Architettura georgiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia dell'architettura
occidentale

SaintPierre1.JPG
Architettura preistorica
Architettura minoica
Architettura micenea
Architettura greca
Architettura romana
Architettura paleocristiana
Architettura bizantina
Architettura merovingia
Architettura carolingia
Architettura ottoniana
Architettura longobarda
Architettura preromanica
Architettura romanica
Architettura arabo-normanna
Architettura gotica
Architettura rinascimentale
Architettura manierista
Architettura barocca
Architettura del Settecento
Architettura dell'Ottocento
Architettura del Novecento
Architettura contemporanea
Categoria:Architettura
Storia dell'arte
modifica
Una casa georgiana a Salisbury

Architettura georgiana è il nome dato nei paesi anglofoni agli stili architettonici che si sono susseguiti fra il 1720 e il 1840, che prendono il nome dai quattro monarchi inglesi chiamati George.

L'architettura georgiana può essere considerata come il proseguimento ideale dell'attività dell'architetto Inigo Jones (1573-1652), il cosiddetto 'Palladio' inglese, che introdusse nel proprio Paese la cultura rinascimentale italiana, in contrasto con il tentativo di elaborare un 'barocco locale' da parte dell'architetto Christopher Wren (1632-1723).[1] Il titolo di iniziatore dell'architettura georgiana spetta a Lord Burlington, sia per la sua attività sia per la sua propaganda culturale. Il palladianesimo di Lord Burlington venne definito come 'palladianesimo di comodo', in quanto si prefiggeva di rinnovare l'arte e la politica inglese per fare in modo di rompere l'isolamento culturale dell'Inghilterra rispetto al resto dell'Europa. Rimpiazzando il Barocco di Christopher Wren, John Vanbrugh e Nicholas Hawksmoor per effetto della pubblicazione del Vitruvius Britannicus di Colen Campbell e dell'opera di Richard Boyle di Burlington, del suo allievo William Kent, di Thomas Archer e di Giacomo Leoni, si può definire georgiano il Palladianesimo, lo stile gotico e il Rococò inglese. A partire dalla metà degli anni Sessanta del XVIII secolo, un'ampia gamma di stili neoclassici ottenne successo in Inghilterra: fra gli architetti che utilizzarono questi stili si possono citare Robert Adam, James Gibbs, William Chambers, James Wyatt, Henry Holland e John Soane.

Un esempio di architettura georgiana: il Royal Crescent di Bath.

L'architettura georgiana è caratterizzata dalle proporzioni matematiche utilizzate per determinare, ad esempio, l'altezza di una finestra in funzione della larghezza o la forma di una stanza. "Regolarità", che implica simmetria, era la parola d'ordine, ad esempio, della facciata nei confronti della strada. I progetti georgiani usavano spesso elementi classici e un lessico decorativo derivato dall'Antica Roma o dall'Antica Grecia.

Caratteristiche dello stile erano l'uso di pietre o mattoni e l'impiego di portici per rendere più enfatici gli ingressi.

L'architettura georgiana cercò di occuparsi e di risolvere la questione del 'linguaggio architettonico' per la città moderna, ampliando il concetto e l'ambito di 'stile' riservato all'edificio monumentale. Tra gli esempi più evidenti dell'edilizia georgiana si possono annoverare il tessuto urbano di Londra, quello di Edinburgo e di Bath.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, vol.5 pag.206-207

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura