Chiesa cattolica in Africa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La chiesa cattolica in Africa è parte della Chiesa cattolica universale, sotto la guida del Papa e della Santa Sede.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe uno sviluppo molto intenso nei primi secoli del Cristianesimo nell'Africa settentrionale, sia con le comunità di lingua greca legate all'Egitto, in particolare al patriarcato di Alessandria, che con la chiesa latina legata a Cartagine. Nell'Africa orientale particolare rilievo ha la Chiesa cattolica etiope, fondata nel III secolo, mentre in tutta l'Africa è diffusa la chiesa cattolica di rito latino a seguito dell'attività missionaria degli ultimi secoli.

Stati[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli stati africani con il maggior numero di cattolici figurano la Guinea Equatoriale seguita da Capo Verde, Burundi, Lesotho, Congo, Angola, Ruanda e Uganda. Lo stato con il minor numero di cattolici in Africa è la Somalia.

Organizzazione e Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 la chiesa cattolica africana comprendeva:

La popolazione cattolica ammontava a 172.950.000 fedeli pari al 17,77 % della popolazione del continente. Inoltre, al 2010, la chiesa africana contava:

  • 11.092 parrocchie
  • 669 vescovi
  • 23.975 presbiteri diocesani
  • 11.636 presbiteri religiosi
  • 412 diaconi permanenti
  • 25.607 seminaristi maggiori
  • 50.162 seminaristi minori
  • 63.731 religiose
  • 807 membri di istituti secolari
  • 407.250 catechisti
  • 65.005 istituti scolastici
  • 15.454 istituti di beneficenza

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005