Chiesa cattolica nella Repubblica Democratica del Congo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica nella Repubblica Democratica del Congo
Emblem of the Holy See usual.svg
Cathedrale Bukavu.jpg
La Cattedrale di Bukavu
Anno 2009
Cattolici 29 milioni
Popolazione 59 milioni
Presbiteri 2700
Presidente della
Conferenza Episcopale
Laurent Monsengwo Pasinya
Nunzio apostolico Adolfo Tito Yllana
Codice RDC

La Chiesa cattolica della Repubblica Democratica del Congo (Stato una volta denominato Congo-Kinshasa e successivamente Zaire) è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi missionari[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Cattolica arrivò nel Regno del Congo (territori in parte occupati dall'odierna Repubblica Democratica del Congo) poco dopo dallo sbarco dei primi naviganti portoghesi nel 1483.

Dopo uno scambio di ostaggi, il re governante, Nzonga a Nkuwu, accettò che arrivassero missionari al suo paese e che potessero insegnare il Cristianesimo. I missionari arrivarono nel 1491, e battezzarono il governatore provinciale della regione di Soyo, sulla costa dell'Oceano Atlantico, prima di spostarsi verso la capitale reale.

Secondo storici portoghesi, Nzinga a Nkuwu si convertì al cristianesimo quando si verificarono alcuni miracoli: due dei sudditi del re sognarono simultaneamente un bellissima donna che supplicava il Re di farsi battezzare, e un terzo riportava il ritrovamento di una pietra a forma di croce nei pressi del letto di un fiume (fatto che nella cosmologia religiosa del Congo era di ottimo auspicio).

Nzinga a Nkuwu fu battezzato il 3 maggio 1491, ricevendo il nome João in onore del re portoghese (João II), assieme a molti dei suoi funzionari, ufficiali e nobili e, dopo qualche esitazione, le donne della casa reale e delle dinastie alleate. Ulteriori missionari visitarono la corte di Nzinga a Nkuwu, e un buon numero accompagnò anche suo figlio Afonso Mvemba a Nzinga nel suo avamposto provinciale di Nsundi.

Afonso, in effetti, divenne un grande campione della fede, anche se, in base a successivi racconti di Afonso, suo padre lentamente divenne meno fervente, e molti dei congolesi battezzati abbandonarono la fede.

Regno del Re Afonso[modifica | modifica wikitesto]

La capitale dell'Impero Cattolico del Kongo, São Salvador

Afonso Mvemba a Nzonga, scrisse molte lettere che sono virtualmente l'unica nostra fonte per i successivi eventi del suo regno, si presentava al resto del mondo come un fervente cattolico, voleva diffondere la fese, ed inoltre subì persecuzioni dovute alla sua fede durante gli ultimi anni del regno paterno.

Dopo la morte di João nel 1509, Mpanzu a Kitima, fratello germano di Afonso, che aveva abbandonato il cristianesimo, gli contendeva militarmente il trono. Ma Afonso riuscì a sconfiggere suo fratello in battaglia, grazie al suo preventivo posizionamento nella capitale São Salvador e, secondo il racconto di Afonso, grazie all'apparizione sovrannaturale nel cielo di Giacomo il Maggiore, riuscì a spaventare i nemici.

Scudo d'armi di Re Afonso Mvemba a Nzonga

In seguito Re Afonso decise di crearsi uno scudo d'armi nel quale cinque mani armate ognuna con una spada, sovrastavano la figura di un idolo rotto. Questo emblema, descritto per la prima volta in una corrispondenza al Portogallo nel 1512, divenne una delle icone principali del Congo, mentre la la festa di San Giacomo il Maggiore divenne la festa più importante del Congo, rendendo simultaneamente onore al santo che era molto popolare nelle armate della penisola iberica come un santo crociato, oltre a Re Afonso e il suo miracolo.

Diventando un Re Cristiano vittorioso, Afonso decise di stabilire la Chiesa del Congo. Nelle lettere al Portogallo, descrive i suoi passi: dichiara illegale l'adorazione degli idoli, distrugge una "casa degli idolo" nella capitale (incurante delle minacce di rivolta), stanzia un fondo per sostenere finanziariamente la Chiesa cattolica locale. La tradizione successiva al XVII secolo definisce Afonso "fondatore della chiesa". L'opera di Afonso per stabilire la Chiesa Cattolica gli fece guadagnare encomi al di fuori dell'Africa, e nel 1552 lo storico portoghese João de Barros lo definiva "Apostolo del Congo" nel 1552.

Afonso lavorò per adattare il Cristianesimo alla realtà locale, anche se i dettagli non sono ben noti. Venne aiutato da un certo numero di sacerdoti portoghesi, tra questi specialmente Rui d'Aguiar che arrivò nel in 1516, e anche con altri congolesi educati in Europa, principalmente da suo figlio Henrique Kinu a Mvemba, che venne elevato allo stato di vescovo nel 1518, e che perfezionò la Chiesa del Congo dal 1521 fino alla sua morte nel 1531.

