Università della Pennsylvania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Università della Pennsylvania
UPenn shield with banner.svg
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Città Filadelfia (Pennsylvania)
Nome latino Universitas Pennsylvaniensis
Soprannome UPenn
Motto Leges sine moribus vanae
Fondazione 1740
Tipo Privata
Rettore Amy Gutmann
Studenti 19 000 circa (2008)
Dipendenti 4 603
Colori Gules e Azure
Affiliazioni Ivy League
Sito web www.upenn.edu
 

L'Università della Pennsylvania (comunemente denominata Penn o UPenn), situata a Filadelfia, Pennsylvania, è una delle più antiche ed importanti università negli Stati Uniti. Insieme ad Harvard, Yale, Columbia, Princeton, Brown, Dartmouth College e Cornell forma la Ivy League, titolo che identifica i più prestigiosi atenei statunitensi.

L'attuale rettore dell'Università della Pennsylvania è la professoressa Amy Gutmann.

Storia ed attualità[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale di Huntsman Hall, edificio che ospita la Wharton Business School

Penn fu fondata nel 1740 col nome "Academy of Philadelphia" e prosperò sotto l'influenza di illuminati del XVIII e XIX secolo del calibro di Benjamin Franklin che permisero alla scuola di crescere in nomea, reputazione e prestigio.

Nel 1909 Howard Taylor Ricketts scoprì il microrganismo che provoca la febbre purpurea studiando nei laboratori dell'università lo stesso anno della sua assunzione.

Attualmente, circa 4 500 professori prestano servizio a favore di una comunità studentesca di quasi 10,000 studenti universitari full-time e 10 000 studenti di scuole professionali e post-laurea.

Penn supera Harvard, Yale e le altre università della Ivy League in termini di capacità finanziaria, con un bilancio per il 2011 stimato in 6 miliardi di dollari. Sempre nel 2009, è stata quarta tra le università, per donazioni provenienti da privati.

La sua autorevole Wharton School of the University of Pennsylvania è una delle business school più famose al mondo. Di ottima reputazione sono anche la scuola di legge e quella di medicina. Al pari delle altre Ivy League, l'ammissione degli studenti è estremamente selezionata.

Ha studiato a Wharton l'ex Ministro dello Sviluppo Economico Italiano (già AD di Banca Intesa) Corrado Passera.

Selettività[modifica | modifica wikitesto]

Penn è tra le più selettive università degli Stati Uniti. Per la Classe di laurea del 2015, che ha cominciato gli studi nell'autunno del 2011, l'università ha ricevuto 31 659 domande di ammissione ed ha accettato il 12,26% delle aspiranti matricole, 99% delle quali erano nel top 10% al momento del conseguimento del diploma di scuola superiore. In confronto, Columbia e Brown ha "soltanto" il 93% ed il 91% rispettivamente al top 10% della propria classe di maturità. Inoltre, Penn è sempre compresa nel novero delle 10 scuole più selettive secondo Princeton Review. A livello di scuole professionali, i programmi più selettivi sono quelli della Facoltà di Giurisprudenza (Penn Law), della Facoltà di Economia (Wharton), e delle varie facoltà mediche (medicina, odontoiatria e scienze infermieristiche).

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Questa statua di Benjamin Franklin donata da Justus C. Strawbridge alla città di Filadelfia nel 1899 ora siede di fronte al College Hall.[1]

Tra le personalità collegate alla University of Pennsylvania si annoverano 9 firmatari della Dichiarazione d'Indipendenza: George Clymer, Benjamin Franklin, Francis Hopkinson, Thomas McKean, Robert Morris, William Paca, George Ross, Benjamin Rush, e James Wilson; 11 firmatari della Costituzione: George Clymer, Thomas Fitzsimons, Benjamin Franklin, Jared Ingersoll, Rufus King, Thomas Mifflin, il Governatore Morris, Robert Morris, George Washington, Hugh Williamson, e James Wilson; 3 giudici della Corte Suprema: William J. Brennan, Jr., Owen Roberts, e James Wilson; ed un Presidente degli Stati Uniti: William Henry Harrison.

Tra gli illustri ex studenti ci sono gli uomini d'affari Warren Buffett e Donald Trump, i poeti Ezra Pound e William Carlos Williams, e svariati premi Nobel. Nel solo periodo compreso tra il 1997 ed 2007, 9 vincitori di premio Nobel erano affiliati a Penn, in qualità di professori o di ex studenti.

La facoltà di giurisprudenza (Penn Law)[modifica | modifica wikitesto]

La University of Pennsylvania Law School, anche nota semplicemente con il diminutivo Penn Law, è la facoltà di legge della University of Pennsylvania, ed è anch'essa situata a Filadelfia, Pennsylvania.

Scorcio della facciata sud di Silverman Hall, l'edificio sede della Scuola di Legge

Penn Law è una delle facoltà di giurisprudenza più selettive degli Stati Uniti, con la classe di laurea 2011 avente un punteggio LSAT di 170/180 e un GPA di 3.85/4. Per la Classe di laurea del 2013 Penn Law ha ricevuto 6000 domande di ammissione per 250 posti.[2] La facoltà promuove la diversità etnica e culturale dei propri studenti ed è orgogliosa della propria atmosfera collegiale.

Penn Law è riconosciuta anche per l'enfasi sulla multidisciplinarità, sia all'interno della scuola di legge, che mediante l'organizzazione di programmi di laurea congiunti con altre scuole professionali, in particolare la Wharton School of Business appartenente alla stessa università. Presso la facoltà di giurisprudenza è attivo uno dei migliori programmi LL.M. degli Stati Uniti.

Le origini di Penn Law risalgono ad una serie di lezioni tenute nel 1790 da James Wilson, uno dei firmatari della Dichiarazione di Indipendenza e della Costituzione degli Stati Uniti. Penn cominciò ad offire un programma di laurea a tempo pieno nel 1850, sotto la direzione di George Sharswood, un innovatore nel campo dell'istruzione legale. Nel 1900, l'edificio della nuova scuola di legge (ora noto come Silverman Hall) inaugurò il suo sito odierno nel Penn campus, con l'enorme struttura di mattoni e pietra litografica in stile Giorgiano. Al momento della sua inaugurazione era la più imponente struttura architettonica degli Stati Uniti, interamente dedicata all'istruzione legale.

Tra i suoi alumni si annoverano vari giudici della corte suprema americana, tra cui Owen Roberts e lo stesso fondatore James Wilson.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Justus C. Strawbridge, Ceremonies Attending the Unveiling of the Statue of Benjamin Franklin, Allen, Lane & Scott. URL consultato il 24 novembre 2007.
  2. ^ http://officialguide.lsac.org/Release/SchoolsABAData/SchoolPage/SchoolPage_PDFs/ABA_LawSchoolData/ABA2926.pdf

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America