Chiesa cattolica in Sudan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Sudan
Emblem of the Holy See usual.svg
St. Matthew's Catholic Cathedral (Khartoum) 001.jpg
Anno 2009
Cattolici 4 milioni
Popolazione 44 milioni
Nunzio apostolico Hubertus Matheus Maria van Megen
Mappa delle diocesi cattoliche del Sudan

La Chiesa cattolica in Sudan è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'evangelizzazione di quello che oggi si chiama Sudan ha origini molto antiche: ebbe luogo a metà del VI secolo ad opera del clero monofisita e cattolico proveniente dall’Egitto e da Costantinopoli. Si sviluppò una chiesa nazionale, passata poi sotto il controllo del patriarcato copto di Alessandria. Con il crollo del regno di Nubia, tra il XIII secolo e XIV secolo il cristianesimo sparì completamente.

I primi tentativi di missionari cattolici nel Paese iniziarono verso la metà del XIX secolo, quando fu creato il vicariato apostolico dell’Africa Centrale, che però non ebbe grande successo, soprattutto perché i confini non erano chiari. Anche l’opera iniziata da Daniele Comboni non ebbe fortuna e finì con la sua morte nel 1881. La guerra Mahdista del 1881-1898 distrusse tutte le missioni cristiane.

Fu solo all'inizio del XX secolo che i missionari comboniani ripresero l’opera di evangelizzazione del Sudan.
I missionari hanno patito le stesse sofferenze del popolo, attanagliato da una guerra civile che si protrae da decenni e che ha le sue origini nel regime autoritario nato negli anni Sessanta.
Nel 1964 il governo sudanese decretò l'espulsione dei missionari stranieri. L'anno seguente cercò di costringere i cattolici a creare una Chiesa "patriottica" sul modello cinese. I responsabili cattolici rifiutarono e da allora la Chiesa cattolica subisce la persecuzione del governo centrale. Il seminario di Tore fu incendiato, molti luoghi di culto furono distrutti e alcune comunità vennero disperse[1].

Nel 1983 il governo ha introdotto la legge islamica (shari'a). Ciò ha innescato un conflitto tra il nord, arabofono e musulmano, e il sud, africano, cristiano e animista. Nonostante dichiarazioni pubbliche che la legge islamica non si applica ai cristiani, diversi cristiani sono stati puniti per non aver osservato il Ramadan o i precetti religiosi islamici[2]. I cristiani del sud lamentano la pressione del governo centrale volta all'islamizzazione della parte meridionale del paese. L'arcivescovo di Khartoum ha dichiarato nel 1991 che diversi centri di preghiera sono stati fatti chiudere, con il divieto ai cristiani di riunirsi per pregare[3].

Nel 1993 la Chiesa sudanese ha ricevuto la visita pastorale di papa Giovanni Paolo II.

Il 9 luglio 2011 il Sud Sudan diventa indipendente.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1974 fu creata in Sudan la gerarchia cattolica, con l’erezione di sette diocesi.

Nel 2011 la Chiesa cattolica è presente sul territorio con una sede metropolia e una diocesi suffraganea:

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del 2004 la Chiesa cattolica in Sudan contava:

  • 183 parrocchie;
  • 347 preti;
  • 310 suore religiose;
  • 707 istituti scolastici;
  • 118 istituti di beneficenza.

La popolazione cattolica ammontava a 4.179.937 cristiani, pari al 9,65% della popolazione.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

Il Papa è stato rappresentato in Sudan fino al 1969 dalla delegazione apostolica dell'Africa Orientale, istituita il 3 maggio 1960 con il breve Eo intendentes di papa Giovanni XXIII. Essa aveva giurisdizione sui seguenti Paesi africani: Sudan, Kenya, Zanzibar, Tanganika, Uganda, Rhodesia Settentrionale, Nyassaland, Somalia francese e Seychelles. Sede del delegato apostolico era la città di Mombasa in Kenya.

Il 3 luglio 1969, con la bolla Sollicitudo omnium di papa Paolo VI, fu eretta la delegazione apostolica della Regione del Mar Rosso con residenza a Khartoum e con giurisdizione sul Sudan, la Somalia, Gibuti e la parte meridionale della penisola arabica. Nel 1972 il governo sudanese stabilì un'ambasciata presso la Santa Sede e nello stesso anno, il 29 aprile, fu istituita la nunziatura apostolica del Sudan con il breve Maiores Nostri dello stesso papa Paolo VI. Dal 1992 al 2004 i nunzi del Sudan erano al contempo delegati apostolici della Somalia; nel 2004 hanno assunto anche la carica di nunzi per l'Eritrea.

Delegato apostolico della Regione del Mar Rosso:

Elenco dei Nunzi apostolici in Sudan:

Conferenza episcopale[modifica | modifica sorgente]

La prima riunione degli Ordinari del Sudan si è svolta a Khartoum alla fine del 1929, in occasione della visita del Delegato apostolico per l'Africa Orientale, residente a Mombasa in Kenya, Arthur Hinsley. Negli anni cinquanta si sono svolte periodiche riunioni tra gli Ordinari sudanesi, finché nel dicembre 1974 fu istituita la gerarchia locale e nacque la Sudan Episcopal Conference , che nel 1976 prese il nome di Sudan Catholic Bishops' Conference (SCBC). La sua sede è a Khartum. Gli statuti sono stati approvati dalla Santa Sede nel 1989.

La SCBC è membro della Association of Member Episcopal Conferences in Eastern Africa (AMECEA) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Riccardi, Il secolo del martirio, Mondadori, 2009, pag. 224.
  2. ^ Andrea Riccardi, op. cit.', pag. 309.
  3. ^ Andrea Riccardi, op. cit., pag. 309.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]