Sincretismo religioso[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa che Afonso creò non era semplicemente una mera copia o estensione della Chiesa portoghese, ma già dai suoi inizi includeva elementi della teologia Kongo. Ad esempio i Kongos probabilmente credevano che la maggior parte degli esseri dell'Aldilà erano le anime di antenati defunti, e non divinità vissute sulla Terra o che avevano avuto un'esistenza materiale. Dunque, il primo catechismo congolese descriveva la Trinità come "tre persone" (antu a tatu). I presbiteri erano chiamati con lo stesso nome dei sacerdoti precedenti (nganga), e più interessante, il termine ukisi, un nome astratto proveniente dalla stessa radice che da luogo al nome nkisi (tipicamente usato per descrivere un oggetto affascinante, o nella parlata del 16° secolo, un "idolo") che veniva utilizzato come traduzione di sacro.

In conseguenza, la Bibbia era chiamata nkanda ukisi che potrebbe essere tradotto come "oggetto affascinante in forma di libro" e l'edificio delle chiese veniva chiamato nzo a ukisi ossia "oggetto affascinante in forma di edificio". Proseguendo alla stessa maniera, i santi cattolici venivano identificati con l'entità spirituali locali, e le chiese erano costruite in luoghi già precedentemente ritenuti sacri. Questa teologia, sviluppata da Afonso e da alcuni suoi collaboratori, assieme al clero portoghese, definì il modo con il quale i congolesi si avvicinarono alla nuova religione e in molti modi la naturalizzò alla tradizione preesistente.

Maturazione della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

Anche se spesso si ritiene che Afonso sia stato creatore della chiesa locale, e più probabile che il suo successore Diogo I Nkumbi a Mpudi l'abbia posta sopra solide basi. Sotto Diogo, si sviluppò un'organizzazione di maestri laici che aiutavano i preti anche nella catechesi (oltre a fornire loro un'istruzione basica), inoltre Diogo si servì di alcuni tra i primi missionari dell'ordine dei gesuiti, in Congo dal 1548 al 1555, anno in cui Diogo rimase disilluso da loro per alcune divergenze d'interesse politico. Il loro rapporto mutuamente antagonistico col Portogallo durante questo periodo ha contribuito spesso alla fama di Diogo come cristiano debole o poco interessato, anche se alcuni eventi nel suo regnato suggeriscono che questa reputazione era immeritata. Diogo riuscì a far raggiungere la chiesa le aree rurali del paese, inviò missioni al nord nel regno di Loango, e al sud nel Matamba, sostenendo il lavoro dei gesuiti anche a Ndongo.[1]

I successivi re stabilirono un forte laicato cattolico, che si incaricò dell'educazione in modo professionale, mentre piccoli numeri di chierici ordinati amministravano i sacramenti, sin dal tardo XVI secolo. I ministri di culto laici venivano designati con la parola francese mestres in lingua portoghese), provenivano dalla nobiltà del Congo, avevano salari pagati dallo stato, e si occupavano di insegnare la lettura e la letteratura, l'educazione religiosa e spesso anche compiti di segreteria. Uno tra i più famosi era António Manuel (che divenne ambasciatore presso la Santa Sede).[2]

Ruolo del clero regolare[modifica | modifica wikitesto]

Il clero regolare (monaci e ordini insegnati) ebbero un ruolo importante nello sviluppo della versione congolese della Cristianità. I missionari gesuiti ebbero una breve presenza nel 16° secolo (1548–1555), ma per questioni politiche re Diogo I pose fine alla loro missione. Una missione dei Carmelitani scalzi operò in Congo dal 1584-88, seguiti dai Domenicani nel 1610-1612.

I gesuiti tornarono in Congo nel 1619, e nel 1625 aprirono il Collegio di São Salvador, che fornì un'istruzione superiore all'élite del Congo nel XVII secolo. João de Paiva, il rettore del collegio fino al 1642, oltre a svolgere il ruolo dell'educatore, scrisse una cronaca del paese, oggi perduta. Alcuni degli scritti di Paiva vennero utilizzati per il libro Synopsis Annalium di António Franco (1725). I gesuiti organizzarono anche confraternita laiche che giocarono un ruolo importante nella politica.

Nel 1645 arrivarono i frati cappuccini, chiamati per la prima volta perché re Álvaro II del Congo, era insoddisfatto per la scarsità di ordinamenti sacerdotali effettuata dai vescovi locali e per l'opposizione della corona portoghese all'ordinazione dei congolesi. Il re del Congo chiese che la Chiesa locale venisse separata da quella del Portogallo, e che da quella dell'Angola, che spesso controllava l'ufficio episcopale. Come compromesso, il Papato decise di inviare in Congo frati cappuccini italiani da aree che non costituivano un problema per il Portogallo. Anche se ufficialmente erano missionari, i cappuccini agivano sia come presbiteri di parrocchia che come missionari per i non convertiti. In effetti, questo loro ruolo di preti parrocchiani li mise in antagonismo con il clero secolare, che i cappuccini denunciavano come troppo elastici nei loro compiti e troppo tolleranti della religione tradizionale congolese.

Il movimento Antoniano[modifica | modifica wikitesto]

La lunga guerra civile del Congo, occasionata dalla sconfitta nella battaglia di Mbwila (1665) e la crisi politica conseguente portò a una crisi nella società e nella chiesa. La disgregazione dell'ordine dovuta la fatto che nessun re era in grado di stabilire l'autorità sull'intero paese in seguito alla morte di re António I nella battaglia, e l'abbandono della capitale in seguito al suo saccheggio nel 1678, portarono alla suddivisione non concordata del paese in entità ostili guidate da re rivali che si arroccarono nelle montagne di Mbula e Kibangou e nella provincia costiera di Luvota.[3] Le guerre incessanti portarono all'esodo di intere popolazioni, a carenze di cibo, e ad un incremento nel commercio di schiavi. Inoltre, l'atteggiamento dei frati cappuccini verso la élite congolese e il disprezzo delle pratiche consuete nel paese irritarono molte persone.

In questa atmosfera di crisi, il fervore religioso prese vigore nel 1704 grazie alla predicazione di Beatriz Kimpa Vita, che si proclamava come invasata dell'anima di Sant'Antonio da Padova. Beatriz predicava che tutti i re dovevano riunirsi nell'antica capitale abbandonata di São Salvador per ristabilire il regno. Introdusse nuovi elementi alla religione che dichiarava di aver ricevuto da Dio stesso durante soggiorni settimanali in Cielo. Tra queste "nuove nozioni" vi era quella che Gesù era nato nel Congo e che anche sua madre a Sant'Antonio erano congolesi. Insegnava che i sacramenti della chiesa non erano necessari per la salvezza, e che l'intenzione benevola del credente fosse tutto il necessario. Mentre alcuni potrebbero sospettare un'influenza del Protestantesimo, sembra piuttosto probabile che si tratti di concetti locali sulla religione a lungo tenuti a bada.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Essa è formata da circa 30 milioni di fedeli, pari alla metà della popolazione. Ci sono sei arcidiocesi e 41 diocesi di rito latino.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica nella Repubblica Democratica del Congo contava:

  • 1.256 parrocchie;
  • 4.020 preti;
  • 7.180 suore religiose;
  • 10.000 circa istituti scolastici;
  • 2.581 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 28.259.902 battezzati, pari al 49,6% della popolazione totale del Paese.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La delegazione apostolica del Congo Belga è istituita il 10 gennaio 1930 con il breve Ad regimen di papa Pio XI. Successivamente cambia per tre volte il proprio nome: Delegazione apostolica del Congo Belga e Ruanda-Urundi nel 1946; Delegazione apostolica del Congo e Ruanda-Urundi nel 1960, e Delegazione apostolica del Congo e Ruanda nel 1962. Il 16 febbraio 1963 è istituita la nunziatura apostolica del Congo con il breve Pontificias Legationes di papa Giovanni XXIII. In seguito assume il nome di Zaire nel 1977 e di Repubblica Democratica del Congo nel 1997.

Delegati apostolici:

Nunzi apostolici:

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

L'episcopato locale costituisce la Conferenza episcopale nazionale del Congo (Conférence Episcopale Nationale du Congo, CENCO).

La CENCO è membro della Association des Conférences Episcopales de l'Afrique Centrale (ACEAC) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Thornton, "The Development of an African Catholic Church in the Kingdom of Kongo, 1491-1750," Journal of African History
  2. ^ L'incartamento relativo ad Antonio Manuel si trova nell'Archivio Segeto Vaticano, Miscellania, Armadio I, vol. 91 Collettione di Scritture di Spagna II, fols. 125 et seq.
  3. ^ (EN) John Thornton, The Kingdom of Kongo: Civil War and Transition, 1641-1718 (Madison: University of Wisconsin Press, 1983)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005
  • Template:Autore, Congo e Angola con la storia dell'antica missione dei Cappuccini (3 vols, Venice, 1982-83)
  • (EN) Linda Heywood e John Thornton, Central Africans, Atlantic Creoles, and the Foundation of the Americas, 1585-1660 (Cambridge and New York: Cambridge University Press, 2007).
  • (EN) John Thornton, The Kingdom of Kongo: Civil War and Transition, 1641-1718 (Madison: University of Wisconsin Press, 1983)
  • (EN) John Thornton, The Kingdom of Kongo: The Development of an African Catholic Church in the Kingdom of Kongo, Journal of African History (1984)
  • (EN) John Thornton, The Kongolese Saint Anthony: Dona Beatriz Kimpa Vita and the Antonian Movement, 1684-1706 (Cambridge and New York: Cambridge University Press, 1998)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]