Sineddoche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sineddoche (dal greco «συνεκδοχή» attraverso il latino «synecdŏche», in italiano «ricevere insieme») è un procedimento linguistico-espressivo (secondo la linguistica moderna) o una figura retorica (secondo la retorica classicistica).

La sineddoche si distingue dalla metonimia perché si basa su relazioni di tipo quantitativo.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Essa consiste nel designare una cosa, anziché con il termine che le è proprio, con un altro termine avente con il primo un rapporto di quantità. Pertanto si ha una sineddoche quando si indica:

  • la parte per il tutto: "scafo" al posto di "nave", "Inghilterra" al posto di "Regno Unito", "Olanda" al posto di "Paesi Bassi", "inglese" al posto di "britannico", "Monte Carlo" al posto di "Monaco";
  • il tutto per la parte: "America" al posto di "Stati Uniti d'America", "americano" al posto di "statunitense", cappotto di "renna", ovvero fatto con la pelle della renna;
  • il genere per la specie: "il mortale" per "l'uomo", "il felino" per "il gatto", "la belva lo azzannò" per "il leone lo azzannò";
  • il singolare per il plurale: "l'italiano" all'estero per "gli italiani" all'estero;
  • il plurale per il singolare: "o sacrosante vergini, se fami / freddi o vigilie mai per voi soffersi" (Dante, Purg., canto XXIX, vv. 37-38) in luogo di "fame e freddo";
  • il numero determinato per l'indeterminato ("mille" saluti per "molti" saluti);
  • il numero indeterminato per il determinato: il libro ebbe "innumerevoli" ristampe.

In questi ultimi due esempi si ha anche un caso d'iperbole.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica