Arcidiocesi di Khartoum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Khartoum
Archidioecesis Khartumensis
Chiesa latina
St. Matthew's Catholic Cathedral (Khartoum) 001.jpg
  Arcidiocesi di Khartoum.png
Diocesi suffraganee
El Obeid
Arcivescovo metropolita cardinale Gabriel Zubeir Wako
Ausiliari Daniel Adwok
Sacerdoti 84 di cui 47 secolari e 37 regolari
11.703 battezzati per sacerdote
Religiosi 54 uomini, 137 donne
Diaconi 2 permanenti
Abitanti 25.946.220
Battezzati 983.098 (3,8% del totale)
Superficie 981.000 km² in Sudan
Parrocchie 27
Erezione 3 aprile 1846
Rito romano
Indirizzo P.O. Box 49, Khartoum, Sudan
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Sudan

L'arcidiocesi di Khartoum (in latino: Archidioecesis Khartumensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2012 contava 983.098 battezzati su 25.946.220 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo cardinale Gabriel Zubeir Wako.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende il Sudan orientale, e precisamente i wilāyāt di Nilo Azzurro, Sennar, Nilo Bianco, Al-Jazira, Al-Qadarif, Khartum, Cassala, Mar Rosso, Nilo e Nord.

Sede arcivescovile è la capitale Khartum, dove si trova la cattedrale di San Matteo.

Il territorio è suddiviso in 27 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il vicariato apostolico dell'Africa centrale fu eretto il 3 aprile 1846, in territori precedentemente privi di circoscrizioni ecclesiastiche.

Il 27 ottobre 1880 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Nyanza (oggi arcidiocesi di Kampala).

Il 30 maggio 1913 cedette un'altra porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Bahr el-Ghazal (oggi diocesi di Wau) e contestualmente cambiò il proprio nome in vicariato apostolico di Khartoum.

Il 28 aprile 1914 cedette ancora una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Adamaua (oggi diocesi di Nkongsamba).

Il 10 gennaio 1933, il 28 aprile 1942, il 9 gennaio 1947 e il 10 maggio 1960 cedette ulteriori porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente della missione sui iuris di Kodok (oggi diocesi di Malakal), delle prefetture apostoliche di Niamey (oggi arcidiocesi) e Fort-Lamy (oggi arcidiocesi di N'Djamena) e del vicariato apostolico di El Obeid (oggi diocesi).

Il 12 dicembre 1974 è stato elevato al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Cum in Sudania di papa Paolo VI.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 25.946.220 persone contava 983.098 battezzati, corrispondenti al 3,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 3.300 5.900.000 0,1 40 40 82 57 109 6
1969 15.446 5.007.616 0,3 45 45 343 57 121 11
1980 73.400 8.030.000 0,9 53 2 51 1.384 1 62 131 15
1990 390.000 14.000.000 2,8 69 8 61 5.652 1 79 155 22
1999 907.420 19.696.404 4,6 123 53 70 7.377 4 107 152 29
2000 915.469 19.895.279 4,6 116 57 59 7.891 4 86 136 29
2001 923.518 20.293.184 4,6 114 60 54 8.101 4 83 153 29
2002 932.784 20.299.184 4,6 119 71 48 7.838 4 81 150 28
2003 939.466 21.113.029 4,4 117 67 50 8.029 4 79 142 28
2004 944.376 21.205.500 4,5 119 77 42 7.935 4 64 144 28
2006 954.660 22.062.201 4,3 114 68 46 8.374 4 76 152 28
20012 983.098 25.946.220 3,8 84 47 37 11.703 2 54 137 27

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi