Chiesa cattolica a Gibuti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica a Gibuti
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2009
Cattolici 7 mila
Popolazione 500 mila
Nunzio apostolico Luigi Bianco
Codice GT

La Chiesa cattolica di Gibuti è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa cattolica stabilì la sua presenza con la prima evangelizzazione operata dai cappuccini francesi provenienti dall'Etiopia nel 1881. Nel 1914 fu eretta la prefettura apostolica di Gibuti, separata dalla Missione dei Galla in Etiopia, che è diventata diocesi nel 1955. Essa fa parte della Conferenza dei Vescovi Latini della Regione Araba (CELRA), il cui presidente è il patriarca cattolico di Gerusalemme.

La guerra e la mancanza di sicurezza hanno reso impossibile l'attività di evangelizzazione, anche a causa della diffusione del fondamentalismo islamico, legato ad Al Qaeda. I rapporti tra la minoranza cristiana e la maggioranza musulmana non sono facili.[1]

Organizzazione ed istituzioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 la Chiesa cattolica è presente sul territorio con la sola diocesi di Gibuti, immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica a Gibuti contava:

  • 6 parrocchie;
  • 6 preti;
  • 21 suore religiose;
  • 13 istituti scolastici;
  • 1 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 7.000 cristiani, pari a 1,26% della popolazione.

Nel 2011 operavano a Gibuti tre sacerdoti, tutti stranieri, e fuori dalla città erano presenti quattro stazioni missionarie con qualche religiosa.[1]

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

Il Papa è stato rappresentato a Gibuti fino al 1969 dalla nunziatura apostolica dell'Africa Orientale con residenza a Mombasa in Kenya. Il 3 luglio 1969, con la bolla Sollicitudo omnium di papa Paolo VI, fu eretta la Delegazione apostolica della Regione del Mar Rosso con residenza a Khartoum e con giurisdizione su Gibuti, il Sudan, la Somalia e la parte meridionale della penisola arabica. Il 16 marzo 1992, con il breve apostolico Suo iam pridem di papa Giovanni Paolo II, Gibuti è stato separato dalla Delegazione apostolica della Regione del Mar Rosso ed è stato eretto in Delegazione apostolica autonoma. Il 23 dicembre 2000 la delegazione apostolica è stata elevata al rango di Nunziatura apostolica. Dal 1992 sono i nunzi di Etiopia a gestire gli affari ecclesiastici e le relazioni diplomatiche con Gibuti. Sede del nunzio è Addis Abeba.

Elenco dei delegati apostolici:

Elenco dei nunzi apostolici:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mons. Bertin: la presenza della Chiesa in Somalia e a Gibuti è stata quasi del tutto distrutta, 5 luglio 2011

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo