Chiesa cattolica in Kenya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Kenya
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2005
Cattolici 8 milioni
Popolazione 32 milioni
Presbiteri 1100
Presidente della
Conferenza Episcopale
John Njue
Nunzio apostolico Charles Daniel Balvo
Codice KY
La cappella di Vasco de Gama, che custodisce la croce piantata dall'esploratore portoghese sulle coste di Malindi; è ritenuta la chiesa più antica dell'Africa subsahariana

La Chiesa cattolica in Kenya è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa. Essa è formata da oltre 7 milioni di battezzati, pari a circa il 24% della popolazione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'evangelizzazione delle terre oggi conosciute come Kenya risalgono agli inizi del XVI secolo, con i missionari portoghesi al seguito degli esploratori. Già nel 1498 Vasco da Gama aveva piantato sulle coste di Malindi una croce, ancora oggi conservata sul luogo. Verso la fine del Cinquecento furono i missionari Agostiniani ad evangelizzare le popolazioni delle coste. Nel 1631 il sultano di Mombasa, Jeromino Chingulia, in precedenza convertito al cristianesimo, attua in seguito una politica di persecuzione delle comunità cristiane: il 21 agosto è la data del martirio di oltre 150 cristiani, chiamati i Martiri di Mombasa, di cui è in corso la causa di beatificazione.

La missione cattolica è ripresa nell'Ottocento dai missionari Spiritani, che giungono nel Paese nel 1889, seguiti nel 1902 dai missionari della Consolata e nel 1903 dai padri di Mill Hill che fondano la missione di Kisumu. Nel 1909 è eretto il primo vicariato apostolico in Kenya, che saranno quattro nel 1926. Nel 1930 è eretta la delegazione apostolica di Mombasa responsabile di tutte le missioni cattoliche nelle colonie inglesi dell'Africa tropicale, compresa l'Arabia; passata a Nairobi nel 1959, diventerà Nunziatura apostolica nel 1965. La gerarchia ecclesiastica è istituita nel 1953 con l'elevazione dell'arcidiocesi metropolitana di Nairobi con tre diocesi suffraganee. Nel 1973 è creato il primo cardinale keniano, Maurice Michael Otunga.

La Chiesa cattolica del Kenya è stata visitata per tre volte da papa Giovanni Paolo II: nel 1980, nel 1985 per la chiusura del Congresso Eucaristico Internazionale di Nairobi, e nel 1995.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa cattolica è presente nel Paese con 4 sedi metropolitane, 20 diocesi suffraganee, 1 ordinariato militare e 1 vicariato apostolico:

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica in Kenya annoverava:

  • 660 parrocchie;
  • 1.895 preti;
  • 869 seminaristi
  • 3.732 suore religiose;
  • 10.354 istituti scolastici;
  • 1.860 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 7.735.750 battezzati, pari al 24,5% della popolazione totale.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

La delegazione Apostolica dell'Africa, con sede a Mombasa, è stata istituita da papa Pio XI l'11 gennaio 1930 con il breve Pastoralis officii. Essa aveva giurisdizione su tutte le missioni cattoliche africane che dipendevano dalla Sacra Congregazione di Propaganda Fide, ad eccezione delle missioni del Sudafrica, del Congo Belga, dell'Egitto e dell'Abissinia (Eritrea ed Etiopia). Il primo delegato apostolico è stato nominato il 25 gennaio 1930. Il 2 gennaio 1947, in forza del decreto Cum Apostolicae di Propaganda Fide, la delegazione apostolica d'Africa è stata rinominata in Delegazione apostolica dell'Africa britannica Occidentale e Orientale. Il 3 ottobre 1959 essa assunse un nuovo nome, quello di Delegazione apostolica dell'Africa Orientale (o di Nairobi). Il 27 ottobre 1965 è stata istituita la nunziatura apostolica del Kenya con il breve Quantum utilitatis di papa Paolo VI, ed il suo responsabile ebbe fino al 1996 il titolo di pro-nunzio e in seguito quello di nunzio apostolico. Dal 2013 il nunzio ricopre anche la carica di nunzio nel Sud Sudan.

Delegati apostolici:

Pro-Nunzi apostolici:

Nunzi apostolici:

Conferenza episcopale[modifica | modifica sorgente]

L'episcopato del Kenya costituisce la Conferenza episcopale del Kenya (Kenya Episcopal Conference, KEC), i cui statuti sono stati approvati dalla Santa Sede il 7 dicembre 1976. La massima autorità del KEC è l'assemblea plenaria, cui partecipano di diritto tutti i vescovi diocesi, gli emeriti, gli ausiliari, il vicario apostolico e l'ordinario militare. L'assemblea dei vescovi del Kenya compie la sua missione attraverso il Segretariato cattolico (Catholic Secretariat) il quale, attraverso le Commissioni episcopali, coordina ed attua le decisioni dell'assemblea plenaria, fornendo gli adeguati supporti tecnici. Attualmente la KEC si avvale di 15 commissioni (liturgia, dottrina, apostolato dei laici, missioni, giustizia e pace, ecumenismo, dialogo interreligioso, rifugiati, ecc.) e di 2 sottocommissioni (diritto canonico e apostolato dei nomadi).

La KEC è membro della Association of Member Episcopal Conferences in Eastern Africa (AMECEA) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei Presidenti:

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]