Arthur Shaw,[264] Earl Thomson,[265] Edwin Myers,[264] Marc Wright,[264] Gerald Ashworth,[264] e Vilhjálmur Einarsson[264] hanno vinto medaglie alle Olimpiadi per l'atletica. L'ex vogatore Dominic Seiterle era membro della squadra nazionale canadese di canottaggio e ha vinto una medaglia d'oro alle Olimpiadi di Pechino 2008 nell'"otto con" maschile.[266]

Il reddito degli ex-alunni[modifica | modifica sorgente]

Secondo Payscale, gli ex-alunni del Dartmouth College hanno lo stipendio medio di partenza più alto del Paese (58.200 $), così come il reddito medio più elevato a dieci anni dalla laurea (129.000 $).[267]

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Il Dartmouth College è apparso o è stato citato in numerosi mezzi di comunicazione di massa.

Chris Miller è stato coautore del film del 1978 National Lampoon's Animal House; il film commedia è liberamente basato su una serie di racconti di Miller in cui descriveva i suoi giorni al Dartmouth, dove si era laureato nel 1963. In una intervista alla CNN, John Landis ha confermato che il film era "basato sulla reale descrizione della partecipazione di Chris Miller alla fraternity Alpha Delta Phi al Dartmouth".[268]

Il Winter Carnival del Dartmouth è stato il soggetto di film del 1939 dal titolo Winter Carnival (in italiano "La reginetta delle nevi"), interpretato da Ann Sheridan e scritto da Budd Schulberg (laurea al College nel 1936) e Francis Scott Fitzgerald.[168]

Il Dartmouth College è stato citato tre volte nella sitcom di cartoni animati "I Simpson", in due (parte degli episodi della 11a stagione) associano il Dartmouth College con il consumo di alcolici.[269] Nell'episodio "Alone Again, Natura-Diddly", la cantante di rock cristiano Rachel Jordan canta che lei "beveva come un ragazzo del Dartmouth".[270] In "Pygmoelian (Boe perde la faccia)", durante il Duff Days festival Duffman presenta il concorso trick-pouring dicendo che conta come credito universitario al Dartmouth College.[269]
Nel film del 1969 "Goodbye, Columbus" (tratto dal romanzo d'esordio di Philip Roth) Richard Benjamin scopre che tutti gli uomini a una festa sono del Dartmouth. The Association, un gruppo rock popolare a quel tempo, registrò la colonna sonora e un pezzo strumentale eseguito durante la scena dal titolo "Dartmouth? Dartmouth!".[271] Inoltre, il Dartmouth è stato l'Alma Mater per una serie di personaggi fittizi, tra cui il personaggio Sir Dr. Stephen T. Colbert del comico Stephen Colbert[272], Michael Corleone del Padrino,[273] Meredith Grey di Grey's Anatomy,[274] Thomas Crown del Caso Thomas Crown (1968),[275] Howie Archibald della serie TV Gossip Girl[276] e il personaggio Pete Campbell della serie TV Mad Men.[277] I personaggi Evan e Fogell del film Superbad (2007) frequenteranno il Dartmouth.[278] Nella serie di romanzi fantasy Twilight, i personaggi principali Bella Swan ed Edward Cullen per un loro stratagemma, decidono di andare al Dartmouth. Nella seconda stagione di Scrubs, J.D. sostiene che non tutti i chirurghi sono stupidi e cita come prova il fatto che un altro medico dell'ospedale aveva frequentato il Dartmouth. Il personaggio Dan Rydell nella serie televisiva di breve durata "Sports Night" era un alunno del Dartmouth, che viene poi citato in numerosi episodi.[279] Nel romanzo di avventura L'ultimo dei Mohicani, il protagonista Occhio di Falco dice di aver frequentato la scuola del reverendo Wheelock che presumibilmente è il Dartmouth.
Nella serie televisiva The West Wing, il presidente Bartlet è stato un professore di ruolo al Dartmouth prima di iniziare la sua carriera politica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Pronucia di "Dartmouth", A free online Talking Dictionary of English Pronunciation. URL consultato il 9 maggio 2010.
  2. ^ Coordinate geografiche del Dartmouth College: 43°42′12″N 72°17′18″W / 43.703333°N 72.288333°W43.703333; -72.288333
  3. ^ a b (EN) 2005 Form 990 (PDF), GuideStar.org. URL consultato il 23 agosto 2008.
  4. ^ (EN) Trustees of Dartmouth College, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  5. ^ a b c d e f (EN) Aziz G. Sayigh, Boris V. Vabson, The Wheelock Succession in The Dartmouth Review, 1º ottobre 2006. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2007).
  6. ^ a b c d e f g h I Colonial Colleges erano istituti di educazione superiore creati nell'America coloniale prima della Guerra di indipendenza americana (EN) About Dartmouth: Facts, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  7. ^ (EN) Dartmouth College: At a Glance in U.S. News & World Report. URL consultato il 19 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2007).
  8. ^ (EN) Dartmouth at glance (PDF), Dartmouth College, 10 febbraio 2010. URL consultato il 9 maggio 2010.
  9. ^ a b Molte associazioni studentesche (principalmente universitarie) nel Nord America si chiamano fraternities e sororities (dal latino: frātĕr, fratello, e sŏrŏr, sorella) e sono riservate rispettivamente a studenti e studentesse. Ne esistono però di maschili, femminili e miste chiamate frats. Il nome delle associazioni in genere è costituito da due o tre lettere greche (iniziali del motto). Questo ha portato all'uso anche del termine greek per definire tali organizzazioni.
  10. ^ a b c (EN) Katharine Webster, Conservatives Gain Ground at Dartmouth in The Associated Press - The Washington Post, 25 maggio 2007. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  11. ^ (EN) Randy Kennedy, A Frat Party Is:; a) Milk and Cookies; b) Beer Pong in The New York Times, 7 novembre 1999. URL consultato il 23 agosto 2008.
    «...at Dartmouth College a place where traditions die hard...».
  12. ^ (EN) Hill Winds, Granite Brains, and Other Dartmouth Traditions in Summer 2007 Newsletter, Dartmouth Parents & Grandparents. URL consultato il 23 agosto 2008.
  13. ^ (EN) Our Mission, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  14. ^ (EN) Dartmouth: Forever New An address by President James Wright: On the Occasion of his Inauguration as the 16th President of Dartmouth College in Dartmouth News, 23 settembre 1998. URL consultato il 23 agosto 2008.
  15. ^ a b c d e f g (EN) Francis Lane Childs, A Dartmouth History Lesson for Freshman in Dartmouth Alumni Magazine, dicembre 1957. URL consultato il 12 febbraio 2007.
  16. ^ Samson Occom Letters
  17. ^ (EN) Dick Hoefnagel, Virginia L. Close, Eleazar Wheelock's Two Schools in Dartmouth College Library Bulletin, novembre 1999. URL consultato il 23 agosto 2008.
  18. ^ Transcription of Recommendations
  19. ^ Dartmouth - About Dartmouth - History
  20. ^ Dartmouth è un paese di 5.512 abitanti (anno 2001) della contea del Devon, in Inghilterra.
  21. ^ (EN) About Dartmouth - History, Dartmouth College. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  22. ^ Sir John Wentworth (9 agosto 1737 – 8 aprile 1820)
  23. ^ (EN) History, Dartmouth College. URL consultato l'11 maggio 2010.
  24. ^ (EN) Dick Hoefnagel, Virginia L. Close, Eleazar Wheelock and the Adventurous Founding of Dartmouth College, Hanover, New Hampshire, Durand Press for Hanover Historical Society, 2002.
  25. ^ a b (EN) Samson Occom, Christian History Institute. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2008).
  26. ^ (EN) Rauner Library Blog: Is This Cricket?, Dartmouth College Library, 29 gennaio 2010. URL consultato il 10 febbraio 2010.
  27. ^ (EN) MANY BEQUESTS TO CHARITY.; Will of Dr. Ordronaux D... in The New York Times. URL consultato il 20 febbraio 2009.
  28. ^ (EN) William Jewett Tucker, Office of the President. URL consultato il 23 agosto 2008.
  29. ^ (EN) John Sloan Dickey, Office of the President. URL consultato il 23 agosto 2008.
  30. ^ a b (EN) The Wheelock Succession of Dartmouth Presidents: John G. Kemeny, 1970-1981 in Dartmouth News. URL consultato il 12 maggio 2010.
  31. ^ (EN) When did Dartmouth become co-educational? in AskDartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  32. ^ (EN) James O. Freedman, Office of the President. URL consultato il 23 agosto 2008.
  33. ^ (EN) Michael Coburn, Capital campaign hits $1 billion benchmark in The Dartmouth, 23 gennaio 2008. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  34. ^ (EN) JR Santo, 65 percent done, $1.3 billion capital campaign right on track in The Dartmouth, 4 maggio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  35. ^ (EN) Current Capital Projects, Office of Planning, Design & Construction. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  36. ^ (EN) Booz Allen Hamilton Lists the World's Most Enduring Institutions, Booz Allen Hamilton, 16 dicembre 2004. URL consultato il 23 agosto 2008., la sezione sul Dartmouth College nella nota di John R. Thelin, che ha anche scelto l'Università di Oxford per l'inclusione come modello di durata istituzionale.
  37. ^ (EN) William Schpero, Battle for Board leaves boardroom in The Dartmouth, 19 settembre 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  38. ^ (EN) Allie Lowe, President Wright to step down in June 2009 in The Dartmouth, 4 febbraio 2008. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  39. ^ (EN) Dr. Jim Yong Kim appointed 17th President of Dartmouth College, The Dartmouth, 2 marzo 2009. URL consultato il 10 maggio 2010.
  40. ^ (EN) Academic Ranking of World Universities - 2009, ShanghaiRanking Consultancy. URL consultato il 12 maggio 2009.
  41. ^ (EN) Academic Ranking of World Universities - 2009 North & Latin America, ShanghaiRanking Consultancy. URL consultato il 12 maggio 2009.
  42. ^ (EN) America's Best Colleges, Forbes. URL consultato il 12 maggio 2009.
  43. ^ (EN) THE - QS World University Rankings 2009 - top universities, QS Quacquarelli Symonds Limited. URL consultato il 12 maggio 2009.
  44. ^ (EN) National Universities Rankings, U.S. News & World Report. URL consultato il 12 maggio 2009.
  45. ^ (EN) Washington Monthly. URL consultato il 12 maggio 2009.
  46. ^ (EN) About Dartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  47. ^ (EN) Undergraduate Majors, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  48. ^ Majors, Minors, & Programs
  49. ^ Dartmouth - Academics - Undergraduate Majors
  50. ^ (EN) Dartmouth Commencement 2008 Class Notes in Dartmouth News, 8 giugno 2008. URL consultato il 15 giugno 2008.
  51. ^ a b c (EN) Requirements for the Degree of Bachelor of Arts, Office of the Registrar. URL consultato il 23 agosto 2008.
  52. ^ Distributives (and commonly asked questions about them)
  53. ^ http://www.dartmouth.edu/~frstyear/work/policies/gradreq.html
  54. ^ (EN) Programs – List All, Off-Campus Programs. URL consultato il 23 agosto 2008.
  55. ^ (EN) Types of Programs, Off-Campus Programs. URL consultato il 23 agosto 2008.
  56. ^ $16-million gift commitment to Dartmouth to fund three new iniatives
  57. ^ (EN) Academics & Research, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  58. ^ (EN) About UPNE, University Press of New England. URL consultato il 4 marzo 2009.
  59. ^ Massimo Bozzo, La grande storia del computer: dall'abaco all'intelligenza artificiale, Edizioni Dedalo, 1996, p. 136, ISBN 978-88-220-4537-9.
  60. ^ a b The Dartmouth Plan
  61. ^ a b (EN) D-Plan, Admissions and Financial Aid. URL consultato il 23 agosto 2008.
  62. ^ (EN) Working Rules and Procedures, Office of the Registrar. URL consultato il 23 agosto 2008.
  63. ^ This Page Has Moved
  64. ^ (EN) First Year Admissions, Admissions & Financial Aid. URL consultato il 23 agosto 2008.
  65. ^ (EN) The Best 361 Colleges, The Princeton Review, 2006, ISBN 0-375-76558-1.
  66. ^ Dartmouth admits 11.5 percent of applicants for the Class of 2014
  67. ^ Salutatorian è il secondo classificato tra i maturandi di ogni classe in una scuola; termine in uso negli Stati Uniti, Canada e Filippine.
  68. ^ (EN) Latarsha Gatlin, Dartmouth College admits 11.5 percent of applicants for the Class of 2014 in Dartmouth News, 31 marzo 2010. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  69. ^ a b (EN) America's Best Colleges 2008: National Universities in U.S. News & World Report, 2010. URL consultato il 30 gennaio 2010. [collegamento interrotto]
  70. ^ (EN) Sam Buntz, Reject Ridiculous Rankings in The Dartmouth, 12 agosto 2008. URL consultato il 12 agosto 2008.
  71. ^ (EN) Steven Menash, Dartmouth Ranked Tenth Best College in The Dartmouth Review, 30 settembre 1998. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2008).
  72. ^ (EN) Linzi Sheldon, College ranks ninth for six years running in The Dartmouth, 23 agosto 2005. URL consultato il 24 gennaio 2007.
  73. ^ (EN) Best Colleges: Undergraduate Teaching at National Universities, 2009. URL consultato il 21 agosto 2009.
  74. ^ (EN) Dartmouth College, Carnegie Foundation. URL consultato il 13 maggio 2010.
  75. ^ (EN) Roland Adams, Dartmouth announces new financial aid initiative in Dartmouth News, 22 gennaio 2008. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  76. ^ (EN) Nathan Swire, Financial aid program kicks off in The Dartmouth, 25 settembre 2008. URL consultato il 25 settembre 2008.
  77. ^ http://money.cnn.com/2010/04/09/pf/College/no-loan_financial_aid/
  78. ^ Most Colleges Plan to Stick With Pledges to Limit Loans in Student Aid - The Ticker - The Chronicle of Higher Education
  79. ^ (EN) Dartmouth Trustees vote to expand size of board in Dartmouth News, 17 novembre 2003. URL consultato il 23 agosto 2008.
  80. ^ (EN) Board of trustees vote to change how Dartmouth College is run, The Boston Globe, 7 settembre 2007. URL consultato il 20 agosto 2008.
  81. ^ (EN) William Schpero, Board adds 8 seats, ends century-old parity in The Dartmouth, 8 settembre 2007. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2008).
  82. ^ (EN) William Schpero, Divided Association of Alumni sues College in The Dartmouth, 20 agosto 2008. URL consultato il 23 agosto 2008.
  83. ^ (EN) William Schpero, Lawsuit against College dismissed in The Dartmouth, 27 giugno 2008. URL consultato il 20 agosto 2008.
  84. ^ (EN) Dartmouth College, Dartmouth College's Board of Trustees Elects Five Alumni as New Trustees in Press Release, 5 settembre 2008. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  85. ^ (EN) Remarks at the Dartmouth College Commencement Ceremony in Hanover, New Hampshire, Bill Clinton. URL consultato il 13 maggio 2010.
  86. ^ (EN) The Campus, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  87. ^ a b (EN) The Green in Dartmo.: The Buildings of Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  88. ^ (EN) Open Space Priorities Plan, Planning and Zoning Department of the Town of Hanover, New Hampshire. URL consultato il 23 agosto 2008.
  89. ^ Dartmouth Outing Guide, p. 56.
  90. ^ (EN) Second College Grant, Dartmouth Outing Club. URL consultato il 20 agosto 2008.
  91. ^ Il Second College Grant, New Hampshiresi trova a 251 km (156 miglia) a nord di Hanover.
  92. ^ (EN) Kemeny Hall and Haldeman Center, Office of Planning, Design, and Construction. URL consultato il 23 agosto 2008.
  93. ^ (EN) McLaughlin Cluster Residence Halls, Office of Planning, Design, and Construction. URL consultato il 23 agosto 2008.
  94. ^ (EN) CIC Historic Campus Architecture Project (PDF), The Council of Independent Colleges. URL consultato il 23 agosto 2008.
  95. ^ (EN) Atkin Olshin Lawson-Bell Architects in Dartmo.: The Buildings of Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  96. ^ (EN) John R. Thelin, A History of American Higher Education, John Hopkins University Press, 2004, ISBN 0-8018-7855-1. URL consultato il 23 agosto 2008.
  97. ^ (EN) Dartmouth Landscape Design Guidelines, Saucier + Flynn Landscape Architects. URL consultato il 23 agosto 2008.
  98. ^ (EN) Dartmouth Sustainability Initiative, Dartmouth College. URL consultato il 21 maggio 2008.
  99. ^ (EN) College Sustainability Report Card 2008, Sustainable Endowments Institute. URL consultato il 21 maggio 2008.
  100. ^ a b (EN) General Information & History, Hopkins Center for the Arts. URL consultato il 23 agosto 2008.
  101. ^ (EN) Tamara Steinert, The Hopkins Center Turns 40 in Dartmouth News, 4 novembre 2002. URL consultato il 23 agosto 2008.
  102. ^ (EN) Undergraduate Student Mail, Facilities Operations and Management. URL consultato il 23 agosto 2008.
  103. ^ (EN) Dining Locations: Courtyard Café, Dartmouth Dining Service. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2007).
  104. ^ (EN) Dartmouth College: Services and Facilities in U.S. News and World Report. URL consultato il 17 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2008).
  105. ^ (EN) The Arts, Graduate Studies. URL consultato il 23 agosto 2008.
  106. ^ (EN) Maps and Directions, Dartmouth Medical School. URL consultato il 23 agosto 2008.
  107. ^ a b (EN) Dartmouth Maps, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  108. ^ (EN) About Dartmouth-Hitchcock Medical Center, Dartmouth-Hitchcock Medical Center. URL consultato il 23 agosto 2008.
  109. ^ a b (EN) Our Campus, Tuck School of Business. URL consultato il 23 agosto 2008.
  110. ^ (EN) Library Holdings (PDF), Dartmouth College Fact Book. URL consultato il 23 agosto 2008.
  111. ^ (EN) Berry Library in Dartmo.: The Buildings of Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  112. ^ (EN) Baker Library Bell Tower, Dartmouth College Libraries. URL consultato il 14 marzo 2009.
  113. ^ (EN) Nicholas J Santos, No Bridge Left Unburned: Rage at Dartmouth in The Dartmouth Free Press, 17 settembre 2004. URL consultato il 23 agosto 2008.
  114. ^ (EN) Dartmouth College's Berry/Baker Library (PDF) in The Observer, New Hampshire Society of Professional Engineers, febbraio 2003. URL consultato il 23 agosto 2008.
  115. ^ a b (EN) Dartmouth College Athletic Facilities, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  116. ^ (EN) About Dartmouth Athletics, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  117. ^ (EN) Alumni Gym, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  118. ^ (EN) Berry Sports Center, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  119. ^ (EN) Memorial Field, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  120. ^ (EN) Thompson Arena, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  121. ^ (EN) History, Hanover Country Club. URL consultato il 23 agosto 2008.
  122. ^ (EN) Thomas Monahan, Rugby Fires It Up With New Clubhouse in The Dartmouth Review. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2007).
  123. ^ (EN) Dartmouth Skiway, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  124. ^ a b c (EN) Introduction: Housing on Campus, Office of Residential Life. URL consultato il 23 agosto 2008.
  125. ^ (EN) Assembly reworks UFC membership guidelines in The Dartmouth, 18 gennaio 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  126. ^ (EN) Campus Map, Dartmouth Dining Services. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2007).
  127. ^ (EN) Dining Locations, Dartmouth Dining Services. URL consultato il 19 settembre 2007.
  128. ^ (EN) Collis Center, Collis Center & Student Activities Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  129. ^ (EN) Collis Floor Plans, Collis Center & Student Activities Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  130. ^ (EN) Administrative Departments in Collis Center, Collis Center & Student Activities Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  131. ^ (EN) Robinson Hall, Collis Center & Student Activities Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  132. ^ (EN) The Princeton Review, Best 361 Colleges, New York, NY, Princeton Review Press, 23 agosto 2005.
  133. ^ (EN) Student Life, Admissions and Financial Aid. URL consultato il 23 agosto 2008.
  134. ^ (EN) Campus Life: Clubs and Organizations, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  135. ^ (EN) COSO Student Organizations, Collis Center and Student Activities Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  136. ^ (EN) Jim Collins, 100 Years of the Dartmouth Outing Club in The Dartmouth Alumni Magazine, November-December 2009, Hanover, NH, USA, Dartmouth College, dicembre 2009, p. 38, ISSN 2150-671X.
  137. ^ (EN) Phillip Longman, Reagan's Disappearing Bureaucrats in The New York Times, 14 febbraio 1988. URL consultato il 23 agosto 2008.
  138. ^ a b (EN) The Dartmouth, The Dartmouth. URL consultato il 27 gennaio 2008.
  139. ^ (EN) Scott Meacham, Halls, Tombs and Houses: Student Society Architecture at Dartmouth, Dartmo.: The Buildings of Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  140. ^ (EN) Coed, Fraternity, and Sorority Administration, Office of Residential Life. URL consultato il 23 agosto 2008.
  141. ^ (EN) Amanda Cohen, Transgenders try to navigate Greek system in The Dartmouth, 3 maggio 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  142. ^ (EN) History of CFS Organizations at Dartmouth, Greek Leadership Council. URL consultato il 23 agosto 2008.
  143. ^ Ralph Nading Hill, The College on the Hill: A Dartmouth Chronicle, Hanover, New Hampshire, Dartmouth Publications, 1965, pp. 259–260.
  144. ^ (EN) Stephan Wellman, Dartmouth to Abolish Fraternities and Sororities in Accuracy in Academia, marzo 1999. URL consultato il 23 agosto 2008.
  145. ^ (EN) Joseph Rago, Interrogating the S.L.I. in The Dartmouth Review, 30 gennaio 2005. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2007).
  146. ^ (EN) Senior and Undergraduate Society Administration, Office of Residential Life. URL consultato il 23 agosto 2008.
  147. ^ (EN) What percentage of Dartmouth students play a varsity sport? in Ask Dartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 settembre 2008.
  148. ^ a b (EN) About Dartmouth Athletics, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  149. ^ (EN) What is the Ivy League?, Ivy League Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  150. ^ (EN) Club Sports, Dartmouth Sports. URL consultato il 23 agosto 2008.
  151. ^ (EN) Dartmouth Wins Fourth Consecutive National Title, Dartmouth Figure Skating Team, 27 marzo 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  152. ^ (EN) Graduation Requirements, First Year Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  153. ^ a b (EN) Barbara Kantrowitz, America's 25 Hot Schools in Newsweek, August 2004. URL consultato il 24 gennaio 2007.
  154. ^ (EN) About BlitzMail, Computing at Dartmouth. URL consultato il 23 agosto 2008.
  155. ^ (EN) Jennifer Garfinkel, Cell phones make inroads on Blitz-centric College campus in The Dartmouth, 5 ottobre 2005. URL consultato il 23 agosto 2008.
    «While BlitzMail remains the preferred method of communication, cell phones have become more common.».
  156. ^ a b c (EN) Katie Hafner, All Quiet on Campus Save the Click of Keys in The New York Times, 14 agosto 2003. URL consultato il 23 agosto 2008.
  157. ^ (EN) Kelly Kaufhold, Students required to get wired in Colleges.com. URL consultato il 23 agosto 2008.
  158. ^ (EN) All Students Required to Own a Computer, Computing at Dartmouth. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  159. ^ a b (EN) Susan Knapp, Wireless Network Facts in Dartmouth College Computer Services, maggio 2005. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2007).
  160. ^ (EN) Susan Knapp, Phones, television and computers converge at Dartmouth in Dartmouth College Office of Public Affairs, May 2005. URL consultato il 23 agosto 2008.
  161. ^ a b (EN) The Charter of Dartmouth College, Dartmo.com. URL consultato il 23 agosto 2008.
  162. ^ a b c d (EN) About the Native American Program, Native American Program. URL consultato il 23 agosto 2008.
  163. ^ (EN) Matthew L Wald, 15th President Installed at Dartmouth in The New York Times, 20 luglio 1987. URL consultato il 23 agosto 2008.
  164. ^ (EN) Stephanie Herbert, Steph's So Dartmouth in The Dartmouth, 19 maggio 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  165. ^ (EN) The Dartmouth Green: A Walking Tour of Dartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  166. ^ (EN) Chetan Mehta, Hopkins Center offers many alternatives over weekend in The Dartmouth, 10 febbraio 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  167. ^ a b (EN) Joseph Rago, A History of Homecoming in The Dartmouth Review, 21 ottobre 2005. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  168. ^ a b (EN) Winter Carnival: Stories of the Mardi Gras of the North in The Dartmouth Review, 11 febbraio 2007. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2007).
  169. ^ (EN) Green Key History: Those Were the Days in The Dartmouth Review, 11 maggio 2004. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2007).
  170. ^ (EN) Samuel Fisher, Town, College Weigh Tubestock Changes in The Dartmouth Review. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2007).
  171. ^ (EN) Jennifer Garfinkel, Fieldstock, chariots await town approval in The Dartmouth, 26 luglio 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  172. ^ (EN) About the Program, Dartmouth Outing Club. URL consultato il 23 agosto 2008.
  173. ^ (EN) Out of the Woods in Time, 23 novembre 1962. URL consultato il 23 agosto 2008.
  174. ^ a b c d e f (EN) Jonathan Good, Notes from the Special Collections: The Dartmouth College Seal in Dartmouth College Library Bulletin, NS 37, aprile 1997. URL consultato il 23 agosto 2008.
  175. ^ (EN) Christine 10-08-2007, Daily Debriefing in The Dartmouth. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
    «Usually translated as 'a voice crying in the wilderness,'...».
  176. ^ (EN) Bartlett Hall's Wheelock Memorial Window in Dartmo.: The Buildings of Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  177. ^ (EN) Follow-up on the news; Song out of tune with the times in The New York Times, 1º marzo 1987. URL consultato il 7 gennaio 2008.
  178. ^ (EN) Barbara L. Krieger, The Alma Mater, Dartmouth College Library Rauner Special Collections Library. URL consultato il 7 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2008).
  179. ^ (EN) The Seal of the Society for Propagating the Gospel in Foreign Parts, Society of Archbishop Justus. URL consultato il 14 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  180. ^ Dartmouth College, Trustees' Records, 1:26. Dartmouth College Library, Special Collections, DA-1.
  181. ^ a b (EN) United States Patent and Trademark Office. URL consultato il 23 agosto 2008.
  182. ^ (EN) Jonathan Good, A Proposal for a Heraldic Coat of Arms for Dartmouth College, Jonathan Good's homepage. URL consultato il 23 agosto 2008.
  183. ^ (EN) Joe Nabity, Nanometer Pattern Generation System: Dartmouth Seal, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  184. ^ a b (EN) Is "The Big Green" really Dartmouth's mascot? If so, where does it come from and what does it mean? in AskDartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  185. ^ (EN) Why is green Dartmouth's color? in AskDartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  186. ^ (EN) Frederick Chase, John King Lord, A History of Dartmouth College and the Town of Hanover, New Hampshire, Volume 2, 1ª ed., Concord, N.H., J. Wilson, The Rumford Press, 1913, p. 373.
  187. ^ (EN) The 'Big Green' Nickname, DartmouthSports.com, 10 gennaio 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  188. ^ (EN) Stefan M Beck, Dartmouth Indians: The New Tradition in The Dartmouth Review, 8 giugno 2003. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2007).
  189. ^ (EN) Jeffrey Hart, The Banning of the Indian in The Dartmouth Review, 15 dicembre 1998. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2007).
  190. ^ (EN) Kelsey Blodget, Straight from the Tap: the men behind the mascot in The Dartmouth, 5 gennaio 2007. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  191. ^ (EN) Keggy the Keg, Dartmouth Jack-O-Lantern, 10 gennaio 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  192. ^ (EN) Allie Lowe, First SA meeting draws crowd in The Dartmouth, 10 gennaio 2007. URL consultato il 24 gennaio 2007.
  193. ^ (EN) Scott Jaschik, Dartmouth Approves Controversial Board Changes in Inside Higher Education, 10 settembre 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  194. ^ (EN) Sarah E. Needleman, Ivy Leaguers' Big Edge: Starting Pay in The Wall Street Journal, 31 luglio 2008. URL consultato il 2 agosto 2008.
  195. ^ (EN) Emily Ghods-Esfahani, The Alumni Constitution, in Brief in The Dartmouth Review, 11 ottobre 2006. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  196. ^ (EN) Dartmouth-Washington Connections, Dartmouth Club of Washington, D.C., 13 maggio 2003. URL consultato il 22 maggio 2010.
  197. ^ (EN) Daniel Webster – Dartmouth's Favorite Son, Dartmouth College. URL consultato il 22 maggio 2010.
  198. ^ (EN) Amos T. Akerman in The New Georgia Encyclopedia. URL consultato il 23 agosto 2008.
  199. ^ (EN) James V. Forrestal in NNDB. URL consultato il 23 agosto 2008.
  200. ^ (EN) Robert Reich, RobertReich.org. URL consultato il 23 agosto 2008.
  201. ^ (EN) C. Everett Koop, United States Department of Health & Human Services. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2006).
  202. ^ (EN) Salmon P. Chase, Tulane University. URL consultato il 23 agosto 2008.
  203. ^ (EN) Levi Woodbury, Oyez Supreme Court Media. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  204. ^ (EN) Meredith Curtis, Wall Street, Aneurysms and Explanatory Writing: An Interview With Thomas Burton '71 (PDF) in Dartmouth Undergraduate Journal of Science, Fall 2004. URL consultato il 22 maggio 2010.
  205. ^ (EN) Richard Eberhart in Encyclopædia Britannica. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  206. ^ (EN) Joseph DeBonis, Virginia graduate student discovers new Frost poem in The Dartmouth, 2 ottobre 2006. URL consultato il 22 maggio 2010.
  207. ^ (EN) Paul Gigot in NNDB. URL consultato il 23 agosto 2008.
  208. ^ (EN) More GreenNews, Dartmouth Office of Alumni Relations. URL consultato il 22 maggio 2010.
    «Jake Hooker '95: New York Times reporter, wins 2008 Pulitzer Prize for journalism for investigative reporting on the flow of dangerous pharmaceutical ingredients from China into world market. (New York Times)».
  209. ^ (EN) The Pulitzer Prize Winners 2005, The Pulitzer Prizes. URL consultato il 22 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2007).
  210. ^ (EN) History, The John Sloan Dickey Center for International Understanding. URL consultato il 20 novembre 2007 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2007).
  211. ^ (EN) Laurel Stavis, Six to receive Social Justice Awards in Vox of Dartmouth, Dartmouth College. URL consultato il 22 maggio 2010.
  212. ^ Dartmouth News, "Dartmouth acquires Budd Schulberg '36 papers".
  213. ^ (EN) About Dinesh D'Souza, DineshDSouza.com. URL consultato il 23 agosto 2008.
  214. ^ (EN) Ingraham '85 to speak on election in Dartmouth News, 6 ottobre 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  215. ^ (EN) Mort Kondracke in Fox News, 19 settembre 2006. URL consultato il 23 agosto 2008.
  216. ^ (EN) About James Panero in The New Criterion, 5 marzo 2007. URL consultato il 23 agosto 2008.
  217. ^ (EN) Edward Connery Lathem, Who's Who & What's What in the Books of Dr. Seuss, novembre 2000. URL consultato il 23 agosto 2008.
  218. ^ (EN) James Marsh, John J. Duffy, Coleridge's American disciples: the selected correspondence of James Marsh, Univ of Massachusetts Press, 1973, p. 128, ISBN 978-0-87023-121-6. URL consultato l'8 febbraio 2010.
  219. ^ (EN) David Persuitte, Joseph Smith and the origins of the Book of Mormon, 2ª ed., McFarland, 2000, p. 277, ISBN 978-0-7864-0826-9. URL consultato l'8 febbraio 2010.
  220. ^ (EN) Marcus Gilman, The Bibliography of Vermont: Or, A List of Books and Pamphlets Relating, The Free Press Association, 1897, p. 279, OCLC 04072330.
  221. ^ (EN) Rabbi David E. Stern Endowed Scholarship Established at HUC-JIR, Hebrew Union College. URL consultato l'8 febbraio 2010.
  222. ^ (EN) Rabbi Arnold E. Resnicoff Named National Director of Interreligious Relations, American Jewish Committee (via Charity Wire), 4 ottobre 2001. URL consultato l'8 febbraio 2010.
  223. ^ (EN) Stuart Kauffman, Esalen Center for Theory & Research. URL consultato il 23 agosto 2008.
  224. ^ (EN) Vita for Dr. Jeffrey Weeks, Division of Mathematics & Science, United States Naval Academy. URL consultato il 23 agosto 2008.
  225. ^ (EN) Owen Chamberlain, Nobel Foundation. URL consultato il 23 agosto 2008.
  226. ^ (EN) K. Berry Sharpless curriculum vitae, Scripps College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  227. ^ (EN) George Davis Snell in Encyclopædia Britannica. URL consultato il 23 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  228. ^ (EN) Dartmouth Grad Named New UCSD Chancellor in DartmouthLife, 30 maggio 2008. URL consultato il 22 maggio 2010.
  229. ^ (EN) Virginia L Close, Double Play: Women's Education and Anti-Slavery in Dartmouth College Library Bulletin, aprile 1993. URL consultato il 23 agosto 2008.
  230. ^ (EN) Oren B. Cheney, Bates College. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  231. ^ (EN) Philander Chase in Ohio History Central. URL consultato il 23 agosto 2008.
  232. ^ (EN) James Insley Osborne, Theodore Gregory Gronert, Wabash College: The First Hundred Years, 1832-1932, Crawfordsville (Indiana), R. E. Banta, 1932, p. 31.
  233. ^ (EN) Charles Augustus Aiken, Union College. URL consultato il 23 agosto 2008.
  234. ^ (EN) Presidents of Dartmouth College, Rauner Special Collections Library, Dartmouth College. URL consultato il 10 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2006).
  235. ^ (EN) Richard "Sandy" Alderson, Chief Executive Officer, San Diego Padres, Association for Strategic Planning. URL consultato il 23 agosto 2008.
  236. ^ (EN) The Networked World: Are We Ready For It? in MIT World. URL consultato il 23 agosto 2008.
  237. ^ (EN) Dartmouth Board of Trustees Biographies. URL consultato il 23 agosto 2008.
  238. ^ (EN) Rob Eisele, William Jewell Honors Kansas City Business Leaders with Yates Medal, William Jewell College, 26 agosto 1998. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  239. ^ (EN) Sue Knapp, GE's Jeffrey Immelt to speak at Dartmouth Entrepreneurship Conference in Dartmouth News, 9 aprile 2004. URL consultato il 23 agosto 2008.
  240. ^ (EN) Christian Weeks, Hank Paulson '68, Business Big Shot in BuzzFlood, 5 ottobre 2005. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  241. ^ (EN) Susan McLeland, Tinker, Grant, Museum of Broadcast Communications. URL consultato il 28 marzo 2007.
  242. ^ (EN) Paul Grimaldi, In charge at Hasbro in The Providence Journal, 20 maggio 2008. URL consultato il 20 maggio 2008.
  243. ^ a b c d e f (EN) Dartmouth Alumni in Entertainment and Media Association. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  244. ^ (EN) This Grey's Anatomy isn't gross — but it's a textbook case of a hit show in Dartmouth Medical Magazine, Fall 2005. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  245. ^ (EN) 'Mister Rogers' to give Dartmouth Commencement Address in Dartmouth News, 2 maggio 2002. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  246. ^ (EN) Jennifer Garfinkel, Alums bring Fringe fave to Hop in The Dartmouth, 6 gennaio 2005. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  247. ^ (EN) E.J. Crawford, Andrew Shue in Ivy@50. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  248. ^ (EN) Elliot Olshansky, Ausmus '91 produces Gold Gloves and success for Astros in The Dartmouth, 19 maggio 2003. URL consultato il 10 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  249. ^ (EN) Mike Remlinger in ESPN. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  250. ^ (EN) Dolphins still winning, Jay Fiedler '94 still standing in BuzzFlood, 5 dicembre 2003. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  251. ^ (EN) 2004 Greater Flint Afro-American Hall of Fame: Reggie Williams in Flint Public Library, 25 ottobre 2005. URL consultato il 12 gennaio 2007.
  252. ^ (EN) Ivy Football Association To Honor Reggie Williams ’76 in Big Green Sports, 12 gennaio 2006.
  253. ^ (EN) Football star Nick Lowery to discuss community service Oct. 29 at Dartmouth in Dartmouth News, 23 ottobre 1998. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  254. ^ (EN) Jeff Kemp, Premiere Speakers Bureau. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  255. ^ (EN) Matt Dougherty, Sports Roundup, Dartmouth Life, giugno 2004. URL consultato il 9 agosto 2007.
  256. ^ (EN) Adam Nelson, USA Track & Field, Inc.. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  257. ^ (EN) Jordan Rose, Dartmouth athletes gear up for Olympic competition in The Dartmouth, 9 gennaio 2006. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  258. ^ (EN) John Mitchell, Sports: One on One in The Dartmouth, 13 novembre 2006. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  259. ^ (EN) Cherie Piper, Big Green Sports. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  260. ^ (EN) Gillian Apps, Big Green Sports. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  261. ^ (EN) Katie Weatherston, Big Green Sports. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  262. ^ (EN) Morten Lund, Dick Durrance, America's Champion in ISHA Newsline, 14 giugno 2004. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  263. ^ (EN) Pamphlet (PDF), Dartmouth College. URL consultato il 22 agosto 2007.
  264. ^ a b c d e (EN) Men's Track & Field Olympians, Big Green Sports. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  265. ^ (EN) NCAA Champions from Dartmouth College (PDF), Ivy League Sports. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  266. ^ (EN) The Canadian Press, Gold in Men's Eight, Bronze in Women's Double, Men's Four, TSN.ca, 18 agosto 2008. URL consultato il 18 agosto 2008.
  267. ^ http://www.payscale.com/best-Colleges/top-us-colleges-graduate-salary-statistics.asp
  268. ^ (EN) Interview with John Landis in CNN, 29 agosto 2003. URL consultato il 12 febbraio 2007.
  269. ^ a b (EN) Haynes Lee, Ivy League References On The Simpsons, The Simpsons Archive, 5 aprile 2006. URL consultato il 14 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2011).
  270. ^ I was drinkin' like a Dartmouth boy (EN) Alone Again, Natura-Diddly, The Simpsons Archive, 9 novembre 2000. URL consultato il 14 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2012).
  271. ^ (EN) GOODBYE, COLUMBUS (CD), Screen Archives Entertainment. URL consultato l'8 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  272. ^ (EN) Avery Gordon, Stephen's Bio, Colbert Nation. URL consultato il 10 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2006).
  273. ^ (EN) Jessica Peet, Better than Cornell: Dartmouth in pop culture in The Dartmouth, 11 novembre 2005. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  274. ^ (EN) Katie Silberman, 'Grey's Anatomy' hit for Rhimes '91 in The Dartmouth, 7 novembre 2005. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  275. ^ (EN) Review of The Thomas Crown Affair (1968), DVD Verdict. URL consultato il 10 dicembre 2006.
  276. ^ (EN) Troy Patterson, Gossip Girl: Imagine Beverly Hills 90120 without any of the guilt in Slate (magazine), 17 settembre 2007. URL consultato il 21 settembre 2007.
  277. ^ (EN) Adam Bryant, Mad Men Episode Recap: "The Arrangements" in TV Guide, 7 settembre 2009. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  278. ^ (EN) Allison Rudderman, 'Superbad' gives laughs with heart in The Dartmouth, 21 agosto 2007. URL consultato il 24 agosto 2007.
  279. ^ (EN) Biography for Dan Rydell (Character), Internet Movie Database. URL consultato il 14 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2012).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Behrens, Richard K., “From the Connecticut Valley to the West Coast: The Role of Dartmouth College in the Building of the Nation,” Historical New Hampshire, 63 (Spring 2009), 45–68.
  • (EN) Frederick Chase, John King Lord, A History of Dartmouth College and the Town of Hanover, New Hampshire, Volume 2, 1ª ed., Concord, N.H., J. Wilson, The Rumford Press, 1913. (Read and download public domain copy via Google Books.)
  • (EN) Chuck Drake, Dartmouth Outing Guide, Fifth edition, Dartmouth Outing Club, 2004.
  • (EN) Robert B. Graham, The Dartmouth Story: A Narrative History of the College Buildings, People, and Legends, Dartmouth Bookstore, 1990.
  • (EN) Scott L. Glabe, Dartmouth College: Off the Record, College Prowler, 2005, ISBN 1-59658-038-0.
  • (EN) Molly K. Hughes, Susan Berry, Forever Green: The Dartmouth College Campus — An arboretum of Northern Trees, Enfield Books, 2000, ISBN 1-893598-01-2.
  • (EN) Leon B. Richardson, History of Dartmouth College, Dartmouth College Publications, 1932.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]