Chiesa cattolica in Benin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Benin
Emblem of the Holy See usual.svg
Basilica of Ouidah.jpg
Anno 2010
Cattolici 2.898.323
Popolazione 8.512.834
Presbiteri 778
Religiosi 327
Religiose 1.183
Presidente della
Conferenza Episcopale
Antoine Ganyé
Nunzio apostolico Brian Udaigwe
Codice BN

La chiesa cattolica in Benin è parte della Chiesa cattolica, in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima presenza cattolica nel Paese è opera dei missionari portoghesi, che nel 1680 costruiscono una cappella a Ouidah. Ma un'opera di evangelizzazione vera e propria ha inizio solo con l'arrivo dei missionari della Società delle Missioni Africane nel 1860 e la fondazione delle missioni di Porto-Novo e Agou. Il 26 giugno 1883 viene eretta la prefettura apostolica del Dahomey. Nel 1928 è ordinato il primo sacerdote indigeno, e nel 1957 Bernardin Gantin diventa il primo vescovo beninois, creato poi cardinale nel 1977. Il 14 settembre 1955 con la bolla Dum tantis papa Pio XII crea la gerarchia cattolica nel Paese. Nel 1982 e nel 1993 la Chiesa cattolica riceve la visita di papa Giovanni Paolo II.

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa cattolica è presente sul territorio con due province ecclesiastiche, che comprendono le seguenti diocesi e arcidiocesi:

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa cattolica in Benin al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 8.512.834 persone contava 2.898.323 battezzati, corrispondenti al 34% del totale.[1]

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
2004 1.649.049 7.166.812 23,0 506 398 108 3.259 228 942 215
2010 2.898.323 8.512.834 34,0 778 643 135 3.725 327 1.183 323

Vi sono inoltre 778 preti e più di 1.500 uomini e donne appartenenti a ordini religiosi.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La nunziatura apostolica del Dahomey è stata istituita il 29 giugno 1971 con il breve Magnum semper di papa Paolo VI. Inizialmente la sede era nella città di Dakar in Senegal; fu poi trasferita ad Abidjan in forza del breve Quantum prosperitatis del medesimo papa Paolo VI del 1º maggio 1973. Nel 1975 ha assunto il nome di nunziatura del Benin. In seguito, la sede del nunzio è stata trasferita a Cotonou, capitale del Paese.

Nunzi apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

L'episcopato locale è riunito nella Conferenza Episcopale del Benin (Conférence Episcopale du Bénin, CEB).

La CEB è membro della Conférence Episcopale Régionale de l'Afrique de l'Ouest Francophone (CERAO) e del Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM).

Elenco dei presidenti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I dati statistici sono ricavati sommando i dati statistici delle singole diocesi, riportati dagli Annuari pontifici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida delle missioni cattoliche 2005, a cura della Congregatio pro gentium evangelizatione, Roma, Urbaniana University Press, 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]